Erotici Racconti

Tess e Giuliana - Femminilizzazione Forzata - Vol. II

Scritto da , il 2018-11-08, genere dominazione

Tess stava concludendo il contratto di un anno presso Miss Morgana e Mr. Martin non sapeva cosa fare di lei, mancavano solo due mesi alla scadenza. La fenomenale shemale era diventata una grossa fonte di guadagno, in alcuni mesi guadagnava più di lui, ovviamente poi bisognava detrarre quanto dovuto a Miss Morgana, ed era più della metà. Guadagnava comunque molto, tanto che lui stava meditando di mettere in produzione anche l’altra sua schiava shemale: Lucy. Ma Lucy lo adorava e non gli aveva mai dato motivo per punirla così duramente e poi, rimpiazzare Lucy sarebbe costato moltissimo. Infine, ritornando ad essere seri, Mr. Martin aveva affidato Tess a Miss Morgana per punirla e non per guadagnare.

Anni prima, Mr. Martin aveva rapito Mark, un bel giovanotto e l’aveva trasformata in Tess. Per molto tempo Mr. Martin un famoso e ricco chirurgo si era goduto Tess che aveva subito una femminilizzazione forzata cercando dapprima di ribellarsi alla sua sorte e poi rassegnandosi ed infine accettando con piacere la sua nuova condizione.
Tess era bellissima, bruna, alta, giunonica, ma allo stesso tempo fragile ed indifesa, aveva un seno immenso ed era tutta burro e crema.
Tess era diventata la schiava di Mr. Martin, ma era una schiava privilegiata, servita e riverita, viveva nel lusso e tutto quello che doveva fare era mantenersi bella e desiderabile. Il suo unico scopo nella vita era quello di piacere e compiacere Mr. Martin e, a volte, le sue due amiche Mistress, che, con il dottore, vivevano in un lussuoso buon ritiro chiamato Il Promontorio, in ville fenomenali affacciate sull’oceano ed immerse in un immenso parco.
Mr. Martin era sempre vestito in modo elegante e spesso formale, emanava potere e fascino. Non molto alto, ma robusto, con spalle larghe e il viso squadrato, occhi celesti e capelli sale e pepe, duro e determinato. Tess ne era succube e di fronte a lui si era sentita sempre sottomessa e fragile. Lui l’aveva plasmata come l’aveva desiderata fino a farla sentire femmina.
Purtroppo, Tess era diventata talmente femmina che era arrivata ad innamorarsi di un maschio. Era stata conquistata dall’autista di Mr. Martin, Mr. Smith, e di lui si era invaghita perdutamente. Mr. Martin aveva scoperto la tresca, aveva allontanato Mr. Smith ed aveva punito Tess.
Tutto sommato Tess l’aveva scampata, ma la shemale non era rinsavita e, qualche mese dopo, era scappata di nuovo, sempre con Mr. Smith. Mr. Martin l’aveva ripresa e questa volta non l’aveva perdonata. L’aveva mandata in un bordello. Il bordello di Mistress Morgana, dove Tess era stata usata e degradata oltre ogni limite. Tess era ancora giovanissima e nonostante le prove subite sempre bellissima. In quell’anno era comunque cambiata, rassegnata ad essere una schiava, sempre più sottomessa, alla mercé di chiunque, non aveva più dignità e nessuna autonomia. Ubbidiva. Non aveva più grilli per la testa, si era convinta che era nata per servire e soddisfare maschi e donne dominanti.
Ora l’anno di concessione a Mistress Morgana stava per scadere e Mr. Martin si trovava ad affrontare questo nuovo problema. Cosa farne della bellissima Tess?

Mr. Martin non era un ruffiano, ma ora le cose andavano riconsiderate. I consigli delle sue due amiche Mistress o della sua schiava o di Nicolette, la sua governante, non gli erano di grande aiuto. C’era chi, le due amiche Mistress, gli consigliavano di rinnovare il contratto con Miss Morgana, chi, come Nicolette, di farla rientrare a casa, sicura che la lezione era servita e Tess non avrebbe sbagliato più, chi di far diventare Tess una puttana di lusso che lavorava su appuntamento, come consigliava la sua bella schiava Isabelle. Padrone, gli aveva detto, ci penserò io a prenderle gli appuntamenti ed a farla rigare diritto, lei non si dovrà preoccupare di niente. Mr. Martin stava considerando anche questa possibilità.

Poi arrivò Miss Pamela. Una bionda matura sulla quarantina, pelle vellutata e levigata frutto di innumerevoli massaggi e costosissime creme, gli occhi grigi, le cosce lunghe, tette piccole, ma sode, e un culetto delizioso. Un portamento altero ed altezzoso. Carattere, bellezza ed eleganza, Miss Pamela era tutto questo e soprattutto conosceva il sesso come poche.
Miss Pamela, anche se stava dalla parte opposta degli States, aveva sentito parlare di Tess e ne era rimasta incuriosita. Approfittò di un viaggio che doveva fare a New York per trovare il suo datore di lavoro e Padrone e decise di andare a vederla. Ne rimase piacevolmente colpita. Era splendida e la prese per una notte. Miss Morgana si rese vagamente conto di avere davanti una trans che chiedeva i favori di un’altra trans, ma non si rese conto di cosa realmente voleva Miss Pamela. Lei pensava ancora che Mr. Martin le avrebbe concesso Tess per almeno un altro anno, ma si sbagliava. Quella trans aveva ottimi argomenti per convincere Mr. Martin, come tuti se ne resero conto poco tempo dopo.
Anche Tess si rese conto che chi se l’era accaparrata per quella notte era una trans solo quando l’avvicinò, ma non se ne preoccupò, non era la prima volta e non sarebbe stata l’ultima. Molte trans potevano essere scambiate per donne per lungo tempo, lei compresa.
Pamela vide che Tess non portava nessun costrittore sul suo piccolo clitoride.
- Guai a te se quel cosetto diventa duro e soprattutto se emette qualche spruzzo. –
- Signora, è già molto tempo che non rizza più. Al massimo si inturgidisce e ormai non spruzzo più, come vogliono Miss Morgana ed il mio Padrone, ormai io emetto umori e colo come una femmina. –
- Bene mi piacciono le trans passive, di attive basto io. Ora vieni qui e leccalo, vedi come è bello duro. –
- Subito Signora. –
Pamela rifletteva, la devo proprio avere pensava, è bellissima, passiva e sottomessa, ne ho già di molto belle, ma nel mio bordello questa diventerà una star. La star delle star.
Per il resto, quella notte non successe niente di particolare. Pamela si comportò come qualsiasi altro cliente, sicuramente più esperta ed esigente della media, ma niente di più.

Il giorno dopo Pamela chiese un appuntamento a Mr. Martin e l’ottenne, diceva che aveva una proposta molto vantaggiosa, ma che non era il caso di parlarne al telefono.
Anche Mr. Martin si rese conto di avere davanti una trans solo quando lei si accomodò nella poltroncina del suo ufficio.
Pamela era bella, elegante e fine, aveva la voce roca, come una fumatrice. Era bionda, snella e affascinante. La sua proposta era simile a quella di Miss Morgana, 60% a lei e 40% a lui, dopo le tasse precisò Pamela, ma prometteva un rendimento di Tess molto maggiore. Lei diceva che era proprietaria di un bordello di lusso, non di un localaccio in cui poteva entrare chiunque. Il suo era un luxury resort, in cui i clienti venivano a riposare, rilassarsi e scopare. Si trattava ovviamente di una clientela che amava un certo tipo di sesso, ma si trattava di clienti molto ricchi, disposti a pagare centinaia di dollari per trascorrere qualche ora con Tess. In più Tess, nel suo albergo, avrebbe ricevuto mance per decine di migliaia di dollari l’anno. Soldi che essendo Tess una schiava sarebbero finiti in tasca al suo Padrone. Ma non solo. Pamela propose a Mr. Martin di trasformare un altro ragazzo molto promettente.
- Una cosa come ha fatto con Tess – disse Pamela.
- Vuol dire una trasformazione forzata! –
- Sì, per questo verrà pagato a parte. Faccia un buon lavoro ed il mio socio, che sarà il Padrone di questa nuova creatura sarà molto generoso. –
- Chi è? – chiese Mr. Martin.
- A suo tempo – rispose Pamela, - quando le portiamo il soggetto? Deve essere pronta con Tess, ho intenzione di portarle dall’altra parte degli States con lo stesso viaggio, in furgone. –
- Allora non c’è molto tempo – disse Mr. Martin. – Lo devo mettere sotto i ferri al massimo la settimana prossima. Dovrà stare con me diverse settimane se si vuole fare una cosa per bene. Ho le persone adatte per il primo addestramento, le stesse che si sono prese cura di Tess. Costerà molto. –
- Non si preoccupi del costo. – Raggiunsero un pieno accordo in breve tempo.

Mr. Martin all’inizio era rimasto perplesso, poi capitolò. Le mise una mano sul ginocchio e quello che seguì servì a coronare l’accordo. Pamela ci sapeva fare e non era solo attiva, capiva, come in quel caso, quando doveva essere passiva e sottomessa. Mr. Martin apprezzò, il feeling era perfetto.



https://novelleerotiche.jimdofree.com/

Koss99@hotmail.it
https://www.kobo.com/it/it/search?Query=koss
https://www.amazon.it/Koss/e/B06WVH29MD

Questo racconto di è stato letto 1 7 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.