Il marito della mia migliore amica 3

Scritto da , il 2018-02-27, genere tradimenti

Salve a tutti, in questo periodo di assenza, dopo un periodo, breve, di tentennamenti da parte di mia, i rapporti di sesso con il marito della mia amica sono andati avanti, e devo dire che ogni volta è sempre più bello, siamo diventati e, ne siamo consapevoli, il giocattolo erotico l'uno dell'altro, ovvio che essendo lui sposato, è lui stesso a dettare i tempi del gioco, ed io glielo faccio fare tranquillamente, sicura che tanto più di un giorno senza avermi, non sa stare.
Lui è stato chiaro con me, mi desidera sessualmente come non ha mai desiderato nessun'altra, ma il rapporto non potrà mai andare oltre, all'inizio questa cosa mi ha un pò toccato, poi ho capito che ciò che interessa a me, è continuare a godere insieme a lui, lui che riesce a toccare corde che mi mandano letteralmente in estasi, e soprattutto far si che colei che fino a poco tempo fa consideravo una sorella, non si accorga mai di nulla.
Detto questo, voglio farvi partecipi di uno dei tanti incontri avuti con lui, forse il più rischioso, rischio che probabilmente non correremo mai più, ma che in quel frangente, ha fatti si che il livello del piacere sia arrivato a toccare punte forse mai toccate, quasi da equiparare alla prima volta che si prese la verginità del mio culetto.
Nell'ultimo periodo, un pò perchè mi chiamava sua moglie, un pò per mia volontà, sono stata spesse volte a casa sua, e devo dire che, mentre all'inizio della nostra storia questa cosa mi imbarazzava, ora mi stuzzica e mi fa eccitare moltissimo, ci da lo spunto per i nostri incontri.
MA la cosa assurda l'abbiamo fatta la settimana scorsa, quando mi chiama la mia amica dicendomi se potevo fargli compagnia in un giro che doveva fare, accetto e come succede spesso, mi reco a casa sua in anticipo, lei mi dice che deve farsi una doccia prima di andare, ma nemmeno il tempo di entrare in bagno, che sento aprire la porta di casa, è lui, mi vede subito, gli faccio segno che lei è a docciarsi, lui come se nulla fosse va in bagno e la saluta poi torna in sala da me, mi prende e mi bacia senza dirmi nulla, mi stacco e gli dico che è un pazzo, che potrebbe uscire, replica dicendomi che doveva ancora entrare in doccia, e che, conoscendola, ne avrà per un pò, gli mordo un labbro già eccitata come non mai, mentre gli tocco la patta dei pantaloni gli dico che è un pazzo ma che io sono più pazza di lui, cosi mi inginocchio, gli tiro fuori il pisello e lo prendo in bocca, comincio a succhiarglielo, sento il sapore, quell'odore che mi ha stregata, e lui è già in trans, ma avendo poco tempo, mi alza,mi gira di schiena ed in un attimo ho le mutandine e i fuseaux abbassati, ora sono a culo di fuori, lui ama le mie natiche magroline, ed infatti me le palpa con foga, poi me le bacia e schiaffeggia, sono già completamente sua, io cosi piccolina, e lui, uomo maturo, con un fisico da paura, stiamo per farlo a casa sua con sua moglie in doccia, mi sbatte contro il muro e sento il suo pisello toccarmi le natiche, poi lo struscia dentro, lo voglio, vorrei urlare ma non posso, poi lo sento insinuarsi sulle grandi labbra, sono bagnatissima, in un attimo è dentro e cominicia a scoparmi con foga, vi giuro che facevo davvero fatica a star zitta, in quel momento avrei voluto gridare a lei che mi stavo scopando suo marito, perche lui ama il mio culo, la mia freschezza...poi lo toglie, mi bagna il buchetto posteriore e me lo infila, lo sto prendendo nel culetto a casa sua...mi cavalca per un pò, io sono già venuta, sento il rumore delle sue palle sbattermi sulle chiappe, mi sussura all'orecchio " io non ti lascio più andar via She, ma che cazzo mi hai fatto"...ad un certo punto lo sento pulsare ed aumentare il ritmo, ed in un attimo arrivano i fiotti caldi del suo seme, mi riempie il culo, cosi tanto che comincia ad uscirmi e a colarmi tra le gambe, lo sfila mi prende per la testa e me lo fa pulire, dopodiché mi asciugo in fretta alla meno peggio e tiro su il tutto, sensazione di disagio ed eccitazione nel sentirmi lo sperma tra le natiche, siamo entrambi frastornati, mi gira la testa, devo riprendermi in fretta, prima che torni lei, lui va in camera...dopo dieci minuti arriva lei, praticamente insieme a lui, la mia amica si rivolge a lui dicendogli che avrebbe potuto farmi compagnia nel frattempo, pazzesco, lui replica dicendo che era rimansto con me cinque minuti poi doveva fare una telefonata...si...proprio cosi, peccato che fino a pochi minuti prima, lui era dentro di me, anzi, mi stava letteralmente inculando, scusate il vocabolo...non credo rischieremo più cosi tanto, perchè ci teniamo alla nostra storia, ma quel giorno è stato più forte di noi, ed ogni volta che ci penso mi eccito...

Questo racconto di è stato letto 6 3 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.