Erotici Racconti

Maledetto Call Center

Scritto da , il 2017-12-06, genere tradimenti

Tutto inizió durante il mio impiego in una agenzia di telecomunicazioni. fu la prima che vidi quando misi piede in quell'ufficio... Piccolina, capelli rossi, viso curato, occhiali da vista con montatura molto grande, e uno sguardo che attirò subito la mia attenzione, e dopo poco le mie fantasie. Mai pensato che potesse essere impegnata, ma nemmeno che sarei riuscito ad andarci a letto, dato che dopo poche settimane divenne un'ossessione, ma davvero non avrei mai creduto che sarei riuscito a "conquistarla"... A maggior ragione quando seppi che era sposata e con una figlia, io 26 anni, lei 33. Dopo qualche cena coi colleghi la riaccompagnai a casa, e i suoi sguardi cominciarono ad essere sempre più interessanti e interessati, fin quando una di quelle sere ci cominciammo a baciare, da lì 4 mesi di scappatelle e sesso splendido! Ma la volta più bella fu una notte di luglio, andammo in un hotel fuori città, e non sto qui a spiegarvi la voglia che ci prese già da quando ci avviammo in macchina... Arriviamo in camera e in nemmeno 10 secondi siamo completamenti spogliati, e lei comincia a succhiarmelo come mai prima! Sentivo la sua lingua dalla cappella fino alle palle, le arrivava fino alla gola era una vera e propria maestra. Dopo un quarto d'ora tocca a me, lei stesa sul letto, vado per leccarla tutta, ed era completamente bagnata fradicia, lo facciamo in tutti i modi, a un certo punto presi dalla passione la prendo in braccio e la porto su un tavolino che c'era in stanza... Con lo specchio alle spalle, cominciamo a farlo, sentivo il mio cazzo dentro la sia figa bagnatissima, e la vedevo godere, e più la sentivo urlare più la sbattevo, urlava e mi chiedeva di chiamarla st*onza! Ma il momento più bello è stato quando le ho chiesto di rimettersi i tacchi, poi si è girata a 90 e sentivo il rumore delle mie palle che sbatteva no sulla sua fica super bagnata, lei continuava a urlare, mi implorava di smetterla, io ero super eccitato e le sono venuto dentro... Mi chiedeva di venirle dentro senza fermarmi mai! È stata l'esperienza più bella, come sempre andammo avanti per tutta la notte, anche dopo che lei ricevette la chiamata del marito per sapere dov'era. La rivorrei giorno e notte, furono 4 mesi folli, e stupendi.

Questo racconto di è stato letto 4 0 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.