Mamma si confessa 2

Scritto da , il 2017-08-22, genere incesti

 Il giorno dopo mi svegliai, ero naturalmente molto elettrizzato da tutto ciò che era successo, ma da li a poco il mio entusiasmo si trasformò in infinite domande per il comportamento di mamma, mi aspettavo di trovarla con il mio stato d'animo , invece lei era completamente l'opposto, mi schivo' fin da subito, era fredda , distaccata me me accorsi fin da subito, non mi dava nemmeno l'occasione di stare un attimo da soli per farle magari delle domande.

Tutto questo non mi rendeva tranquillo, soprattutto il fatto di non poter aver delle spiegazioni, ma una mattina mentre eravamo in casa per prepararci per andare in spiaggia , approffitai immediatamente di un attimo che mio padre andò in bagno, e a voce bassa ma decisa le dissi

" posso avere almeno delle spiegazioni per il tuo comportamento?"

"Cazzo luca ma sei serio? Ma ti rendi conto oppure per te è sempre tutto semplice? Se forse non ti ricordi l'altra sera siamo stati insieme, mi sono fatta dare della troia da te, é due notti che non dormo, ti ho confessato che ho tradito tuo padre, mi sono comportata come una ragazzina e per di più l'ho fatto con te.. e tu mi chiedi cosa ho? Sei incredibile !!!"

La sua risposta fu secca, decisa, di una che si era pentita di tutto , che se fosse tornata indietro non avrebbe rifatto nulla, completamente il contrario di me che non solo avrei rifatto tutto ma sarei andato avanti volentieri..poi continuò..

"Ma la colpa é mia ché ho permesso tutto questo!! Non so davvero del mio comportamento non me lo so spiegare, continuo a chiedermelo ma non trovo una risposta, e che davvero in quel momento come se Non fossi piu io, non ragiono, prevale solo l'istinto e Non la ragione.."

Le sue parole a me fecero arrabbiare, perche continuava a darmi giustificazioni che io non volevo ..risposi secco..

"Ma devi pensare sempre a ciò che é giusto o sbagliato? Ma cazzo non puoi pensare una volta a vivere spensierata e fare ciò che ti rende felice? Anzi ti dirò sei cosi per come hai vissuto una vita intera!!Però pensala come vuoi affari tuoi.."

Me ne andai senza aspettare la sua risposta e senza aspettare mio padre per andare in spiaggia, la nostra fu una conversazione accesa anche se a voce molto bassa.

Me ne andai in spiaggia, tra mille domande in testa, e sopratutto volevo capire cosa aveva in testa mamma, e del suo comportamento, ma non riuscivo a trovare risposta, non riuscivo a capire perché passasse da un estremo all' altro.

Passò quel giorno tra domande e incetezze,che poi piano piano iniziai a capire lo stato d'animo di mamma,che era del tutto comprensibile, ma ero io che non lo accettavo, che volevo solo la sua parte trasgressiva, che non pensavo lei avesse ma ora che l' avevo conosciuta non volevo farne a meno.

I giorni iniziarono a passare, e tra noi stava tornando un rapporto di" normalità" e io pian piano mi stavo quasi rassegnando, e anche i miei sguardi verso di lei , verso le sue forme cosi provocatorie di natura stavano scemando lentamente, ma evidentemente mamma se ne accorse, e forse da quelle attenzione , da quel mio modo di provocare , dai miei sguardi sul quel corpo da maiala, lei iniziava a sentire la mancanza, come se le desse fastidio che io mi fossi arreso, ora era il suo comportamento che iniziò a cambiare, e io me ne accorsi alla velocità della luce, a volte cercava quasi di farmi ingelosire e poi cercando subito il mio sguardo.

Cercava di attirare la mia attenzione sempre con più continuità, ma piu ci pensavo e piu non volevo cedere, tra poco le vacanze sarebbero finite, e tornado su alla fine si sarebbe tornati alla solita routine, solo che io a casa potevo essere per lei un appiglio , sopratutto l'unico appiglio visto la situazione per poter uscire un po da quella che era ormai la sua vita nomale.

Non era facile, ma non cedevo, ma un mezzogiorno in spiaggia quando arrivò l'ora di andare a fare la spesa mamma mi sorprese, era tutta mattina che diceva di aver lasciato a casa il telefono cosi disse.

"Dai luca portami a casa un salto che prendo il telefono e poi ci fermiamo noi a fare la spesa"

Rimasi sorpreso , ma naturalmente  non potevo sottrarmi e pensai che mamma lo avesse fatto apposta.

Mi avviai per andare prima a casa, e poi al ritorno ci saremmo fermati per la spesa.

Aspettavo che fosse lei la prima a parlare dopo alcuni giorni di distacco pensavo me lo dovesse..

"Cosa fai mi eviti tutta la vita adesso?"

"No mamma , l'altra mattina mi hai spiegato come erano le cose ed io ho agito come mi hai chiesto"

"Si ho capito luca ma completamente ad evitarmi mi sembra un po eccessivo, pensa che anche tuo padre se ne é accorto e mi ha chiesto se abbiamo litigato, figurati te"

" e tu cosa gli hai detto?"

" di no naturalmente, gli ho detto che ogni tanto hai le tue lune.."

" mi spiace ma magari per un po mamma sarà cosi, il tempo che mi passa un po' tutto, come tu mi hai detto che in certe circostanze non sai fermati, bhe mi spiace ma vale anche per me"

" luca scusa ma non ti seguo"

" perché se torno come prima , mi viene voglia di dirti,  di fare e di creare ancora certe situazioni, visto che non vuoi, lasciami il tempo che mi passa, poi magari una volta finita la vacanza finisce anche questa specie di desiderio"

" per favore luca non farmi pensare a quando finiranno "

Il nostro discorso in macchina finì li, entrammo veloci un salto a casa, mamma era davanti a me sulle scale e mi acorsi solo in quel momemto che mamma non aveva messo nessun copricostume , ma solo un pareo trasparente, ed entrati in casa le feci notare subito la cosa..

" Poi vedi come fai mamma?"

" che c' é luca?"

"Mi dici quale uomo sulla terra non ti guarderebbe il culo oggi?"

Si mise a ridere e in maniera sarcastica mi disse..

" e sai oggi sono un po' sbadata"

" bhe devo dire che quando sei sbadata a me non dispiace affatto"

"Dai stupido andiamo a far la spesa se no si fa tardi"

" e non metti nulla mamma?"

" luca il copricostume ce l'ho in spiaggia, poi dai che sei il solito esagerato ho sotto un costume normale mica il perizoma o il costume alla brasiliana, ma non è che sei geloso davvero?"

Mi sembrava l'ennesima provocazione, ma questa volta volevo ricambiare e non far finta di nulla, mi avvicinai alle sue spalle, non la toccavo ma i nostri corpi si sfiorvano..e con voce bassa che ormai mamma conosceva..

" il problema mamma è che non sono geloso per nulla anzi tutt'altro, e sai una cosa, aspetto che mi racconti dell' amico di giò, mica mi sono dimenticato,anzi ti dico la verita ci penso tutte le sere,il resto puoi anche immaginarlo di cosa faccio mentre ci penso mamma, perché non te lo metti un perizoma e andiamo a fare la spesa e ti faccio vedere che non sono geloso?Che ne dici?"

" ma luca? Menomale che te la facevi passare.."

" e mamma ma sei cosi incredibile... è colpa tua.."

" pure colpa mia? Dai andiamo va .."

" e non lo metti il perizoma?"

" ma sei cretino? A parte che non ce l' ho poi non lo farei mai"

" neanche alla brasiliana hai"

Non disse nulla per qualche secondo e per me fu' gia una risposta..

" dai fammi vedere come ti sta"

" no luca me l hanno regalato in realtà, ma non lo metto dai mi sta malissimo.."

" chi te l' ha detto mamma?"

" lo dico io luca , non l' ho mai messo dai e da ragazza o chi ha un fisico che può permetterselo"

Nel frattempo mamma andò a prenderlo in camera da letto, lo aprì e disse.

" ti pare che posso mettermi una cosa del genere"

"Dai mamma fammi solo vedere come ti sta ti prego, se no mi racconti dell'amico di giò"

" assolutamente no!! "

"Allora dai fammi contento una volta voglio solo vedere come ti sta, poi sinceramente per me hai un fisico perfetto per quel costume e non mi sembra mica volgare ma elegante piuttosto"

" see elegante , dai dammi qua ma poi andiamo testardo!!

Mamma andò in camera per cambiare costume , io ero seduto aspettando che uscisse..

Quando usci dalla stanza lo fece un po lemtameme..

" dai mamma girati fammi vedere"

Mamma si girò, e disse..

" luca la verità "

Guardai il suo culo pieno , morbido ma non grosso , era uno spettacolo , con un movimento le feci capire di girarsi,lei si voltò lentamente metre io ero ancora seduto sulla sedia, avevo lo sguardo fisso sulle tette, poi cercai il suo sguardo...

" lo vuoi sapere davvero mamma?"

" si luca"

Mi tirai giu il bordino del costume , avevo il cazzo completamente in tiro, ero eccitato al massimo..

" ecco mamma,cosa penso di come ti sta quel costume.."

Intanto me lo segavo molto molto lentamente..

Mamma con voce decisamente strozzata si limitò a dire..

" ma luca che fai?"

"Mamma dovresti essere orgogliosa di essere cosi, hai 50 anni , ed haiun corpo che fa impazzire chiunque, e ti dirò di piu...dovresti mettere ancora piu spesso e ancora di piu in risalto il tuo corpo, e sinceramente penso che avresti la fila dietro.."

Mentre parlavo i nostri sguardi non si staccavano mai, e io continuavo a segarmi..

" mamma non pensare sempre a quello che sia giusto o sbagliato, pensa che non sei mai stata contenta sessualmente nella tua vita, non pensare sempre al giudizio degli altri, e se fai qualche peccato ma sei felice chissene frega.."

Mamma mi giardo con serenità mi disse..

" luca per favore ti puoi ricomporre e andiamo perché se no facciamo tardi.."

" e mamma mi lasci cosi?"

Si allontanò e il suo  tono di voce torno normale..

" io non ti ho fatto nulla hai fatto tutto tu"

Andammo verso il supermercato, ma in strada mamma esclamò.

" no luca cazzo il costume"

"Cosa mamma"

"Come cosa? Non me lo sono cambiato!! Ho su ancora questo!"

"E vabbè mamma dai ti sta bene"

Mi mise a ridere..

"No luca portami indietro, devo cambiarlo"

" oh ma quanti problemi mamma dai.."

Lei era davvero seria..

" no luca non fare lo stupido dai non posso tornare in spiaggia cosi, c' è anche tuo padre dai , non scherziamo.. quello che vuoi ma portami indietro.."

Mamma quasi mi supplicava..

" quello che volgio davvero?"

" no luca davvero non sto scherzando, portami a cambiarlo"

" va bene mamma, facciamo la spesa e ti porto, però mi prometti che dopo mi dici di giò e il suo amico?"

" si rompi balle ma prima mi porti"

Entrammo nel minimarket a fare la spesa, e mentre prendavamo la roba guardai mamma che mi disse..

" che c' é luca?"

" non ti senti osservata mamma"

" no luca perché?"

" perché io invece ho la netta impressione che in molti ti stanno guardando il culo.."

" ah si luca tu dici?la colpa è tua che mi hai fatto mettere questo costume"

" è un merito mamma non una colpa"

"Quindi dovrei anche ringraziarti?"

Non dissi nulla fino a quando tornammo in macchina..ma appena saliti fu lei a dirmi.

" il cassiere mi ha squadrata dalla testa ai piedi"

"Te l'ho detto mamma che ti avrebbero guardata tutti..tu non mi credi quando ti dico che ne faresti impazzire tanti.."

" eh scometto che a te non dispiace vero?posso sapere a cosa pensavi quando ti ho detto di giò e il suo amico?"

Quella domanda mi spiazzo' , era molto  diretta e secca, e mamma aveva sempre tentennanto nelle cose invece

in quella domanda non c'era nessun tentennamento e io non solo non me lo aspettavo ma rimasi devvero spiazzato..

" e mamma pensavo a ciò che mi hai detto tu, che sei stata anche con l' amico di giò"

"No luca voglio sapere cosa pensavi proprio! "

Ed io ridendo...

" che adesso vuoi tu i dettagli?"

E la risposta fu secca..

"Si luca voglio i dettagli"

Rimasi sbalordito, ma mamma aveva assunto una faccia da porca,e il mio cazzo se ne accorse subito, e lo sentivo duro dentro il costume, ma non sapevo se potevo essere diretto..cosi girai un po intorno alla domanda..

"E niente mamma, da come mi hai detto che sei stata a letto con tutti e due.."

" dimmi la verità luca, tanto ormai abbiamo pochi segreti..ti segavi mentre immaginavi che scopavo con loro?"

Eravamo ormai sotto casa..

" si mamma"

Mi guardò e scese dalla macchina, il suo sguardo non sciolse i dubbi di come aveva preso la mia risposta, la segui fino su in casa, si sedde sul divano e io mi misi al suo fiamco..

"E tu me l'hai chiesto mamma e io sono stato sincero"

" non sono stata a letto con tutti e due luca, lo scorso anno il giorno prima di partire sono stata tutto il giorno con loro, il pomeriggio abbiamo fatto un giro in centro, la sera mi hanno portato fuori a cena, ci hanno provato tutto il giorno, tra battutine e complimenti, ma ho sempre resistito, anche se ti dico che avrei voluto davvero lasciarmi andare, poi la notte mi hanno portata all'aeroporto, mi sono messa dietro con giò mentre il suo amico guidava,e gli ho fatto un pompino luca, poi senza che io dicessi nulla si sono fermati ad hanno fatto cambio,e appena si é messo dietro , non ho nemmeno provato a dire nulla, come se era mio dovere, gli ho slacciato i pantaloni e mi sono abbassata anche su du lui...ma non sono stata a letto con tutti e due.."

Presi la mano di mamma la portai con delicatezza sul mio costume..

"Dimmi la verità mamma ti sei pentita di non essere andata a fondo?"

Mi abbassai il costume ero completamente nudo, mamma mi fissava, entrambi eravamo troppo eccitati..

"Si luca mi sono pentita, era l' ultimo giorno e potevo lasciarmi andare del tutto.."

" mmmmmm ohhh mamma quanto muovi bene quella mano..."

" e tu luca ti ecciti se al supermercato mi guardano il culo?"

"Mmmmmmm ohhh si che mi eccito..ti prego continua"

" mmmm luca.. e ti ecciti se ti dico che ho fatto due pompini nella stessa sera?"

" mmmm Dio mamma mi stai facendo morire..lo senti quanto me lo fai diventare duro..mmmmmm ohhhh siiiiii"

" e ti ecciti al solo pensiero che tua mamma scopa con due uomini?"

" unmmm  mmmmmmm ohhhhhh mamma...dai ti prego prendilo in bocca anche a me..."

Mamma si abbasso..

" vedi luca cosi ho fatto a loro, come sto facendo a te.."

" mmmmmm ohhhh mamma sei fantastica, hai un bocca da pompinara.....mmmmmmm ohhhhhh"

"Mmm luca é la stessa cosa che dicevano anche loro..."

Mamma alzò la testa...e tornò sulla mano sul cazzo,sospirava piena di eccitazione...

" ohhhhh luca, amore..."

Mi alzai, mi inginocchiai davanti a mamma che era seduta di fronte sul divano,le tolsi il costume, prima il reggiseno poi le mutandine, le allargai le gambe..

" oohho mmmmmm luca,ohhhhh siiiii"

" ti piace mamma farti leccare la figa...mmmmmm"

" sei fantastico...mmmmmm ma dove eri fino adesso...andiamo sul letto dai..."

Andammo sul letto..

Mamma mi fece sdraiare.e mise il mio cazzo tra le sue tette...

" dimmi luca dici che in tanti vorrebbero fare quello che stai facendo tu adesso ?...mmmmm ohhhhh"

" ohhhhh mammma siiiii ...e te lo dimostrerò se vorrai...ohhhhhh mmmmm...ora girati voglio vedere quanto sei troia a pecora..."

Mamma si girò ed era uno spettacolo..gli strisciavo il cazzo sulla sua figa bagnata..

" dai amore dammelo mmmmm nn resisto più...ohhhhhhh scopami..."

" mmmmmm ti piace il cazzo mamma... promettimi che non finisce qui ti prego..mmmmm ohhhhh"

" lucaaa amore quello che vuoi ma scopami mi sento cosi troia..mmmmm oooooohhh siiii"

"Oh mamma ti piace scopare,dai dimmi quanto ti piace il cazzo?"

"Mmmmmmamore... vorrai dire i cazzi...ti piacerebbe se adesso ne avessi uno qui da spompinare....mmmmm ohhhhhh"

" mmmmmmmmmmm mammaaaa fosse per me anche due...sono sicuro che saresti brava comunque...mmmm che troia.."

" mmmmm luca sto continuando a venire solo all' idea...."

" mmmmmm mi fai sborrare mamma... "

Mamma si girò...

" vuoi venire in bocca luca...?mmmmmm"

" si dai apri la bocca mamma.ohhhhhhhh siiiiiii mmmmmmm ohhhhhhhhhhhhhhhhhh vengooooooo ahhhhh ahhhh"..

Ero come un fiume in piena... tutta la mia sborra finì sulla sua faccia, tette capelli...

"Ohhhh luca ... sei pazzesco...ma dobbiamo correre siamo in ritardo daiiii"

" dio mio mamma... sono esausto ma felice..."

" ah amore mi cambio il costume e andiamo..."


Ci mettemmo a ridere prima di correre verso la spiaggia....

Questo racconto di è stato letto 1 3 1 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.