MILF, di tutto di più

Scritto da , il 2016-08-08, genere etero

Da qualche mese sul viale di casa mia, al mattino presto, incontro una donna sui quaranta, alta, gambe da paura, capelli cortissimi, sempre elegante e coi tacchi, accompagna una tipa a scuola. Ogni volta che torno a casa mi sparo una sega sul quel culetto da panico.
La voglio, penso, devo averla a tutti i costi.

Il giorno seguente le faccio la posta e non appena torna verso casa, le passo di fronte, la guardo, mi guarda, sorrido, ricambia il sorriso. E' stato meraviglioso, in quel momento ho visto aprirsi uno spiraglio. Nei giorni seguenti si continua, il sorriso diventa un saluto accennato, il saluto accennato diventa un buongiorno a piena voce con sorriso annesso, da entrambe le parti.

Aspetto l'occasione giusta, che puntualmente arriva, sia santificata la pioggia.

Come al solito la incontro sulla via di casa, piove, lei non ha l'ombrello, io si, la vedo che si sta bagnando tutta e le offro gentilmente il mio braccio, accetta, in due minuti sappiamo i rispettivi nomi, il suo è Claudia, la mia Dea. Da vicino noto che ha un colore di pelle ancora più chiaro di quanto avessi immaginato, ha delle lentiggini piccolissime su tutto il viso, questa cosa mi fa impazzire, per non parlare della bocca a cuoricino con il labbro superiore leggermente sporgente rispetto a quello inferiore e un filo di lucida labbra, splendida. Capelli rossi naturali. Pochissimo trucco, quasi niente, occhi verde con punte giallognole.

Parliamo di tutto, lei mi chiede cosa facessi da quelle parti, le rispondo, all'inizio tentennando poi come se fosse una battuta, che in realtà faccio questa strada solo per vedere una donna. Lei mi guarda e sorride, io la chiudo quà.

Mentre andiamo verso casa, la pioggia aumenta, lei si aggrappa con maggior forza al mio braccio ed io sono costretto a cingere i suoi fianchi con il mio braccio - per non perdere l'equilibrio. Lei pare gradire, sento peraltro il seno spingere sul braccio, mi viene un erezione da finale di coppa dei campioni, vorrei saltarle addosso, ma a fatica, con molta fatica cerco di essere lucido e soprattutto di non dire cazzate, nella mia testa c'è di tutto ora, sono indeciso su come procedere.

Alla fine vado sul sicuro e le chiedo se posso offrirle un caffè, lei però risponde sorridendo "sono fradicia", ma casa mia è a due passi, ce lo facciamo da me un caffè. Oh cazzo penso, ma al contempo inizio ad agitarmi, capita no? Mica siamo macchine perfette, e poi lei era davvero pazzesca.

Saliamo in casa, si assenta per cambiarsi, torna più o meno vestita come prima, questa volta solo con camicetta - non trasparente, ma senza reggiseno - e gonna con tacco. Andiamo in cucina e lei inizia a preparare il caffè, è di spalle. Io mi avvicino - facendomi sentire - mi posiziono alla sua sinistra, di lato, metto la mia mano sinistra sulla sua mano sinistra e le dico - lei resta in attesa - Claudia comunque prima non scherzavo, io davvero faccio tutti i giorni quella strada solo per vederti.

Trascorre un interminabile secondo, si gira verso di me, mi guarda negli occhi poi stringe e accarezza la mia mano. Wow, ora la mia mano destra le cinge il fianco/schiena, ci baciamo, un bacio profondo, lungo, sono eccitato che quasi mi piego in due.

Ora siamo abbracciati, uno di fronte all'altra, le mani sui fianchi, ora sul culo, la stringo a me, voglio che senta il mio cazzo duro, lo sente e si struscia. Andiamo avanti così per un pò.

Le tolgo la camicetta, lei toglie la mia, ci baciamo, ci tocchiamo, le tolgo il reggiseno, ci stringiamo, entrambi abbiamo bisogno di sentire il caldo dei rispettivi corpi. Le sue tette, oh mio Dio, capezzoli duri come sassi, li bacio con forza prima uno poi l'altro, li strizzo. Lei ha cambiato colore ed espressione, è eccitata come e quanto me.

Siamo sempre in cucina, le tolgo la gonna, lei toglie i miei pantaloni e mi tocca il cazzo più e più volte a mano aperta, per tutta la sua lunghezza, poi anche le palle - le scarpe da ginnastica nel frattempo le ho fatte volare. Odio restare con i calzini.

Siamo entrambi in mutande - le ho chiesto di restare coi tacchi, mi ha accontentato -, ci baciamo alla grande, mi tolgo le mutande, lei apprezza e toglie le sue, ci baciamo ancora, faccio in modo che il mio cazzo sia esattamente sopra la sua fica, e mentre la bacio faccio su e giù, ma senza penetrazione, una sorta di massaggio alle grandi labbra, sento la sua eccitazione, faccio fatica a non entrare, ma resisto, lei è bagnatissima, mi piace da morire, per cui vado dritto giù, tra le sue gambe, la bacio intorno, le bacio l'interno coscia poi la faccio girare, le bacio le natiche, il culo e vado giù, continuo per qualche tempo a massaggiare tra vagina e ano, lei apprezza e gode, dopodiché inizio il mio Cunnilinguus. Meraviglioso. La sua fica ha un sapore di pulito, la adoro. Dopo essermi assicurato il suo godimento, risalgo.

Lei è provata, sono in piedi dietro di lei, il mio cazzo è dritto tra le sue natiche, la sua fica intanto continua a gocciolare, mi protendo in avanti e la bacio, lei è in estasi, le metto una mano sulla schiena spingendo lievemente, lei capisce al volo e si sistema per una pecorina, la sua fica da dietro è uno spettacolo, sento che è ancora estremamente bagnata per cui entro dentro di lei d'impulso, in un sol colpo e per intero. La voglio tutta.


MILF do it better!

Questo racconto di è stato letto 7 9 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.