I mezzi pubblici

Scritto da , il 2016-05-03, genere prime esperienze

Il sole picchiava particolarmente in il quel mezzogiorno di Giugno, le strade erano deserte e io aspettavo il bus che mi avrebbe portata a quel colloquio di lavoro. Ero tremendamente in ritardo e non potevo rischiare di perdere questa occasione, da troppo tempo speravo di poter avere almeno una possibilità per quel posto. Volevo fare un'ottima figura quindi avevo scelto di indossare una camicia bianca con sopra una giacca blu con dei bottoni grossi sui polsi e una gonna dello stesso colore della giacca che arrivava fino al ginocchio, calze scure e scarpe blu con un buon tacco per slanciare le gambe. Anche l'aspetto in un colloquio ha la sua importanza
Finalmente il bus si fa vedere, è affollatissimo.. come sempre!
Mi dirigo verso il fondo dove sembra esserci un po' più di spazio, naturalmente di posti a sedere manco l'ombra e con i tacchi tutto il tragitto sarà un massacro.
L'odore in quel bus era molto forte, un misto tra sudore, frutta e sigarette appena spente, un continuo brusio di voci e lamentele riempiva tutto il mezzo, mi appoggio al sostegno e comincio a ripassare in mente il discorso per il colloquio.
Il mezzo parte.
Ad un tratto dietro di me sento un profumo intenso e un borsone della palestra cade accanto ai miei piedi, il proprietario dev'essere uscito appena adesso da una palestra e ha un profumo che mi inebria, ho voglia di guardarlo, ma sarei troppo spudorata.
Altra fermata, sale tantissima gente, il profumo si avvicina dietro di me, sento ad un tratto il corpo del ragazzo quasi attaccato al mio, sento il suo respiro sul mio collo, cerco di spostarmi, per lasciare spazio, ma lo spazio è finito e lui mi è praticamente addosso.
Ad ogni buca, frenata, curva o ripartenza i nostri corpi si toccano, poi la sua mano si appoggia delicatamente sul mio sedere, cerco di spostarmi e scostarlo, ma non riesco, la sua mano è persistente, comincia ad accarezzarmi sopra la gonna. Il tocco deciso parte dal fianco, scivola lungo la gamba e risale con il dorso della mano sul gluteo, quella carezza mi mette i brividi e una strana sensazione comincia a pervadermi.
Anche l'altra mano si poggia sul gluteo, ma a differenza dell'altro questa dapprima lo stringe con forza e poi con un dito descrive la curva tra i due glutei spingendo in maniera decisa quando arriva in fondo, facendomi sentire il dito tra le natiche.
Sposto le mani dell'uomo con decisione e cerco di spostarmi, ma alla prima curva il suo corpo si attacca a me e sento sul sedere un erezione dura che spinge prepotente, sfruttando le buche della strada comincia a strusciarsi su di me.
E' assurdo... ma mi piace, mi piace sentire quell'erezione e adesso ad ogni curva sono io che spingo. Spingo il mio sedere sulla sua erezione, ho voglia di sentirlo e lo immagino dentro di me... così duro e prepotente che mi riempie.
Il mio respiro comincia a crescere per l'eccitazione e mi sento bagnata... zuppa... sento che i miei umori cominciano a colarmi tra le cosce, avrei voglia di girarmi tirarglielo fuori e succhiarglielo, fargli sentire la mia lingua attorno la cappella e massaggiare il tronco con forza, farlo scivolare tra le labbra della mia bocca.. spingerlo fino alla gola per sentirmi soffocare di lui, ma attorno a noi c'è gente...non posso... non posso lasciarmi andare.
Il suo sesso gonfio è attaccato al mio sedere, poi sento una sua mano che s'infila sotto la gonna, discreta e furtiva raggiunge le labbra del mio sesso, Ho fatto bene a mettere le autoreggenti, al tocco di quelle dita mi sembra di impazzire...trattengo un mugolio e divarico un po' le gambe per fargli spazio, per farmi toccare meglio. Un dito affonda dentro di me e mi fa reclinare la testa all'indietro per il piacere, lo sento spingersi in fondo mi fa godere, poi quel dito scivola di nuovo fuori e lo ritrovo tra le labbra della mia bocca... il mio sapore, un po' salato, mi manda in estasi, spingo ancora di più il sedere contro la sua erezione e mi alzo sulle punte per sentirlo meglio, poi con una mano gli afferro il sesso sopra i jeans e comincio a massaggiarlo, sento che anche lui è eccitato e respira affannosamente. Voglio farlo godere, ho voglia di sentire il suo succo colarmi addosso.
Un vecchio accanto a noi guarda la scena, divertito, io lo guardo e gli lancio un sorriso malizioso, non riesco più a tenere a freno questa voglia. Le sue mani ad un tratto spostano il mio perizoma lasciando completamente le mie labbra succose scoperte sotto la gonna, con l'indice e l'anulare divaricano le divarica e il medio comincia a descrivere dei cerchiolini attorno al clitoride che mi mandano in estasi, trattengo in grido di piacere, abbasso la testa e cerco di rimanere ferma mentre le sue mani esperte mi fanno godere come mai ho goduto.
Sento quelle dita dentro di me , che mi scopano, a volte manca poco per godere, lui se ne accorge e ferma le sue dita, io lo maledico.. voglio venire, qui in un autobus, in mezzo a tutti.
Non resisto più e con una mano gli sbottono i jeans e mi attacco completamente a lui in maniera fa coprire il suo sesso che ormai si trova nella mia mano. E' grosso, nodoso, la cappella liscia bagnata, lo sento pulsare nella mia mano. Alzo un po' la gonna e lo faccio scivolare tra le mie gambe, vorrei mi penetrasse ma così è impossibile. Le labbra del mio sesso si aprono sopra il suo e comincio a struscarmi e ad ondeggiare con le cosce, come se lo masturbassi con la mia figa ormai zuppa. Lo sento, sento quei nodi che sfregano tra le mie labbra e sento che lui sta per godere...ondeggio con il bacino, avanti... dietro.. mi fa godere, voglio godere con lui. Prendo la sua mano e la guido ancora tra le mie cosce, lui mi penestra con due dita.. un dosso... una curva... tutto ondeggia.. tutto gira... poi sento il suo sesso pulsare e gonfiarsi e un fiotto caldo esplode dalla sua cappella. Lui trattiene un grido di piacere e io al contatto con il suo liquido caldo e denso che mi cola tra le cosce esplodo di piacere. Inarco la schiena e mi tappo la bocca con le mani. Godo...Godo da morire. Poi sento il suo sesso ammosciarsi tra le mie cosce e ritirarsi, io riprendo il controllo e mi rendo conto di quello che ho fatto.
La cosa mi provoca ancora eccitazione.
Sento che lui si avvicina e mi sussurra all'orecchio... "che servizio questo Bus, scriverò una lettera per complimentarmi con il oomune", poi si stacca da me e scende dal mezzo.
Mi giro intorno per capire dove sono, ho passato da un pezzo la mia fermata, guardo l'ora.... colloquio andato.
Discretamente rimetto a posto il perizoma ancora sporco del suo sperma caldo, il contatto con il liquido denso mi rimette i brividi, suono il campanello e prenoto la fermata e mi rendo conto di non averlo nemmeno visto in faccia.



Questo racconto di è stato letto 1 3 3 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.