Umiliata e amato

Scritto da , il 2022-09-17, genere dominazione

Umiliata e amato

Riproposta di un vecchio racconto

Arrivo puntuale come un orologio. Busso, sono un po’ nervoso. Ma non è la prima volta che faccio una cosa del genere.
Mi apre un ragazzo che mi fa illuminare gli occhi"Sei la ragazza dell'annuncio?" chiede lui stupito
"Sono io. Aspettavi qualcosa di diverso?"
"Io, no.. non mi aspettavo una ragazza così carina"
"Devo essere brutta per essere umiliata?"
"Ehm.. immagino di no" mi fa cenno di entrare. La casa è grande, illuminata da un enorme finestrone
Alla pareti carta da parati scura che quasi uccide la luce che entra dalla finestra. Il ragazzo è a piedi nudi e sembra voler fuggire dal raggio di luce che lo investe, come un vampiro fugge il sole
Entro, mi guardo in giro. Lui mi squadra e rimane in disparte. Mi guarda il culo stretto nei jeans. Mi guarda le tette che spingono nella camicetta.
"Come ho detto per telefono, sono a tua completa disposizione"
"Sei molto carina" arrossisce
"Quindi, mi hai chiamato per farmi apprezzamenti, oppure per essere la tua schiava d'umiliazione?"
"Ecco, per me è la prima volta e.."
"Vuoi che mi spogli?"
"Sì, voglio vederti nuda"
Incomincio a spogliarmi, lo faccio lentamente. Prima la giacchetta. Poi i bottoni della camicia, rivelando il mio reggiseno misura quattro color ruggine. Lui sgranagli occhi, il labbro che si contrae. Slaccio il bottone e la cerniera dei pantaloni, scalcio le scarpe, rimango con le mutandine in pizzo dello stesso colore. Slaccio il reggiseno e lascio che le tette mi rimbalzano libere. Lui mi sta divorando con gli occhi “Aspetta” mi ferma mentre sto per abbassarmi le mutandine. “Mettetiti a pecora” lui si allontana, non lo vedo ma sento che cerca qualcosa in un cassetto. Rimango ferma, lui si avvicina “Scusami” la frustata arriva secca sul culo. Non me lo aspettavo
“Non chiedermi scusa. Se vuoi, continua”
"Se ti faccio troppo male, fermami"
"Non sono io che devo dirtelo: sei tu che decidi"
"Ok, allora.." uno schiocco, una frustata. Continua per cinque volte. Il culo brucia, avrò dei sogni rossi a rigarmi la pelle. Penso sia fermato ma, poi, mi colpisce sulla schiena, sulle braccia, sulle gambe. Quello che mi serviva, un fustigatore.
Smette, torna da me e si acquatta, osservandomi. Ha l'espressione di un bambino imbronciato "Ti fa male?"
"Passerà. Sono qui per farmi umiliare, ricordi?"
"Sì, è che sto cercando di abituarmi"
"Andrai bene"
Sospira "Non ti frusterò sulle tette. Sono troppo belle"
"Allora cosa vuoi farmi?"
"Voglio.. Voglio che me lo tiri fuori"
Mi avvicino a lui, mi siedo sui talloni, gli slaccio i pantaloni e abbasso la cerniera. Sotto, vedo una grossa protuberanza bloccata dall’elastico delle mutande. Penso che Roger è un superdotato e..
Allargo l’elastico e lo estraggo. Come un pupazzo a molla, salta fuori un pene da venti centimetri
“Io.. Io voglio che me lo prendi in bocca”
Obbedisco e glielo afferro con delicatezza “Di più.. Fino in fondo” obbedisco. Si gonfia in bocca e mi sembra di soffocare “Voglio venirti in bocca”
Lo succhio per bene, lo stimolo, aspetto che venga in gola. Accade abbastanza in fretta ed io ingoio tutto, senza farne cadere una goccia. Lui mugugna “Brava cagna” mi dice “Ora in ginocchio”
Obbedisco e attendo la sua prossima mossa “E’ stato fantastico, lo sai? Quanti ne hai succhiati fino ad ora?”
“Parecchi”
“Voglio sapere il numero”
“Una decina”
“Allora sei brava” si tocca l’uccello ora floscio “Leccamelo ancora” mi chino su di lui, comincio a leccarglielo “Sì, sei brava” glielo lecco per dieci minuti. Poi lui mi dice di smettere. Si alza in piedi e comincia a spogliarsi. Rimane nudo di fronte a me “Alzati e Seguimi” .Obbedisco. Mi conduce in un angolo della stanza, troppo buio, dove troneggia un oggetto dal sapore medioevale “Voglio che ti metta lì. Sai cos’è?”
“Una gogna”
“Mettiti lì”Mi metto nella gogna. Poi lui abbassa l’altra estremità e chiude con una levetta. Lo sento dietro, il cazzo che mi penetra nel culo. Lui entra piano, dando modo di farmi sentire tutto il suo grosso cazzo. Poi, una volta presa confidenza, incomincia a stantuffarmi a più non posso. Esce dal mio culo, lo sento allontanarsi. Torno qualche minuto dopo “Penserai che sono strano”
“Non penso a nulla ora. Tu sei il mio boia, ora”
Afferra il suo bastone di carne e me lo sbatte in faccia “Ho queste perversioni e non so come controllarle” incomincia a segarsi davanti a me “Mio padre mi ha sempre detto che avevo qualcosa che non andava nel mio cervello” la sega diventa più frenetica “Non è colpa mia se..” emette un gemito. Il fiotto caldo di sperma mi colpisce la faccia. Chiudo gli o occhi, lascio che il liquido denso coli sulla bocca e sulla guancia. Lui avvicina l’uccello alla mia bocca e lascia che glielo lecchi “Sono malato?”
“No, padrone”
“Lo dici perché ora sei solo la mia schiava ma, una volta terminato il tempo per cui ti ho comprato, io sarò solo una nullità”
Finisco di leccarlo. “Ti stai denigrando troppo, padrone”
Lui sbuffa, prendere a girare avanti e indietro. Il cazzo molle ondeggia come la proboscide di un elefante “No, no, no” si mette a piangere. Ecco, ci voleva. Il dominatore alle prime armi che va in tilt. Non posso fare niente legata così alla gogna. Guardo l’orologio alla parete. Ancora cinque minuti e la mia fetta della schiava umiliata finisce. Ma, non so perché, non me la sento di abbandonare Roger nelle sue psico paturnie. E se poi degenera e finisce per farsi male? O farlo ad altri? Non è così che nascono i serial killer?
Rimango lì, alla gogna, ad aspettare che Roger la smetta di piangere. Lo osservo. Un ragazzo minuto, carnagione pallida, con un cazzo dotato. Forse la violenza non è una delle sue opzioni di sfogo. Forse ha bisogno di qualcos’altro.

L’orario della fase schiava umiliata finisce. Roger mi libera dalla gogna e mi allunga un rotolo da cento dollari “Scusa se ti ho fatto male”
“Era nel pacchetto” nascondo i soldi ma non mi rivesto.. “Se mi permetti, Roger, vorrei rimanere qui ancora un po’”
“L’orario è finito”
“Non come schiava ma, come amica” mi inginocchio davanti a lui “Credo dovresti sperimentare entrambe le situazioni. Non mi farò pagare”
“Lo faresti davvero?”
“Sì”
“E come potresti aiutarmi?”

Lo porto verso la sua camera da letto. Accendo un paio di lampade per dare l’idea di un’atmosfera soffusa. Entro in bagno e mi faccio una doccia veloce. Sono di nuovo da lui, ora completamente nuda. Lui osserva la mia fica contornata da un ciuffo bruno che sembra cotone.
Mi avvicino e lo spoglio. Incomincio ad accarezzarlo, lui mi lascia fare “Ora sono io il tuo schiavo?”
“No” lo bacio con delicatezza “Ora siamo alla pari” lo faccio sdraiare a letto e prendo a baciarlo su tutto il corpo. La sua erezione torna a farsi viva, prepotente, preme contro il mio ventre. Mi soffermo sul petto, sull’addome, scendo fino al suo grande pene. Lo bacio delicatamente sulla cappella, sento che sussulta. Poi risalgo lentamente e struscio con le tette facendo in modo che il suo uccello ci passi in mezzo.
Strascico il mio corpo fino a lui, vicino alla sua bocca “Sto per venire” mormora lui
“Cerca di trattenerti il più possibile” lo raccomando. Lo bacio, la sua lingua si insinua tra le mie labbra. Afferro il suo membro e mi ci impalo sopra. Lui urla di dolore e di piacere. Lo sento dentro tutto ed è un piacere immenso. Lui asseconda i miei movimenti, lo vedo rosso in faccia “Posso venire ora?”
“Sfogati” dico
E lui esplode dentro di me. Lascio che il suo sperma mi riempi la fica e lascio che il tutto si acquieti. Mi lascio cadere al suo fianco, i nostri sessi umidi e stillanti di sperma “Io..”
“Si” gli stringo forte la mano
“E’ stato un piacere intenso e meraviglioso”
“Se vuoi, posso farlo tutte le volte che vorrai”
“Puoi rimanere, se vuoi”
“Voglio”
“MA, se volessi fare ancora Schiava umiliata?”
“Facciamo così. Mi chiami per un’altra seduta schiava padrone. Fai quello che devi e poi, si fa come abbiamo fatto ora. Che ne dici?”
“Dico che sarebbe meraviglioso. Lo fai con tutti?”
“Ti dirò, negli ultimi tempi, il fatto di dover fare sesso con un uomo, mi ha sempre dato fastidio”
“E con me no?”
“Con te è stato come vedere un’anima affine”
“Sul serio? Anche a te vengono istinti nel far del male alle persone?”
“A volte. A volte mi sento il dovere di essere umiliata. Tu sei stato bravo ad umiliarmi”
“Posso migliorare”
“Hai tempo”
“Ho tempo” si gira verso di me, ci baciamo

End?

Questo racconto di è stato letto 1 9 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.