Henry Miller

Scritto da , il 2022-08-04, genere interviste

"Tutto quello che posso dire è che sono pazzo di te...amo la tua vivacità, i tuoi preparativi di fuga , le tue gambe come una morsa, il tuo calore fra le coscie...Sono troppo galante con te, voglio guardarti a lungo e con ardore...
...Tu mi instupidisci...
...Non so cosa aspettarmi da te , ma è qualcosa che ha del miracoloso. Intendo chiederti tutto , anche l'impossibile, perchè tu m'incoraggi a farlo.Sei davvero forte. Mi piace perfino il tuo inganno, il tuo tradimento. Mi sembra aristocratico...
...Voglio te. Voglio spogliarti , involgarirti un tantino...
...Voglio possederti , voglio insegnarti cose...
...Perchè non mi getto in ginocchio e non mi limito ad adorarti? ...Mi fa male essere qui da solo. Ho bisogno di te . Posso dirti qualsiasi cosa ? Posso si?
Vieni al più presto e scopami . Godi con me. Serrami fra le tue cosce, riscaldami."

Non sono uno scrittore. Ma lui si . Henry Miller lo era. E meglio di me può scrivere ciò che vorrei dire io .

Parole che con la loro magia conquistano al forza di attraversare tempo e spazio e raggiungeranno sempre Anais..dovunque sia . Qualsiasi cosa stia facendo senza di lui.


Questo racconto di è stato letto 3 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.