La moglie dell'amico 2

Scritto da , il 2022-05-20, genere etero

al sabato ci trovammo nel mio negozio entrammo e ricominciammo come niente fosse accaduto. ci baciammo e cominciai a leccarle la figa, al che mi disse che aspettava le mestruazioni e di stare attento. la feci godere e andammo a pranzare dalle parti di settimo milanese, finito il pranzo c'incamminammo verso casa ma venne un temporale pazzesco e dovetti trovare un riparo. coi vetri appannati cominciammo a baciarci e mentre lei mi faceva una sega io le abbassai le mutandine e incominciai a farle un ditalino,ma intanto gli erano venute le sue cose.lei non volle che continuassi e allora incominciai a leccarle il clitoride.la troia non voleva ma mi prese la testa e non la mollò fin tanto che inizio'a sborrare dandomi del porco,del maiale e un sacco di parolacce. non contento misi tre dita in figa e la feci sborrare come una cagna in calore, finita la passione mi lavai con l'acqua del temporale dal residuo delle sue cose e gli lavai la figa con acqua minerale che avevo in macchina. parlando mi disse che non aveva mai goduto con le sue cose e che era stata una cosa mai provata e io confermai che anche per me era la prima volta che facevo godere con le mestruazioni.Poi si meraviglio'delle parolacce che gli uscirono dalla bocca,ma gli erano venute dal cuore. questa è una parte che non c'entra con Sara. poi successe che in seguito di un litigio con mia suocera, che abitava con me i rapporti con mia moglie cominciarono a peggiorare fino alla divisione che chiese lei e io naturalmente gli accordai. però voglio raccontare un fatto su mia suocera Friulana alta 1,65 e grandi tette. quando mi conobbe mi prese a ben volere ma da subito m disse che avrebbe voluto abitare con noi che sarebbe stata utile perchè io e mia moglie lavoravamo e poi con fare ironico mi faceva notare che era ancora una bella donna e al caso magari poteva tornare utile in chissà cosa. Queste cose le diceva quando eravamo soli io e lei, un giorno ne parlai a suo marito,ma non di tutto e lui rispose di non preoccuparmi perche lei era gelosa che gli portassero via la figlia. infatti ci sposammo e ognuno in casa propria fin tanto che putroppo un giorno il destino si portò via mio suocero e sua moglie venne ad abitare con noi. a dire la verità notai dei cambiamenti in mia suocera, quando c'era mia moglie discorsi normali quando eravamo soli altro tono di voce, allusioni più o meno velate e abbigliamento sexi. un giorno mi chiamò nella sua camera ed era vestita solo da un reggipetto che lasciava soperte mezze tette e un perizoma di colore viola che metteva in risalto le grandi labra e la figa depilata e mi disse che avrebbe voluto regalarlo a sua figlia ma che però gli piaceva anche su se stessa. Gli feci i complimenti che stava benissimo specialmene con la figa depilata e uscendo dalla camera sentii che disse peccato che nessuno possa vedermi. a dire la vertà era tanto che mi ero accorto che se avessi voluto mi si sarebbe concessa ma proprio per rispetto a mia moglie non ho mai preso in considerazione tale eventualità. forse se ne avessi parlato con mia moglie saremmo ancora assieme( 20 annipiù 5 di fidanzamento)non ricordo quanto tempo possa essere passato da quella volta che mia suocera si mostrò sexi, ma una mattina che ero ancora a letto non avendo impegni mi suocera viene in camera mia con una sottoveste trasparente dove sotto sembrava non avesse niente e mi chiese se quella rivista svedese pornografica era mia. Certo rimasi di merda ma dovetti ammettere che era un ricordo di gioventù e dove mai l' aveva trovata.mi disse in cantina. si sedette sul bordo del mio letto e sfogliando la rivista ad ogni pagina mi chiedeva dei particolari fin tanto che mi chiese a cosa mi fosse servita un pò scocciato gli risposi che avendo promesso che fino al matrimonio non avrei toccato sua figlia in qualche modo dovevo arrangiarmi e lei candidamente mi disse ti facevi le seghe, alla mia risposta affermativa spostò il lenzuolo e me lo prese in bocca mettendosi con la figa sulla mia bocca e iniziando un 69 pazzesco. ero inebetito ma incapace di reagire,anzi mi piaceva sempre di più e quando mi disse di sborrargli in bocca venni alla grande poi lei delicatamente mi pulì con la lingua e mi chiese se gli leccavo ancora la figa. ormai ero fuori di me capivo solo di leccare la figa,il culo, le tette.. Quando dopo 2, 3 ore mi ripresi pensavo di trovarmi in imbarazzo invece niente, anzi mi ridiventò duro e lei dolcemente mi chiese se volessi fare ancora qualche cosa. Facciamo così, gli dissi, apriamo il giornale porno e facciamo quello che appare.rispose ok e aprì la pagina dove si stavano inculando e mi disse vado a prepararmi. Io non l' avevo mai fatto e adesso? tornò bella fresca mi mise una crema sul cazzo,si mise alla pecorina mi disse infilalo entrò com una lama nel burro e lei cominciò a godere subito mentre io facevo fatica essendo il culo stretto e nel mentre gli facevo un ditalino e dopo un 10 minuti gli sborrai dentro mentre mi diceva fammi sentire la sborra bella calda. Nei giorni a seguire tentò ancora qualche approccio ma facevo modo di uscire per primo fin tanto che poi ci fu la divisione.Rimasi malissimo e mi trascurai per alcuni mesi e nel frattempo mi venne anche la piorrea con la perdita della maggioranza dei denti. Anche con Sara i rapporti cessarono fin tanto che dopo 6 mesi decisi di rinascere. Andai dal dentista, dal parrucchiere e dal sarto (avevo perso 16 kg)e rinacqui. chi mi incontrava non mi riconosceva piu. telefonai al marito di Sara per chiedere se mi mandava sua moglie un paio di volte alla settimana per stirare e faccende di casa, naturalmente acconsentì anzi, al mattino dopo era già li e quando mi vide restò di stucco!! non parlò per qualche minuto poi mi disse che ero bellissimo e cominciò a baciarmi e a spogliarsi. alle 11 eravamo ancora a letto a godere come grilli e ogni volta che godeva sembrava la prima volta poi prese il telefono e chiamò suo marito dicendo che non sarebbe rincasata per impegni. Mangiammo qualche cosa e ricominciammo a leccarci, baciarsi in ogni parte e in ogni modo. il problema per me era che ogni volta che godevo mi diventava molle e ci voleva tempo e capacità per renderlo ancora funzionale. alla fine della giornata accompagnai Sara a casa, suo marito era al lavoro e ridendo mi disse se avevo avanzato qualche cartuccia per lei, detto e fatto mi venne duro quel tanto che bastava, la feci sdraiare sul tavolo e in piedi la infilai per bene e con mia sorpresa la feci venire 2 volt mentre io godetti bene ma con poca sborra. dopo due giorni suo marito andò in montagna per lavorare come stagionale in un albergo e naturalmente mentre era in viaggio Sara mi chiamò invitandomi a casa sua. arrivato verso le 17 volle fare all'amore sul letto matrimoniale per sentire se provava emozioni diverse, così incominciammo con i soliti preliminari che da parte mia voleva dire farla godere 2 o 3 volte prima della goduta finale poi mentre mi cavalcava per la sborrata finale suonò il telefono, era suo marito che le raccontava del viaggio dell' ambiente ecc durò quasi 20 minuti e io mi eccitavo sempre di più anzi le feci mettere il viva voce e continuai a chiavare come un toro. in alcuni momenti ho pensato quanto fosse puttana,vacca,troia SARA stai chiavando da due ore col tuo amante e diceva amore al marito||| Certo anch'io non ero un santo e a mente serena mi facevo schifo ma con Sara mi è successo quello che non era mai successo ne prima ne dopo ,bastava chi mi sfiorasse e mi diventa duro, per quanto fosse ,anzi è puttana Sara quando suo marito finì la stagione andammo a prendere suo marito nella bergamasca e venne con noi anche la figlia sedicenne che si sarà divertita mille volte a farmelo diventare duro senza mai farmi venire. be questa è un' altra storia. arrivati sul posto suo marito aveva appena terminato il turno così andò a fare una doccia per poi partire. restammo nella sua camera io ,Sara e sua figlia e con una scusa non so dove la mandò si mise sul letto e mi chiese di fare un 69 e alla mia domanda perchè un 69 e proprio sul letto di suo marito l puttana rispose perchè lui me lo ha chiesto mille volte ma me con lui fa schifo mentre con te sborro solo al pensiero. sul più bello è arrivata la figlia ,ma Sara previdentemente aveva chiuso a chiave e con un altra scusa riusci
ad allontanarla dandoci il tempo di sborrare entrambi. dopo 5 minuti è arrivato suo marito e mentre andavamo verso la macchina la figlia che chiamerò Susy mi dette una stretta al cazzo facendomi l' occhiolino.

Questo racconto di è stato letto 2 0 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.