Sempre insieme saremo

Scritto da , il 2021-10-30, genere poesie

Queste mie piccole mani
- hanno portato il tuo dono.
Questo mio fragile flauto
- ti ha regalato il suo suono.
Ti ho avvolto in una ghirlanda,
- mi son chinata ai tuoi piedi.
Per onorare il tuo corpo,
- adorno, in ricchi corredi.

Ora il ricordo svanisce,
la fredda falce ferisce.
Fra le mie dita la sabbia
scappa, e mi sento già in gabbia.
Potrò domare il destriero?
Esser del vento la figlia?
Che mi sostenga foriero,
lungi da qui mille miglia?

Per rivedere i tuoi occhi
- cavalcherò sul monsone,
per adorare i tuoi ricci,
- cantarti ancor la canzone.
Saprò fuggire nel tempo
- varcare ogni confine;
per stringerti nel mio abbraccio
- e sempre stare vicine.

Questo racconto di è stato letto 4 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.