Cosa c'era in quella macedonia?

Scritto da , il 2021-10-14, genere etero

Durante il primo anno universitario stringo amicizia con un gruppetto abbastanza eterogeneo di colleghi, una delle poche cose in comune che avevamo era l’essere (quasi) tutti fidanzati ancora coi rispettivi primi amori del liceo, motivo per cui non ci vedevamo molto fuori dall’università o nel weekend, ma rimediavamo pranzando e studiando in aula studio tutti insieme.
I mesi volavano, noi andavamo legando sempre più mentre poco a poco i single tra le nostre fila iniziavano ad aumentare per i motivi più disparati: iniziarono così i primi flirt all’interno del gruppo, 2 di questi si fidanzarono e praticamente non li abbiamo più visti da allora, L ed E iniziarono a frequentarsi e spesso sparivano durante i pomeriggi studio per appartarsi e limonare, motivo per cui io ed R ci ritrovavamo spesso soli a scherzare della situazione, anche perché non avevamo molto in comune di cui parlare.
Io un nerd, metallaro, secchione, timido ed idealista, giocatore di ruolo e lettore fantasy incallito, appena 18enne per via della primina e tra i primi ammessi alla facoltà di matematica, abbigliamento trascurato e darkettone, capelli lunghi e biondi, baffi e basettoni e qualche kilo di troppo, anche se negli ultimi mesi stavo finalmente perdendo peso dopo essermi lasciato.
R invece adorava andare in discoteca, ballava hip-hop, ascoltava musica commerciale, parlava e faceva velocemente amicizia con tutti, al liceo aveva ripetuto un anno ed era stata ammessa con riserva in una facoltà che non era né la sua prima scelta né tantomeno la seconda, vestiva sportivo ma sempre molto curato e colorato e, quando poteva, metteva in risalto le sue forme: soprattutto con l’estate alle porte le canottiere erano all’ordine del giorno e quando era distratta ne approfittavo per sbirciare nella sua scollatura e fantasticare, ma attento a non farmi scoprire da quegli occhioni di ghiaccio azzurri e scaltri, sapeva bene che la sua 5^ attirava molti sguardi ma non per questo le piaceva sorprendervi qualcuno immerso con la fantasia.

In realtà con quegli occhi, quel sorriso smaliziato ed i suoi modi sinuosi mi veniva difficile toglierle gli occhi di dosso anche in pieno inverno… ma, per mia fortuna, era maggio quando (rimasti praticamente soli per l’ennesima volta alla macchinetta del caffè) mi confessò di essersi appena lasciata anche lei e per telefono, dopo una lunga relazione a distanza:
-tranquilla, non ci vorrà molto prima che trovi anche tu qualcuno con cui appartarti sulle scale di servizio e sparire per pomeriggi interi lasciandomi definitivamente solo – scherzo io cercando di sdrammatizzare
R-ahah no tranquillo, non ti abbandono
io -è bello sapere che non hai dubbi sul fatto che possa trovare io qualcuna con cui appartarmi e quindi abbandonare te, grazie eh
R -ma che c’entra, tu saresti capacissimo di trovarla e non accorgertene tonto come sei, o peggio trascurarla per non rischiare di lasciarmi sola
io -si, è probabile
R -sei stupido, ma carino… per esempio, del nostro corso chi ti piace? Magari ti aiuto…
io -ma in realtà nessuna in particolare, sono uscito con D qualche volta ma non credo di piacerle da quel punto di vista, poi a parte con quelli del nostro gruppo non parlo molto con gli altri, stanno sempre sulle loro e se li incontro fuori manco mi salutano, A è carina ma non credo di essere il suo tipo… tu invece?
R -cambi subito discorso eh? Mah non è che abbiamo colleghi bellissimi, a parte te ovviamente, F è carino ma parla troppo ed è fidanzato
io -se vuoi lo convinco a lasciarla e poi gli tieni tu la bocca occupata…
R -che splendida spalla che sei! - dice accoccolandosi sulla mia spalla -grazie…
io -se hai bisogno io ci sono, anche fuori dall’università, lo sai…
R -ora lo so

Passiamo le settimane successive sempre insieme, raccontandoci cose più intime e scherzando, abbracciandoci spesso e sentendoci continuamente per messaggi, fino al compleanno di L.
Andiamo in spiaggia e stranamente siamo solo noi 4:
io -gli altri non vengono?
L -in realtà è stata una cosa organizzata all’ultimo, in origine volevamo fare una giornata di mare solo io ed E per poi stasera berci una cosa tutti insieme, ma R mi sembrava un po’ giù e quindi all’ultimo ho chiamato anche te per farle compagnia, spero non ti dispiaccia…
R non sembra affatto giù di morale e la giornata scorre abbastanza piacevole, anche se fuori programma c’è la mia ex col suo gruppo di amici a qualche ombrellone di distanza.
Anche L è una bellissima ragazza sempre sorridente (occhi verdi, lunghi capelli neri, alta e con una 4^ abbondante) motivo per cui vederle giocare in bikini a racchettoni è un bellissimo piacere, motivo per cui decido di stendermi sotto l’ombrellone a pancia sotto e godermi lo spettacolo senza essere giudicato… finché:
L -madò R ma sei troppo fortunata oggi! Meno male che eri giù di corda e invece sei proprio su di giri, non è che finalmente hai scopato?
R -ops, si vede così tanto? Ieri pomeriggio…
sento qualcosa rompersi dentro di me, afferro dallo zaino un libro di divulgazione scientifica che mi ero portato e drizzo le orecchie, facendo finta di nulla mentre ascolto rassegnato ed intristito capendo dove fosse sparita il giorno precedente durante le 2 ore in cui non mi rispondeva più ai messaggi…
La conversazione va avanti ma io mi estraneo deluso dalla scoperta, poi decidono di voler tornare in acqua:
-andate, io resto qui a leggere ancora un po’ e vi raggiungo, il tempo di finire il paragrafo.
ed abbasso di nuovo lo sguardo sul libro sconsolato ed assorto.
Nemmeno 2 minuti dopo mi sento colare qualcosa sulle spalle e subito dopo un peso sul mio fondoschiena, mi volto: -ma che ci fai tu qua? Non eri in acqua con gli altri?
R -ho promesso che non ti abbandono e non lo faccio nemmeno oggi, poi voglio lasciare a quei 2 un po’ di privacy: quindi il tempo che tu finisci il paragrafo, io ti spalmo la crema, faccio rosicare un po’ la tua ex e andiamo- dice ammiccando e spalmandomi la crema sulla schiena mentre siede cavalcioni su di me.
Ero nervoso, ma non abbastanza per negarmi questo lusso, così accettai senza aggiungere nulla e fingendo di continuare a leggere, mentre una mezza erezione tornava in vita dopo essere stata annientata dalle ultime rivelazioni.
R -sei su quella pagina da almeno 5 minuti e ti ho passato la crema ben 2 volte, io vado in acqua, quando hai finito di fingere di leggere raggiungimi- mi molla uno schiaffo sul sedere e si allontana sculettando quel sedere troppo tondo per rimanere tutto dentro il costume.

Nei giorni successivi continuiamo a sentirci, ma sempre meno, io ho realizzato (nella maniera peggiore) che mi piace ma che a quanto pare non sono ricambiato, quindi evito di cercarla.
Un giovedì pomeriggio di fine giugno discutiamo del fatto che L ed E sono un po’ in crisi, per lui è solo sesso e lo sta ammettendo solo ora che lei si è quasi innamorata, e di come possiamo aiutarli o come dobbiamo comportarci con loro, interrompendo la conversazione per andare a cena.
Ero già a letto a morire di caldo quando dal nulla mi arriva un suo messaggio:
R -ma invece tu chi ti scoperesti?
io -ma non abbiamo già fatto questa conversazione?
R -beh no, ti avevo chiesto chi ti piace delle nostre colleghe, è diverso…
io -in effetti ora che L si sta liberando…
R -non ti facevo così bastardo! E solo lei?
Io -la risposta è la stessa: se mi prendono di testa mi prendono anche fisicamente
R -…è diverso, perché stavolta puoi considerare anche me nel gruppo…
Io -ma tu ed io siamo amici…
R -L invece no? Che è stata pure con un tuo amico…
io -ovviamente stavo scherzando
R -certo, quindi non te la scoperesti?
io -ma che cazzo di domande sono? Se non fosse presa da un mio amico magari si, chi lo sa, contenta?
R -insomma…
io -siete 2 ragazze bellissime e lo sai, ti trovo molto sexy e ti riempio continuamente di complimenti ed attenzioni cercando di non essere mai troppo volgare, cosa che mi viene un po’ difficile alle volte ma hai sempre detto che ti piace questo mio lato, quindi mi spieghi come faccio a risponderti ad una domanda del genere? E se te lo chiedessi io?
R -chiedimelo
io -ma invece tu chi ti scoperesti?
R -a parte te, intendi?
io -non credevo potessi interessarti, comunque buono a sapersi, e a parte me?
R -beh ti sbagliavi, a parte te non mi scoperei nessun altro, tu invece? Vuoi rispondermi?
io -domani i miei coinquilini vanno a casa per il weekend, io resto qui che domani ho un impegno quasi tutto il giorno, sabato vieni a tenermi compagnia?
R -ohh QUESTA è una risposta! cucini tu?
io -domani dimmi cosa preferisci e vado a fare la spesa
R -buonanotte

Questo racconto di è stato letto 2 3 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.