Un'ora in città

Scritto da , il 2021-10-06, genere etero

Lui l'aspettò in galleria perso nei colori di un quadro. Lei arrivò silenziosa, si sedette accanto a lui, sfiorandogli le dita. Non si girò a guardarla né la salutò, rimase lì, il contatto con la sua pelle unito al profumo che l’avvolgeva glielo faceva venire duro. Lui si alzò trattenendosi dalla tentazione di baciarle il collo e infilarle una mano sotto il vestito, le si mise davanti e si guardarono negli occhi per la prima volta dopo tanto tempo. Lei spostò lo sguardo sulla scritta “Toilette” con un sorriso malizioso, dopo neanche un minuto erano entrambi chiusi a doppia mandata dentro al bagno degli uomini, in piedi contro un muro precario a scambiarsi baci come due adolescenti, leccandosi, mordendosi, affamati l’uno dell’altra; lei gli slacciò avidamente i pantaloni desiderando solo prenderglielo in bocca. Lo baciò prima solo con la bocca, poi con la lingua che fece scorrere su e giù per il membro mentre lui stringendole forte i capelli mugugnava cercando di non farsi sentire, più lei lo sentiva godere più lo prendeva giù in fondo, ad un tratto il piacere fu tale che lui allargò le braccia contro il muro, fece un passo indietro e le fece piegare la testa all’indietro spruzzandola fino in gola, a quel punto lei era bagnata zuppa, si tolse in fretta le mutande e cominciò a masturbarsi mentre glielo leccava ancora. Si staccò per emettere un gemito e lui colse l’occasione per farla alzare e dopo averle aperto le gambe s’inginocchiò a sua volta leccandole la passera fradicia, lei venne poco dopo tremando visibilmente sopra di lui. Una volta finita l’estasi, si sistemarono e uscirono per darsi una sciacquata. Si salutarono sulle scale del museo, dandosi appuntamento per la prossima ora in città.

Questo racconto di è stato letto 1 1 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.