Sono la donna di papà 2

Scritto da , il 2021-09-21, genere incesti

Certo cha da gay, diventare la donna di papà, fù un salto di qualità, diciamolo, io prendevo cazzi da tutti, senza problemi di età, e indossavo a volte indumenti femminili, ma entrare nel letto di papà, cambiò completamente le cose.
Intanto, tutte le notti, assolvevo al compito, che era prima di mamma, ossia soddisfare il proprio uomo, papà, sia di bocca che con il mio culo, sentirlo dentro, mentre mi stringeva a sé, e sapere di essere sua, faceva sì, che ero perennemente bagnata.
Poi dopo un certo periodo, papà, che aveva quasi completamente smesso di bere, mi disse, Senti figliolo, vorrei, che da ora in poi, diventassi, prima la mia figliola, e quindi devi iniziare a trasformarti, in una giovane donna, e poi, col tempo, mia moglie, lo guardai, mi vennero le lacrime agli occhi e mi buttai nelle sue braccia, e lo baciai.
Era quello che di più avrei desiderato sentirmi dire, poter diventare donna, se non almeno nell'aspetto, e poi la sua donna, prendere il posto di mamma, e poi aggiunse, al momento giusto, uscirai al mio fianco, come mia compagna.
I mesi seguenti, furono mesi di cambiamenti, iniziammo a fare compere al femminile, i primi vestiti e i primi trucchi mi servirono, per rendermi presentabile, e quindi frequentare negozi da donna, senza destare sospetti alcuni, e con l'aiuto di alcune commesse gentilissime, potei trasformarmi completamente in Paola.
Mi ci vollero circa sei mesi, sei mesi passati, a soddisfare papà, in maniera sempre più femminile, certo, che mi aiutò molto il mio fisico, minuto e glabro, sospesi la mia frequentazione all'università, di certo non potevo recarmici da donna.
In un anno la mia trasformazione era del tutto completata, ero Paola, giovane, slanciata, gambe lunghe e curate, ventre piatto, viso da donna giovane, capelli lunghi biondi, e con molto esercizio, riuscii a nascondere il mio pene, così, andai in palestra, spogliatoio donne, la prima volta fù pazzesco, non si accorsero di nulla, io in slip, in mezzo a tutte queste donne nude, che non mi eccitavano per nulla, fù stupendo, durante gli esercizi poi, i maschi non mi toglievano gli occhi di dosso, ero al settimo celo.
Poi a casa, sbrigavo le faccende domestiche, preparavo la cena per il mio uomo, e poi a letto, a succhiare il suo meravigliosa cazzo, per poi sollevare le gambe, e sentirmelo scivolare dentro, per raggiungere insieme un orgasmo totale.
Era trascorso un anno circa, che papà mi fece il primo regalo stupendo della mia vita, tramite il suo legale di fiducia, riuscì a farmi cambiare sesso e nome in comune, ora ero Paola...... di sesso femminile, finalmente libera.
Ci trasferimmo di città, e così iniziammo la nostra nuova vita di coppia, ero la sua compagna finalmente.
Poi potei andare a una nuova università, e continuare i miei studi, e sedermi sugli scarni, in gonna e camicetta, mi eccitava.
Molti maschi mi filavano, ma io ero di papà, ero la sua donna, la sua figliola la sua amante, certo mi piacevano, ma non potevo rischiare di essere scoperta e gettare tutto al vento.
Poi dopo un paio d'anni, al termine dell'università, papà per premiarmi della laurea raggiunta mi portò in Spagna, per una vacanza corroborante mi disse.
Dopo un paio di giorni, al rientro da una visita in città, entrata in camera, trovai un vestito bianco da sposa sul letto, non capivo, lo guardai, sicuramente dissi a papà, si saranno sbagliati di stanza, chiamiamo giù, mi girai, e vidi papà, il mio uomo, il mio compagno, in ginocchio, con in mano un anello di diamanti stupendo, no piccola disse, non ci sono errori, vuoi sposarmi?, se sì domattina ci aspettano in municipio.
Mi misi davanti a lui, lo baciai, mi mise l'anello, e dissi, si che lo voglio, essere tua moglie è il sogno della mia vita che si realizza, si amore, con tè per sempre.
Passammo la notte ad amrci come il primo giorno, papà mi inculò più volte, lasciandomi piena di sperma.
La mattina dopo due cameriere mi aiutarono a prepararmi, sapevano che ero una trans, e al momento di infilarmi gli slip, il mio cazzo non ne voleva sapere di smollarsi, colpa di papà, che mia aveva scopata ma non fatta scaricare, Maria, la più anziana, lo prese in mano, e lentamente iniziò a segarmi, io avevo ancora le unghie umide, e così, fù la mia prima sega fatta da una donna, mi guardava negli occhi mentre mi masturbava, bravo frocio mi ripeteva, te lo ha messo papino nel culetto ieri vero, io annuivo, il piacere cresceva, e brava puttana, rottainculo, frocio omosessuale del cazzo, ti piace vero?, io ansimavo e annuivo, poi Marcella, l'altra ragazza, si spogliò, aprì le gambe, e disse a Maria, portalo qui il frocio che gli facciamo assaggiare la figa, e così, mi aiutò a infilarlo nella sua figa, montami frocio, come fa papi con tè, iniziai a pomparla, e la cosa mi piaceva, era calda e accogliente, poi maria, iniziò a infilarmi le sue dita nel culo, erano sottili e lunghe mi piaceva da matti, si unse per bene cos della crema, e poco a poco infilò la manina in mè.
Era pazzesco, e così in pieno godimento riempii di sperma Marcella, e mi godetti la mano di Maria.
Poi mi aiutarono a vestirmi, e a infilarmi il vestito, e una volta pronta ci recammo in municipio, dove avvenne la cerimonia di matrimonio.
Passammo una vacanza stupenda, io col mio anello al dito, e mio marito sotto braccio, giorno e sera a succhiare il suo cazzo e a prenderlo nel culo.
Una volta a casa, trovai un lavoro, come segretaria, in uno studio di avvocati, e qui, iniziò il declino del mio matrimonio, gli orari erano folli, e rientravo a casa a volte tardi, e papà geloso iniziò a farmi domande e iniziò a bere.
Rientravo, e la prima cosa che faceva e ra controllare se ero piena di sperma altrui, era frustrante, e poi senza nemmeno cenare, mi scopava per ore, faceva uso di viagra, così, mi devastò l'ano, costringendomi ad andare dal medico, che mi consigliò di evitare rapporti anali per un certo periodo, apriti celo, fù l'inizio della fine, mi prese a sberle, e mi costrinse a seguirlo.
Mi portò in un locale di scambio di coppie, dove legata, alla famosa altalena, subii la monta di un numero imprecisato di maschi, col risultato di finire in ospedale con l'ano distrutto.
I medici non potevano ne mettermi con le donne né con gli uomini, ormai mi ero trasformata con seno e sembianze femminili non solo il nome e mi misero in una cameretta da sola.
Mio marito venne a trovarmi, e a chiedermi scusa, ma avevo capito che era finita, e una volta dimessa e rimessa in sesto lo lascia.
Non tornai al lavoro troppo impegno e pochi soldi, passai alcuni mesi a rimettermi, e a rimettere in sesto il mio culetto, e poi, affittai un appartamento con entrata a parte, e misi vari annunci nelle varie bakeke, o siti, e diedi vita a Paola, la troia.
Aperta ero aperta, scopare mi piaceva, e perché farlo a gratis?, ora trà i miei clienti, ho mio padre, ex marito, e un paio di miei zii.


Questo racconto di è stato letto 5 4 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.