Tette al Vento con Resort

Scritto da , il 2021-09-20, genere etero

RESORT

I Spiegazione

L'Oasi di Venere è una grande proprietà che si estende nel cuore di una foresta di conifere. Vi si accede tramite una strada asfaltata, tra ombrosi alberi, venti miglia di distanza da ogni luogo abitato. La proprietà si estende per 2,5 miglia quadrate. Il nucleo principale è la villa in gestione a Margherita "Margot" Villabianca, di una nota famiglia di imprenditori dell'editoria. La villa è dotata di ogni confort. Vaste sale con poltrone studiate per dare relax, una cucina, diversi centri massaggi, un paio di palestre, una piscina, diverse saune e almeno 40 stanze. Ha un grande parco e, l'intera proprietà, è circondata da un muro alto cinque metri, la cui cima è provvista di punte, filo spinato e sistema elettrificato. Per tenere lontani gli eventuali curiosi che, ogni tanto, si avventurano fino ai confini della proprietà, nella speranza di sbirciare gli ospiti della villa nelle loro mansioni. L'Oasi di Venus è un centro benessere ed un campo nudista. Qui, gli ospiti, dopo aver firmato un contratto di non divulgazione, sono liberi di girare per la proprietà come meglio credono: o completamente nudi, o in topless, o in bikini, in short. Senza inibizioni, liberi di mostrare il loro corpo, di conversare, di stringere amicizie e, di lasciarsi andare ad ogni frenesia sessuale. E il sesso si sceglie di farlo ovunque si voglia fare. Quando sei nella grande sala della vetrata e ammiri la zona della piscina. Nella sauna. A bordo piscina, o nell'acqua, in palestra, o in cucina. oppure, più tradizionalmente, nelle camere da letto.
Gli ospiti dell'Oasi possono passare i week end completamente nudi e non fare nulla, solo per il piacere di stare insieme e di conversare. Oppure, si sfogano nella maniera sessuale più selvaggia. Nello specifico, è come se fosse una Spa del sesso.
Margot è la principale proprietaria dell'Oasi. Il 40% della proprietà è suo. Poi c'è Camille, una trentenne originaria di Milano, ex modella, perfetta in ogni sua forma, che ne possiede il 20%. Il terzo socio è un maschio di quarantenne anni, fisico asciutto e robusto, scrittore noir e di fantascienza di discreto successo, non bello ma, notevolmente dotato, che possiede l’altro 40%
Margot ha quasi cinquanta anni e un fisico ancora sodo e pieno. Ha una misura quattro di seno, un culo perfetto e un taglio tra le gambe che ne ha visti abbastanza ma non è mai sazia.
Mauro DeSantis, il dotato scrittore, ha l'abitudine di prenderla da dietro, ogni volta che entra nella villa. Lui ha l'abitudine di girare per casa con degli short neri di pelle e una giacchetta senza maniche aperta sul davanti.
Margot è sempre al lavello della cucina intenta a lavare i piatti e i bicchieri. Indossa un grembiule che la copre totalmente sul davanti. Ma dietro, la schiena e il culo sono esposti.
Lei sa che il gioco comincia sempre quando Mauro entra nella villa,ignora le varie signorine che incontra sul suo percorso, limitandosi a salutarle e si dirige diritto alla cucina.
E lei è là, che asciuga i bicchieri, consapevole come l'aria che si respira. Una frazione di secondo in cui è consapevole che lui è arrivato e le userà violenza da dietro. Una violenza a volte brutale, ma di tacito accordo di entrambi. Lei sa che, dopo averla posseduta, andrà a cercare Camille e farà sesso anche con lei. Perchè così è che funziona da quando l'Oasi è stata inaugurata
Così mi ha raccontato Meredith mentre la montavo da dietro nella pausa pranzo d’ufficio. Mentre tutti erano in caffetteria o al bar a consumare i loro pasti, io e Meredith ci siamo chiusi nel locale archivio e ci abbiamo dato dentro come conigli. E lì, con nonchalance, Meredith aveva preso a raccontarmi dell’Oasi di Venere e dei tre soci principali


II Il week end felice

Siamo arrivate da un paio d’ore. Dopo quelli che sembravano interminabili tornanti tra i boschi, siamo giunti in vista di un villone color bianco crema, nascosto dalla vegetazione. Per un attimo ho creduto di trovarmi di fronte all’Overlook hotel. Ma ha un aspetto meno opprimente e più luminoso
"Tanto lavoro e niente divertimento rendono Jack un ragazzo noioso” mormoro
“Che hai detto?” chiede Marzia aggrottando le sopracciglia
“Nulla, parlavo tra me e me”
“Testa di cazzo. Adesso parli da solo” Ecco, cominciamo bene “Eh, sentimi bene, occhio a quelle con cui interagisci lì dentro, ok?”
“Nel caso non te ne fossi accorta, siamo in un campo nudisti, cara”
“Non sono obbligata ad andare in giro con le tette al vento”
“A casa lo fai”
“Idiota” sbuffa ed entra lasciandomi lì, sulla soglia, con due valige che sembrano bauli. Ma poi, in un campo nudisti, che se ne fa uno di tanti cambi d’abito?

La ragazza alla receptionist sembra uscita da un film noir degli anni 30. Uno di quello con le ballerine tutta lustrini e pajette, con le cuffiette di perline colorate. Capelli lunghi biondissimi, quasi bianchi, occhi di un intenso azzurro cielo, pelle candida e un abito ricoperto anch’egli di perline colorate bianche e blu, che le lasciano intravedere il corpo. Si vede benissimo che ha belle bocce, morbide e,probabilmente succose “Benvenuti all’Oasi di Venere” sorride “Voi dovete essere i coniugi Bianchi”
“Marco” alzo una mano “Mia moglie Marzia”
“Il commendatore Interlenghi è già qui?” chiede Marzia
“Credo stia facendo il giro dei saluti” sorride “Sapete già quali sono le regole?”
“Che si può girare vestiti..” comincia Marzia
“Non esattamente” la corregge la ragazza con le perline “Potete girare nudi o, al massimo con tre indumenti conformi al luogo che vi trovate. Quindi, ok bikini, topless, giacchette senza maniche, boxer, slip, pantacollant o pantaloncini corti fino all’inguine” indica sé stessa “Vede? Io ho questo abito semitrasparente, la mia cuffietta e nulla più”
“Sotto il vestito niente?” chiedo
Marzia mi tira una gomitata “Quindi, i miei ricambi non servono a nulla?”
“Solo quelli che vi ho elencati” sorride la ragazza
“Dovrò lasciarli da qualche parte”
“Ah, non si preoccupi. Le lascerò smistare gli indumenti che le servono e poi, le farò portare nella vostra camera”
Ok. E si va a smistare gli abiti. Io qualche ricambio boxer, slip, dentifricio, spazzolino, preservativi. Via, coperti velocemente dai fantasmini
Entriamo nel cuore del resort. Io, ciabatte da spiaggia senza infradito e boxer multicolore con palme e ananas e dietro scritto WELCOME. Marzia con una sottoveste semitrasparente color rosaceo, con pantofoline in finto pelo di coniglio. Davanti a noi, una decina di persone, maschi e femmine, più o meno nude, che si voltano guardarci incuriositi. Mi sento come se fossi una scimmia allo zoo.
Un nero alto un paio di metri, completamente pelato, ci viene incontro tendendo la mano. E per fortuna il suo braccio e più lungo di quello che si porta sotto “Piacere, Dave” sorride
Marzia, lo sguardo estasiato e sognante verso quella specie di proboscide che ha Dave, forse fantasticando di farsi trapanare a sfinimento. “Marco” gli stringo la mano. Guardo Marzia ancora imbambolata “Mia moglie”
“Piacere” fa lei sognate
“Chiedo scusa per lei, non è più abituata alle versioni estese”
Lui scoppia a ridere “Venite. Volete un drink?”
“Ok ma, prima ci sistemiamo un po’”
Un immenso salone con numerose poltrone e divani, angoli di salotto sparsi un po’ qua e un po’ là ma, non in maniera caotica. C’è un angolo bar dove un tizio sui venticinque, dalla pelle abbronzata e i baffetti alla Clark Gable, si sta esibendo in un numero acrobatico alla Tom Cruise. Ha un bel fisico asciutto e una pelle caramellata, come un latinos. Marzia lo divora con gli occhi. Sulla sinistra si vede un’altra sala, dove si intravede una grande tavolo rettangolare, delle sedie e una cucina. Non so, avrei giurato di vedere un tizio di spalle che si inculava qualcuna. O qualcuno. Va beh, mi avevano avvertito del sesso libero.
Sulla destra, un’ampia vetrata con vista su un parco di coniferi e une bella piscina.
“Salve, voi siete quelli nuovi” una ragazza dalla bellezza notevole, vestita come la cameriera di un’hentai, ci accoglie tutta sorrisi con una mise che lascia poco all’immaginazione. Quasi casta nella parte superiore, con un body che strizza delle tette grandi ma non esagerate e, una gonna mini che lascia vedere il reggicalze in pizzo nero e il suo triangolo nero e riccio, rasato ma non troppo. Lui si risveglia all’istante e Marzia se ne accorge “I signori Bianchi?”
“Siamo noi” annuisco
Lei ci volta le spalle. Dietro, un bel culo libero di muoversi e vibrare ad ogni passo. Marzia mi tira una gomitata che mi fa stridere le costole “Che cazzo. Con Dave non facevi queste moine”
“Dave?”
Faccio il segno del braccio che si alza, simulando la lunghezza penica di Dave “Dave”
“Ah, quel Dave” fa sognante
“O del barman dietro al bancone del bar”
“mmm”
“E io, niente?”
“No”
“Cosa pretendi che faccia in questo week end? Che vada in giro con un cane per ciechi?”
“Non sarebbe male come idea”

“Ecco la vostra camera”
Devo dire, posto lindo, tirato a specchio, pareti candide, plafoniere incassate nei muri e moquette nei corridoi di colore blu. Dentro, una camera da letto ampia, con una parete di vetro a specchio ad altezza uomo e larga almeno tre metri. Poi, la porta del bagno e un letto che domina la scena “Wow”! fa Marzia
“Vi ricordo che qui all’Oasi di Venus, sono ammessi anche gli scambi di coppia” mi strizza l’occhio e si allontana. Marzia non ha visto. Si gira verso di me e chiede “Vado a cercarmi la piscina” e scappa via, lasciandomi lì come un piciu. Che faccio? Mi do’ una sciacquata e scendo nel grande atrio dove c’era il bar e il tizio di nome DAve
Lo vedo che si sta intrattenendo con una tizia sui quaranta, bionda, ricciuta e tettona. Le sta testando il culo e lei ride, massaggiandogli l’asta nera che ha tra le gambe. Minchia che roba. Questo è il paradiso dei/delle ninfomani.
“Ehilà” Deve richiama la mia attenzione. Sta parlando con un tizio sui 45 anni, ben in forma anche se ha un accenno di pancetta. Capello riccio e nero, occhi castani, vestito di una giacchetta in pelle senza maniche e di pantaloncini con gambali lunghi all’inguine. La faccia mi è familiare. Dove l’ho visto? “Ti presento Marco Bianchi. Lui è Mauro DeSantis”
Ci stringiamo la mano “Hai un aspetto familiare”
“Leggi?”
“Ah,ehm.. a parte i giornali, poco”
“Ti dice niente Mauro Strong?”
Penso. Penso. Penso. Si accende la lampadina “Bounty Jackal”
“Il signore ha vinto una bambolina” sorride DeSantis
“E qui ne hai quante ne vuoi” sorride Dave
“Sì, con mia moglie nei dintorni”
“Beh, qui dentro è proibito essere gelosi dei partner” dice Dave “Se no, cosa si viene a fare?”
“Tua moglie non vuole che scopi con altre donne? E lei dov’è?”
“Probabilmente a cercarsi il mio Boss per un’altra scopata”
“Il tuo boss?” chiede DAve
“Un’altra scopata?”
Gli racconto per sommi capi cosa mi ha portato lì e descrivo loro Meredith “Ah, la dolce Meredith” sorride Dave. Sì, naturale che se la siano passata un po’ tutti
“Prova in sauna. A quest’ora dovrebbe trovarsi lì” dice DeSantis
“Dov’è la sauna?”
“esci in piscina, costeggia la parte sinistra e arrivi ad un cartello che indica SAUNA. Ti piacerà”
“Ok, grazie”
Li saluto, mi allontano in cerca dell’uscita verso la piscina. Passo vicino ad un divano, dove un uomo ben piantato, sta inculando una giovane mulatta. Giovane, sui vent’anni, che riesce a farmi l’occhiolino mentre le passo vicino. Per la miseria. Inferno e Paradiso nello stesso posto.

III-La sauna

A bordo piscine ce n’è per tutti i gusti. Dai 18 ai 60, alti,bassi, magri,in carne, bianchi, neri, mulatti, asiatici,capelli rossi, grigi,neri,biondi,bianchi. E tette e culi a profusione. Tante donne. C’è una signora magnifica dalla pelle sorprendentemente liscia,dai capelli bianchi, il fisico ben proporzionato, che si sta bevendo un qualcosa da una noce di cocco. Potrebbe avere sessant’anni, ma dannatamente portati alla stragrande. Mi vede, mi fa un cenno alzando il cocco verso l’alto in segno di saluto. Alzo la mano e faccio ciao con la manina.
Ci sono due donne, una bionda e una mora, che stanno limonando su un lettino a sdraio. Limonano, si toccano un po’ d’dappertutto. Un uomo nudo che sembra Johnny Weismuller, si lancia da un trampolino ed esegue un salto perfetto nell’acqua della piscina, emergendo poco dopo e nuotato come un delfino. Una rossa ricciuta, si sta leggendo un romanzo harmony reggendolo con la sinistra mentre, con la destra, sta eseguendo una sega ad un tizio dalla pelle nera e un cazzo che sembra un palo della luce.
Mi chiedo cosa mi sarebbe successo se fossi venuto qui senza Marzia al seguito. Qui c’è l’imbarazzo della scelta
SAUNA. Eccolo lì, la freccia bianca e la scritta nera che indica un sentiero sulla sinistra della piscina. Guida verso un padiglione dal tetto basso e i vetri con vista su una palestra, ora occupata da tre maschi e quattro femmine, stranamente non occupati a scoparsi a vicenda.
Seguo le indicazioni, giù di una rampa di scalini, un corridoio stretto con le tubature in evidenza. Posto strano per una sauna. Arrivo in una zona con la dicitura bagni. Sulla sinistra gli armadietti degli asciugamani. Una porta con una piccola finestra appannata di vapore. A fianco, come un campanello, un display che indica il numero degli occupanti: 1
Sperando sia Meredith, entro. Dentro una nube di vapore stile Londinium,indovino una panca. Mi dirigo lì, a tentoni “Ah, ce ne hai messo di tempo” dice una voce femminile a me famigliare
“Meredith?”
“Chi altri?”
“Come hai fatto a riconoscermi in mezzo a tutta sta nebbia?”
“Mmm, ho annusato il tuo cazzo”
“Davvero?” mi siedo. I pantaloncini li ho lasciati fuori
“No, scemo. Ti ho visto arrivare dalla finestrella” ride. Si materializza nel vapore e si viene a sedere vicino a me. Completamente e magnificamente nuda “Che ne pensi del resort?”
“Eh beh..particolare”
Lei allunga una mano sul mio uccello e comincia a massaggiarlo, rinvigorendolo all’istante “Dove hai lasciato Tette al vento?” ride
“Non lo so, credo stia cercando il boss” Dio se mi formicolano le palle. E anche il cazzo “Guarda che se continui così, finirò per esploderti in faccia”
“Allora, esplodi” dice lei abbassandosi a succhia merlo
Mentalmente, conto alla rovescia,meno dieci..nove..otto..sete..sei..cinque..BOOM! Lei, avida, succhia tutto quello che riesce. Io mi sento prosciugare anche i sentimenti “Ah” fa lei pulendosi con il dorso della mano “Meraviglioso e frizzante”
“Uh” faccio “Certo che ci sai fare tu..”
“Mi ci metto d’impegno” si alza in piedi e mi tende la mano “Vieni, ti faccio vedere una cosa”
L’afferro e mi faccio condurre nel vapore, fino ad una vetrata che non avevo ancora notato. La vetrata, come in un acquario, è sotto il livello dell’acqua della piscina. Si vedono corpi nudi che ci nuotano dentro. In un angolo a destra, un uomo robusto, sta prendendo di violenza una donna, le cui tette sciacquano nell’acqua. Non vedo il volto ma, la conosco abbastanza per capire che è Marzia “Zio babbuino se si sta facendo sbattere come un tappeto”
“Ha trovato la sua valvola di sfogo” ridacchia Meredith
“E pensare che da me non si fa neanche toccare”
“ Niente sesso ancora?”
“No. Quello vero, l’ho fatto solo con te” faccio mortificato
“Come va’ lì sotto?”
“Ancora a pelle di daino”
“Allora ci dobbiamo ingegnare” dice lei afferrandomelo e cominciando a massaggiarmelo.
Con gli occhi puntati sul mio boss che si incula mia moglie a bordo piscina, lascio che le abili dita di Meredith giochino con il mio uccello quasi morto. E intanto penso a Marzia e la guardo che gode come una troia, anche se non la vedo in faccia. “Dovrei chiedere il divorzio”
“Se il matrimonio non funziona come mi hai detto, che senso ha rimanere con qualcuno che non ti corrisponde?” chiede Meredith
“Me lo sono chiesto più volte. Sarò masochista”
“Ehilà! Ben tornato” ride Meredith afferrando saldamente il mio cazzo “Ora” si alza in piedi, mi cinge le spalle, mi bacia, si arrampica su di me agganciandomi con le gambe, la schiena premuta contro il vetro. E io lì,che entro di lei di prepotenza e comincio a pomparla, facendo vibrare il vetro della piscina. Spero sia anti sfondamento. Lei gode, mugugna, spero non finga. Le unghie delle mani che affondano nella pelle, io che continuo a pompare. Mi sento..Mi sento.. BOOM!Esplodo dentro di lei e lascio che lo sperma ci coli addosso come liquido prezioso di sorgente. Ridiamo, rimaniamo abbracciati “Scoperei con te tutto il week end”
“Solo?”

“Certo che questo posto è incredibile” commento una volta usciti dalla sauna
“Mio cugino ha avuto una bella idea per questo posto” dice Meredith “Mauro DeSantis”
“Ah, è tuo cugino”
“Lui e le sue socie hanno messo su un bel business, non ti pare?”
“Sì, notevole” passiamo vicino alla piscina ma, Marzia e il boss non sono più in acqua a scopare. La signora dai capelli bianchi si sta godendo il sole facendo un cruciverba “Notevole la signora” commento
“La signora Valzani. Ha fatto i soldi con gli immobili di lusso”
“Ma quanti anni ha?”
“Credo sia sui 61. Bel fisico vero? Pelle liscia, nessuna smagliatura, soda come una quarantenne che fa pilates”
“Notevole sì. Ecco una cosa che ho notato in questo posto. Nessuno degli ospiti è decadente. No pancia, non trogloditi, no difetti. Sembra di stare sul set di una serie Tv americana. Tutti belli e nemmeno uno che sia un cesso”
“Sì, ma non mi farei troppe domande” mi picchia una manata sul culo “Dimenticavo, mentre sei qui, non sei obbligato a fare sesso solo con me”
“MA, non saprei..”
“Questo è come un parco giochi del sesso. Quando vieni qui, ti metti in gioco e testi i tuoi limiti”
“Dave?”
“Ah, Dave è come un elefante nella savana. Grande cazzo ma, monotono. Mentre Mauro..”
“Ti scopi tuo cugino?”
“Di secondo grado, in realtà ma, sì, ogni tanto mi ci faccio un giro”
“Quindi, mi stai dicendo che se mi scopo un’altra donna qui, tu non ti arrabbi?”
“No, scemo, qui non devi essere geloso. Ma si può fare solo qui”
E si allontana sculettando in direzione di un gruppetto di personaggi palestrati e notevolmente dotati “Caccia libera” mi guardo intorno “L’imbarazzo della scelta” ma, non so perché, io punto in una direzione sola “Salve”
La signora dalla pelle incredibilmente liscia alza lo sguardo “Salve” sorride
“Posso farle compagnia?”
“Perché no?” sorride

Fine o continua?

Questo racconto di è stato letto 1 6 5 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.