Mal di testa

Scritto da , il 2021-08-13, genere etero

Oggi mi sento peggio degli altri giorni, il cerchio alla testa è implacabile e faccio quasi fatica a reggermi in piedi.

Mi sono alzato dal letto e cerco di fare un minimo di colazione, ma ho dormito talmente poco che ho la testa annebbiata, metto sul fuoco la moka. Non so perché ma il borbottio del caffè che esce e l’aroma che invade la casa mi hanno sempre rilassato.

Niente da fare, anche dopo due pasticche il mal di testa non mi dà tregua, devo per forza andare in ospedale, non posso continuare così. Ho provato ieri col mio medico di base, ma è in ferie e il sostituto mi ha dato l’idea di uno che ne capisce meno di me.

Entro al pronto soccorso, si vede che è la settimana di ferragosto, gli ipocondriaci sono tutti in ferie e chi si ammala sul serio va al nosocomio nel luogo di villeggiatura.

Non si vede anima viva e realizzo che la moria di medici negli ospedali non è una balla inventata dai media, ma una realtà drammaticamente vera.

Al posto del bancone dove fino a qualche mese c’era il triage adesso c’è tutta una serie di totem. Vedo un paio di persone intente a battere furiosamente il polpastrello dell’indice sullo schermo, sembrano davanti un bancomat che si rifiuta di espellere le banconote. Uno dei tizi si allontana zoppicando, lo fermo e gli chiedo spiegazioni, ha l’espressione rassegnata di uno che ormai non sa più che pesci pigliare.

“Non è più come una volta - mi dice -, adesso è tutto automatico, fanno tutto le macchine, decidono loro se hai o meno bisogno di un medico in carne ed ossa. Sono caduto ed ho preso una botta al ginocchio, la macchinetta mi ha detto di fasciarlo e fissare un appuntamento con l’ortopedia. Il primo posto libero è fra un mese”.

Ma come, penso, non posso consultare un medico? Resto perplesso, ma il mal di testa è sempre peggio, ci provo, vediamo cosa mi dice questo affare elettronico.

- Avvicinarsi alla telecamera e parlare vicino al microfono scandendo bene le parole. Esporre il problema e attendere.

La voce gracchiante parte appena mi avvicino col viso per cercare dove sono le istituzioni. Però, penso, non sembra difficile. Mi faccio inquadrare e vedo il mio faccione su un quadretto in alto a destra.

- Prego, esporre il problema e attendere

Parlo sul microfono: “da alcuni giorni ho un continuo forte mal di testa e non riesco a dormire”.

Mi rendo conto che sto parlando come se mi rivolgessi ad un cerebroleso.

- Elaborazione in corso. La informiamo che la ricerca viene effettuata nel database medico dell’ospedale e nel web. Attendere prego”.

Questa voce gracchiante inizia a darmi sui nervi, l’altoparlante ha un volume troppo alto, con beata pace della privacy.

Dopo pochissimo lo schermo rimanda una serie rapidissima di immagini, sembra impazzito. Finalmente si ferma e riprende la voce impersonale del robot.

- Abbiamo individuato le possibili cause del suo problema. Può decidere di visualizzarle a video o stamparle. Premere nell’apposita sezione per scegliere l’opzione desiderata. Grazie per averci consultato.

Non voglio aspettare oltre e scelgo l’opzione visualizzazione ….. 14.000 possibili cause! Ma siamo impazziti? E cosa dovrei fare adesso, a leggere tutto non mi basterebbe un mese!

Vabbè, leggo la prima pagina, immagino che sia come con Google e le informazioni più corrispondenti siano quelle all’inizio. Dunque, vediamo cosa dice la prima.

- Nulla di preoccupante, prendere una pastiglia di analgesico e stendersi a letto.

Si certo, e ci voleva l’elaborazione matematica di un supercomputer per formulare questa brillante diagnosi. Ok, leggiamo la seconda.

- Potrebbe essere un meningioma, la invitiamo a prenotare con la massima urgenza un consulto presso la clinica di oncologia.

Ma cosa cazzo è un meningioma? Veloce controllo sullo smartphone, sentenza terribile: tumore al cervello.

Sono sconvolto, come è possibile? Uno dice che non ho niente e l’altro che, probabilmente, mi restano pochi mesi di vita. La voglia di prendere a calci questa inutile macchina è forte, ma poi la razionalità prende il sopravvento, chissà quanto mi costa se la rompo.

Mi guardo in giro, sono affranto, non vedo traccia di camici bianchi. Con la testa bassa vado verso l’uscita, ma prima devo andare a fare la pipì.

Mi inoltro in un corridoio, cerco l’insegna della toilette, niente. Imbocco un altro corridoio e, finalmente, la vedo, arrivo davanti la porta e leggo un avviso scritto a mano su un foglio: TOILETTE RISERVATA AL PERSONALE MEDICO. Ma che cazzo! Se in mezz’ora che sono qui non ne ho visto uno, fanculo, io devo pisciare.

Ho svuotato la vescica per bene, mi sembra di aver pisciato un litro di urina. Sembra che anche un po’ di mal di testa se ne sia andato dentro il cesso, mi sento un po’ meglio.

Esco contento e mi scontro con un camice bianco che sta entrando, quasi mi spavento.

Resto interdetto e balbetto un poco convinto cenno di scusa, il camice bianco mi rimprovera con voce irata: “non ha letto che questa toilette è solo per i medici? Cosa ci fa qua?”

“Mi scusi - dico -, non pensavo ci fossero medici, ma solo macchinette e a me scappava di pisciare”.

Guardo meglio questa perla rara, il primo medico che incontro dopo mezz’ora al pronto soccorso. È una ragazza giovane, non più alta di un metro e sessanta, capelli lunghi raccolti con la coda di cavallo, visino molto carino e solo un filo di trucco sugli occhi marroni. Ha l’espressione più sorpresa che arrabbiata e l’aspetto più di una studentessa che di un vero e proprio medico.

“Mi scusi, sono venuto al pronto soccorso per un problema di emicrania e non trovo un medico che sia uno. Consulto un cazzo di macchinetta che mi sentenzia che potrei avere un tumore al cervello e cessi non se ne trovano. Mi spiega cosa sta succedendo? Una volta questo ospedale era un’eccellenza. E come mai trovo solo lei, che forse non è neppure un medico?”

Per tutta risposta mi fissa negli occhi e poi mi squadra per bene: “io sono un medico! Aspetti qui, devo fare la pipì, poi andiamo nel mio ambulatorio e le do un’occhiata”.

Aspetto davanti la porta, anche qui poca privacy perché è uno di quei bagni con le porte aperte sia sopra che sotto e si sente ogni rumore.

Sorrido e mi fermo ad ascoltare. Sento distintamente che si toglie il camice e lo attacca al gancio sulla porta, riconosco il movimento del pantalone della divisa sanitaria che usano i medici in ospedale e dello slip che scendono insieme e, dopo un po’, l’impatto dell’urina dentro la tazza. Perbacco, è un getto abbondante, sicuramente la stava trattenendo da un po’ perché sembra non finire più. Però, che bella sensazione ascoltare i rumori dei gesti intimi di una donna, mi piacerebbe essere dentro con lei, guardare la sua urina mentre esce dalla fighetta e poi, delicatamente, asciugarla.

Fermati …… mi sto eccitando, e devo andare nel suo ambulatorio, non posso farlo col cazzo dritto.

Esce e resta sorpresa: “ma è rimasto qui fuori fino ad adesso? Non poteva uscire ed aspettare in corridoio?”

“Veramente è stata lei a dirmi di aspettare qui, io ho solo ubbidito. Tra l’altro, ho trovato la colonna sonora piuttosto piacevole da ascoltare”.

Mi fulmina con gli occhi e diventa rossa: “mi segua per favore”.

La seguo in un dedalo di corridoi semideserti. Il camice sbottonato ogni tanto svolazza e mi permette di apprezzarne meglio le forme. Si, è davvero carina, sarà sui 28/29 anni, il pantalone della divisa è comodo, ma così leggero che disegna inequivocabilmente la morbida rotondità dei glutei. Dal segno dell’elastico si capisce che indossa lo slip tipo brasiliana, mi viene voglia di morderle quelle giovani chiappe, ma suppongo che, se anche solo le dovessi sfiorare con la mano, rischio una denuncia. Meglio lasciar perdere.

Entriamo in ambulatorio e si chiude la porta alle spalle.

“Si spogli e si sieda sul lettino, tolga anche le scarpe”

“Scusi, devo spogliarmi del tutto? Anche le mutande? Guardi che io ho solo mal di testa”.

“Vuole che la visiti o no? Faccia quello che le ho detto per piacere”. La risposta è secca.

Sono un po’ perplesso, ma lei è il medico. Eseguo, ma scorgo un leggero sorriso quando mi calo giù lo slip. Mi guardo allarmato …… porca miseria, l’eccitazione di prima non si è completamente assopita e invece di segnare le 6:30, il cazzo punta in fuori bello barzotto.

Balbetto: “mi, mi scusi. Deve essere il caldo di questa settimana, ma ultimamente faccio fatica a tenerlo sotto controllo”.

“Non si preoccupi, sono un medico, e quella parte anatomica in semi erezione non mi turba più di tanto”.

Perbacco, è giovane, ma professionale. Non sarò un superdotato, ma col mio cazzo di 23 cm. negli anni belli della mia gioventù ho fatto gridare di piacere più di qualche fanciulla. Oggi, a 60 anni suonati, non si alza più come prima, ma quando lo fa è ancora un bel vedere e può dire la sua senza timore o vergogna.

Gira intorno il lettino, mi viene dietro e inizia a toccare la nuca, poi scende sul collo e preme leggermente i polpastrelli.

“Quando premo sente male?”

“No, solo un leggero fastidio”

Scende ancora e si ferma sulle spalle e l’inizio della schiena, preme con i polpastrelli, più forte di prima.

“E adesso, sente male?”

“No, è come prima, solo un po’ di fastidio”

“Si, ma qui lei è duro come un pezzo di legno, è tutto contratto, nervi e muscoli. La sua emicrania parte dalla nuca o dalla fronte?”

“In effetti parte dalla nuca e si propaga sopra e poi alle tempie”.

Ritorna davanti, si china, mi alza una gamba e preme con i polpastrelli sulla pianta dei piedi. Mmmmh, che bello.

“Ok, senta, evacua regolarmente o soffre di stitichezza?”.

Ma cosa centra col mal di testa se cago o meno? Boh …. “no dottoressa, in bagno sono regolare come un orologio svizzero”.

“Bene, e fa sesso regolarmente? Con quale frequenza?”.

Questa poi, inizio ad avere dei dubbi che sia una vera dottoressa: “mi scusi se mi permetto, ma davvero le serve sapere quanto scopo per fare una diagnosi per il mio mal di testa?”

“Senta, o risponde alle mie domane oppure si può anche rivestire ed andare”.

“Ok, ok, non si arrabbi. Dunque, l’ultima volta che ho fatto sesso per davvero è stato un anno fa. Con una escort a pagamento ….. sa, io sono vedovo da due anni”.

“Va bene …… scusi, mi dispiace. E si masturba regolarmente?”.

Divento rosso, sono domande molto intime e lei per me è solo una ragazzina, esito a rispondere e la guardo smarrito negli occhi.

Si gira, va alla porta dell’ambulatorio e controlla se fuori c’è qualcuno in attesa. Rientra e chiude la porta alle spalle girando la chiave. E adesso cosa vuole fare? Ritorna, un lieve sorriso sulle labbra lo sguardo è diventato più dolce.

“Senta, io credo d’avere capito qual è il suo problema, mi risponda, quante volte si masturba?”.

Abbasso gli occhi, sono davvero imbarazzato e anche il mio fratellino in mezzo le gambe deve provare lo stesso imbarazzo, si è ritirato come una tartaruga quando arriva il temporale. Rispondo a voce bassa.

“Mi masturbo sì e no una volta al mese. Non ci riesco proprio, ho passato la vita a fare sesso con le donne e non ne ho mai avuto bisogno, adesso continuo a non sentirne il bisogno, ma non frequento nessuna donna. L’ultima volta sarà stato forse 40 giorni fa, però quando lo faccio rimango spossato e senza forze per un’ora”.

“Ok, si stenda a pancia in su, chiuda gli occhi e si rilassi”.

Eseguo, sento la sua manina che inizia ad accarezzarmi nella zona inguinale, non posso crederci, ma cosa vuole fare? Mi sento allargare le gambe e la carezza scende sui testicoli. Anche se ho 60 anni mi sono sempre tenuto pulito ed in ordine, con tutte le parti intime accuratamente depilate. Lo sento, il fratellino prende subito vita, chissà, crederà d’avere ancora 20 anni il signorino. Sollevo un po’ la testa e vedo che crede davvero d’avere 20 anni, è dritto e duro come non mi capitava da troppo tempo. La dottoressa lo stringe a due mani e lo guarda affascinata, incrociamo lo sguardo, adesso mi sorride.

“Non si preoccupi, quando uscirà da questo ambulatorio le sarà passato il mal di testa e a me il malumore”.

Torno giù con la testa e subito sento la sua calda bocca che avvolge il glande, la lingua che ci gira intorno, una mano che massaggia i testicoli. Dolci e antichi ricordi mi tornano in mente, sensazioni che pensavo non poter più provare, mi lascio andare e mi rilasso, l’emicrania si attenua, mi concentro sui gesti della dottoressa e su quello che mi sta facendo provare. Sento che la bocca cerca di affondare il più possibile, ma arriva a poco più di metà, ho un’erezione che non credevo più possibile, e la dottoressa sembra volersela godere tutta. Pompa con la bocca quasi voracemente e accompagna il gesto con la mano, si stacca, ci sputa sopra e continua a pompare. La mano sui testicoli scende e trova il buco del culo, un ditino lo massaggia e si insinua un po’ dentro, è poco ma sufficiente per farmi mugolare di piacere.

D’istinto allungo la mano, trovo il suo morbido culo e lo accarezzo. Stacca la bocca e si ferma.

“Caro mio bellissimo sessantenne, questo è il massimo che ti permetto di fare, non andare oltre altrimenti non andiamo più d’accordo”.

Peccato, balbetto “scusi dottoressa” e lei riprende a succhiare con gusto.

Ha una bocca stupenda, calda, la lingua birichina che si muove come un serpente, il dito insolente che si insinua più profondamente e mi trasmette scariche elettriche, ormai non posso più trattenermi e un secondo prima di venire l’avviso: “sto per venire, staccati”.

“Mmmmmmh”. Questa è tutta la sua risposta, mi lascio andare completamente e vengo come una fontana, mi sembra che ogni fiotto faccia scemare anche il mal di testa. Continuo a sborrare per quasi un minuto, una quantità enorme di sperma gli invade la bocca e scende lungo l’asta. Rialzo la testa e la vedo ingoiarne una buona parte, ma è veramente troppo. Finalmente si alza, estrae dolcemente il dito dal mio culo e lo guarda soddisfatta. Non è sporco, mi guarda e mi fa l’occhiolino.

“Complimenti, sei un vecchietto pulito e ancora molto interessante. Sei più unico che raro. Ma quanta ne avevi? Non sono riuscita ad ingoiarla tutta, era troppa, scusami”.

Mi chiede scusa? Sono senza parole.

Da un rotolone di carta strappa un lungo pezzo e si pulisce la bocca, poi lo passa tutto intorno il pube ripulendolo dallo sperma rimasto.

“Ok, si rivesta pure, e cammini avanti e indietro, voglio vedere come deambula”.

Eseguo, le gambe tremano un po’ ma la cosa incredibile è che il mal di testa è scomparso. La guardo incredulo. Lei sorride soddisfatta.

“Bene, credo che adesso lei abbia compreso l’origine del suo mal di testa. La prossima volta non aspetti così tanto, da oggi lei è in cura presso questo ambulatorio e quando sente che le sta tornando l’emicrania venga qui, da me. Piacere, io sono la Dott.ssa Lucrezia, quando ritorna digiti sul totem: richiesta visita specialistica e poi il mio nome, arriverò in pochi minuti. Arrivederci”.

Apre la porta e mi fa uscire.

Non mi sembra vero, non ho più mal di testa.

Passo davanti i totem e le persone che battono disperatamente sul monitor. Mi allontano con un sorriso da ebete stampato in faccia.

Questo racconto di è stato letto 2 6 4 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.