Atlante

Scritto da , il 2021-07-17, genere sentimentali

Stanco, chino sotto il peso, ansima ancora.
La fatica non lo risparmia, respira affannoso, ma il fardello non lo abbandona.

In ginocchio, con sofferenza si risolleva e prosegue. Non abbandona il gravoso carico.
Il volto impolverato, i piedi infangati, alza uno sguardo in cerca di un conforto, un volto amico, uno sguardo gentile che da nessuna parte troverà.
Sprezzante il padre degli dei gli scivola accanto.
Frivola la bellezza lo schernisce.
Il messaggero scappa lontano, intento a più nobili mansioni.
La rossa forza di fuoco e di guerra lo commisera passandogli vicino.
Il signore degli anelli lo fugge altero, imbellettato di orgoglio.
I luminosi gemelli se ne tengono alla larga, in sfumature azzurre e verdi.

Uno sguardo di pietà invoca, un gesto, un assenso, all'astro della vita, calore e luce.
Nell'afa e nel sudore si rialza, ancora una volta, fino alla prossima caduta, cui seguirà un nuovo gesto, più stanco e sfiduciato, un lento e penoso risollevarsi, per consegnarsi alla fatica atavica, al supplizio eterno.
Tutti lo guardano e nessuno lo aiuta.
Non una voce, un sorriso, un volto amico.
Sguardi spenti, disprezzo, commiserazione a volte.
E quella sete che non passa mai.
Non un goccio d'acqua per le sue fauci aride, inasprimento della fatica, consacrazione del supplizio, celebrazione della condanna eterna.
Si rialza e incede, si trascina in anelli concentrici, senza fine.
La schiena piegata dal peso che non può lasciare, dal destino che gli è stato assegnato, assoluto e ineluttabile.
Ricade, le ginocchia sbucciate, la polvere gli impasta il sangue delle ferite.
I crampi nelle braccia esauste, la pelle gli cade sotto il petto, svuotata dei muscoli di cui un tempo si onorava, pieno di giovanil vigore, nel suo servizio.
Sete, la gola in fiamme anela a un sorso d'acqua.
Quelle ragadi, quelle piaghe secche, ferite, screpolature dalle labbra all'ugola.
La sabbia di tutti i deserti nella sua gola che piange la frescura liquida.
Si rialza, senza un gemito, stancamente, trascinando i piedi incede, un altro passo.
Il peso, sempre quello e sempre più duro da portare, fino a quando?
La voce roca si è sostituita ai gemiti dello sgomento, ai lamenti del supplizio.
Non più un suono nei suoi polmoni vuoti, nella sua gola spenta.
Croste come cortecce di vecchi larici sulla sua pelle secca e cadente.
Occhi iniettati si sangue sotto le asciutte congiuntive.
E mosche e tafani e zanzare e cimici.
Insetti ematofagi, sanguisughe a ghermire ogni sua parvenza di energia, ogni sua residua goccia di sudore.
Cade nella polvere e si rialza.
Nessuno gli tende una mano, nessuno ne asciuga della fronte il poco ormai sudore.
Bagliori negli occhi feriti dalla luce, incerti contorni nella polvere che ne circonda i passi.
Maschera di fatica e di agonia.
Ancora un giro di giostra.
Ancora una volta sotto il giogo.
Così è da millenni, così è dall'inizio della Terra, prima della vita.
Le unghie rotte, le ferite ai piedi tra la pelle indurita.
Pianto e stridor di denti.
Si rialza e non lascia il suo carico, con un respiro profondo e lento.
Le mosche a succhiargli il sangue dalle ginocchia, le pulci e le zecche sul suo corpo si insidiano nella polvere tra le croste di fango e di sudore.
Incede lento, con perseveranza si risolleva e guarda il sole lontano che non cessa di ferirlo.
Trascina il legno seminando sentieri di lacrime, di sangue e di sudore.
Strade che nessuno seguirà, percorsi di sofferenza senza ragione.
Deglutisce saliva secca, la gola di cartone, la sabbia gli dilania gli occhi.
Stilettate, spilli, pugnali, sale sulle ferite.
E lento si rialza e prosegue.
Non chiede nulla, non un lamento, ma lacrime di fatica.
Non un rimprovero quando ancora cade e con più fatica si risolleva.

Ma non abbandona il fardello, affannoso sospira, non risparmia la fatica
Ancora ansima, sotto il peso chino, stanco.

Questo racconto di è stato letto 3 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.