Vecchio muschio

Scritto da , il 2021-07-17, genere sentimentali

Antico muschio
ti vesti di rugiada,
nella bruma della sera,
nei vapori del mattino.

Aggrappato al tetto della baita
la grandine ti sferza
la pioggia ti fustiga,
finchè il sole, pietoso, ti asciuga.

Scuro velluto,
nido di vita,
brilli ai raggi del sole,
silenzioso nel passar del tempo.

Hai ascoltato del vento
il triste lamento,
tra i larici sussurrare
nel suo lento andare.

Sotto i brillamenti delle stelle
nel lento ribollire della via lattea,
tra aghi di pino e cristalli di ghiaccio.
Duro e aspro d'inverno, vivo e soffice d'estate.

Saggio e silente sopporti la fatica,
ti nutri delle briciole di vita
che la natura, per sbaglio, ti concede.
E lento scruti il mondo che gira.

Nuda, prendo il sole sul balcone della baita;
la pelle tira sotto i raggi dell'astro.
Calore, energia primordiale.
Ti guardo e tu mi osservi, nel silenzio, mentre il mondo gira.

Questo racconto di è stato letto 3 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.