Zingara

Scritto da , il 2021-07-03, genere sentimentali

Quando dell'uomo non basta la carezza
vago nei Monti cercando tenerezza.
Del mio dolore io invoco lenimento
sulle alte cime, perdendomi nel vento.
Ai boschi oscuri inoltro la domanda:
perché il mio cuore nella remota landa
cerca il silenzio ed il sentor dei pini
fuggendo triste, scappando dai confini?
Col canto dolce rispondono gli abeti,
con suoni arcani che ai più sono desueti.
Fruscio di fronde ed un sussurrar di fate
che mi raccontano di terre immacolate.
Poi chiedo ancora consiglio alle pareti,
dimenticando della ragione i veti,
scalando sola, rischiando molto apposta
dal monte Fuji, fino alla val d'Aosta.
Su in dolomiti, che affronto a capo chino,
fino ai ghiacciai e alle rocce del Cervino.
Il vento porta su in cielo il mio lamento
e in ogni posto a casa mia mi sento.
Senza più patria mi sposto di regione
con vesti stracce, ma un cuore da leone.
Dormo per terra, mi perdo tra le brume.
Non ho bisogno, di notte, di un barlume.
La terra chiama, mi cerca nell'abbraccio,
io mi abbandono, con il mio cuore taccio.
Me ne sto sola, e il cuore si disseta
della natura, e l'animo si cheta.
La torba nera la mia tristezza accoglie
e lo sgomento si perde tra le foglie.
Ritorno viva, mi nutro di energia,
rinato, il cuore, compone un'elegia.
Yuko rinasco e il mio spirito leggero
vola coi falchi sognando un cielo vero.
Poi torno a terra con forza rinnovata
colma d'amore e nel cuore consolata.
Riparto forte, la gioia mi trascina,
salto e sorrido, come una bambina.

Questo racconto di è stato letto 4 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.