Quando tocchi il mio seno

Scritto da , il 2021-06-21, genere saffico

Yuko.
Di fronte a me, vicinissima.
Mi accorgo che è la prima volta che mi trovo di fronte a un'orientale, così da vicino.
Una donna asiatica.
Giappone.
Scruto i minimi dettagli del suo volto.
Mi inebrio di ogni suo particolare.
Le fini sopracciglia, l'attaccatura dei capelli che ora tiene raccolti in una coda.
Peli neri, e non posso fare a meno di pensare che in altro posto, altri peli neri si animano sulla pelle chiara, lunghi e lucenti.
Quella piega orientale delle palpebre, l'epicanto, che mi racconta di terre esotiche, popoli lontani, culture millenarie che ora incrociano la mia vita, il mio presente e il mio domani.
Quella specie di terza palpebra che copre quella superiore.
Il taglio deciso e inconsueto che ora rimiro da distanza ravvicinata.
Gli occhi così sicuri che a fatica distinguo le pupille.
Occhi a mandorla e ciglia lunghe.
Riflessi blu scuro nel nero di una notte in cui desidero perdermi senza più trovare la via del ritorno.
Questa donna mi sa fissando.
Mi penetra con uno sguardo intenso e magnetico, molto più di quanto potrebbe fare con le sue dita nel mio segreto più intimo.
La desidero.
Cielo mio, quanto la desidero.

Beatrice.
Quei riflessi che dall'arancione lampeggiano con inflessioni del colore del rame.
Tinta insolita e affascinante, mi attira nella sua carica misteriosa e impenetrabile.
Riflessi cangianti nelle sue iridi verdi, circondate da coreografie scarlatte come in un autoritratto di Vincent.
Fini tremori animano le sue palpebre, risvegliando in me ancestrali riflessi.
Linguaggio non verbale, il fremito inconscio dell'eccitazione che trapela il desiderio e lo rende manifesto ai miei sensi acuiti.
Donna.
Femmina alla sua prima esperienza, attratta e stimolata da un'altra donna, in un vortice emotivo che scatena passioni erotiche.
Percepisco il suo odore.
Il profumo della sua pelle, finemente trattata per incontrarmi e per piacermi.
Pronta per il dono della sua anima e di tutto il suo corpo.
Intesa emotiva, i nostri sensi si parlano e discorrono al di sotto del livello della nostra coscienza.
Due corpi che si cercano, due anime che si desiderano.
Pelle rosea, avvicino il mio dito dalle sfumature giallastre.
Connubio di razze. Anime affini.
Le accarezzo col dorso dell'indice, leggero e discreto come la piuma di un pavone, quella circoscritta regione che dalla tempia sfuma oltre lo zigomo.
Centimetri di pelle, anni luce di sensazioni.
Dalle dinastie del celeste impero che migrarono verso le isole del Giappone, per ritrovarsi qui, ora, accanto ad una donna dai capelli rossi e gli occhi verdi.
Un tremulo velo di lacrime le sfuma le lucenti cornee, scintillando di riflessi iridei, come una bolla di sapone che ci rapisca e, rinchiudendoci in un universo solo nostro, ci conduca attraverso mondi paralleli.

Ancora di fronte a me, Yuko.
Profumo di mughetto. Conosco questo aroma.
Ed improvvisamente vorrei appropriarmi di questo corpo, di questa donna che, lo sento in modo quasi violento e doloroso, si dona interamente a me, ferendo i miei sensi con la potenza della determinazione che percepisco.
Raccogliere questa anima delicata, avvolgere il suo corpo nudo e gentile in un abbraccio protettivo.
Prendo la mano che mi sfiora il volto e me la porto sul seno.
Per la prima volta desidero essere toccata da una donna, stimolata nelle mie intime sensazioni erotiche.
Desidero toccare il suo corpo.
Fare di Yuko una conoscenza carnale.
La desidero nuda, voglio contemplare con struggente desiderio le sue caratteristiche intimamente femminili.
Per la prima volta nei miei desideri cresce la volontà di toccare il seno di una donna per donarle piacere, per trarne benessere io stessa.
Desidero il suo seno sotto le mie dita.
Questo petto che sfiora il mio, attraverso il sottile velo di una maglietta che lungi dal celarlo, mi testimonia della sua eccitazione.
Questo seno svelato nei fini dettagli del suo desiderio per me.
Particolari che riconosco simili ai miei e che ora devo esplorare.
Allungo la mia mano verso questo seno, gonfio ed invitante, muovo le mie dita come i sottili steli di un rampicante in agonia, alla ricerca del succo vitale che prorompe da questo petto.
Lo sfioro col dorso di un dito.
Ne apprezzo la forte consistenza, l'energia della donna che ne sublima.
Mi muovo sulla superficie uniformemente convessa, fino a incontrare la sporgente essenza dell'areola, lievemente sollevata e contratta a sostenere un capezzolo eccitato e perentoriamente palpabile sotto la maglietta senza reggiseno.
Questo petto che cela i muscoli di un'alpinista allenata, questo seno che ora mi comunica un desiderio che condivido.
Le sue mani vincono la fragile resistenza del mio indumento e ora disegnano sulla mia pelle la sequenza di varianti del kama sutra.
Le dita che poche ore fa artigliavano la roccia in una assurda lotta contro la morte, ora, leggere come l'alito di una fata, sfiorano velatamente la mia pelle.
Chiudo gli occhi sotto questa carezza, lunga e lenta come i bracci di una galassia a spirale.
Allargo le dita e appoggio il palmo pieno sul suo seno.
Lo stringo, duro e perfetto; ricostruisco nella mente la sua forma.
Questi capezzoli scuri che sfumano di tenebra la sua maglietta bianca, su cui, scolpito, riposa l'ideogramma del suo nome.
Yuko.
Desiderio di aromi di incensi e musiche antiche mentre immagino il tuo corpo nudo che esplora il mio.

Beatrice. Cielo dei mari tropicali, sol levante dalla culla del pacifico, aurore boreali agli estremi confini settentrionali dei monti della Mongolia.
Con un gesto timido, quasi una velata implorazione, mi sfiora il seno.
Prima un dito indaga con discrezione le mie curve, poi una mano intera me lo accoglie come in un nido protettivo.
Le dita affondano nel tessuto ghiandolare spremendomi il capezzolo.
Scosse e brividi mi scivolano sulla schiena, mi lambiscono il ventre, attorno all'ombelico.
I peli del pube si rizzano; io, come un animale selvaggio, una pantera in calore finemente stimolata.
Stille di rugiada si condensano al vestibolo del piacere, preparando i miei organi di riproduzione all'amplesso e alla penetrazione.
Soffusione di umori femminili, con l'olfatto di un felino percepisco i segnali della sua eccitazione sessuale.
Le mie unghie le graffiano la schiena mentre la stringo al mio corpo. La consistenza del suo seno sfida il mio petto.
Con la punta del naso le accarezzo il collo, cercando il profumo della sua pelle.
Mi insinuo col volto fra i suoi riccioli rossi e con la lingua mi nutro del sale dei suoi umori.
La sua bocca mi cerca e io ne accolgo l'ancella fra le mie labbra.
Morbida superficie, un mollusco si divincola nella mia bocca, mentre io lo inseguo, come una predatrice vorace.
Le nostre labbra cementate per celare il dialogo tra lingue assetate, il suo respiro nel mio, ci scambiamo l'ossigeno dei nostri polmoni.

Questo racconto di è stato letto 2 0 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.