Molecole di Breva

Scritto da , il 2021-05-30, genere sentimentali

Ecco, mi viene l'ansia.
Sul lago il vento forte smuove le onde e la superficie del fiordo comasco è picchiettata di vele di tutte le forme. Gli sfacciati kite, impertinenti ciuffetti di colore, si fanno beffe delle eleganti vele, stanchi e saggi albatros dalle ampie ali candide che planano sull'onda.
Lo sguardo spazia sulle alpi retiche, i colossi di granito, le punte e le pareti ancora ammantate di splendenti baffi nevosi.
Voglia di viaggiare da sola con gli sci, su distese di neve senza tracce.
Solitudine che parla.
Desiderio di ruvide pareti di granito in cui insanguinarsi le dita per concretizzare l'ancestrale anelito verso la vetta.
La perfezione.
Voglia di tenerezza.
Il mio spirito imprigionato a rimirare vele, pareti, campi di neve.
La stanchezza sublima dai muscoli dopo la recente discesa nel torrente imprigionato dalle rocce.
Corde, caschetti, imbragature e mute. L'acqua gelida rattrappisce le mani e si infila nella muta, nella schiena e tra i seni, facendomi sussultare.
Pozze azzurre nella roccia grigia si sciolgono in ricordi.
Ed ora il mio spirito giace imprigionato, paralizzato ai blocchi di partenza.
Un olandese viaggia sul prato col tosaerba. Muscoli sudati, forza e tenacia.
Ma non è questo ciò che ora il mio spirito desidera ora.
Sciocchi litigi.
La difficile situazione in una coppia fatta da una bisex dominante e un uomo, quando la donna vuole avere il comando e l'uomo non vuole cederglielo.
Criticità.
Desiderio di evaporare, disperdermi in atomi e lasciarmi trasportare da questo forte vento.
Come una molecola di Breva, lambire le bianche vele distese al sole, spruzzate di schizzi d'acqua. Giocare con le onde sollevandole in spume candide.
Volare alta come un rapace e accarezzare i pendii nevosi, fischiare sulle punte e sulle creste delle montagne di granito, oltre i 3300 metri del pizzo Badile; girare sui ghiacciai del Bernina per rivestirmi di suggestioni e leggende, sfumature azzurre di ghiacciai e verdi di serpentino, volteggiare sui laghi alpini color turchese per raccogliere le fiabe raccontate dai venti, salire più alta delle nubi, dove finisce l'atmosfera, rincorrere le aurore boreali serpeggiando tra raggi gamma e campi magnetici e dall'alto individuare una donna dai capelli rossi.
Scorgerla a centinaia di chilometri, in centro Italia.
Cavalcare i neutrini e precipitare sotto le alpi Apuane, scivolare lungo l'Arno per raggiungere Prato e cercarla in ogni angolo ed i ogni via, con gli occhi gonfi di lacrime ed il fiato sospeso.
Trovarla.
Scivolarle addosso, avvolgerla in spire trasparenti, insinuarmi tra i suoi capelli, precipitare nei suoi indumenti, tra la sua pelle e i suoi vestiti.
Circondarle il seno, scoprirne i minuti particolari.
Avvolgerle la vita indugiando intorno al timido ombelico; arrotolarmi come un filamento di DNA intorno alla sua vita, disegnando come un reticolo di linee di livello la curva che si allarga sui suoi fianchi, stupirmi e commuovermi sulla rotondità del suo sedere per trovare infine pace nell'estasi della sua vulva.
Termine del mio peregrinare, serpeggiare fra i suoi rossi stami, fine velluto di rubei crocus sul delicato monte di Venere ed adagiarmi tra le sue pieghe umide, cullata ed accarezzata.
Piccola molecola di ossigeno in cerca di affetto, hai ritrovato la strada di casa.

Questo racconto di è stato letto 3 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.