I Gessetti della Strega ( "heartache tonight" )

Scritto da , il 2021-04-18, genere etero

6.

Intorno alle 18:40 ho ricevuto la chiamata di Gian, che mi voleva proporre d’andare a vedere il partitone del sabato sera a casa, davanti a due pizze d’asporto.
In quei sei mesi, avere il migliore amico single convinto e puttaniere per vocazione mi aveva salvato non pochi week end.

In realtà io e lui in quei sei mesi avevamo ritrovato quell’amicizia simbiotica dei vecchi tempi che la mia relazione con Laura aveva un po’ raffreddato.

Però ancora non mi sentivo così bene da avere una gran voglia di uscire di casa.

Sospettavo quasi che i gessetti non c’entrassero nulla, e che magari mi stesse venendo qualche malanno stagionale, o che mia madre avesse tentato di avvelenarmi con le sue lasagne.

Declinai l’invito, dicendogli che stavo da schifo e per una qualche ragione lui pensò che avessi un appuntamento.

“Ma con chi dovrei avere un appuntamento scusa? te lo direi!”

“Leo... casualmente Laura torna in città per le vacanze di Natale e tu stai male? Daaai… io mica lo dico a nessuno che ti scopi ancora la tua ex eh!”

“Ma che ne so io che Laura è in città scusa?”

“Ma se me l’hai detto tu settimana scorsa?!?”

“Io?!?”

“Guarda che tu oggi sei preso proprio male eh!”

“Comunque, no. Non mi devo vedere con nessuna, tantomeno con Laura e se non ti fidi puoi venire a farmi le coccoline tu” scherzai.

Questi piccoli cambiamenti nel passato avevano portato lasciarmi all’oscuro di cose capitate nella mia vita. Era angosciante non sapere esattamente se quello che sapevo era ancora… vero.

Sapevo che Laura era in città? Ero stato io a dirglielo?

“Figurati se vengo a farti da infermiere! Sei troppo barbuto per le mie coccole!”

“Non sai che ti perdi, zoccola!” scherzai.

“Minchia fai schifo!” rise “Se non trovo di meglio da fare ti vengo a portare il brodo di pollo.”

Rimanendo sdraiato modello larva sul divano, cercai sul telefono qualche traccia della notizia di Laura in città.

Mi aveva chiamato? Me l’aveva scritto in un messaggio? Cosa ci eravamo detti? Com’eravamo rimasti d’accordo? Che ci saremmo visti? Sentiti?

Odiavo non conoscere di frammenti della mia esistenza.

Nell’elenco delle chiamate in entrata trovai una telefonata di Laura. Eravamo stati al telefono 34 minuti.
Sono tanti 34 minuti di conversazione! 34 minuti di cui ignoravo il contenuto.

“Che casino!” pensai, sognando di avere poteri jedi che riuscissero a portarmi una bottiglia d’acqua dal frigo alla mia mano senza che dovessi muovere un solo muscolo.

“Tu e Pablo siete arrivati a casa sani e salvi?”

Già che avevo il telefono in mano, ne approfittai per mandare un messaggio a Rebecca.

Così, giusto per farmi vivo. Certo che non m’avrebbe risposto subito abbandonai il telefono sul divano ed andai in cucina a prendermi quell’acqua.

Sentii la suoneria dei messaggi mentre stavo in piedi davanti al frigo a bere a collo un lungo sorso d’acqua.

Il bello d’abitare da soli è poter fare cose come queste. Piccole cose che per Laura erano barbarie.

“Dai, prendi un bicchiere!” o “li hanno inventati i bicchieri sai?” o quello più assurdo “così poi io mi devo bere i tuoi sputi!”.
Che cavolo, mi baci e ti fa schifo bere dove bevo io??? (e avrei potuto essere più volgare, ma rimaniamo sul “mi baci”)

Ripensando a quelle assurde microdiscussioni con Laura, andai a prendere il telefono, sicuro che fosse Gian, e stupendomi di trovare subito la risposta di Rebecca.

“Tutto ok! Ora io e Pablo ci stiamo preparando la cena.”

Passammo qualche ora a messaggiarci come due ragazzini.

Scoprii che il suo uomo aveva un ristornante con un socio, il fine settimana c’era più gente e solitamente passava il sabato e la domenica sera da sola o con l’amica che le aveva affidato Pablo. Che però questa settimana era andata a fare una gita romantica.

Scoprii che stava con quest’uomo da 10 anni.

Poi le feci la proposta indecente.

“Ma se anziché mandarci messaggi ci vedessimo? Io non ho niente da fare, tu nemmeno. Non è più comodo?”

La spunta del consegnato e letto e la mancanza dello “sta scrivendo” mi fece credere d’aver esagerato.

Vabbeh chi se ne frega, pensai, potevo sempre tornare indietro e cambiare quel momento se non avesse portato a niente di buono.

Iniziavo a prendere una pericolosa confidenza mentale con la magia di quei gessetti. Forse è per questo che la zingara m’aveva specificato di usarli bene.
Forse non erano i primi che distribuiva e forse quelli prima di me ne avevano abusato senza guadagnarci nulla di buono.

Sembrava una strana partita d’azzardo con il destino. E io odio perdere.

“Solo una birra…” scrisse Rebecca.

“Prometto che non ti rapisco” scherzai.

Ci trovammo davanti ad un Irish Pub un’oretta e mezza dopo quel mio ultimo messaggio.

Quando ci siamo seduti a uno dei tavoli per due e si è tolta il cappotto mi è immediatamente tornata vivida l’immagine delle mie mani che l’accarezzavano raggiungendo i suoi seni, che in quel preciso momento erano coperti da un maglione di lana rosa. Non era scollato, anzi era molto semplice, non si era certo vestita o truccata per essere sensuale. Eppure riusciva ad esserlo in ogni caso!

Con i capelli castani lunghi ed appena mossi sulle punte stava ancora meglio che con quei bizzarri capelli rosa.

E quegli occhi scuri, dio quelli mi devastavano ogni volta che incrociavano il mio sguardo!

Ordinò una Kilkenny e io le feci compagnia.

La musica alta e il trambusto di quel pub sembrarono sparire. Rebecca e io iniziammo a parlare di una miriade di argomenti diversi, saltando da uno all’altro senza il problema di non capirsi o annoiarsi.

Film, musica, libri, parentesi di vita, battute…

Il tempo volò, e la mezza pinta che lei era intenzionata a prendere per poi tornare a casa fu seguita da una seconda.

Io stavo così bene che mi ero completamente dimenticato il malessere che avevo fino a prima di sedermi in quel pub con lei.

“Quindi anche quelli come te vengono lasciati?” disse sarcastica quando le raccontai di Laura.

“Quelli come me in che senso, scusa?”

“Bellocci, spavaldi… quelli che sembrano fare pesca a strascico insomma.”

“Ringrazio per l’attestato di stima!” ho riso, trovando divertente (anche se un po’ offensivo) la metafora della pesca a strascico.

“Ti ricordo che ti ho conosciuto aiutandoti a mandare via una tua ammiratrice...” disse lei, alzando il sopracciglio.

“Non era una mia ammiratrice, era…” come potevo dirle che era una che in teoria mi piaceva ma che poi si sarebbe rivelata una stalker e che grazie a dei gessetti magici stavo solo cercando di rimediare ad un errore senza sembrare pazzo? Non potevo.
“Ok… ci sta” dissi infine rassegnandomi “ma a mia discolpa posso dire che avevo 25 anni e non capivo un cazzo?”

“Si” rise lei “lo puoi dire!”

Mi trovavo nella serata perfetta e non avevo usato nemmeno un gessetto per esserci.
Stupefacente come anche la vita priva di magie, se indirizzata nel verso giusto, possa sembrare magica.

Forse era solo questo l’insegnamento che voleva dare quella zingara con quei gessetti?

Forse a me era bastato usarne due per trovare il sentiero giusto?

“Te la ricordi bene quella sera eh!” dissi prendendola in giro.

“M’è tornata in mente tutta in una volta oggi pomeriggio! Tu come hai fatto a riconoscermi subito?”

Un’altra domanda a cui non potevo rispondere in totale onestà.

Perché dirle che sapevo l’avrei vista dato che avevo chiesto ad una magia di portarmi da lei, non mi sembrava proprio la cosa più razionale da dire.

“Per le cose che m’interessano ho una gran memoria.”

“Non credevo d’interessarti così tanto, dato che non ti sei più fatto vedere in quel circolo…”

Questo era vero, per una serie di ragioni, fra cui anche la rissa, in quel posto non avevamo più messo piede. Poi io mi ero messo insieme a Laura, Alessandro si era fidanzato anche lui… Gian, beh, lui era sempre fidanzato e sempre con ragazze diverse… il lavoro, le relazioni, avevamo smesso di fare serate come quelle.

Avevamo continuato a sbronzarci e fare i cretini, ma in modo più maturo, ad aperitivi o cene.

Le maglie dei gruppi punk erano diventate buone per dormire o per andare in palestra.

Però era strano che dopo quel bacio io non l’avessi più cercata. Voglio dire anche da 25enne un bacio del genere m’avrebbe fatto venire voglia di conoscerla, non servivano venti anni in più per capire che Rebecca sembrava perfetta per il sottoscritto.

Forse m’aveva frenato il fatto che la sapessi fidanzata? Mah!

“Magari non era destino ci presentassimo allora…”

“Forse…” non sembrava convinta, in effetti era una risposta un po’ del cazzo. Ma non ne avevo una migliore.

Eravamo davanti ad uno stallo alla messicana.

Era implicito che entrambi stessimo pensando a quel bacio, era palese che nessuno dei due avrebbe voluto s’interrompesse così, ed era cristallino che entrambi avremmo voluto dargli un proseguo, anche solo per capire se fosse davvero così perfetto come lo ricordavamo.

Ma nessuno dei due aveva il coraggio di prendere l’iniziativa. Vedendola finire quell’ultimo sorso di birra nel suo bicchiere mi sono chiesto che avessi da perdere nel farlo? Assolutamente nulla.
Quindi perché trattenermi dal fare un’altra proposta “indecente” che in fondo non avrebbe cambiato la mia vita in caso di risposta negativa?

Quei gessetti mi stavano dimostrando, anche senza usarli, che pensare troppo alle cose fa perdere il momento. Senza averli forse non le avrei chiesto di uscire a bere quella birra, e mi sarei perso il suo sì.

“A che ora torna il tuo uomo a casa?”

“Il sabato anche alle due, due e mezza. Perché?”

Guardai l’ora. Erano le 11: 12.

“Ti va di venire un po’ da me?”

Bomba sganciata. Dovevo solo aspettare la sua risposta…

(https://www.youtube.com/watch?v=8jMcyaBaXCA )

Questo racconto di è stato letto 9 6 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.