I Gessetti della Strega ( gessetto rosa 2)

Scritto da , il 2021-04-16, genere etero

5.

Fino a quel momento non avevo stravolto dettagli del passato così macroscopici da vedere grossi cambiamenti.

Fu un normalissimo pranzo da mia madre, con mia sorella, suo marito e i miei due nipoti.

Mi stupì molto solo che mia madre menzionasse Laura, nella realtà che conoscevo lei era considerata l’innominabile. Nella visione che si era fatta mia madre, Laura era la cattiva che aveva lasciato suo figlio, e io, un po’ ferito nell’orgoglio, avevo lasciato che così continuasse a pensare. Ma quel piccolo cambiamento apportato aveva dato a mia madre una visione più amichevole di Laura, tanto da nominarla per caso durante il pranzo.

Ciò però mi portò a chiedermi se anche nella vita di Jem il nostro incontro avesse modificato qualcosa.

Avevo una gran voglia di raccontare a qualcuno cosa stava succedendo, ma mi sembrava troppo irreale perché potessi essere creduto.

Tornando verso casa pensai che forse mi ero fissato troppo con la cosa del “viaggio nel tempo”. In effetti la zingara non aveva specificato con chiarezza le regole dei viaggi che i gessetti mi consentivano.

Aveva solo detto “ti possono portare dovunque vuoi”, ero io ad aver pensato al passato, ma non era detto.

Telefono in “silenzioso”. Lavagna, e gessetto rosa in mano. E la voglia di testare se il viaggio poteva essere anche nel presente.

Disegnai la porta rosa e scrissi “Dov’è Jem adesso”, non avevo un posto preciso e non credevo potesse funzionare realmente, c’era il rischio che avessi solo sprecato la metà di un gessetto.

La sonnolenza sembrò tardare ad arrivare, il che iniziò a darmi la convinzione d’aver sopravvalutato quei gessetti.

Stavo valutando l’idea di andare a fare una corsa, approfittando delle ultime ore di luce di quel sabato invernale, quando, nel breve tragitto cucina - camera da letto mi prese una stanchezza così potente da sembrare quasi un malessere… quella stanchezza, così profonda che fa salire anche la nausea, mi colpì come un pugno nello stomaco.

Mi chinai, appoggiandomi al muro del corridoio per evitare di cadere e…

…e improvvisamente mi ritrovai inginocchiato con la schiena appoggiata a un albero nel Parco del Valentino, e stavo benissimo!

Per mia fortuna i viaggi con quei gessetti prevedevano anche il cambio d’abito… in quel caso l’aggiunta del cappotto.

Anche se era una bella giornata, faceva piuttosto freddo e quel poco di sole si stava preparando a scomparire.

Mi alzai, guardandomi intorno. Anche se non era una folla immensa, le persone che avevo intorno non erano così poche, e riconoscere qualcuno che si è visto venti anni prima era una bella missione.

Scartai l’ipotesi che avesse ancora i capelli rosa, anche se hanno iniziato ad essere molto di moda, non credevo che una ragazza che se li era fatta quando non li aveva quasi nessuno potesse continuare a farseli per “moda”.

Magari era stata una cazzata volerla vedere ora. Vent’anni sono tanti, poteva essere cambiata così tanto da non poterla più riconoscere. Anche ammettendo che lei ricordasse quell’incontro di vent’anni prima, anche ammettendo d’averle lasciato qualcosa di così forte da non catalogarlo fra le cose che si possono eliminare dalla memoria… Anche ammettendo tutto questo, magari ero io ad essere cambiato troppo perché mi riconoscesse.

“Pablooooo fermo! Vieni quiii!”

Una voce femminile alle mie spalle chiamava un cane che, liberatosi del guinzaglio, stava rincorrendo uno scoiattolo, con scarsissime possibilità di prenderlo per altro, a giudicare dalla velocità di arrampicata di quei piccoli animaletti.

Lo scoiattolo scelse l’albero vicino al sottoscritto per risalire, e istintivamente io presi il guinzaglio scappato dalle mani della donna che ora ci stava raggiungendo.

“Uè… Pablo t’è scappato Cip!” dissi parlando con quel labrador color miele che mi fissava.

Pablo in risposta abbaiò verso l’alto un chiaro “vieni giù codardo!” rivolto allo scoiattolo.

“Lo prendi la prossima volta!” dissi inginocchiandomi per accarezzarlo.

I Labrador sono tante cose, ma di certo non sono noti per l’aggressività, e infatti Pablo mi diede una slinguazzata sulla guancia.

“Grazie… temevo di doverlo rincorrere per tutto il parco!” disse la donna avvicinandosi.

“Io non ho fatto niente…” dissi alzando lo sguardo.

Era davvero bardatissima. Berretto, sciarpa, piumino da alta montagna ma, quegli occhi… quegli occhi li avrei riconosciuti anche fra milioni di persone. Erano passati venti anni ma erano ugualmente belli.

I capelli che uscivano dal cappello non erano rosa, ma castani.

La bocca era coperta da quella sciarpa immensa. Ma quella era “Jem”.

“…S’è fermato lo scoiattolo…” riuscii a dire nonostante la sorpresa di rivederla, alzandomi e passandole il guinzaglio.

Lei nel vedermi non sembrò riconoscermi o ricordare nulla. Era prevedibile. Per me era facile, per me erano passate poche ore. Per lei venti anni.

“Non sono pratica… Questo birbante è di un’amica! Faccio solo da dog-sitter questo fine settimana.”

Pablo continuava ad abbaiare e tirare verso l’albero.

In pratica sembrava avesse tirato il freno a mano e non si volesse più spostare da lì, nonostante lei provasse a tirarlo.

“Pablo!!!” chiamai fischiando “guarda che ho qua!” dissi, fingendo di cercare qualcosa nella tasca.

Non esiste un cane che non cada in quel trucco meschino. E Pablo non fu da meno.

Quando iniziò a seguirmi lontano dall’albero, e con lui Jem “un accendino... non te ne fai niente!” dissi facendogli annusare un bic trovato nella tasca.

“Ma ci conosciamo?” mi chiese Jem “Hai qualcosa di familiare...”

“Forse… tu hai mai portato i capelli rosa?” dissi fingendo di pensarci.

“Si… oh non ci creeedooo!” disse ridendo, finalmente trovando nei suoi ricordi quella sera.

“Sei Jem…”

“Siii e tu sei…” non ci eravamo detti i nostri nomi.

“L’impiccione che ha sentito la tua chiamata, con venti anni di ritardo. Piacere Leonardo!” le porsi la mano per presentarmi.

“Rebecca” prendendola e finalmente svelandomi il suo nome.

Imbarazzo totale.

Cosa pensavo potesse succedere? che mi saltasse al collo dicendo “ho aspettato venti anni di rivederti!” ?

Si, in effetti, si. Lo speravo. Ma era palese che non sarebbe successo quindi dovevo uscirne in un qualche modo, se il gessetto non mi stava riportando indietro voleva dire che ancora non avevo fatto ciò che volevo da quel viaggio.

In qualche modo quei gessetti erano più in comunicazione con il mio inconscio di quanto non lo fossi io.

“Il consiglio ha funzionato? Con il tipo al telefono dico…”

“Direi che quella sera mi ha aperto gli occhi. Se non sto ancora con quello stronzo credo sia solo merito tuo.”

Iniziammo a camminare per il parco con Pablo come cicerone.

“Magari li avresti aperti anche senza di me…”

“Sì, ma ci avrei messo sempre troppo tempo, quindi grazie. Speravo di poterti ringraziare prima, ma non ci siamo più incrociati...”

“Prego… è stato un piacere esserti utile.”

“Mi dispiace d’essere scappata così in fretta, avrai pensato che fossi una pazza…”

“Non ho pensato che fossi pazza…”

“Bugiardo”

“No, giuro! Pensavo tante cose ma non che fossi pazza… ho capito perché sei scappata…”

“Io… gli ho detto di quel bacio… il giorno dopo, mi sentivo troppo in colpa.”

“Ah, quindi ti ha lasciato lui?”

“No, io. Dopo averglielo detto. Se l’avessi amato davvero non mi sarebbe piaciuto così tanto baciare uno sconosciuto. Era per quello che mi sentivo in colpa” confessò lei. “Dio è assurdo te lo stia dicendo venti anni dopo! Se ci fossimo scambiati i numeri quella sera ti avrei sicuramente cercato… non lo so perché. Avrei voluto conoscerti meglio. Devo smettere di parlare o perdo ogni dignità!” scherzò lei imbarazzata.

“Avrei voluto conoscerti meglio anche io.”

“Almeno ora so come ti chiami!”

“Fra venti anni potremmo scambiarci i numeri di cellulare” scherzai io.

Quanto avrei voluto vedere quelle labbra sorridere! Sapevo dal suo sguardo che lo stava facendo, ma avrei voluto vederlo davvero quel sorriso.

I venti anni trascorsi non sembravano averla cambiata, era bella come in quella discoteca. Anzi mi sembrava anche più bella, perché l’essere diventata donna, l’aver preso coscienza di molte più cose le conferivano una femminilità più completa.

“Sei identica…” mi scappò dalla bocca guardandola.
“Magari…” sospirò lei poco convinta di quelle mie parole.
“Guarda che io balle non ne dico. Aspe!” ho detto abbassandole la sciarpa “Si. Sei proprio uguale! Hai fatto un patto con il diavolo per caso?”

“Perché mi sembra d’essere ancora davanti a quella discoteca?” mi chiese, forse chiedendolo più a sé stessa.

L’avrei baciata. Senza nessun indugio. Avrei ripreso quel bacio che avevamo interrotto senza nessuna remora. Ma non sapevo come l’avrebbe presa.

“Vorrei esserci...”

“Che faresti di diverso?”

“Ti fermerei. Sei scappata troppo in fretta…”

“Io, con il senno del poi, non scapperei via…” ammise lei.

“Posso chiederti il numero di telefono?”

“Si”

Ci siamo scambiati i numeri di cellulare, poi dato che il buio iniziava scendere l’ho accompagnata alla sua macchina e ci siamo salutati con quel formale “ci sentiamo.”

Non appena la sua macchina partì, capii che quel viaggio stava finendo…

Mi ritrovai seduto per terra nel corridoio del mio appartamento.

Cellulare! Dovevo controllare sul telefono se nella rubrica avessi anche il contatto “Rebecca Jem”, era così che l’avevo salvata.

I viaggi nel presente erano davvero fastidiosi, lasciavano una stanchezza devastante e il bruciore di stomaco. Forse perché erano più impegnativi di quelli nel passato.

Non lo so, in ogni caso andai a recuperare il telefono, e c’era! Il numero di Rebecca era nella mia rubrica!

Decisi di fermarmi per un po’ con quei viaggi. Magari ne stavo facendo troppi e a distanza di troppo poco tempo.

Forse potevo semplicemente usare quel numero di cellulare, senza metodi fantascientifici.

In quel preciso momento però volevo solo passasse quel fastidioso senso di nausea.

Questo racconto di è stato letto 8 7 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.