I Gessetti della Strega ( Gessetto Rosa )

Scritto da , il 2021-04-14, genere etero

4.

Ero lì, seduto sul divano, con tutti i gessetti fuori dalla scatola in fila sul tavolino, e li fissavo.

Avevo anche la mente ammutolita.

Tilt totale.

Mi erano rimasti sette gessetti. In media, due viaggi ogni gessetto.

Quattordici possibilità di cambiare il mio passato.

Facile essere sicuri di cosa fare, quando sai che non potrai mai farlo davvero, ma quando quell’ipotesi diventa reale, inizi ad avere la paura di sbagliare qualcosa.

Avevo visto anche troppi film sui casini che possono venire fuori cambiando il passato.

Sulla vita professionale ero contento, non c’era niente da cambiare, almeno lì avevo fatto già tutte le scelte giuste!

La mia infanzia di cose da cambiare ne avrebbe avute anche troppe, ma era pericoloso andare a toccare quei ricordi, avrei rischiato di ritrovarmi senza una sorella, o con i miei genitori ancora sposati e infelici... no, meglio far rimanere quel passato esattamente com’era.

In fondo, ne ero uscito più o meno sano di mente.

Rivolevo la mia ex?

Quanto era lei a mancarmi e quanto in realtà erano solo le abitudini ormai parte di una routine?

Erano passati sei mesi da quando aveva preso tutte le sue cose e se n’era andata via da casa.

Sei mesi in cui ci eravamo sentiti forse due volte, per questioni tecniche più che per voglia di parlarci.

Non ci eravamo lasciati per motivi seri, non c’erano state litigate su qualcosa di davvero importante. La decisione l’aveva presa lei, ma era quella giusta. Eravamo diventati piatti. Ci eravamo seduti entrambi in quella relazione dando entrambi più attenzione a costruire le nostre carriere.

A lei poi era stata offerta una promozione e il trasferimento in Francia, e quando ne abbiamo parlato non avevo nessuna ragione per dirle di non andare.

Ora, davanti a quei gessetti, mi chiedevo se quello fosse stato un bellissimo rapporto arrivato alla sua data di scadenza, o se avessimo solo sbagliato a darlo per scontato?

Tornando a quella sera potevo scoprirlo?

Presi il gessetto rosa. Disegnai una porta sulla lavagna.

Non ero certo di voler scrivere quel momento. Ora sentivo il peso del reale. Non era più un gioco.

Respirai profondamente e…

“La sera in cui io e Laura ci siamo lasciati.”

Lentamente, la strana stanchezza che oramai conoscevo iniziò a coprirmi gli occhi…

Quando li ho riaperti ero in quella stessa stanza, ma in piedi, e Laura, seduta sul divano, mi stava snocciolando il monologo che si era preparata.

Era una scena che avevo già vissuto, potevo quindi analizzarla meglio. La prima cosa di cui ho preso coscienza è che ogni volta che devo assimilare un discorso serio non riesco a stare seduto quindi, anche quella volta, stavo lì in piedi a braccia incrociate ad ascoltare.

La seconda cosa furono i dettagli sul viso, o nei movimenti di Laura, di cui non mi ero accorto… dietro alla tristezza c’era una sorta di preoccupazione, che mi era completamente sfuggita la prima volta.

Preoccupata di cosa? Della mia reazione? Di ferirmi? O solo di trovarsi davanti ad un già deciso cambio di vita?

All’epoca quel discorso era stato una doccia fredda. Ora era solo una ripetizione che non mi stordiva.

Mi sono seduto vicino a lei, non aveva ancora finito… ma conoscevo il resto. Non ero lì per ascoltarla di nuovo, ma per capire se c’era qualcosa da salvare in quel “noi”.

Senza darle il tempo di capire, mi sono limitato a baciarla, prendendole il viso fra le mani.

Sembrerà anche scontato, ma spesso è tragicamente vero. Da un bacio si capiscono molte cose.

Erano sei mesi che non toccavo quelle labbra, se davvero mi fossero mancate avrei dovuto provare qualcosa di forte, potente e avvolgente.

E invece, era solo un bacio.

Un bacio fra due persone che ancora si volevano bene, ma che non riuscivano più completarsi.

“Sarai perfetta in quel ruolo… vai Laura. Hai ragione su tutto.”

“Mi mancherai tanto” ha risposto lei, abbracciandomi.

Quella sera non me l’aveva detto, ma io non ero stato nemmeno così conciliante.

“Mica muoio eh! Possiamo pure rimanere amici! Siamo ancora bravi in quel ruolo” ho risposto scherzando.

“Avevo paura t’arrabbiassi e non volessi più vedermi.”

In effetti quella sera ero stato un po’ più duro, ma solo perché odio non farmi trovare preparato, non sopporto le docce fredde.

Avevo detto cose che non pensavo, e che probabilmente poi ci avevano portato anche a diventare praticamente due estranei nei sei mesi successivi.

Ed è davvero brutto chiudere così una relazione importante, soprattutto se la sola motivazione che ha condotto al suo termine è la naturale fine di un sentimento, dichiarata prima di fare errori o di ferirsi.

“Posso rimanere qui questa notte? Vado domani dai miei...”

“Puoi stare quanto vuoi… è anche casa tua.”

Laura ha alzato lo sguardo verso il mio, e senza un vero perché, senza una spiegazione razionale o logica e nonostante il palese fallimento di fusione di quel bacio scambiatoci da pochi istanti, ne ha cercato un secondo.

Non cercava il sentimento, non cercava la scintilla di un amore.

Fu subito chiaro che la sua intenzione era quella di chiudere la nostra storia con l’ultimo canto.

Non voleva che la nostra ultima notte insieme fosse triste o piena di silenzi e proforma.

E chi lo dice che non si può fare l’amore anche per dirsi addio?

Non è un modo più dolce di salutarsi? Anche se è la fine, è pur sempre un amore.

Quei sei mesi di riflessione avevano permesso che potessi tornare indietro emotivamente più maturo.

“Domani amici…” sussurrò, salendo sulle mie gambe, e per rendere più palese la sua voglia di fare sesso si sfilò la maglia da notte che indossava.

Prendendo la mia mano e posandosela sui suoi seni nudi.

Curioso fu come in quel momento la mia mente tornò alla sensazione provata toccando “Jem”.

Inqualificabile il mio trovarmi a fare paragoni, e realizzando che l’eccitazione che stavo provando non veniva da Laura, ma dal ricordo di “Jem”.

Possibile che una ragazza di cui nemmeno sapevo il nome potesse elidere così facilmente il piacere del ritrovarmi davanti a Laura?

Tastai quei seni con più vigore, come per trascinare la mente all’evidenza di chi fosse la donna che si stava offrendo a me.

Quella terza si lasciava imprigionare perfettamente nelle mie mani.

“Domani…” le risposi, sentendo le sue mani abbassarmi i pantaloncini per scoprirmi il cazzo ed iniziare ad accarezzarmelo.

“Ora diamoci un bel ricordo… ti va?” maliziosa conosceva già la risposta. La mia erezione era la prova fisica che mi andava.

Che ricordassi poi, mi sembravano secoli che non era lei a prendere l’iniziativa per fare sesso. Riportava un po’ la clessidra della nostra relazione ai primi tempi.

Non ci sono stati preliminari, non voleva essere coccolata… voleva solo sentirmi entrare dentro di lei, come se volesse imprimere il ricordo del mio cazzo per non scordarlo.

Egoista lei nel cercare la fine migliore che le lenisse i sensi di colpa.

Egoista io nel voler sfogare il mio piacere, sebbene non fossi certo che ne fosse lei la creatrice.

Il mio orgasmo non segnò solo la fine di quella scopata, segnò la fine della nostra relazione… e anche la fine di quel terzo viaggio nel tempo.


Mi risvegliai sul divano con ancora metà del gessetto rosa in mano e la lavagna scivolata per terra.

Quello che compresi fu che, a differenza di un sogno erotico che ti lascia con una gran voglia addosso, quei viaggi nel tempo appagavano totalmente i miei sensi.

Era come se avessi davvero appena fatto sesso.

“Assurdo davvero!” pensai toccandomi fra le gambe, incredulo di non ritrovarmi eccitato e smanioso di farmi una sega.

Dopo il viaggio di “Jem” non era successo. Dopo quel bacio il solo motivo per cui non mi sono masturbato era perché ero troppo stanco e stordito.

Però è anche vero che in quel viaggio c’era stato solo un bacio.

Anzi no. C’era stato IL bacio. Il migliore che avessi mai dato nella mia vita!

Dovevo trovare Jem. Dovevo rivederla. Non ero mai stato più sicuro di qualcosa.

Era quella la missione che avrebbero avuto i miei gessetti.


Però non subito… era mezzogiorno e mia madre m’aspettava per pranzo.

Il tempo, per fortuna, ora non era più un problema di cui preoccuparmi… avevo tutto il tempo che volevo grazie a quei sei gessetti e mezzo che mi erano rimasti!

Questo racconto di è stato letto 5 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.