I Gessetti della Strega ( Sogno o Realtà?)

Scritto da , il 2021-04-13, genere etero

3.

Per una qualche strana ragione, quando mi svegliai il giorno dopo mi sembrava d’aver dormito pochissimo e male.

Il mio cervello continuava a cercare dettagli di quel sogno che mi confermassero che non era che un parto della mia mente. Del mio inconscio che si era fatto condizionare dai gessetti di quella zingara.

Quel sabato mattina quindi mi sono svegliato con la voglia di vivere di un samurai che decide di voler fare Harakiri.

Già il fatto d’essere sveglio come un grillo alle otto di mattina in un giorno festivo mi faceva rodere il culo.

Provai anche a rotolarmi come un tricheco nel letto cercando di convincermi che dovevo dormire ancora un po’.

Ma niente.

Continuavo ad aver davanti il viso (e non solo quello) di “Jem” e da maniaco dei dettagli il mio cervello continuava a chiedersi dove l’avesse già vista.

I sogni vengono dall’inconscio. Quindi, anche se era tutta una mia creazione, quella tipa dovevo averla pur vista da qualche parte per immaginarmela così bene!

Posso capire fantasticare sul corpo e sul viso della donna dei tuoi sogni, ma come puoi inventarti così vividamente la sua voce, il suo profumo, il suo modo di muoversi? Quelle cose non si possono immaginare! Quelle cose devi conoscerle!

Niente! Non riuscivo proprio a venirne a capo.

Mi rassegnai e abbandonai il letto.

Cosa fanno le persone normali alle otto e mezza di un sabato mattina?

La mia vita era normale solo all’apparenza, in realtà ero un 45enne single che stava cercando di ricostruirsi dopo la fine di una convivenza.

Ero ancora ben lontano d’avere abitudini di sana normalità in quella singletudine, anzi diciamo che (lavoro a parte) la mia vita sembrava regredita ai tempi dell’università.

“Colazione al bar!” pensai, decidendo di far iniziare quel sabato con una bella, calma, e soddisfacente colazione con i controfiocchi.

Ero pronto per uscire di casa, quando…

Sul tavolino del salotto vidi quel gessetto azzurro fuori dalla sua scatola.

Il mio occhio passò dal gessetto, alla porta disegnata, al quadro per terra.

Decisi di provare a dare una parvenza di normalità al salotto, anche solo per evitare che se fossero entrati i ladri avrebbero pensato che l’inquilino fosse un pazzo.

Bisogna sempre far bella figura, pure con i ladri!

Nel pensare questa cosa mi sentii un po’ mia madre che, per anni, aveva sostenuto la teoria “tieni in ordine, metti che arriva qualcuno, che pensa?” … chi doveva entrare lo sapeva solo lei, magari chissà, anche mia madre rivolgeva il pensiero ai ladri!

Rimisi il quadro al suo posto, coprendo quindi la prova dell’esistenza di quella porta azzurra.

Presi il gessetto, era ormai a metà.

“Non ricordavo si consumassero così in fretta!” pensai, riponendolo nella scatola insieme ai suoi compagni.

Ma quella vocina nella testa “e se non fosse un sogno?” continuava a bussarmi sulla spalla.

Se non riuscivo a dimostrare razionalmente che si trattava di un sogno, magari potevo dimostrare per certo che non fosse una “realtà” … è più facile dimostrare di non aver viaggiato nel tempo.

Dimostrando ciò, avrei quindi dimostrato anche che era solo un sogno!

Ragionando per assurdo, quindi ammettendo d’aver viaggiato nel tempo, le sole due cose che erano cambiate in quella serata erano: che non avevo limonato con la psicopatica, e che non avevo partecipato alla rissa.

Dato che non sapevo (e non m’interessava sapere) come contattare la stalker per chiederle se ricordasse d’aver mai baciato il sottoscritto, mi concentrai sul secondo dato cambiato.

La rissa.

Se non avevo partecipato, allora non avrei nemmeno dovuto avere la denuncia e la conciliazione davanti al giudice di pace.

Quelle carte da qualche parte le avevo ancora. Il punto era dove. Forse a casa da mia madre?

La folgorazione. Non mi serviva trovare le carte. Mi bastava chiedere a Gian.

Ignorando totalmente l’orario, gli mandai un messaggio.

Gian è mio amico dai tempi delle medie, non serviva che gli spiegassi niente. Ci siamo fatti domande più strane di:

“Ma la sera della denuncia io esattamente dov’ero?”

In fondo ci avevamo scherzato la sera prima, poteva pure sembrare logico c’avessi riflettuto.

Soddisfatto della mia logica, decisi d’aspettare la risposta di Gian seguendo il piano della lauta colazione.

Ero seduto e mi stavo gustando il mio bombolone alla crema davanti alla gazzetta dello sport, quando il cellulare squillò.

“Ma ti sei drogato?”

Gian con la voce ancora roca dal sonno. Aveva letto il messaggio.

“Se gli zuccheri non contano, no. Perché?”

“Guarda che non c’è nessuna denuncia. Ma era per me quel messaggio?”

Ho recuperato la mascella che mi era caduta a terra.

“La sera del concerto dei Meganoidi” ho sillabato incredulo.

“Ci hanno solo sbattuti fuori… e tu nemmeno c’eri. Stavi fuori con una tipa!”

“Capelli rosa?”

“Boh chi se lo ricorda... forse. Ti sta venendo un ictus?”

“È possibile. Ci sentiamo più tardi. Ora devo chiudere!”

Rimasi lì immobile a guardare ciò che rimaneva del bombolone nella mia mano, arrivando anche a pensare che Gian fosse d’accordo con la zingara.

Che fosse solo un malefico piano per farmi impazzire.

Ma era decisamente una teoria troppo elaborata per essere verosimile.

Mi trovavo davanti al classico caso in cui la soluzione più semplice è anche quella più verosimile.

E stando ai dati che avevo, la più verosimile era che avessi davvero fatto un viaggio nel tempo.

Avevo un intero week end per dimostrarlo, prima di tutto a me stesso.

Motivato come un bambino di 5 anni che corre verso i regali la mattina di Natale, fagocitai il bombolone, bevvi il caffè.

Mi fiondai nella prima cartoleria che trovai aperta per comprare una lavagna (perché imbrattare i muri di casa mi pareva eccessivo) e, in piena crisi da scienziato pazzo, mi dichiarai pronto a dimostrare i viaggi nel tempo!

Mi serviva la prova fisica, reale e concreta che non fosse una minchiata.

Poi, forse avrei iniziato a pensare a come usare quei gessetti.

Presi quello azzurro, già iniziato.

Disegnai una seconda porta azzurra e sopra scrissi “ultimo giorno di Erasmus.”

Il motivo mi era chiaro. Quello era stato il giorno in cui ero stato più vicino in assoluto al volermi fare un tatuaggio.

In quella realtà non me l’ero fatto.

Ma se avessi davvero potuto cambiarla con quel gessetto, se avessi deciso di farmelo, allora al risveglio avrei avuto un tatuaggio.

Incredibilmente, pochi secondi dopo aver disegnato quella porta, mi assalì un gran sonno. Le palpebre mi si chiudevano da sole.

Ed eccomi lì, in quello studio di tatuaggi, con i compagni di quei nove mesi, quelli con cui avevo legato di più.

Ed eccoli, che si stavano tatuando tutti la stessa cosa per ricordarsi di quel periodo insieme.

Una piccola Arpa , simbolo dell’Irlanda.

I tatuaggi mi piacciono, in linea di massima, ma più addosso agli altri che a me stesso. Non mi sento uno da tatuaggio. All’epoca non credevo fosse necessario un tatuaggio per ricordarmi di loro, e negli anni non ho cambiato idea.

Ma ero tornato lì per quello, quindi…

Mi sono tolto la maglia e ho deciso di farmela fare, piccola, in un punto dove non sarebbe stata così visibile. Sul costato, appena sotto l’ascella.

Incredibilmente, non appena quel disegno sulla mia pelle fu completato, la visione iniziò ad offuscarsi.

Era come se il gessetto sapesse esattamente quando farmi uscire da quel viaggio, come se potesse sentire il motivo per cui ci ero voluto tornare. E una volta eseguito ciò che volevo mi risucchiasse via.

Il gessetto azzurro era finito. E appena sotto la mia ascella, una piccola Arpa si vedeva dallo specchio.

Un tatuaggio, con l’inchiostro che sembrava essere lì da molti anni, ma che solo un’oretta prima non esisteva.

La sola parola che riuscivo a pensare era: “Assurdo!”

Questo racconto di è stato letto 1 0 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.