I Gessetti della Strega

Scritto da , il 2021-04-11, genere etero

1

Un giorno, per le vie del centro, ho visto una vecchia zingara. Era seduta per terra, con un bastardino che dormiva sulle sue gambe.

Non avrei saputo darle un età, era troppo sporca e mal concia. Poteva avere 50 anni, come 80.

Davanti a lei un piatto con poche monete, quasi tutte erano da 1 o 2 cent.

Mi ha colpito, perché non aveva nessun cartello per chiedere denaro, e non diceva nulla.

Rimaneva seduta lì, per terra, guardando il suo cane e accarezzandolo dolcemente.

Amo i cani, e amo d’istinto le persone che amano i cani.

E quella donna quel cane lo amava.

Non lo dico solo perché lo stava accarezzando, o lo guardava come fosse la cosa più bella del mondo. So bene che quella poteva essere una sceneggiata.

Ma non poteva essere una recita la ciotola d’acqua vicino a lei, non lo era il suo scialle, appoggiato sulla schiena del cane per tenerlo caldo, né poteva esserlo quel quasi impercettibile movimento della testa del cane verso la mano della donna: un piccolo movimento che solo chi possiede un cane può capire. Quel cercare di spingere il muso vicino al corpo del padrone per sentirne l’odore, e quel calmo sospiro che fanno quando lo trovano e sanno d’essere al sicuro e di poter continuare a dormire.

Fumavo la mia sigaretta saltellando per il freddo, e non riuscivo a distogliere lo sguardo da quel quadro.

Mentre le persone camminavano vicino, ignorandoli, loro erano lì, immobili. Esistevano senza dare fastidio a nessuno, occupando quel poco di spazio che serviva loro per rimanere lì seduti.

Improvvisamente, dal negozio accanto uscì il proprietario, che iniziò ad urlare: “Devi andare via da qui! Tu e quel tuo cagnaccio puzzate! Se non te ne vai chiamo i carabinieri!”

Il bastardino si svegliò bruscamente, e come la sua padrona, guardò l’uomo adirato che gli sbraitava contro.

Avrei dovuto farmi gli affari miei. Probabilmente molti lo avrebbero fatto. Ma per una qualche ragione che non riesco a spiegare, quello sfogo mi sembrava eccessivo e sbagliato.

“E per cosa li faresti venire esattamente i carabinieri?” Le parole mi uscirono dalla bocca senza nemmeno pensarle.

Era già stata un giornata sufficientemente di merda, e ora mi mettevo pure a discutere per una zingara?

“L’accattonaggio è un reato!”

“Non mi sembra stia chiedendo soldi.”

In effetti non lo stava facendo. Non un cartello, e nessuna richiesta esplicita.

“Tu chi cazzo sei, l’avvocato degli zingari?!?”

Giusta osservazione, probabilmente al suo posto l’avrei fatta anche io.

“Può essere. A te cambia qualcosa saperlo?”

Quella donna non era nemmeno davanti alla sua entrata. E, a prescindere da chi fosse, di certo non meritava d’essere aggredita così, per niente.

So che, vicino all’entrata di un’elegante Boutique, una zingara e il suo cane non sono in linea con l’immagine, ma finché non fanno niente per dare fastidio, meritano quel minimo di rispetto che meritano un po’ tutti.

Stizzito, il proprietario tornò dentro al negozio.

Io mi avvicinai alla zingara, che ora, sempre silenziosa, mi guardava dal basso.

Prendendo il portafoglio guardai le banconote che avevo, toccai quella da cinque euro, e poi tirai fuori quella da 20.

Mi chinai, per poterla guardare negli occhi. Il naso del cane si avvicinò per annusarmi.

“I carabinieri non possono multarti per accattonaggio, ma credo li chiamerà comunque. C’è freddo, perché non vai a scaldarti in un posto dove puoi anche mangiare qualcosa?” le ho detto porgendole i 20 euro.

Lei allungò la mano per prendere i soldi.

Il cane la guardò. Lei guardò il cane.

Sembrava stessero facendo un discorso che non potevo sentire.

Feci per rialzarmi e tornare dentro al bar, dove degli amici mi aspettavano per continuare l’aperitivo.

“Aspetta!”

Mi girai, e la vidi in piedi, con il cane seduto ad osservare attento la scena.

Si avvicinò a me.

“Questi sono per te”

Mi stava porgendo una vecchia scatola di gessetti colorati.

“Non serve, ma grazie.”

“Invece devi prenderli, sono un regalo che vogliamo farti.”

“Ok” le risposi, confuso, prendendo in mano la confezione di gessetti.

“Ti possono portare ovunque tu voglia. Disegna una porta, e scrivi la tua destinazione su quella porta. Aspetta, e ti ci ritroverai.”

Doveva essere una pazza, pensai, cercando di capire cosa risponderle.

Il cane abbaiò. Come per ammonirla di non continuare a dire altro.

Lei lo guardò. Poi tornò con i suoi occhi, neri, profondi e inquietanti, su di me.

“Usali bene, o si consumeranno prima che tu possa fare ciò che vuoi davvero.”

S’allontanò da me, lasciandomi li imbambolato e stordito dall’assurdità di quel momento.

La vidi svuotare la ciotola del cane e incamminarsi con il suo fedele amico fra la gente.

“Questa se la racconto non mi credono!” pensai, infilando la scatola di gessetti nella tasca del giaccone e tornando dentro al bar.

Dimenticai quello strano incontro, fino a che tornai a casa e, svuotando le tasche, ritrovai quella confezione di gessetti.

La buttai sul tavolino all’ingresso, insieme alle chiavi della macchina e di casa.

Mi spogliai, andai in cucina, presi una birra e decisi di farmi venire sonno guardando la televisione sul divano.

Ma anche se tentavo di ignorare quell’assurdità, se cercavo di confinarla nel reparto “deliri di una pazza” non riuscivo a non pensare a quei maledetti gessetti colorati.

“Ok! L’unico modo per smettere di pensarci è provare! Dimostriamo che è una minchiata!” pensai, alzandomi per andare a prenderli.

Avevo solo un problema, e non da poco.

Non possedevo una lavagna dai tempi delle elementari!

Ne avevo una in cucina, ma di quelle bianche dove per scrivere serve un pennarello, non un gessetto.

Guardando la parete dietro al divano, il grande quadro, regalo che mi era stato fatto da mia sorella (e che mi faceva schifo) sembrava proporsi per nascondere il disegno di una porta sul muro.

“Forse devono internarmi davvero!” pensai mentre, mettendomi in piedi sul divano, staccavo quel quadro dalla parete.

Lo appoggiai per terra, presi il primo gessetto che mi venne in mano.

Azzurro.

“Vediamo un po’, dove mi piacerebbe andare?”

Iniziai a pensare.

“Chissà se valgono anche momenti del passato. Non l’ha specificato… magari dovrei partire con qualcosa di più facile!”

In piedi, con il gessetto azzurro in mano, pensai in modo analitico a ogni cosa.

Doveva essere un posto che avevo già visto? In cui ero già stato? O poteva essere un posto a caso? Il viaggio sarebbe stato nel presente? nel passato? o potevo anche andare nel futuro?

“Ovunque tu voglia” la voce della zingara girava nella mente.

Era un po’ vago.

“Andiamo! Sparane uno a caso, tanto è una cavolata!” spronai la mia mente.

L’ultimo discorso che avevo fatto con gli amici era stato quella folle serata in quel circolo al concerto Ska.

Avevamo poco più di 20 anni, eravamo molesti e arrabbiati.

Pensavamo ancora di poter spaccare il mondo, e di fare tutto quello che volevamo!

Che coglioni! Però era bello essere quel coglione!

“Ok, Zingara, vediamo se mi riportano li… è lì che voglio essere!”

Disegnai una porta azzurra, e su di essa scrissi “la sera della denuncia per rissa.”

Era un’indicazione piuttosto precisa, dato che è stata l’unica denuncia che ho preso nella mia vita.

La porta era stata disegnata.

Niente.

Ero ancora un pirla in piedi sul divano con un gessetto azzurro in mano e, cosa ben peggiore, una birra sul tavolino che si stava scaldando.

“Ora puoi smettere di pensarci!” mi dissi, tornando a sprofondare sul divano, e lanciando il gessetto che mi era rimasto sul tavolino.

Sorrisi, prendendomi per il culo da solo al pensiero d’averla davvero disegnata quella porta!!!

Poi….

… un secondo prima stavo guardando un documentario sul Gran Canyon, e un secondo dopo…


… il battere e levare di una famosa canzone Ska mi stava rimbombando nelle orecchie, e stavo tenendo in mano un bicchiere di plastica pieno di birra scadente alla spina, circondato da una mandria di persone che mi pogavano intorno…

Questo racconto di è stato letto 1 2 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.