I-Esibizionismo in piscina in una giornata di sole. (il marito, la moglie e due amanti) parte 3

Scritto da , il 2021-04-10, genere etero

I-Esibizionismo in piscina in una giornata di sole.
(il marito, la moglie e due amanti) parte 3


I-Adele
Sole. Tempo giusto per un bagno in piscina. Qualche bracciata e poi sulla sdraio a catturare i raggi del sole. Esco sul patio con l’accappatoio slacciato. Sotto ho dei pantaloncini da bagno. Adele, mia moglie, è dall’altro lato della vasca, sdraiata, il cappello a larghe tese sulla faccia, la mano che sfiora il secchiello del ghiaccio lì accanto.
La vicina di casa, una biondina ricciuta con degli occhiali da sole a forma di cuore, mi saluta. Sta innaffiando i fiori con una canna di gomma e indossa un costume succinto che lascia poco spazio alla fantasia. Carina, penso. Avrà vent’anni e sprizza gioia da tutti i pori. L’età di mia figlia. MA fa sangue comunque.
Mi getto nell’acqua tiepida e comincio a fare qualche bracciata. Dieci vasche e poi fuori dall’acqua. La ragazza è ancora là e fa finta di innaffiare i fiori. Mi osserva con uno strano cipiglio. Forse che è attratta dai maschi più vecchi? Maschi nel pieno vigore fisico, dal petto quasi villoso e lo sguardo di un divo del cinema degli anni 70?
Asciugamano, una bella frizionata, poi mi siedo sulla sdraio accanto a mia moglie. Lei ha un fisico olimpionico: asciutto, snello, un ventre piatto da fare invidia ad una ventenne, bei glutei e un paio di tette misura tre da voler strizzare ad ogni ora della giornata. Mia moglie, sa fare sesso come una navigata amatrice di lungo corso. Riesce a sfiancarmi anche solo dopo venti minuti di allegra e frenetica scopata.
Adele è una donna affascinante, molto desiderata. So che, quando esce di casa per le sue commissioni, si va ad intrattenere con altri uomini, senza nemmeno preoccuparsi di nascondere la sua infedeltà. Anche perché, se ne ho l’occasione, infedelizzo anche io.
Arriva Giovanna, la nostra domestica, nella sua tenuta azzurra con gonna lunga. Giovanna ha trent’anni, pienotta e un viso che mi ricorda una vecchia bambola olandese che vidi esposta in una vetrina ad Amsterdam. Guance piene e floride, occhietti piccoli e azzurri, seno prosperoso, culo ampio,corpo rotondo. Grassoccia ma appetibile. Ci annuncia che sarebbe uscita per fare spesa e poi se ne va. Le guardo il culo mentre si allontana. Ho scoperto che Giovanna non è immune alle mie lusinghe e, in più di un’occasione, si è lasciata palpare il culo e toccare le gambe. Si, sono un inguaribile seduttore e mi compiaccio di questo.
Afferro un cubetto di ghiaccio dal secchiello. Adele non si è ancora mossa. La mia giovane vicina mi sta osservando, ora, con le braccia appoggiate alla staccionata di confinamento. Le elargisco il più accattivante dei miei sorrisi.
Con il cubetto di ghiaccio sfioro la pelle di Adele. Lei contrae e solleva il cappello che ha sul volto, quel tanto che basta per aggrottare le sopracciglia e sorridere “Se vuoi smetto”
“No” e ritorna a rimettersi il cappello sul volto
Io continuo a sfiorare la pelle di Adele con il ghiaccio e, nel contempo, guardo di sottecchi la giovane vicina. Non c’è nessun altro attorno a noi che sbircia. Siamo le uniche due ville in fondo alla strada e ci guardiamo a vicenda il giardino. Dei miei vicini so solo che sono due imprenditori di nome Manfredi e che hanno una figlia di circa 20 anni. Non so nulla di loro. Con la figlia qualche ciao da lontano ma mai nulla di fatto.
Continuo con il ghiaccio, lo faccio scivolare fino all’ombelico dove Adele ha un fremito, piega la schiena , quindi la pancia,verso l’alto “Uh” ride lei “Continua così e, potrei avere delle strane vogli”
“Quanto strane?” chiedo avvitando il cubetto di ghiaccio nel suo ombelico
Lei fa scattare il braccio verso i miei boxer, le mani che si infilano in essi e mi afferrano il sesso già duro. Lo afferra di prepotenza, mentre una scossa percuote anche me e non smetto di giocare con il ghiaccio. Cosa succede se faccio scivolare il cubetto nelle mutandine, fino alle labbra di Adele?
La ragazza ha gli occhi a palla e la bocca aperta in O di meraviglia. Si starà masturbando? Dovrei rompere il ghiaccio e avvicinarmi a lei. Magari a lei piacciono gli uomini maturi. Oppure è vergine? Oppure una super esperta?
Adele me lo stringe e mi stuzzica la punta con l’unghia del suo indice. Il ghiaccio scivola fino al costume e lo insinuo sotto il tessuto. Lei ride come una bambina a cui hanno fatto il solletico. Il ghiaccio scompare sotto e all’interno. Lei si rizza su a sedere sulla sdraio, roteando sul culo e sedendosi di fronte a me. Il cazzo non lo ha ancora mollato. Mi bacia, mi masturba. Io ricambio, le slaccio il reggiseno, le palpo le tette, le strizzo i capezzoli “Spudorato mandrillone” mi dice lei
“Affamata maialina” rispondo
“E’ solo per me questo spettacolo? O lo fai a beneficio della nostra giovane vicina?” ride maliziosa
Io sorrido a mia volta e dico “Mi sento esibizionista”
Lei sorride, mi bacia con passione “Allora non deludiamo il nostro pubblico”
Diavolo se ho voglia di ficcarmici dentro.
In acqua. Un bel tuffo assieme. Un paio di vasche, torniamo verso la zona di partenza. Io la blocco contro il muretto, i boxer che vengono lanciati sul bordo piscina. I suoi slip galleggiano nell’acqua. Baci appassionati, mani che strizzano, io che entro di lei. Sesso subacqueo. Io che pompo come un pistone ad acqua. Adele che grida e ride. La giovane vicina ci osserva rapita. Io le sorrido facendo l’occhiolino. Lei, di rimando, fa scivolare una spallina del suo costume succinto e mi mostra una tetta. Piccola, morbida e succosa.
Finisco con Adele in un orgasmo più che liquido, fatto di acqua e sperma. Mi allontano da lei con un risucchio subacqueo degno di uno stura lavandino. Sì, lo so, non è un’immagine moto poetica.
Adele ride e si fa scivolare giù, strisciando lungo il muro, sott’acqua. Io la seguo, la bacio “Ottima performance” dico “Tra premio oscar del sesso”
“Dovremmo farlo più spesso”
“Abbiamo tutto il giorno”
“Ho quella cena di lavoro” dice lei “Dovrai rimanere solo soletto”
“Sentirò la tua mancanza”
Lei ride “Sono sicura che troverai il modo per distrarti”


II-Luci
Adele se n’è andata lasciandomi quel vuoto di incompletezza. Torno sul patio vicino alla piscina e cerco con lo sguardo la figlia dei vicini. Non la vedo, peccato. Mi stringo nelle spalle e ciabatto fino al secchiello del ghiaccio, ormai sciolto “Ciao”
Alzo lo sguardo. Vicino alla staccionata, la ragazza mi saluta tenendo in mano un bicchiere con un liquido arancione e un ombrellino di carta rosa. Indossa ancora il suo costume integrale.
“Ciao” rispondo “Serve del ghiaccio?”
“Stavo appunto per chiedertelo” sorride lei
Afferro il secchiello e vado verso di lei. Sbircio sospettoso che non ci sono i suoi genitori. Ora chè più vicina posso ammirare meglio il tessuto del suo costume che aderisce perfettamente l suo corpo, il disegno dei seni e dei capezzoli, l’insieme del tutto. “Spiacente, è rimasto poco”
“Forse non dovevi sprecarlo tutto con tua moglie” fa maliziosa
“Guardona”
“Dai, lo sapevi che stavo guardando. Lo hai fatto apposta”
“L’abbiamo fatto apposta”
“Siete due vecchi sporcaccioni”
“Ehi, ho quarantenni” faccio fintamente offeso
“Io ne ho venti e mi chiamo Luci”
“Nome curioso”
“Lucia. Ma il diminutivo mi piace di più”
“Sì, Luci”
Lei tuffa una mano nel secchiello e ne pesca un cubetto. Ma non lo mette nel bicchiere. Prende a succhiarlo come se si trattasse di un lollipop. Sensuale, con la lingua che, lenta, ne saggia la superficie. Dio se me lo fa venire duro . Poi Lo sposta verso gli slip e lo fa scomparire all’interno. Con un fremito, senza pudore, si masturba con lui davanti a me. Di colpo mi si rizza nei pantaloncini da bagno e mi viene l’insaziabile voglia di farmelo succhiare
Giovanna sceglie quel momento per rientrare e annunciare che avrebbe iniziato a pulire la camera da letto. Accidenti a lei.
“I miei genitori rientrano sul tardi” mi strizza l’occhio “Molto sul tardi”
“Anche mia moglie”
“Tradiresti tua moglie?”
“Lei lo fa con me. Il suo tardi dal lavoro è che si va a sbattere con qualche suo collega”
“Potrei passare da te con una scusa ma, con la matrioska come si fa?”
“Giovanna tutto burro e panna”
“Oh” fa lei “Ti scopi anche lei?”
“A volte, per far passare il tempo” sorrido
“Vorrei che tu lo fai passare con me”
“Quando e dove vuoi”
Le beve il suo cocktail e mi guarda maliziosa. Abbassa la mano verso lo slip, ci fruga dentro ed estrarre il cubetto di ghiaccio che si era infilata lì. Lo annusa e lo porge verso di me , lo abbassa verso i miei boxer e lo strofina sul mio uccello. Poi ritrae la mano e mette il cubetto nella bevanda “Io e te insieme”

III-Giovanna
Come dicevo, quando mia moglie non c’è e non ho altro modo di sfogarmi, vado da Giovanna. Come ho detto prima, Giovanna è sul tipo robusto, grassoccia ma non brutta. Il genere di donna molto formosa e morbida, dal culo grande e pastoso dove rischi di precipitarci dentro, dalle tette enormi che ti soffocano e dalla vagina famelica con il rischio che te lo asciughi.
E’ in camera da letto, chinata a novanta che mette a posto i copri letti.
Standard, a cazzo snudato, le arrivo da dietro afferrandola per i fianchi, le mani che affondono nei rotolini e il cazzo che affonda d’impeto come lo sperone di una galera nella chiglia di una nave più grande.
Lei emette un urletto ma non si distoglie, sa com’è il gioco. Finge sottomissione, si lascia perforare ed emette versi da degna pornostar. Ci do dentro fino a che non sento delle fitte ai reni e sto per venire. Mi scosto quel tanto che mi basta per bloccare la fuoriuscita di sperma e spostarmi in bagno. Eiaculo con forza dirompente, tiro l’acqua, me lo pulisco con sapone alla fragola.
Torno di là e la trovo sdraiata sul tavolino che uso la mattina, per scrivere i miei articoli. Sdraiata, gambe aperte e all’aria, la fica ben rasata.
Io entro dentro di lei, afferrando le sue grandi cosce e ci do’ dentro stantuffando come un dannato. Così funziona con lei. Sesso violento e selvaggio. Nessun bacio, niente coccole del prima o del dopo. Solo culo, fica, bocca. Lei trema tutta, sembra un gigantesco budino alla crema pronto per essere divorato.
Quando esplodo dentro di lei, sudato e spossato, lei ha la forza di mettersi in piedi e inginocchiarsi davanti a me, ingoiandomelo e succhiandomelo come se me lo volesse asciugare fino all’osso.
“Diavolo” mi lascio cadere sulla sedia e guardo l’orologio appeso sopra la testiera del letto. Quasi mezzogiorno “Uno di questi giorni mi prosciugherai senza lasciare traccia”
“Vorrà dire che mi troverò un altro padrone da sbattere” sorride lei andando in bagno
Squilla il telefono. E’ Adele che mi avverte che rimarrà fuori a mangiare. In sottofondo si ode il rumore di una risacca marina e le urla dei gabbiani. O sono a Ticino, o sono al mare, magari a Varazze dove abbiamo la seconda casa. “Tornerò dopo cena” Saluti, baci, ciao
Giovanna esce dal bagno dieci minuti dopo. Si rimette a lavorare come se nulla fosse. In bagno, doccia, frizionatura in ogni dove.

IV-Luci
Suona il campanello. Sono caduto in uno stadio di torpore bradi pesco. Mi muovo al rallentatore. Mezzogiorno e dieci. Giovanna si affaccia sulla porta della camera da letto e mi annuncia “La giovane vicina ti cerca” lo dice arricciando il naso e con una punta di simil gelosia.
Luci, in un vestitino rosso che le lascia scoperto le braccia e un pezzo di schiena. Ha una mini da urlo che le fa intravedere le mutandine e calza dei sandaletti stile Heidi delle montagne. Da come le si appiccica il vestito addosso direi che non indossa reggiseno.
Io più casual,pantaloncini da bagno, rossi a quadretti blu, una t Shirt color banana e infradito da spiaggia. L’uccello si agita inquieto “Luci. Cosa posso fare per te?”
“Beh, ho fatto la sfacciata e mi sono auto invitata” sorride lei “Ho portato qualcosa da mangiare” esibisce un cestino da pic nic “Eviterei di stare a bordo piscina. Sai mai che i miei tornino prima del previsto”
“Ma se tornano e non ti vedono?”
“Ho detto che andavo da un’amica. E l’amica regge il gioco del giro in bici in campagna. E tua moglie?”
“Dopo cena. Credo sia nella nostra seconda casa a Varazze”
“Anche tu la casa a Varazze”
“Anche tu?”
“E’ l’unico posto dove puoi trovare la più alta concentrazione di pavesi. Insieme ai milanesi ma, quelli, li trovi d’dappertutto” ride “Non sono brava come cuoca. Ho preparato dei panini e un paio di insalate”
“Quindi, come vuoi procedere? Quattro chiacchiere, pic nic e poi?”
“Lo sai già. Poi sesso”



parte 2

I-Luci
“Squisiti” i panini erano buoni. Un perfetto equilibrio di sapori, niente di invadente, troppo piccante o salato. Un mix perfetto. Sarà così anche per lei? Un delicato equilibrio di emozioni, di passione, di sesso?
Ci siamo messi vicino alla vetrata che domina la piscina. Abbastanza lontani per non essere scorti dalla staccionata di confine e abbastanza vicini da potere ammirare le acque chiare della piscina. Il sole alto nel cielo privo di nuvole.
E il piede di lei che mi ha stuzzicato per tutto il tempo del nostro pranzo. Con Giovanna che entrava ed usciva dalla sala, lanciandoci occhiate ammonitrici con un pizzico di gelosia
“Mi da’ l’idea di un grosso San Bernardo pronto ad azzannarci” commenta Luci
“Tranquilla, ho l’osso giusto per tenerla buona” sorrido “Dunque, Luci, che fai di bello?”
“Studio medicina” dice lei “Voglio specializzarmi in ginecologia”
“Uhm, interessante” dico
“Lo sarà per te che sei un maschio. Tutto il giorno a guardar fiche giovani o vecchie”
“Mm, disgustoso”
“Oggi puoi farlo anche tu il ginecologo” e, prima ancora di chiederle in che senso, lei si alza, si sfila in un’unica mossa i suoi vestiti e corre fuori, nuda. Sul bordo si lancia verso la piscina, un delfino che fende l’acqua chiara, un corpo snello e tonico, un bel culo, la visione veloce della sua fichetta perfettamente rasata.
E mi fermo sul patio, a sorseggiare un cocktail ed ammirare la sinuosità del suo corpo, le bracciate, le sue gambe affusolate che percuotono l’aria.
Poi lei esce, gocciolante, con i rivoli che scendono in mille perle liquide. Alcune scivolano sulla pelle, altre precipitano al suolo. Altre ancora indugiano sui capezzoli, nell’ombelico, tra le gambe. Mi abbraccia e mi bacia, premendo forte il suo corpo contro di me. Io che ricambio a lingua dura, le mani sui fianchi che si muovono frenetici e il cazzo che si gonfia a dismisura nei pantaloncini. Le strizzo le tette, gioco coi capezzoli come fossero joystick. Lei armeggia con i miei pantaloncini, li fa cadere a terra, cerca il mio uccello. Lo trova, lo afferra, lo masturba, mi manda in estasi.
Qualcosa in me esplode. L’afferro e la metto sul tavolo dove abbiamo consumato il nostro pranzo. Lei ride e allarga le gambe, io entro d’impeto e la possiedo in maniera selvaggia. Ogni colpo è un fuoco d’artificio nella mia mente. Dimentico Giovanna, Adele, Sabrina, Laura, Carla, Luana, la lunga lista delle amanti occasionali, moglie, semplici avventure.
Esplodo con furia selvaggia dentro di me. Lei che ansima e si aggrappa alle mie spalle “Fuoco puro” sussurra lei
Solo dopo mi rendo conto di Giovanna, sulla soglia, che si è masturbata guardandoci

II-Adele
Adele è tornata tardi la sera. Quasi mezzanotte. Io sono a letto, coricato su un fianco, nudo. La cavalcata con Luci si è protratta altre tre volte. Il fuoco che arde quella ragazza è indomabile e mi prosciuga anche i sentimenti. Giovanna si è occupata di me dopo che la ragazza se n’è andata. Non era arrabbiata, non aveva quell’atteggiamento da finta offesa che tiene sempre. Si è limitata a farmi un pompino veloce e se n’è andata “Preparo per stasera”
Alla sera sono rimasto tranquillo. Giovanna se n’è andata subito dopo avermi servito la cena. Roast beef e patate e un insalata di pomodori come secondo. Esausto. Ho guardato un po’ di TV, ho letto un libro di Asimov, poi a letto. Doccia, prima. Nudo sotto le coperte, in un stato di dormiveglia, ho sognato un harem di procaci fanciulle, mega tette, vogliose del mio uccello. Un sogno hentai vivido e accattivante.
Mi sono svegliato con il corpo nudo di Adele che struscia sulla mia schiena, il suo braccio destro che mi passa sul fianco, la sua mano che si serra attorno al mio uccello. “Sei sveglio”
“Sì, ora sì”
“Andata bene la giornata?”
“Magnificamente”
“Te la sei fatta?”
Non le rispondo subito. Domanda con una domanda “E tu, la tua cena di ‘lavoro’?”
Mi morde la spalla usando le labbra “Continuiamo a fingere che siamo una coppia perfetta”
“E lo siamo”
“Quando siamo in casa io e te”
“Ho accettato questa situazione da tempo. E tu pure”
“All’inizio ero infastidita. Gelosa”
“Idem”
“Siamo strani”
“Non siamo soli”
“Allora, te la sei fatta?”
“Sì”
“Com’è stato?”
“esplosiva”
“Una volta sola?”
“Tre”
“E con Giovanna?”
“Un paio di volte”
“Devo recuperare”
“Non sei stanca?”
“Tu non lo sei”
Mi sdraio, aspetto che lei scivoli e si metta a cavallo. Bellissima si erge come una dea pronta per essere adorata. Le mie mani sui fianchi, le che mi accarezza il petto, mi stuzzica il ventre, muove appena il bacino ma senza che io le entri dentro “Sai, pensavo” dice lei continuando a dimenarsi “E se facessimo un poker domani sera?”
“Beh, non sono molto bravo a carte”
“Non fare lo sciocco. Intendevo un incontro a quattro”
“Un’orgia?”
“Tu contro tre femmine focose”
“Hai qualche nome?”
“Io, la tua giovane amante e Giovanna”
“Avete intenzione di spolparmi l’uccello?”
“Oh, credo che ne avremmo cura” mi afferra l’uccello e lo guida dentro di me. Un leggero mugolio prolungato. Fatto apposta perché sa, che a me fa andare in palla quel mugolio. E lascia che le sue grandi labbra avvolgano il mio desiderio. Lentamente, inesorabilmente, vengo risucchiato dentro di lei

III- Janelle, Luci e Adele.
Mi risveglio con il profumo di uova al tegamino. Ho un cuscino sulla faccia e le lenzuola sono una massa avvolta sopra di me. Tolgo il cuscino e mi rizzo sui gomiti, sbattendo gli occhi e sbadigliando a dismisura “Il ruggito della foresta” la vocina di Luci. E’ seduta su una sedia di fronte al mio letto con in mano una grossa tazza fumante. Sulla tazza c’è Topolino che sorride con un Happy Smile, baby. Luci indossa dei pantaloncini che, sono talmente corti, da assomigliare a delle mutande. Ha l’ombelico scoperto e la camicia ha i lembi annodati appena al di sotto del seno.
Io, naturalmente, sono nudo con l’uccello già bello sveglio e pronto a spiccare il volo. “Buongiorno”
“Bello pimpante a quanto vedo”
“Quando sei entrata?”
“Una decina di minuti fa”
“Mi ha preparato la colazione?”
“No, è stata tua moglie”
“Adele?”
“Mi ha chiamato lei. Mi ha detto dell’evento di stasera”
“C’è un evento stasera?”
Adele si affaccia sulla soglia della camera da letto. Indossa una lunga camicia che le arriva fino alle ginocchia e un paio di pantofole a forma di coniglio. “ben svegliato”
Poi, la nebbia si dirada nel mio cervello e ricordo della proposta di Adele sull’orgia “Il poker” mi tiro a sedere sul letto “Mi ero completamente dimenticato” mi alzo ed entro in bagno. Doccia, pipì, denti, profumo, camera da letto, nudo. Adele e Luci sembra non si siano mosse, in attesa che mi ripresenti “Adele è una donna simpatica, capisco perché l’hai sposata” commenta Luci
“Mi fa piacere che avete legato” rispondo “Allora, che si fa?”
“Oggi è sabato, niente lavoro. Giovanna non è disponibile per stasera. Ma, ha detto che manderà sua sorella”
Un’altra morbidosa “Come si chiama?”
“Janelle” risponde Adele “E’ di là in cucina, che si sta servendo la colazione”
Ah” faccio incamminandomi verso la cucina
“Non ti metti almeno i boxer?”
“Perché mai? Se poi dobbiamo fare mucchio..”
“Dai, lascia un po’ di mistero” Adele mi porge un paio di boxer rossi a quadretti blu e si allontana sculettando
“Peccato, mi piaceva vederti così come sei” si alza e segue Adele in cucina. Bene, mi dico, andiamo a conoscere la paffuta sorella di Giovanna.


Ma paffuta non lo è. Mi ritrovo una sosia di Sandra Bullock, coi capelli rossi invece di quelli neri. Occhi di un profondo indaco e un fisico atletico senza un’ombra di grasso. Tette ben proporzionato, almeno una terza misura, capezzoli come bottoni e capezzoli piccoli. Si è messa comoda, seduta al tavolo, indossando solo un bikini rosa e porpora. La mia testa si fa la stessa domanda =Come sarà là sotto?=
“Ciao” dice lei masticando una fetta biscottata con sopra una marmellata
“Ciao” esibisco il mio sorriso Colgate e mi siede davanti a lei. Da dietro,Adele, mi da una pacca sul sedere “Dunque, sei la sorella di Giovanna”
“Lo so, io e lei siamo gemelle perfette” mi guarda seria poi scoppia a ridere “Giovanna mi ha parlato così tanto di te che, beh, mi sembra di conoscerti”
“E che ti dice Giovanna di me?”
Janelle guarda Adele, un po’ indecisa “Che hai un super cazzo e sei instancabile come un mandrillo in pieno calore”
“Descrizione che calza a pennello” commenta Adele
“Confermo”
Ok, sembra strano ma, mi sento un po’ in imbarazzo “Di te, però, non mi ha mai parlato”
“Forse perché lei è un po’ possessiva nei confronti dei ragazzi che si porta a casa. Ho la tendenza di scoparmeli”
“Senza mezzi termini”
Sento il suo piede allungarsi sotto il tavolo e appoggiarsi al mio pacco. Ho uno scatto impercettibile e noto che Adele e Luci se ne sono accorte. Mi rivolgo a Luci “Che scusa hai usato per i tuoi?”
“Nessuna scusa. Adele ha detto che mi avete invitata per cena e la cosa è finita lì” fa spallucce
“Va bene. Cosa si fa nel frattempo, mentre si aspetta il dopo cena?” chiede JAnelle
“Abbiamo una piscina. Usiamola. Ma prima, direi che si va a fare shopping” dice Adele “Non possiamo beccarci una congestione in vista del poker di stasera, no?” strizza l’occhio “Vieni con me, Luci?”
“Certo”
“Io passo” dice JAnelle “Se non ti spiace Adele, preferisco rimanere qui e scambiare due chiacchiere con tuo marito”
Un lampo elettrico veloce attraversa gli occhi di Adele. Sa che cosa ha in mente Janelle. E sa che io non mi tirerò indietro. Ma, d’altronde, le ha riunite qui per il sesso, no?

“Quindi” fa lei venendosi a sedere accanto a me sul divano “Sei un Casanova”
“Fa parte del mio fascino”
“bene, signor Fascino. Che ne diresti se nell’attesa, proviamo a conoscerci un po’ meglio?”
“Lo farò” mi sfilo i boxer e resto nudo di fronte a lei “Se ti metti comoda anche tu”
Lei si sfila il reggiseno e le mutandine. Sotto, un taglio succoso con poca peluria attorno. “Parlare”
“Sì, parlare” mi siedo di fianco a lei


parte 3

I-Janelle

Janelle ha una parlantina molto fluida, che ti cattura. Starei ore a parlare con lei. Ho tenuto la mano sul cazzo per tutto il tempo che abbiamo parlato nudi sul divano. Quando parlava lei, la mia mano si muoveva su e giù sul sesso, accarezzandolo.
Due ore senza sesso. Con una meravigliosa creatura nuda davanti e l’uccello in mano: nemmeno un bacio, una carezza, un pompino.
Siamo stati lì a parlare, argomenti vari, a volte seri, a volte no. Fino a che non sono tornate Adele e Luci cariche di borse della spesa. “Oh” fa Luci
“Oh” fa Adele “C’è qualcosa che non va in quello che vedo”
“No, niente” rispondo
“Non avete l’aria di chi ha fatto sfrenato” commenta Luci
“Perché non lo abbiamo fatto” dice Janelle “Tuo marito è stato un gran Signore”
“E Janelle una gran Signora” Mi pentirò a vita per non essermi lasciato andare ai miei istinti primordiali, affondare la faccia tra le sue grandi labbra e beneficiare del suo nettare, farmi spampinare in maniera selvaggia, scopare come se non esistesse un domani.
Invece, due ore con il cazzo in mano a parlare. E, devo essere sincero, mi sento bello rilassato come non mi capita da molto. Ecco, Janelle è la moglie ideale. Strano che lo affermi su una persona che conosco da solo due ore
“Questo è strano da te” commenta Adele “Stai male?”
“No, sto benissimo. JAnelle è una ragazza fantastica”
Janelle sorride “Credo che stasera mi ritirerò presto”
“Oh” faccio deluso “Resto per cena ma, rimanderò ad un incontro prossimo futuro, se a te va bene”
“Oh, va bene” dico un po’ spiazzato. Niente poker d’orgia, ma solo un tris.
“Senza offesa” dice JAnelle ad Adele
“No, nessuna offesa” sorride

La cena procede bene. Adele cucina in maniera deliziosa e, alla fine, siamo tutti soddisfatti. Luci mi ha stuzzicato tutto il tempo con il piede, palpandomi i coglioni e l’uccello. “Quindi, neanche una sega?” mi chiede Adele in un attimo di pausa.
Siamo in bagno e ci stiamo dando una sciacquata “no ed è strano. Mi starà accadendo qualcosa?”
“JAnelle ha un corpo favoloso. Avrei voluto provare a possederla” dice Adele. Così, appoggiata al bordo del lavandino mentre si lava i denti, nuda, ad eccezione di una giacchetta corta, stile croupier, aperta sul davanti, il culo bello e tondo che sporge verso di me
L’afferro da dietro, le mani sui fianchi e glielo appoggio senza entrare. Lei fa un “Oh” di sorpresa e io comincio a muovermi tra le sue chiappe, spingendo ma non entrando “Uh, hai voglia di concludere?”
“Non so come farei un’orgia ma, so come prendervi ad uno a d uno. E tu” l’afferro e la giro, la guardo dritta negli occhi mentre con le dita le cerco la fica “Tu sei la regina della mia casa” entro in lei e comincio a muovermi lento ma deciso
La porta è aperta e Luci con JAnelle fanno capolino “Oh” fa Luci
“Però” sorride JAnelle
“Non ne potevi più?” fa Luci “Potevi chiamarci”
“Ah, è solo un riscaldamento” rispondo bloccandomi dentro Adele
“Avete bisogno del bagno?” chiedo
“Non particolarmente” risponde JAnelle
“Volevamo sapere perché ci mettevate così tanto e, mistero risolto”
Mi stacco da Adele “Andiamo in salotto, staremo più comodi”

E’ stato strano. Il sesso tra me e Adele. Luci e JAnelle si sono sistemate su due sedie e si sono messe a guardare noi due che facevamo sesso. Luci ha scovato una scatola di pop corn e le ha offerte a Janelle.
In definitiva, Janelle ha optato per rimanere. Non avrebbe partecipato all’orgia poiché, a detta sua, era meglio che mi gustasse in solitaria. E Luci ha approvato la decisione di JAnelle dicendo che sarebbe passata il giorno dopo per farsi frullare la passera, parole sue.
Dicevo, è stato strano. Io e Adele sul divano a scopare. Anzi, a fare all’amore, lento e sensuale, nulla di frenetico ma, per dirla in maniera poetica =Come se i nostri corpi fluissero uno nell’altro in un dolce moto delle onde =
“Wow, è stato orgasmico” esulta Luci poggiando il bicchiere in cartone dei pop corn su un tavolo
“Veramente appagante” annuisce JAnelle “Mi aspetto qualcosa di simile, uomo”
“Sì, l’ avevo immaginato” rispondo

E’ quasi mezzanotte. Luci è la prima che se ne va. Ci saluta con baci e abbracci. A me strizza l’uccello “A domani e, grazie per la serata”
Janelle ci saluta poco dopo “Una bella e insolita serata” ci abbraccia “Giovanna sarà incredula quando le dirò che non ho fatto sesso con voi”
“MM, sarà insopportabile domani” commento
E rimaniamo soli. La guardo negli occhi e le dico “E’ stato fantastico prima, sul divano”
“Che ne dici se lo facciamo dopo nel letto?”
“Dico che è romantico” la bacio
E sì, è stata una giornata strana. La famosa orgia, il poker di sesso, è finito in niente. Ma un niente fantastico che merita di essere ripetuto. Con Janelle, Luci, Adele.
Domani è un altro giorno, dicevano in quel film e, francamente, me ne infischio. Domani con Luci, nuda e fresca. Con Janelle che non so ancora come finirà. Con Giovanna a far sesso violento. E con Adele, mia adorata moglie e sensuale amante.
Tutto sommato, un sabato da poter rifare. Magari fuori, all’aria aperta, attorno alla piscina, mentre tutti ci osservano.

=FINE=

((Ecco, ho fatto un errore e, invece di copiare la terza parte, è venuta dentro tutta la saga.. Ho messo un po' a posto e.. beh, vediamo quanta gente c'è che arriva fino in fondo. Aspetto commenti, anche spietati))



Questo racconto di è stato letto 8 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.