I-Esibizionismo in piscina in una giornata di sole. (il marito, la moglie e due amanti) parte 3

Scritto da , il 2021-04-09, genere etero

I-Esibizionismo in piscina in una giornata di sole.
(il marito, la moglie e due amanti) parte 2

I-Luci
“Squisiti” i panini erano buoni. Un perfetto equilibrio di sapori, niente di invadente, troppo piccante o salato. Un mix perfetto. Sarà così anche per lei? Un delicato equilibrio di emozioni, di passione, di sesso?
Ci siamo messi vicino alla vetrata che domina la piscina. Abbastanza lontani per non essere scorti dalla staccionata di confine e abbastanza vicini da potere ammirare le acque chiare della piscina. Il sole alto nel cielo privo di nuvole.
E il piede di lei che mi ha stuzzicato per tutto il tempo del nostro pranzo. Con Giovanna che entrava ed usciva dalla sala, lanciandoci occhiate ammonitrici con un pizzico di gelosia
“Mi da’ l’idea di un grosso San Bernardo pronto ad azzannarci” commenta Luci
“Tranquilla, ho l’osso giusto per tenerla buona” sorrido “Dunque, Luci, che fai di bello?”
“Studio medicina” dice lei “Voglio specializzarmi in ginecologia”
“Uhm, interessante” dico
“Lo sarà per te che sei un maschio. Tutto il giorno a guardar fiche giovani o vecchie”
“Mm, disgustoso”
“Oggi puoi farlo anche tu il ginecologo” e, prima ancora di chiederle in che senso, lei si alza, si sfila in un’unica mossa i suoi vestiti e corre fuori, nuda. Sul bordo si lancia verso la piscina, un delfino che fende l’acqua chiara, un corpo snello e tonico, un bel culo, la visione veloce della sua fichetta perfettamente rasata.
E mi fermo sul patio, a sorseggiare un cocktail ed ammirare la sinuosità del suo corpo, le bracciate, le sue gambe affusolate che percuotono l’aria.
Poi lei esce, gocciolante, con i rivoli che scendono in mille perle liquide. Alcune scivolano sulla pelle, altre precipitano al suolo. Altre ancora indugiano sui capezzoli, nell’ombelico, tra le gambe. Mi abbraccia e mi bacia, premendo forte il suo corpo contro di me. Io che ricambio a lingua dura, le mani sui fianchi che si muovono frenetici e il cazzo che si gonfia a dismisura nei pantaloncini. Le strizzo le tette, gioco coi capezzoli come fossero joystick. Lei armeggia con i miei pantaloncini, li fa cadere a terra, cerca il mio uccello. Lo trova, lo afferra, lo masturba, mi manda in estasi.
Qualcosa in me esplode. L’afferro e la metto sul tavolo dove abbiamo consumato il nostro pranzo. Lei ride e allarga le gambe, io entro d’impeto e la possiedo in maniera selvaggia. Ogni colpo è un fuoco d’artificio nella mia mente. Dimentico Giovanna, Adele, Sabrina, Laura, Carla, Luana, la lunga lista delle amanti occasionali, moglie, semplici avventure.
Esplodo con furia selvaggia dentro di me. Lei che ansima e si aggrappa alle mie spalle “Fuoco puro” sussurra lei
Solo dopo mi rendo conto di Giovanna, sulla soglia, che si è masturbata guardandoci

II-Adele
Adele è tornata tardi la sera. Quasi mezzanotte. Io sono a letto, coricato su un fianco, nudo. La cavalcata con Luci si è protratta altre tre volte. Il fuoco che arde quella ragazza è indomabile e mi prosciuga anche i sentimenti. Giovanna si è occupata di me dopo che la ragazza se n’è andata. Non era arrabbiata, non aveva quell’atteggiamento da finta offesa che tiene sempre. Si è limitata a farmi un pompino veloce e se n’è andata “Preparo per stasera”
Alla sera sono rimasto tranquillo. Giovanna se n’è andata subito dopo avermi servito la cena. Roast beef e patate e un insalata di pomodori come secondo. Esausto. Ho guardato un po’ di TV, ho letto un libro di Asimov, poi a letto. Doccia, prima. Nudo sotto le coperte, in un stato di dormiveglia, ho sognato un harem di procaci fanciulle, mega tette, vogliose del mio uccello. Un sogno hentai vivido e accattivante.
Mi sono svegliato con il corpo nudo di Adele che struscia sulla mia schiena, il suo braccio destro che mi passa sul fianco, la sua mano che si serra attorno al mio uccello. “Sei sveglio”
“Sì, ora sì”
“Andata bene la giornata?”
“Magnificamente”
“Te la sei fatta?”
Non le rispondo subito. Domanda con una domanda “E tu, la tua cena di ‘lavoro’?”
Mi morde la spalla usando le labbra “Continuiamo a fingere che siamo una coppia perfetta”
“E lo siamo”
“Quando siamo in casa io e te”
“Ho accettato questa situazione da tempo. E tu pure”
“All’inizio ero infastidita. Gelosa”
“Idem”
“Siamo strani”
“Non siamo soli”
“Allora, te la sei fatta?”
“Sì”
“Com’è stato?”
“esplosiva”
“Una volta sola?”
“Tre”
“E con Giovanna?”
“Un paio di volte”
“Devo recuperare”
“Non sei stanca?”
“Tu non lo sei”
Mi sdraio, aspetto che lei scivoli e si metta a cavallo. Bellissima si erge come una dea pronta per essere adorata. Le mie mani sui fianchi, le che mi accarezza il petto, mi stuzzica il ventre, muove appena il bacino ma senza che io le entri dentro “Sai, pensavo” dice lei continuando a dimenarsi “E se facessimo un poker domani sera?”
“Beh, non sono molto bravo a carte”
“Non fare lo sciocco. Intendevo un incontro a quattro”
“Un’orgia?”
“Tu contro tre femmine focose”
“Hai qualche nome?”
“Io, la tua giovane amante e Giovanna”
“Avete intenzione di spolparmi l’uccello?”
“Oh, credo che ne avremmo cura” mi afferra l’uccello e lo guida dentro di me. Un leggero mugolio prolungato. Fatto apposta perché sa, che a me fa andare in palla quel mugolio. E lascia che le sue grandi labbra avvolgano il mio desiderio. Lentamente, inesorabilmente, vengo risucchiato dentro di lei

III- Janelle, Luci e Adele.
Mi risveglio con il profumo di uova al tegamino. Ho un cuscino sulla faccia e le lenzuola sono una massa avvolta sopra di me. Tolgo il cuscino e mi rizzo sui gomiti, sbattendo gli occhi e sbadigliando a dismisura “Il ruggito della foresta” la vocina di Luci. E’ seduta su una sedia di fronte al mio letto con in mano una grossa tazza fumante. Sulla tazza c’è Topolino che sorride con un Happy Smile, baby. Luci indossa dei pantaloncini che, sono talmente corti, da assomigliare a delle mutande. Ha l’ombelico scoperto e la camicia ha i lembi annodati appena al di sotto del seno.
Io, naturalmente, sono nudo con l’uccello già bello sveglio e pronto a spiccare il volo. “Buongiorno”
“Bello pimpante a quanto vedo”
“Quando sei entrata?”
“Una decina di minuti fa”
“Mi ha preparato la colazione?”
“No, è stata tua moglie”
“Adele?”
“Mi ha chiamato lei. Mi ha detto dell’evento di stasera”
“C’è un evento stasera?”
Adele si affaccia sulla soglia della camera da letto. Indossa una lunga camicia che le arriva fino alle ginocchia e un paio di pantofole a forma di coniglio. “ben svegliato”
Poi, la nebbia si dirada nel mio cervello e ricordo della proposta di Adele sull’orgia “Il poker” mi tiro a sedere sul letto “Mi ero completamente dimenticato” mi alzo ed entro in bagno. Doccia, pipì, denti, profumo, camera da letto, nudo. Adele e Luci sembra non si siano mosse, in attesa che mi ripresenti “Adele è una donna simpatica, capisco perché l’hai sposata” commenta Luci
“Mi fa piacere che avete legato” rispondo “Allora, che si fa?”
“Oggi è sabato, niente lavoro. Giovanna non è disponibile per stasera. Ma, ha detto che manderà sua sorella”
Un’altra morbidosa “Come si chiama?”
“Janelle” risponde Adelle “E’ di là in cucina, che si sta servendo la colazione”
Ah” faccio incamminandomi verso la cucina
“Non ti metti almeno i boxer?”
“Perché mai? Se poi dobbiamo fare mucchio..”
“Dai, lascia un po’ di mistero” Adele mi porge un paio di boxer rossi a quadretti blu e si allontana sculettando
“Peccato, mi piaceva vederti così come sei” si alza e segue Adele in cucina. Bene, mi dico, andiamo a conoscere la paffuta sorella di Giovanna.


Ma paffuta non lo è. Mi ritrovo una sosia di Sandra Bullock, coi capelli rossi invece di quelli neri. Occhi di un profondo indaco e un fisico atletico senza un’ombra di grasso. Tette ben proporzionato, almeno una terza misura, capezzoli come bottoni e capezzoli piccoli. Si è messa comoda, seduta al tavolo, indossando solo un bikini rosa e porpora. La mia testa si fa la stessa domanda =Come sarà là sotto?=
“Ciao” dice lei masticando una fetta biscottata con sopra una marmellata
“Ciao” esibisco il mio sorriso Colgate e mi siede davanti a lei. Da dietro,Adele, mi da una pacca sul sedere “Dunque, sei la sorella di Giovanna”
“Lo so, io e lei siamo gemelle perfette” mi guarda seria poi scoppia a ridere “Giovanna mi ha parlato così tanto di te che, beh, mi sembra di conoscerti”
“E che ti dice Giovanna di me?”
Janelle guarda Adele, un po’ indecisa “Che hai un super cazzo e sei instancabile come un mandrillo in pieno calore”
“Descrizione che calza a pennello” commenta Adele
“Confermo”
Ok, sembra strano ma, mi sento un po’ in imbarazzo “Di te, però, non mi ha mai parlato”
“Forse perché lei è un po’ possessiva nei confronti dei ragazzi che si porta a casa. Ho la tendenza di scoparmeli”
“Senza mezzi termini”
Sento il suo piede allungarsi sotto il tavolo e appoggiarsi al mio pacco. Ho uno scatto impercettibile e noto che Adele e Luci se ne sono accorte. Mi rivolgo a Luci “Che scusa hai usato per i tuoi?”
“Nessuna scusa. Adele ha detto che mi avete invitata per cena e la cosa è finita lì” fa spallucce
“Va bene. Cosa si fa nel frattempo, mentre si aspetta il dopo cena?” chiede JAnelle
“Abbiamo una piscina. Usiamola. Ma prima, direi che si va a fare shopping” dice Adele “Non possiamo beccarci una congestione in vista del poker di stasera, no?” strizza l’occhio “Vieni con me, Luci?”
“Certo”
“Io passo” dice JAnelle “Se non ti spiace Adele, preferisco rimanere qui e scambiare due chiacchiere con tuo marito”
Un lampo elettrico veloce attraversa gli occhi di Adele. Sa che cosa ha in mente Janelle. E sa che io non mi tirerò indietro. Ma, d’altronde, le ha riunite qui per il sesso, no?

“Quindi” fa lei venendosi a sedere accanto a me sul divano “Sei un Casanova”
“Fa parte del mio fascino”
“bene, signor Fascino. Che ne diresti se nell’attesa, proviamo a conoscerci un po’ meglio?”
“Lo farò” mi sfilo i boxer e resto nudo di fronte a lei “Se ti metti comoda anche tu”
Lei si sfila il reggiseno e le mutandine. Sotto, un taglio succoso con poca peluria attorno. “Parlare”
“Sì, parlare” mi siedo di fianco a lei


=Fine seconda parte=

Questo racconto di è stato letto 1 7 7 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.