Celestino Cap.: XIII Preparativi

Scritto da , il 2021-03-04, genere gay

Cap.: XIII
Preparativi

Sogna
È quasi mattino: sono le prime ore del giorno, nelle quali - come dice il taoismo - la Terra respira e l'aria è pervase da energie positive, benefiche per l'organismo dei viventi.
Tutto tace, tutto è silenzio. Non un passante, non un rumore, all'infuori di quello della pioggia; anche se è quasi cessata e tuttavia continua, sotto forma di cento e cento rivoli che scorrono incessanti, monotoni eppure bellissimi, da infinite grondaie, e si perdono poi giù, nel chiarore del primo mattino. Ce n'è uno, in particolare, che sovrasta tutti gli altri: ha un suono strano, intermittente, molto forte: l'acqua scorre attraverso la grondaia, che sovrasta la camera dove riposa Celestino, con la forza di un ruscello di montagna, con il vigore giovanile di una fonte alpestre, che scaturisce dalla roccia e si apre la via, scavalcando massi e pietre e tagliando con baldanza gioiosa i prati d'alta quota.
Tutta quell'acqua che ruscella giù dalle grondaie della villa, come dai doccioni di una immensa cattedrale gotica, sottofondo musicale al cinguettio dei merli, crea un effetto strano: come una seconda pioggia che cade di rimando, quando già la prima si attenua e cessa; come un'immagine riflessa, e capovolta, nell'acqua: l'immagine di una pioggia che cade al contrario, che cade dal basso verso l'alto, surreale, fantastica.
È un momento strano, indefinibile, che non appartiene più alla notte ma non è ancora del giorno: una terra di nessuno, terra di scorribande, di incursori, di vagabondi delle stelle; terra dove tutto può accadere.
È l'ora della paura, del mistero che può essere stupore, incanto, favola: come la notte di San Giovanni del folklore romeno, o come la notte di mezza estate del folklore celtico. Primo mattino di sogni, di incanti, di apparizioni, di sogni trepidanti, di elfi e di … piaceri umidi, placidi, teneri.
Riposava su un fianco, completamente nudo, tra lenzuola candide. Era in quel letto per disposizioni del Conte. Aveva superato la prova e ora doveva essere preparato per l’evento con la guida del bibliotecario.
Era stupendo con quei gocciolamenti che scendevano dal pube verso il piano del letto; con quell’ultima stilla di piacere sull’apertura del membro; con quel sederino tonico, rotondo da mangiare, da accarezzare, da baciare, da cui si espandeva un profumo fresco, di terreno bagnato e fertile, di muschio; inebriante, seducente, eccitante.
Camillo era entrato nella camera per portargli la colazione e per alcuni attimi restò bloccato, imbambolato; forse stregato, ammaliato dalla visione che gli sì presentò. Posò il vassoio e si sedette sul bordo del letto, restando in silenzio ad ammirare quella stupenda creatura, chiuse gli occhi ed aspirò, il profumo del corpo e dello sperma fresco, di giovinetto. Si stava eccitando, … forse innamorando dalla voglia per quel ragazzino; che, nonostante il duro percorso di formazione all’avviamento alla professione di entraineuse, … di geisha, … di etera o meglio di wakashū e le quotidiane, frequenti esperienze di eiaculazione, aveva ancora delle polluzioni notturne.
Celestino aveva sognato, probabilmente si era agitato e aveva parlato nel sonno; ... lo studioso gli sfiorò una guancia, poi raccolse un po’ delle sostanze vischiose, bianco-perlacee che lente scendevano dal pube dell’adolescente, appena coperto di una bionda-dorata lanugine, per portarsele alle labbra.
“Uhmmmmmm, … L’averti a letto, per avvertire il tuo calore; per poterlo inserire fra le tue calde, roride, linde chiappette; per imparare a conoscere il profumo delle tue perdite notturne e poi … ohhhhhhh, che delizia per il mio fisico o per quelli che, potendo, potranno averti nel letto per fotterti, … per riempirti delle loro essenze mature! Loro avranno anche la facoltà di seviziarti, ma io … come potrei agire su un corpo come il tuo, … così lindo, profumato, caldo, vellutato! … ohhhhhh, prima di chiamarti, … di svegliarti, … concedimi, mio piccolo Adone, di spargere sopra le tue essenze … la mia passionale rugiada. Onfffffffffff! Celestino … sono le dieci!” Chiamandolo e scuotendolo leggermente.
“Oh Maestro Camillo! Che bello, … al mio risveglio! Che …!” e il ragazzo, dopo essersi stirato e allungato, gettò le braccia al collo dell’uomo, il quale se lo strinse al petto per lisciargli capelli e il corpo; … e parlandogli dolcemente né aspirò il profumo giovanile a pieni polmoni; poi … per dargli, subito dopo, un bacetto sulla guancia, mentre gli accarezzava il viso. A quelle carezze, a quelle coccole il ragazzino si strinse ancora di più al corpo protettivo dell’adulto, offrendogli le labbra per un dolce bacio.
“Celestino … fai colazione, … che poi dobbiamo andare dalla masseuse-visagista per iniziare a preparare questo tuo fisico per la festa a te riservata.” … e, mentre gli esponeva gli appuntamenti della giornata, gli sfiorava la pelle calda del ventre, glielo accarezzava e a volte si spingeva più sotto per sfiorare il fiore caldo, umido, boccheggiante. Si baciarono di nuovo. Il sapore di Celestino era dolcissimo. Camillo gli succhiava la lingua, mentre la mano del ragazzino, cercava un … qualcosa di duro e caldo, che carezzò e strinse gioendo. “Sei bellissimo, … sei tutto da baciare, mangiare, mordere, godere.” … e il ragazzo si abbandonò alle coccole dell’uomo, mentre il suo naso affondava nei ricci inguinali del maestro, aspirandone l’odore di uomo maturo. “Sì, Celestino così, … bravo, ciuccia, … ciuccia!”. Il profumo dell’uomo diventò sempre più forte; il piccolo puledro si stava eccitando. A Camillo girava la testa. Era bellissimo: quel piccolo gatto affamato, glielo succhiava che era un piacere. Sembrava un piccolo che succhiasse da un seno materno: glielo limava con le mani e lo stringeva strizzandolo per gustarne gli umori e poi lo inghiottiva per suggerlo.
“… anche il suo ha un buon sapore!”
“Ohhh, quanto sei migliorato! Eri un piccolo maialino, giocherellone; a cui piaceva trastullarsi con i capezzoli per avere il latte materno, … ora di quel birba hai conservato l’aspetto, la semplicità, la purezza, ma sotto l’immagine, che mostri, troviamo una capacità di dar piacere, che mai ho trovato in alcuno. Hai un culetto bagnato, caldo, quanto mai profumato. Tu mi aspiri con una dolce, passionale violenza, le mie essenze vitali e io te le darò, ma anche tu, sotto le mie mani, ti stai contorcendo, inarcando, dimenando. Io sto per regalarti il mio piacere e tu hai principiato a sussultare, a vibrare. Ecco …, arrivo, … tremo, … gemo e mi contorco negli spasmi del godimento, che tu mi hai donato; … e prendo, assaporo, inghiotto … il tuo appagamento.” Sfiniti, chiusi gli occhi, si abbandonarono languidi nei profumi di uno nell’altro, con entro le labbra i biberon appena svuotati.
“Oh ragazzino mio, io … io ti ammiro. Non so … mhhnf, … quando massaggi, … quando veneri, … quando … ohfffffffff, tu esplori la nostra fonte di piacere con decisa delicatezza, io ... Lui, per te, è una fonte inesauribile di piacere, … che cerchi e vuoi. Esso, … il suo frutto per te è vita. Quando lo vedi, divieni un fiume in piena che percepisce dove rompere gli argini e … godi. Le tue dita, … si offrono e si donano al desiderio senza pudore, senza ritegno. Lo guardi sempre meravigliato, con occhi lucidi, mentre le tue mani si muovono su di esso. Lo porti alle labbra e poi al palato per conoscere il suo sapore, per te sempre nuovo. Lo lecchi inebriato, eccitato, acceso implorando di condurtelo alla vellutata, calda, stretta tana del tuo piacere e … spesso succederà, che non vorranno penetrarti per godere delle tue dita, della tua lingua, dei tuoi occhi scintillanti, seducenti, … e della visione del tuo corpo efebico. Sentirti nelle loro mani esalterà i loro sensi e tu del loro appagamento senza penetrazione. Verranno da te, non so quante volte, perché per te perderanno la testa. Non distingueranno, non vedranno: saranno in tua completa balia. Tu sei l’acqua del mare impetuoso che tutto travolge e avvolge; sei un essenza fruttata, densa, cremosa che tutti vorranno gustare, prendere, gioire. Affonderai il viso nei loro cespugli per assaporare direttamente con la bocca il loro nettare. Le carezze della tua lingua procureranno diverse eiaculazioni, ma sempre intense, potenti. Ecco, sei il tripudio dei sensi: con le mani percepisci ogni vibrazione che la pelle carnalmente emana; con la bocca gusti il frutto prelibato; con le orecchie senti ogni loro gemito e con le narici l’odore della passione; con gli occhi ti perdi nel loro abbandono lascivo; nel volto trasfigurato cercherai gli occhi che non s’apriranno perché saranno in volo oltre le nuvole. Li apriranno quando il cuore rallenterà i suoi battiti, alla fine di quel viaggio sublime, che farai avere loro nel condurli all’estasi suprema. Li riapriranno sorridendoti e tu ricambierai, appagato ugualmente, anche se non avrai schizzato. Potrebbero entrare dentro di te per riprendere quello che per loro è un viaggio nella misteriosa terra irrorata, feconda, ricca del mistero della vita per lasciarvi il loro sperma. Ti avvinghierai a loro. I loro sessi ti prenderanno, … ti tratteranno. Rallenterai per non cedere e riprenderai per entrerai in trance con loro, … volerai assieme, sarai un tutt’uno, perfettamente avvinto a loro, mentre sussurrerai parole dolci o oscene, suggeriteti dal corpo. Apparterai loro. E ora, vai mio piccolo, che l’acqua irruenta, tumultuosa vuole il mare.”
“E’ merito del Signor Conte, se ho trovato la mia vocazione. È stato lui a volermi, dopo aver consultato Romeo. Lui cercava giovinetti con intelletto vivo, aperto, di cultura; pronti a svestirsi di tabù, a seguire le sue direttive … e io mi trovavo, … l’ho incontrato nel momento, in cui il mio essere era come una bottiglia di prosecco, pronta ad essere stappata per far sgorgare il suo contenuto in mille e mille bollicine, trasmettendo allegria, positività, entusiasmo. Ecco … questo ero.”
“Lo so e l’avevo compreso, ma ora indossa codesta tunichetta in bisso bianco, che è stato cucita per te, su disegno della clamide greca. E’ fissata ad una spalla con un occhiello e cucita solo su un fianco. La chiuderai in vita con questa fusciacca -mostrandogli una cintura in tessuto-. È stata ideata con dei calzari per mostrarti e non mostrarti, … per attirare l’attenzione su di te, novello Ganimede. Sarà il capo vestiario, con cui sarai messo all’asta. Ora andiamo, che il masseuse-visagista, chiamato dal padrone, ci sta attendendo.”
“Camillo, perché ero su quel letto?”
“Semplice: il tuo fisico deve essere preservato e difeso. Le persone ti vogliono lustro, pulito, intatto; … devono provare la sensazione di conoscere un ragazzino innocente, pudico, casto, … autentico piccolo, vergine omosex; … e ora che hai superato la prova, … che sei pronto a svolgere il compito, per il quale sei qui, devi essere tutelato. I clienti che vorranno conoscerti, spesso esprimono il desiderio di vederti, prima, coricato, disteso, allungato nel riposo e poi, eccitati dalla visione del tuo bellissimo corpo, ti chiederanno compagnia e piacere. Oh, ecco colui che deve far del tuo culetto, l’immagine del sole.”
“Clelia. Buongiorno Celestino. Mi avevano detto che eri un bellissimo ragazzo, ma quello che mi è stato riferito, fa torto alla realtà.”
“Ma …” volgendo lo sguardo interrogativo verso il suo precettore.
“Sono un uomo, anche se mi vesto e muovo da femmina. Mi piace prenderlo, più che darlo. Mi sento femmina; per cui mi è facile capire i maschi, comprendere i loro desideri, le loro brame. Mi hanno chiamato per migliorare la tua immagine, per cui, ora, ti visito e poi inizierò a lavorare sul tuo fisico. Vieni; sfilati la clamide e adagiati steso sul dorso su quel lettino!” Limava, puliva, spazzolava, … osservava, … tagliava e poi raschiava per terminare la pedicure e la manicure con uno smalto lucido trasparente con effetto gel. “La poca peluria che ricopre piedi e mani la toglieremo per rendere quelle parti lisce e delicate; quella delle ascelle la accorceremo e schiariremo con un trattamento alla camomilla, come renderemo invisibile quella che si nota a stento sui glutei, ginocchia, cosce e braccia per presentarle naturali, quanto mai vellutate. - Eliminerò i peli dello scroto e qualche pelo dal pube per farti avere una maggior sensibilità, eccitabilità e delicatezza; mentre tra pube e asta lascerò un ciuffetto, in modo da farti conoscere più femminuccia, come lo sei dentro di te. - Tu capitoli e ti apri, se ti sfiorano e tastano al basso ventre, ma chi ti dilaterà, romperà, sfonderà, vuole il tuo, vergine, culetto completamente implume e ultrasensibile; per cui in quell’area ti farò una ceretta. Percepirai un po' di dolore o fastidio, ma non è nulla. - Sul volto userò una crema che eliminerà il pelo e renderà la sua radice invisibile. - Per gli occhi farò un make-up che li presenterà più profondi, affascinanti, seducenti, dandoti però una effetto di innocenza, di … purezza. - La tua chioma, che farò più bionda, incornicerà il volto, coprendo un po’ la fronte, gli orecchi e il collo, con la riga da sinistra verso destra. Sulle labbra e sul fiore porrò una gelatina lucida, che attirerà, ammalierà, sedurrà. Signor Camillo, mi dia le labbra e le terga, affinché egli possa fa contemplare come saranno le sue parti anatomiche quando avrò terminato il lavoro. Osserva, Celestino, le labbra del professore, prima e dopo, e poi mi rivelerai quelle che preferisci, come con il culo.”
“Ohh, signora Clelia, ha ragione. Quel lucido attrae, avvince, chiede di essere sfiorato, fiutato, lambito.”
“… e prima?”
“Prima vedevo la persona e quelle parti non mi attraevano come ora. Esse chiedono di essere scrutate, controllate, conosciute, possedute, provate, prese.”
“Potrai leccargli il culo prima di coricarti stasera. Ora, piccola puttana, devo proseguire con la preparazione del tuo fisico, come ti ho descritto.”


Questo racconto di è stato letto 7 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.