Una storia da ricordare 14 - La gelosia....morte del piacere!

Scritto da , il 2021-03-03, genere incesti

Come ho già scritto,i primi dieci anni di matrimonio con mia moglie,li avevo trascorsi in una situazione di apparente felicità.

Io ero felice di quel rapporto(credevo di esserlo!)

Mia moglie era felice del nostro rapporto e dei meravigliosi figli che avevamo messo al mondo(Anche lei credeva di essere felice!)

Poi per me erano cominciati i primi turbamenti dovuti al fatto che,seppure inconsciamente,mi mancava il rapporto incestuoso e da cornuto con mia sorella che mia moglie non mi sapeva dare.

Anche mia moglie aveva degli inspiegabili turbamenti di cui forse, intuiva l'origine anche se non osava ammetterlo a se stessa.

E così,mentre sarebbe stato così "semplice e naturale" parlarsi,chiarirsi in un mondo ideale in cui all'ipocrisia si sostituiva la sincerità,lei non ha saputo fare di meglio che farsi un amante clandestino privando me del piacere di condividere con lei la sua riconquistata vitalità sessuale che io non ero più in grado di darle.

Io l'amavo ancora anche se non capivo il solco che si stava creando tra noi.

Anche lei mi amava ancora o credeva di amarmi ancora e per non ferirmi,viveva la sua nuova passione in modo segreto.

Dio mio come sarebbe stato bello se mi avesse parlato...se ci fossimo parlati....se io le avessi confessato l'incoffessabile.

Poi tutto era avvenuto così in fretta che mi aveva trovato incapace di gestire nel modo giusto ed invece di chiederle di farmi partecipare alla sua nuova passione,mi ero limitato a godere dei suoi racconti e delle tracce del suo piacere che mi portava in dono dopo ogni incontro col suo amante.

Godevo nell'ere il suo cornutino appartato, silenzioso ed accondiscendente

A me andava bene anche così ed ogni volta che la sapevo tra le braccia di lui,mi gonfiavo di orgoglio per la mia capacità di assecondarla nei suoi desideri ed aspettavo il suo ritorno,il profumo di maschio che portava con se,i suoi occhi grandi,il suo aspetto stazzonato, il suo sesso ancora bagnato,le sue parole suadenti per lasciarmi andare e godere anch'io sciogliendomi tra le mie stesse dita.

Ogni volta che usciva col suo amante pendevo dalle sue labbra sperando che mi chiedesse di accompagnarla o di aspettarla sveglio che sarebbe venuto a casa con lui per fare l'amore sul nostro letto coniugale davanti a me.

Non era mai successo ma io ero felice della stessa gioia con la quale avevo acconsentito che si facesse mettere incinta dal suo amante.

Poi la separazione e quando il bimbo era cresciuto bello e affettuoso ricoscendomi come il suo papà,era sopravvenuta la richiesta di separazione e di divorzio.

Anche in quel caso,incredibilmente in me aveva avuto il sopravvento l'istinto del vero cornuto felice di accondiscendere ai desideri della donna amata.

Devo confessare che inconsciamente avevo desiderato che mi invitasse al suo matrimonio e che mi chiedesse di condividere con loro la prima notte di nozze.

Tutto questo non era avvenuto ed ancora una volta,l'avevo preso come un dono alla sua felicità.

Poi la nuova storia incestuosa con mia sorella con la quale non avevo motivo di nascondere la mia natura da cornuto come peraltro lei,non aveva motivo per nascondere la sua natura di ninfomane.

Anche con lei,inizialmente godevo dei suoi racconti come peraltro era sempre successo quando eravamo ragazzi.

Poi,un bel giorno,come in un "coupe de teatre",tutto era cambiato e mia sorella aveva deciso che anch'io partecipassi fisicamente ai suoi momenti i piacere.

Che libidine,che sensazione,che tremore,che attacchi di adrenalina quela sera quando nella cabina del glory hole mia sorella mi aveva detto:Fulvio...oramai siamo cresciuti e possiamo condividere anche gli ultimi oggetti di piacere insieme....vieni quì e aiutami a succhiare questo bel cazzo e poi,gustiamo insieme direttamente alla fonte la crema che solitamente ti porto in regalo dentro di me.

Che sensazione,suchiare quel cazzo che sbucava da quel foro sul muro e che brividi nel momento in cui il maschio,grugnendo dall'altra parte della parete,aveva cominciato ad eruttare i suoi fiotti di calda crema tra le mie labbra e quelle di mia sorella.

Che libidine,sentirlo gridare tra un grugnito ed un rantolo di piacere mentre sborrava "Bevi cornuto...bevi troia..bevete....bevete....".

Che bacio ne era seguito con le nostre labbra e le lingue bagnate di sperma!

Quello davvero era il bacio che sanciva il mio definivo passaggio dallo stato di marito a quello di cornuto.

E poi,quello che era successo nei giorni a seguire sino a quello che ci saremmo goduti quella sera in cui sarebbero arrivati da noi la ragazza del porno-shop col suo marito cornuto e bisex.

Questi i miei pensieri mentre mia sorella in silenzio era intenta a depilarmi il cazzo e tra le chiappe sino alla corona dello sfintere anale.

segue

Questo racconto di è stato letto 2 4 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.