Silvia e Pietro fidanzatini 5

Scritto da , il 2021-02-22, genere tradimenti

Tornati in albergo ci facemmo una doccia, eravamo sudatissimi, fortunatamente in albergo ci stava l'aria condizionata.
Pietro entrò in camere con il telo da doccia, io mi feci trovare nuda sul letto, fece cadere il telo e mi si sdraiò vicino, ero ancora molto eccitata, e il suo cazzo duro era un ottimo indizio per dirmi che lo era anche lui.
Poggiai la mia testa sul suo petto ed iniziai ad accarezzargli gli addominali,
Pietro: “ti è piaciuto?”
Io: “si, non credevo mi sarebbe piaciuto tanto. E a te?”
Pietro: “si mi ha fatto impazzire”
Io: “si vedeva che ti piaceva, ho goduto tantissimo”
Pietro: “sei crollata quando ti ha messo un dito dentro”
Io: “mi ha colta di sorpresa, e sono impazzita”
Afferrai il cazzo di Pietro e iniziai a masturbarlo, emise immediatamente un piccolo gemito.
Io: “è la seconda volta che faccio una sega stasera”
Pietro: “si”
Io: “ti ho visto come mi guardavi, per me ci sei rimasto male che non gli ho fatto un pompino o che non mi sia lasciata scopare”
Pietro: “no, l’importante è che hai fatto ciò che volevi”
Io: “se non ti fossi mosso sul sedile forse non avrei resistito e gli avrei fatto un pompino”
Imboccai il suo cazzo,
Io: “si, credo proprio che l’avrei fatto, ti sarebbe piaciuto?”
Pietro: “si”
Infilando il suo cazzo in bocca e gli parlavo con la cappella poggiata alle labbra.
Io: “ti sarebbe piaciuto vedermi con il suo cazzo in bocca?”
Pietro: “si”
Non finii di dirlo che mentre avevo il suo cazzo davanti le labbra e lentamente lo segavo sborrò sporcandomi il naso e le labbra.
Risi, non me l’aspettavo,
Io: “ehi la sola idea di ha fatto questo effetto”
Pietro respirava affannosamente, scivolai su di lui e senza levare una sola goccia dello sperma che mi aveva sparto in faccia lo baciai e lui rispose al mio bacio con estrema forza
Io: “vedo che ti inizia a piacere il sapore dello sperma nella mia bocca, chi sa se ti piacerà anche quando non sarà il tuo. Ora tocca a te”
Pietro iniziò a baciarmi partendo dal collo e scendendo lungo il mio corpo si soffermò sui miei seni succhiando i capezzoli per poi continuare a scendere arrivando alla mia figa, inizio a leccare e succhiare il mio interno coscia, questa cosa mi fa impazzire.
Io: “ti prego leccamela”
Mi fece soffrire per un tempo che per me sembrava interminabile, ma quando finalmente posò la sua lingua sul mio clitoride sentii una scossa percorrere tutto il mio corpo, ed emisi solo un “siiii”, non fu un orgasmo, ma fu una scarica fortissima.
Pietro leccava con passione soffermandosi a leccare il clitoride con colpi veloci e decisi di lingua per poi ogni tanto leccare tutta la figa.
Pietro: “stai pensando a lui?”
Io: “siiiii”
Pietro sempre leccando come un pazzo “cosa immagini?”
Io: “sto pensando che mi stai leccando per prepararmi a lui”
Pietro: “così lui ti può scopare meglio?”
Io: “si, mi prepari per farmi scopare da lui”
Detto questo mi infilai due dita in bocca “e mentre me la lecchi io gli succhio il cazzo”
Pietro: “che troia che sei”
Io: “si”
Alzai le gambe e afferrandole per le caviglie gli offrii la visione della mia figa e del mio sedere
Io: “prepara anche il mio culo per lui”
Pietro iniziò anche a leccarmi il culo, roteava la lingua intorno e spingeva la lingua nel buchino.
Io: “si bravo, ficcaci un dito”
Pietro lo fece mentre mi torturava il clitoride.
Pietro: “vuoi farti inculare da lui?”
Io: “si, ti farò cornuto con tutti i miei buchi, ti eccita?”
Pietro: “si che mi eccita”
Io: “e mentre lui mi scopa a quattro zampe la figa ed il culo vogli averti sotto di me così vedrai da vicino come mi sta scopando”
Pietro: “mi fai impazzire”
Io: “vero, dimenticavo che ti eccita che ti chiamo cornuto”
Pietro non disse nulla, ma spinse un secondo dito nel mio culo.
Io: “siii, bravo, preparami bene. E mentre lui mi scopa per bene tu sei sotto di me, così ti potrai godere da vicino il cazzo che entra ed esce da dentro di me e potrai constatate che sei finalmente cornuto. E nel durante ti farò venire tante di quelle volte con le mie mani”
Pietro: “e la tua bocca?”
Io: “chissà se ci riuscirò a prendertelo in bocca, dipende quanto forte me lo sbatterà dentro, ma non ti preoccupare, verrai tante di quelle volte che non ti si alzerà più”
Pietro leccava senza sosta spingendo le due dita nel mio culo sempre più velocemente portandomi ad ogni colpo sempre più vicina all’orgasmo.
Pietro: “e dove ti farai venire?”
Io: “ma che domanda da cornuto!! Mi farò venire nel culo, così potrai vederlo bene mentre si svuota dentro di me. E sai una cosa, quando avrà finito ti bloccherò tra le mie gambe così quando caccerò il suo cazzo dal mio culo mi colerà fuori il suo sperma così potrai assaggiarlo”
Pietro: “sei una porca”
Io: “tanto lo so che ti piace, e so che se ti chiedessi poi di leccarmi il culo lo faresti volentieri, anzi sono sicura che se ti chiedessi di pulirgli il cazzo con la lingua non diresti nulla”
Pietro: “forse lo farei”
Io: “si lo faresti, e mi ecciterei tanto a sapere che mentre lui mi scopa la figa tu mi lecchi il clitoride ed ogni tanto gli lecchi l’asta e le sue palle si strusciano sulla tua faccia”
Io: “si lo farei”
Misi una mano sulla testa di Pietro spingendola forte sulla mia figa, sentii le sue dita entrare dentro di me fino in fondo, poi il blackout totale, venni cosi forte che credo di aver perso i sensi.
Durante la settimana, non feci altro che stuzzicarlo in tutti i modi, lo svegliavo con foto di me sotto la doccia, gli toccavo il cazzo da sopra i pantaloni nelle situazioni più assurde e pericolose, insomma volevo farlo impazzire.
Arrivai fino a venerdì facendo questo, poi inaspettatamente arrivò un messaggio dal ragazzo
- ciao, se volete mio padre ha un B&B e la settimana prossima non ci sta e ho delle stanze libere. Sareste miei ospiti –
Pietro mi fece vedere il messaggio la sera quando mi venne a prendere per uscire con degli amici,
Io: “lo abbiamo ammaliato”
Pietro: “che rispondo?”
Io: “non saprei, scrivici che ci pensiamo e gli facciamo sapere”
Pietro gli rispose che gli avremmo fatto sapere entro la domenica, il ragazzo rispose – non siete obbligati a nulla, venite e se volete si fa qualcosa –
Trascorremmo la serata tranquillamente, una pizza nulla di che e via presto che il giorno dopo avevo degli impegni.
Tornai a casa e mi accorsi di non aver proprio pensato alla proposta.
La mattina dopo fu il messaggio di buongiorno di Pietro a ricordarmelo.
- buongiorno amore mio, hai pensato per il mare? –
Gli risposi che se voleva poteva venire a casa per pranzo cosi ne parlavamo.
La mattina andai in palestra, rientrando a casa giusto per preparare un pranzo velce.
Pietro venne prima dell’orario che mi aveva detto, mangiammo insieme alla mia famiglia, dopo pranzo ci mettemmo in camera mia, accesi la tv e chiacchierammo, Pietro era eccitatissimo, e devo dire che anche io lo ero, due giorni per noi e con la presenza a “richiesta” del ragazzo non era male come programma.
Gli scrivemmo che accettavamo l’invito, il ragazzo fu molto felice e ci inviò anche il link del B&B.
Che dire, la domenica diedi il peggio di me con Pietro, ci mancò poco che non lo feci venire nei pantaloni in un bar al centro. Che ci posso fare, sono stronza certe volte, ma quando sono eccitata non ci posso fare nulla.
Vabbè, non serve che vi racconti la domenica, arrivammo il lunedì mattina verso ora di pranzo e con grande sorpresa al nostro arrivo non ci stava il ragazzo ad attenderci, ma una signora che ci spiegò essere una dipendente per la mattina.
Il B&B era una villetta non molto distante dal mare con anche una piscina non grande, ma comunque carina, più che un B&B lo avrei scambiato per una pensioncina anche molto carina e curata.
Con Pietro decidemmo di andare al mare, per l’occasione non avevo portato nulla di speciale, volevo evitare di accendere troppo gli animi cosi portai solo dei costumi direi per nulla audaci, anzi forse un po' troppo castigati. Nella struttura notammo che ci stava poca gente, una coppia di anziani che vedemmo uscire e una famiglia madre padre e un figlio, i genitori sulla quarantina devo dire molto belli entrambe, abbronzati e molto informa.
Scrivemmo al ragazzo che eravamo arrivati,
- bene, io ci sto il pomeriggio, se vi va bene, ci vediamo per un aperitivo o per un drink dopo cena-
Restai molto stupita, in verità mi aspettavo, e temevo che sarebbe stato più “invasivo”.
Nel pomeriggio ci scrisse anche
- siete fortunati, domani avrete la piscina solo per voi, una coppia stasera va via-
Passammo il primo pomeriggio in spiaggia poi verso le sei andammo e passammo per dei vicoletti pieni dei tipici negozietti da mare, costumi, souvenir e quant’altro.
Passando per i vicoletti ripensai al fatto che saremmo stati solo noi, e pensai ai costumi, ecco perché solitamente porto di tutto e di più.
Comunque mentre passeggiavamo Pietro era preso dai negozietti di nautica, mentre io mi soffermavo a guardare i negozi di costumi, ed ecco che mi comparve un manichino con un costume due pezzi bianco con affianco una foto in cui faceva vedere che la parte laterale sia del pezzo di sotto che del regi seno diventavano quasi del tutto trasparenti.
Entrai nel negozietto e chiesi se era possibile vederlo, era molto semplice e carino, oltre alla caratteristica della trasparenza, dietro era anche a perizoma.
Chiesi di provarlo, entrata nel camerino lo provai e mi andava benissimo, il tessuto era un pochino sottile e se non ci fosse stato il doppio strato nella zona intima e sui seni sarebbe stato quasi come non averlo.
Lo comprai, spesi pochissimo tanto che comprai anche un pareo molto carino.
Lo misi nella borsa, quando uscii fuori trovai Pietro che mi stava cercando, gli dissi solo del copri costume, tralasciando di dirgli del vero acquisto.
Arrivammo nel B&B, mi chiusi in bagno portando con me la borsa, dissi a Pietro che non volevo essere disturbata, chiudendo la porta sporgendo solo la testa gli dissi
Io:” devo prepararmi per bene quindi non disturbarmi” Pietro non disse nulla, volevo provare il costume, ma soprattutto volevo capire se da bagnato era trasparente. Ok far eccitare Pietro e il nostro gentile padrone di casa, ma non volevo dare spettacolo sulla spiaggia.
Mi misi sotto la doccia e mi lavai, poi pensandoci uscii dalla doccia e presi il costume dalla borsa, lo indossai e guardandomi allo specchio notai che la fodera nei punti strategici faceva il suo dovere.
Mi giravo davanti lo specchio per vedere come mi stava nei punti strategici, devo dire che era molto più stretto e sexy degli altri costumi che non avevo portato con me, mi scopriva totalmente il sedere per poi con le trasparenze disegnare giusto lo spazio pubico e la fascia del seno.
Entrai nella doccia con il costume addosso, mi bagnai per bene il costume, con la mano asciugai lo specchio dentro alla doccia, ero uno schianto, le zone trasparenti quasi scomparivano lasciando solo poca stoffa a coprirmi.
Mi guardavo allo specchio ipnotizzata dalla mia immagine e dallo stupore che quel costume all’apparenza normale appena bagnato copriva giusto le zone più intime.
Mi accarezzavo per rendere il costume ancora più aderente, e credetemi non era affatto necessario, dietro il costume quasi non si vedeva, il sedere completamente esposto e questo filo che salendo faceva una sottile “V” per congiungersi sul davanti solo all’altezza del seno lasciando anche le spalle nude.
Lateralmente era uno spettacolo, si vedeva solo una sottile linea bianca all’altezza del seno, lasciando alla vista il segno dell’abbronzatura.
Davanti era quasi castigato, trasparente si, ma non troppo.
Non volendolo mi trovai ad eccitarmi della mia stessa immagine riflessa, uscii dalla doccia non curante di bagnare tutto, mi levai il costume e mi sedetti per terra, lo feci automaticamente, senza pensarci.
Ero nuda seduta sulle fredde piastrelle con le gambe piegate con la testa appoggiata al muro, totalmente bagnata e l’unica cosa che volevo era, con la mia immagine ancora impressa nel mio cervello, masturbarmi.
Iniziai ad accarezzarmi la figa, poi vidi il costume buttato per terra, ed ecco che parti la follia che ho quando mi eccito.
Presi il beauty case e frugando dentro trovai delle forbicine, presi il costume, e lentamente facendo attenzione a non rovinarlo, iniziai a tagliare il filo della fodera dello “Slip”.
Quando finii lo rimisi, visto il caldo ero quasi asciutta, accesi di nuovo l’acqua nella doccia e mi ribagnai nuovamente, ed ecco ciò che volevo, ora appena bagnato la mia figa era bella che in vista.
Mi misi davanti allo specchio ero citatissima, ero persa nei miei pensieri quando a risvegliarmi ecco bussare alla porta era Pietro che mi chiedeva cosa stessi combinando, mi risveglio, era il momento di prepararsi per uscire.
Uscì fuori dalla stanza solo con l’accappatoio addosso, apri la valigia posata per terra, cacciare tutti i vestiti che avevo portato, e inizia così a provare tutti quanti vestiti chiedendo volta per volta a Pietro la sua opinione.
Alla fine decidemmo per un vestitino bianco con delle stampe di grandi fiori color rosa arancio, corto con le spalline sottili che davanti faceva molto bon ton, ma dietro aveva uno scollo che mi lasciava completamente scoperta la schiena. La particolarità del vestito era che si regola la lunghezza a seconda di quanto allunghi o accorci le spalline.
Quando lo indossai accorciai le spalline e lo scollo mi arrivava tre quattro centimetri sopra al sedere, facendo intuire che non portassi il reggiseno, ma comunque coprendomi il culetto. Il tutto completato con una pochette con bretelle dorate molto piccola ed una collanina e ovviamente i miei dieci quindici braccialetti.
Scendemmo, non c’era molta gente per strada, trovo un bel localino, la verità è che non avevamo molta fame, dopo aver ordinato sentimmo lo squillo del telefono di Piero,
-Vi va prima di bere una cosa? Cosi ci conosciamo-
Pietro mi fece leggere il messaggio
Io: “ci sta, almeno lo conosciamo e siamo più calmi”
Pietro asserti alla mia idea e rispondemmo - va bene, conosci un locale carino non esageratamente pieno? -
Rispose dopo un paio di minuti inviandoci il link di un locale non troppo distante dal centro, sul mare che potevamo raggiungere in 5 minuti in auto.
Finimmo di cenare, Pietro volle offrire e ci dirigemmo facendoci largo tra la poca gente in albergo a prendere la macchina.
Arrivammo in auto al locale, da fuori molto carino, molto vicino alla spiaggia e sembrava non ci fosse molta gente, da fuori si sentiva della musica. Parcheggiammo ed entrammo, ci sedemmo ad un tavolino, di quelli alti con gli sgabelli, fu un’impresa non far vedere il micro perizoma bianco a tutti. Decidemmo di metterci fuori al portico con “vista” mare, essendo buio più che altro si sentivano le onde.
Io: “scrivigli che siamo dentro”
La risposta fu 10 minuti e arrivo.
Ordinammo due cocktail io come al solito alla frutta ed iniziammo a sorseggiare guardandoci attorno, faceva un caldo al limite del sopportabile, fortunatamente c’era una leggera brezza.
-sono qui voi dove siete? -
Gli scrivemmo -siamo sul portico dietro ad un tavolino-, dopo pochi secondi il mio cuore iniziò a battere all’impazzata ci comparve d’avanti questo ragazzo tutto sorridente con un pantaloncino corto celeste scuro, una camicia bianca con tre bottoni aperti e dei mocassini, la prima cosa che notai furono i suoi denti bianchissimi e un’abbronzatura nero dorata sintomo che lui a mare ci viveva.
Mentre si avvicinava, capii ancora di più che doveva essere molto piccolo.
Appena arrivò al tavolo, si presentò stingendoci la mano, mi sembrò strana come cosa, ma in verità non riesco a trovate un modo diverso di presentarsi, ma infondo non ci sta una cosa normale in tutto ciò.
Si accomodò ed iniziammo a parlare, fortunatamente eravamo un pochino appartati e la musica un po' lontana da noi ci permetteva di parlare senza dover urlare.
Vittorio era molto rilassato e sciolto, a differenza mia e di Pietro, ci mise subito a nostro agio, all’inizio ci presentammo e parlammo un po’ di noi in generale, per poi naturalmente, al secondo cocktail, arrivare a parlare della nostra “situazione”.
Che dire, il ragazzo si dimostrò molto tranquillo, poco invadente e discreto, anzi per la maggior parte fummo io e Pietro a parlare.
Parlammo per più di un’ora e tra battute e chiacchiere scoprimmo che Vittorio oltre ad essere molto bello era anche molto simpatico.
Buttammo giù tre o quattro cocktail e ballammo anche un po' tutti e tre insieme. Quando tornammo al tavolo Vittorio disse che sarebbe andato al bagno, così rimanemmo per la prima volta soli al tavolo, guardai Pietro
Io: “tutto bene?”
Pietro: “si, hai cambiato idea?”
Io: “no, tu?”
Pietro: “no”
Io: “sicuro?”
Pietro mi diede un bacio e la sua mano scivolò sulla mia schiena nuda, aveva le mani fredde, sicuramente perché aveva avuto in mano il bicchiere con il ghiaccio, quel tocco leggero e freddo mi suscitò un brivido su tutta la schiena e mi provocò istantaneamente un’eccitazione fortissima.
Mentre stavamo ancora abbracciati a baciarci tornò Vittorio con in mano un altro giro di cocktail
Vittorio: “spero di non aver disturbato e di essermi ricordato cosa stavate bevendo”
Poi propose un brindisi al nostro incontro, bevvi un sorso e mi congedai per andare in bagno. Passando per la sala notai che la gente era aumentata, feci un po' di fila per il bagno.
Tra gli sguardi delle persone e la carezza di Pietro ero parecchio eccitata, e fu li che mi venne una folle idea.
Il bagno era piccolino e tutto sommato pulito, senza che ci avessi pensato o avessi premeditato qualcosa, slacciai le spalline e le legai più in basso cosi da abbassare la scollatura, feci un paio di tentativi, fino ad arrivare a scoprire l’inizio del solco del culetto.
Poggiai il cellulare sul lavandino e mi feci un selfie di schiena, il fatto che si vedessero le mutandine non mi piaceva, e quindi, spinta sia dall’eccitazione che dall’alcol mi sfilai il perizoma.
Uscii e mi lavai le mani, dallo specchio vedevo gli sguardi delle altre ragazze in fila che mi guardavano strano, ma chi se ne fotte, pensai tra me.
Tornai al tavolo e trovai i ragazzi parlare tra di loro, mentre mi avvicinavo mi guardavano entrambe, li vidi e sorrisi pensando alla strana situazione travestita da una serata tra amici.
Afferrai il mio bicchiere e guardandoli misi la cannuccia in bocca e aspirai un po' del mio sex on the beach alla fragola, poi iniziai a ballare davanti a loro girandomi, cosi da fargli vedere il mio “cambio di look”.
Ballai per loro di schiena con in mano il bicchiere, mi girai ancheggiando per loro, il vestitino si muoveva morbido sulle mie gambe, ma il mio obbiettivo era fargli vedere la scollatura che lasciava intravedere l’inizio del mio culetto.
Appena ebbi la certezza che avessero notato e compreso bene, mi girai e mentre con una mano portavo per l’ennesima volta la cannuccia alle labbra con l’altra, continuando a ballare, più che ballare era muovere il sedere, li invitai a ballare con me.
Si avvicinarono e iniziammo a ballare, all’inizio ballammo come le altre volte, un pochino distanti, poi iniziai a ballare tra di loro e sentii, quasi come se si fossero messi d’accordo, le loro mani sulla mia schiena, la mano di Pietro sulla mia sinistra scivolò abbastanza velocemente fino in fondo allo scollo, quando arrivò giù girai il viso e trovando un’espressione stupita ed eccitata gli sorrisi.
Vittorio era meno audace, ma credo fosse normale, teneva poggiata la mano a meta schiena.
Avere due mani, di due uomini, sulla mia pelle nuda mi fece perdere ogni remora, mi girai verso Pietro e gli diedi un bacio a stampo sulle labbra, poi mi girai verso Vittorio e, dato che lui era più alto di me, issandomi sulle punte dei piedi, gli diedi un bacio sulla guancia e gli sussurrai “se vuoi puoi anche farla scendere quella mano”.
Ero in un bar, con il mio ragazzo e un quasi perfetto sconosciuto, se sconosciuto si può definire un ragazzo che la prima volta che l’hai visto ha inondato i tuoi piedi di sperma e con il quel ci hai passato un’oretta seduta a parlare in un locale.
Ballavo con mezzo sedere nudo alla vista di tutti ed entrambe i ragazzi posavano le loro mani sulla mia schiena nuda.
Quando dissi a Vittorio che poteva far scendere la mano fece un sorriso, credo che Pietro non abbia sentito quello che gli avevo appena detto, ma lo intuì.
Continuammo a ballare, non me ne fregava nulla della gente nel locale e di quello che avrebbero potuto pensare di me, l’unica fortuna che alle nostre spalle non ci stava nulla se non il nostro tavolino e la spiaggia.
Iniziai a strusciarmi su di loro, ballavo con l’uno e con l’altro io al centro tra di loro, gli mettevo le mani attorno al collo e mi strusciavo un po', poi passavo all’altro conscia che mentre uno si godeva il mio abbraccio l’altro si godeva la vista della mia schiena e del mio culetto nudo.
Pietro si sedette ed io continuai a ballare con Vittorio, tra alcol ed eccitazione ero totalmente partita.
Pietro ci guardava mentre ballavo con le braccia al collo di Vittorio che teneva poggiate le mani sul mio bacino,
Io: “non me lo vuoi proprio toccare il culo?”
Vittorio: “Pietro non si arrabbierebbe?”
Io lo fissai e quasi ridendo, mi avvicinai e gli sussurrai, “no, anzi si ecciterebbe e non poco”
Vittorio guardò per un istante Pietro “sei sicura”
Io: “si ne sono sicurissima”
Ed ecco che finalmente sentii scivolare le mani di Vittorio sulla mia schiena fino a giungere al solco del culetto.
Ci tenne le mani per un po', io davo le spalle a Pietro e non potei vedere la sua reazione, ma il solo fatto di non essere venuto era un segnale che gli andava bene.
Io: “ti piace il mio culetto?”
Vittorio: “si molto”
Io: “allora toccalo per bene”
Vittorio non se lo fece ripetere due volte e infilò una mano nello scollo fino a toccarmi con una mano una natica.
Io: “che fa Pietro?”
Vittorio: “ci guarda”
Mi girai prendendo per mano Vittorio e ci sedemmo al tavolo,
Pietro: “E’ arrivato il conto”
Raccogliemmo i soldi e ci alzammo, chiesi a Vittorio di fare la fila alla cassa cosi da rimanere sola con Pietro
Io: “tutto bene?”
Pietro: “si tutto bene”
Mi baciò con passione, fu un bacio breve, ma pieno di forza, mi strinse a sé e mise una mano sul sedere da sopra la gonna afferrando l’intera chiappa nella sua mano.
Io: “ehi sei eccitatissimo”
Abbracciandomi avevo sentito un rigonfiamento nei suoi pantaloni.
Pietro: “si nota?”
Non ebbi il tempo di rispondere che arrivò Vittorio.

Questo racconto di è stato letto 2 0 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.