Non si può leggere la mancanza, solo avvertirla.

Scritto da , il 2021-02-08, genere saffico

Venne il momento per thomas di sprigionare anche il suo sadismo; quella sera le ancelle, mosse da un impulso ormai sfuggito al loro controllo, si sarebbero trovate, completamente spoglie, nella stessa vasca per abbandonarsi a quel vento di evasione sofisticata che spirava nelle anticamere delle loro fertili e conturbanti menti. Lui le lasciò fare, volutamente, non volle nemmeno saperne di partecipare. Era giusto infliggere loro una piccola dose della sua mancanza. Perché prima di godere davvero di qualcosa si deve provare almeno un attimo la sensazione di perderla, la carenza di ossigeno provocata dall’assenza. Ma torniamo alle ninfe, che, rese euforiche dal crescendo di quella vertiginosa coalizione, sorridenti, si versavano il primo flûte di Trento doc, brindavano alle tre docili arpie, soffiavano sulla schiuma perché questa raggiungesse il viso delle altre, a turno facevano comparire l’alluce di una di loro dalle bolle superficiali, giocando.. le altre due si avvicinavano e lo sfioravano con le labbra provocatorie. Al secondo flûte quel dito iniziava a spingersi nelle loro bocche, al terzo le mani avvolgevano l’intero piede della viziosa di turno, cingendolo a quattro mani come fosse un grosso pene, continuando a baciarlo, vivendo brividi piacevoli; ma inesorabile si percepiva un vuoto crescente, era chiaro, iniziarono a guardarsi, a parlare di lui, misero la colonna sonora che aveva loro suggerito, il piede di ognuna non bastava più. Si chiedevano chi fosse quello sconosciuto giunto da chissà dove. Senza che se accorgessero si era insidiato nelle loro fantasie più spudorate, rifiutavano l’idea, ma il quarto flûte.. iniziarono a fantasticare che lui fosse in apnea sotto la schiuma e facesse affiorare il glande nel centro della vasca mostrandolo al loro cospetto, lasciando fuoriuscire lento anche il vigoroso infinito tronco.. si inventarono che la regola tacita fosse di non poterlo toccare con le mani, nemmeno con le labbra, ma solo con lingue.. stavano degenerando, erano certe che avrebbero potuto farlo venire usando solo quei loro tre intimi muscoli ricoperti di mucosa, che se le avessero compresse bene sull’asta e mosse in simbiosi avrebbero disegnato una circonferenza perfetta, che salendo e scendendo lo avrebbero scopato con un trittico di lingue.. Ulisse venne attratto e trattenuto per sette anni sull’isola di ogigia dalla ninfa calipso.. loro avrebbero ridicolizzato l’odissea, ne erano assolutamente in grado insieme, e quindi prelevato la sua perdizione, la sua sete, rapito la sua vena letteraria, fino a farla schizzare.. seguendola con gli sguardi, speranzose che questa, cadendo poi dall’alto, si indirizzasse verso la propria bocca a discapito delle altre due. Quella stupenda grossa cappella stava facendo perdere loro ogni lume, una cercava segretamente con la mano sotto la schiuma la bocca di lui per spingergli due dita in bocca, dimenticando che fosse in apnea, un’altra raggiungeva il suo ano presa dall’esigenza di scoparglielo col dito medio, approfittando della scivolosità dell’acqua saponata, l’ultima carezzava i suoi morbidi, gonfi testicoli impadronendosene.. il getto fu inevitabile.. era parimenti di ognuna di loro... sembrava fiottare al rallentatore per permettere alle tre valchirie oscene di raccoglierla insieme alla sua discesa dal cielo. Tre bocche cerebralmente porche, finemente birichine, delicatamente vogliose.. iniziarono a baciarsi sporcate dello stesso piacere, lui era immerso tra i loro respiri, colava nelle loro gole, condannava ulteriormente la loro connessione magica.. attraverso l’essenza di quelle sue parole avevano potuto rompere ogni cristallo divisorio.. si promisero solennemente che non avrebbero mai confessato a lui questo sconvenevole epilogo.. pacatamente, era diventato irrimediabilmente il loro capriccio.

Questo racconto di è stato letto 1 9 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.