L'incredibile storia di Alice e Giulia 4

Scritto da , il 2021-02-07, genere feticismo

Racconto 4

Alice era in panico più totale. Sarebbe stata scoperta immediatamente. La sua vita da sogni sarebbe terminata per una sciocchezza simile.
Bisognava pensare in fretta.
Che venga scoperta o meno, ormai non aveva più nulla da perdere e decise che l'unica cosa da fare era di sgattaiolare fiori dall' appartamento, andare al piano di sotto, bussare alla signora Piera, sperando che alle 7:48 fosse sveglia e con dei convenevoli, in fretta riprendere quel fottuto cane e portarlo sopra. Sperando che in tutto questo Giulia non sospetti nulla. Per lo meno non l'ha capito all' istante pensava positivamente Alice, mentre in pigiama, scalza e spettinata, come un ninja socchiudeva la porta dell' appartamento alle spalle.
Il cuore era a mille, se non avesse trovato la signora Piera sveglia che avrebbe fatto? Sarebbe scappata per non farsi più vedere, In pigiama di inverno senza soldi e telefono?
Poteva dire a Giulia che aveva preso la cagnolina presto con l'intenzione di farle una sorpresa con la solita sveglia, ma che questa voleva troppo andare a fare una passeggiata e che per un paio di ore erano andate insieme al parco. Credibile? Si, ma rimaneva strano stare fuori così tanto tempo.
Ad ogni modo Alice suonò il campanello della signora Piera, la quale per fortuna era sveglia(gli anziani si svegiano presto, che fortuna!) e non dopo un occhiataccia per l'aspetto trasandato di Alice, a piedi nudi in pigiama, sepettinata, con in mano uno strano oggetto di pelliccia.
Però le diede Blanche in pochi minuti, dopo qualche frase di convenevoli. Sebbene Alice risultò un po' 'matta' ed anche maleducata alla signora, la missione era compiuta.
I due cani ritoranrono sopra all'appartamento. Alice si precipitò furtiva nella sua stanza e ritirò la nachera insieme alle calze usate nel cassetto chiuso a chiave. Poi si sdraiò sul letto ansimando per il pericolo corso, ripensando all'accaduto maledicendosi. Blanche andò diretta nella sua cuccia senza fare troppo rumore.
Nel frattempo Giulia che era più sveglia di prima stava pensando al fatto che le leccate di piedi fossero tanto benefiche come aveva letto nel libro regalato da Alice. Ad un tratto pensò di quanto Blanche le fosse mancata in quelle due settimane, poi pensò subito che Blanche non poteva affatto essere lì perché ieri sera erano tornate tardi e non volevano svegliare la signora Piera! Tutto ciò pee Giulia era assurdo, eppure poco fa, qualcosa le aveva leccato i piedi e anche molto di gusto. Aveva persino sentito la pelliccia di blanche. Che si sia sognata tutto? Credendosi matta Giulia allungò la mano per toccare i suoi piedi. Le piante erano ancora umide. Portò il dito al naso e sapeva di saliva. Allora a quel punto curiosa accese la luce per vedere la cuccia di balnche se era lì. Con suo grande stupore ma anche conforto, per non essere impazzita, vide il maltese lì accucciato che sentiti rimori si svegliò e fece le feste a Giulia che si era nel frattempo alzata.
"Alice, Alice vieni qui"
Quando Alice sentì la padrona di casa chiamarla ebbe un sussulto.
Non sapeva che apettersi e a testa bassa entrò nella stanza.
"Alice mi hai fatto una grande sorpresa, ma nache spaventare, perché non me lo aspettavo hahha. Grazie di avere recuperato Blanche di mattina presto!"
Alice espirò forte dal sollievo
"Si, esatto volevo farti una sorpresa, mi dispiace per lo spavento! Haha"
"Si, pensavo di essere diventata matta haha"
"Hahah"
La questione finì lì. scampato pericolo.

Nei giorni successivi, Alice apprese che Giulia aveva letto i libri con grande interesse e che usava giornalmente quel pennello stupido per applicare la saliva mista a crema costosa sulle su mani e piedi. Alice produceva sempre i falconcini di slaiva nel tempo libero come al solito.
I giorni passavano e tutto andava bene. Prima di ogni massaggio, Giulia ormai si faceva leccare sia i piedi da Blanche sia applicava la 'crema' con la lingua finta.
Per lo spavento Alice aveva ridotto ad una volta a settimana il suo 'turno di svegia'. Con il passare del tempo nelle conversazioni tra le due, più di una volta, data l'insistenza di alice nel portare i discorsi lul fatto che la lingua e la saliva umane fossero il "non plus ultra", Giulia disse frasi incoraggianti per Alice.
Ad esempio:"si, l'ho letto più volte che la lingua umana è il meglio, ma come si può fare una cosa così in realtà?" Oppure:"nessuno sarebbe disposto a leccarmi mani e piedi per la cura della pelle. Sarebbe assurdo."
Con il passare del tempo Giulia rivelò ad Alice che si leccava i palmi delle mani la mattina e la sera per ammorbidire i calli ecc.
Alice si rendeva conto che i suoi immani sforzi di manipolazione stavano maturando.
Dopo qualche tempo Giulia le confessò pure che aveva provato qualche volta a leccarsi i piedi, ma non riusciva a falo bene per la poca mobilità, riusciva solo a leccare l'alluce ed era una operazione molto scomoda.
La possibilità che Giulia chiedesse di leccarle i piedi era ancora assurda, non sarebbe avvenuta mai in condizioni normali. Sebbene Alice astutamente, quando c'era occasione diceva di non aver affatto schifo dei piedi e che quando si leccava i propri (probabilmente non ne era nemmeno capace) non le dava alcun fastidio.
Ma anche queste affermazioni di apertura sull'argomento portavano a poco di per se.
Secondo Alice sarebbe stato troppo strano offrirsi per questo compito, avrebbe sicuramente fatto nascere in Giulia l'idea che ci avrebbe provato gusto. Anche in effetti già tutti i massaggi e cultura delle scarpe erano un indicatore di possibile un possibile feticismo di Alice.
Le settimane passavano e la lingua di silicone veniva usata spesso. Alice iniziava a pensare se fosse possibile sostituire la propria di nascosto con quella. Ma provatole entrambe sulla propria mano, l'effetto era diversissimo.
Arrivò il compleanno di Giulia, la sua tuttofare le regalò un anello da dita del piede d'argento con incise le iniziali G.R., inutile dire che piacque assai. Portava ora la cavigliera d'oro al piede sinistro e l'anello al piede destro.
Oramai i piedi di Giulia erano un capolavoro irresistibile.
I giorni passavano bene come sempre.
L'opportunità per architettare un piano si presentò quando Alice venne a sapere che per tre giorni, per lavoro si sarebbero trasferite a Torino. Il piano di Alice era semplice, consisteva nel dimenticarsi le 'creme' e l' 'applicatore' a casa Cosicché avrebbe potuto creare le condizioni per offrirsi come sostituto, ma il come non era chiaro, dipendeva dalla reazione di Giulia. Forse era il caso di essere maldestra e poco precisa anche il giorno prima per fare arrabbiare Giulia.
Il giorno della partenza arrivò, le ragazze diedero il cane alla signora Piera, caricarono le valige in macchina ed andarono a Torino. Nel fare le valige Alice si era mostrata lenta impacciata, a volte fingeva di non sentire, questo aveva già infastidito Giulia. Aveva inoltre deciso di dimenticarsi pure lo spazzolino da denti ed il dentifricio di Giulia.
Arrivate alla sera nella lussuosa stanza di hotel, le ragazze avevano due letti separati, la pazienza di Giulia iniziò a dare segni di cedimento quando si accorse di non avere lo spazzolino da denti ed il dentifricio.
"Alice è da qualche tempo che ti vedo un po' distratta, c'è qualcosa che non va? Su, dai è il tuo lavoro occuparti di queste cose. Domani mattina voglio vedere uno spazzolino ed un dentifricio per me in bagno. Intesi?"
Il tono era deciso, ma non isterico.
Andarono a dormire perché era tardi.
La mattina seguente con lo spazzolino ed il dentifricio nuovi la giornata iniziò con Alice che portò in macchina Giulia in un palazzo non troppo distante dall' hotel. In pratica il ruolo di Alice in questa trasferta era quello di autista, di scegliere e prenotare i ristoranti, ma anche di estetista come sempre.
Giulia era già nervosa di suo, arrivò la cena e dunque il dopocena ritornate in hotel.
"Questi tacchi nuovi mi stanno uccidendo... Oggi è stata una giornata folle..."
Così dicendo si tolse i tacchi e a piedi nudi andò in bagno a cambiarsi, Giulia di solito faceva la doccia di mattina.
Tornò in un pigiama sexy color crema composto da pantaloni e maglia maniche lunghe, i suoi capelli erano raccolti in una coda, aveva occhiali a montatura spessa invece che le lenti a contatto giornaliere.
Si sdraiò sul letto e disse:"ora è giunto il momento di un meritato massaggio cara"
Detto questo Alice fece per cercare nella valigia la crema e l'applicatore. Con il passare di un paio di minuti, Giulia iniziò a capire che ciò che voleva molto in quel momento non era lì con loro.
"Non dire niente... Ho capito..." Disse con rabbia "Ma come cazzo hai fatto a dimenticare le cose più importanti!? Sei una cretina, cosa ti tengo a fare? Lavoro tutto il giorno e poi le poche cose che devi fare non sei nemmeno in grado di farle..."
Era davvero arrabbiata, forse Alice aveva sottovalutato il potenziale del suo piano. Che avesse esagerato?
Giulia non aveav mai alzato la voce così con lei, in passato aveva rotto un vaso e cotto male aluni cibi, l'aveva fatta arrabbiare ma mai così tanto.
"Chiedo scusa..."
"Stai zitta! Muta, che cazzo me ne faccio delle tue scuse, mica mi rimuovono la pelle morta dai piedi con micropori. Non ho parole... Con tutti i favori che ho fatto io per te, mi ripaghi così?" Forse stava anche esagernado ma era dovuto allo stress della giornata sicuramente.
Alice in tanto in ginocchio fissava Giulia negli occhi che ormai era in piedi a fianco al letto.
"Ho i piedi distrutti per questi cazzo di tacchi e per una giornata di merda... Ero sicura di rigenerarmi le energie stasera inve no, per una buona a nulla come te."
Queste parole che venivano per la prima volta proferite da Giulia erano strane e ricordavano ad alice i ricordi che ormai erano lontani dei maltrattamenti subiti in negozio. Aveva decisamente esagerato e questo piano stupido le stava ritorcendosi contro.
"Io ci metto un attimo a sbatterti fuori, con tutto quello che ho fatto per te? Sono state furbe in negozio a liberarasi di un incapace come te..."
Sicuramente la stanchezza l'alcol della cena e un insieme di fattori avevano tirato fuori il peggio da Giulia, qulla snob viziata che sembrava ormai non esistere più.
Queste parole furono come pugnalate per Alice, non se le aspettava dalla sua migliore amica. Sembrava tornata alla prima impressione di Giulia, la snob pretenziosa a cui tutto era dovuto.
Alice ferita abbassò tutte le proprie barriere, si rese conto della cavolata che aveva fatto, aveva messo in gioco la sua vita che era una bella vita, si malediva per questo, quanto era diventata arrogante? Doveva tutto a Giulia. scoppiò a piangere incontrollatamente.
"Ahh bene, siamo tornati all'asilo? Sei tu che hai fatto il danno a me, dovrei io piangere! Cretina"
La cattiveria di Giulia era fuori controllo.
Ormai Alice era disperata, non voleva perdere Giulia. anche se razionalmente non avrebbe perso tutto per quella sciocchezza, ma il momento non era affatto razionale per entrambe.
Alice si gettò in lacrime baciare il dorso dei piedi di Giulia, baciava l'anello soprattutto. Dicendo:"scusa scusa" tra i singhiozzi e le lacrime che baganavano i piedi. Giulia non si aspettava questa reazione, ma stranamente non le dispiacque quella scena.
La cosa andò avanti per mezzo minuto.
"Si ma al posto delle tue cazzo di scuse, usa la lingua in maniera utile in questo momento."
Così facendo Giulia prese per i capelli Alice, si sedette sul bordo del letto e strofinò mise in faccia ad alice il suo piede sinistro facendole cadere gli occhiali. "Tira fuori la tua cazzo di lingua" il sogno di Alice si era forse avverato? Ma non aveva affatto immaginato quella situazione. In quel momento non era più lei era in panico e non riusciva a smettere di piangere. Non riusciva a godersi un momento che in altre circostanze sarebbe stato bellissimo. Secondo i suoi piani avrebbe dovuto lei offrirsi di calmare Giulia la quale non era previsto che perdesse del tutto ed oltre le staffe.
Giulia usava la testa di Alice con la lingua fuori su e giù con il suo piede.
"Hai capito?! Continua così se sei in grado"
Lasciò la presa e stette a guardare seduta un po' che Alice facesse bene. Alice non riusciva affatto ad assaporare il momento, era infatti troppo agiatata e continuava a piangere, usava la ligua forsennatamente su e giù. Questo era un bene perché questa agitazione non rese necessaria una dissimulazione delle sue doti ormai segretamente affinate.
" Più piano e meglio cretina. Poi passa all' altro. Devono splendere. Finirai quando te lo dirò io."
Detto questo Giulia continuò a monitorare il lavoro dando istruzioni, ma dopo cinque minuti gli animi di entrambe si raffreddarono. Alice aveva smesso di piangere e iniziava a realizzare che stava vivendo il suo sogno tanto agognato, perciò si concentrò nel rendere una esperienza indimenticabile sia per se sia per Giulia. Il che le riuscì bene, perché la padrona si era calmata del tutto e si era sdraiata godendosi una delle esperienze migliori che avesse mai vissuto.
Le piante snelle e lucide venivano percorse da una lingua abile, l'anello risalatava sullo spettacolo che si parava davanti agli occhi di Alice, la quale era ormai molto eccitata. Giulia era in estasi, non pensava potesse essere così bello qualcosa di 'così schifoso'. I minuti passavano senza che nussuna delle due dicesse nulla, nella stanza risuonava solo il rumore delle lappate.
Alice decise di spingersi oltre e di leccare tra le dita. Questo piacque a Giulia tanto che si lasciò scappare un: "si, brava continua tra le dita"
Dopo un po' di tempo disse anche
"abbiamo trovato il tuo maggior talento. ci sai fare per essere la prima volta"
Poteva essere un insulto come un complimento, alice non disse nulla, ma era felice che Giulia apprezzasse.
Dopo quasi un ora (di solito le pennellate di 'crema' duravano un quarto del tempo) Giulia disse:
"ok, va bene, ora con le mani massaggia"
Il messaggio finì normalmente, le due si paralrono poco prima di dormire, come se quello che era accaduto fosse normale.
La mattina seguente Giulia si svegliò sola in camera, eccezion fatta per un biglietto: "in seguito a quello che è successo ieri sera, ho deciso di licenziarmi. Qundo me la sentirò di parlari di nuovo lo farò io e ti avviserò per venire a prendere le mie cose da te a Milano. Nel frattempo buona vita."









Questo racconto di è stato letto 1 4 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.