L'incredibile storia di Alice e Giulia 1

Scritto da , il 2021-01-31, genere feticismo



Giulia è una ragazza di estrazione molto benestante, ha 35 anni e lavora come manager, profumatamente pagata, per una compagnia di marketing in un ufficio di un quartiere ricco di Milano, dove risiede poco distante. È la classica vanitosa ragazza snob, in carriera, viziata da se stessa e dagli altri attorno a lei. Si potrebbe dire che è una modella, perché a vent anni intraprese la carriera "part time" dato il suo fisico snello e slanciato 1,75 di altezza e 42 di scarpe. Ama la moda dunque i più nuovi e raffinati vestiti che i soldi possano comprare, la sua vera passione erano però le scarpe, mania che la porta ad averne una collezione smisurata. Giulia prima del covid era solita recarsi nel suo negozio di fiducia, dai prezzi altissimi a comprare ogni settimana, il venerdì, un paio di scarpe nuovo, soprattutto tacchi, ma nache sandali. Indossva anche scarpe sneakers come tutti ovviamente, prese in altri negozi. Il suo negozio preferito "scarpa stilosa" aveva tre dipendenti, Marzia la proprietaria storica sulla sessantina, la figlia Federica e una dipendente Alice. Giulia il venerdì passava sempre in negozio e le commesse conoscevano bene i gusti di una delle loro più affezionate clienti, infatti le proponevano sempre dei nuovi modelli di scarpe che quasi sempre Giulia aqustava senza pensarci troppo. L'unica incognita era il colore e la taglia, che poteva differire da un produttore all'altro leggermente, a volte il 42 non bastava e si cercava il 42,5 od il 43 addirittura. Considerato il fatto che in un mese ci sono circa 4 venerdì e che un paio di scarpe costa tra i 500 ed i 1000€ Giulia o la "dottoressa Rivera", come veniva chiamata in negozio, rappresentava una grande fonte di introiti per l'attività, dunque si faceva di tutto per compiacerla e metterla a proprio agio. Le si faceva trovare per le 18:00 sempre un caffè, a volte persino un bicchiere di vino con qualche aperitivo. Era trattata in maniera congrua per la regina che era. Un venerdì pomeriggio Giulia usciva dall' ufficio facendo una telefonata. La sua figura appariva così: lunghi cappelli scuri lisci, lucenti e setosi si spostavno freneticamente come onde impetuose, mentre tenendo la valigetta chiudeva la porta dietro di se, tutto questo paralndo con una sua collega; i rayban neri ed il rossetto rosso, il trench beige, la camicia di seta bianca ed i pantaloni neri larghi che finivano sora le caviglie, caviglie sottili e perfette, indossava tacchi neri classici appuntiti, la caviglia destra era abbellita (se si può dire così, dal momento che è difficile trascendere la perfezione innata delle sue sinuose e snelle membra) da una caviglera sottile d'oro. Per strada attirava lo sguardo di tutti gli uomini e l'invidia di tutte le donne, con un' elganza innata la sua figura sobria e perfetta, avanzava naturale come su passerella della moda a cielo aperto, per la letizia di tutti gli sguardi dei milanesi verso suo negozio prediletto. Ritirato il suo iPhone ultimo modello, giulia spingeva la porta di vetro trasparente con la sua affusolata mano impreziosita ad due anelli sottili e da uno smalto porpora delle unghie; dall'altro lato del negozio si intravedevano le tre comemesse come in linea per una parata militare, con la loro uniforme total balck ed i sorrisi stampati, pronti ad accogliere la loro Regina. Fù il generale a fare il primo passo ed accogliere Giulia. "Buonasera dottoressa Rivera, è sempre un grande piacere vederla! Come sta?"
"Buona sera signora Marzia, tutto bene, un po' indolenzita... questo paio di tacchi forse mi è un po' piccolo e ho i piedi distrutti. ma sono ancora qui haha"
"Hahah bene, bene. Alice che fai lì impalata, prendi la valigetta della dottoressa Rivera, non ha sentito che non sta bene? Stupida buona a nulla..."
Marzia era solita vessare verbalmente e con il lavoro la sua nuova assunta Alice.
Alice era una ragazza di 25 anni, timida ed insicura, ma gentile e capace, aveva gusto per le scarpe e per la moda, era una bella ragazza, con capelli neri mossi spesso raccoli in una coda, poratva dei grossi occhiali, ma aveva un viso elegante con sopracciglia ben curate ed un collo sottile, di corporatura esile. Marzia aveva deciso di assumere Alice due mesi prima perché era troppo anziana ed acciaccata per fare certi lavori come la pulizia del locale, lo scarico della merce, ma anche più banalmente inginoccharsi per fare calzare le scarpe da provare alle clienti. Sua figlia Federica aveva sempre lavorato in negozio dall' età di 17 anni, sebbene le piacessero le scarpe, era molto svogliata e spesso toccava alla anziana madre sobbaracrsi di tutto il lavoro, mentre Federica si limitava a consigliare sui colori delle scarpe le clienti e a malavoglia e di rado le aiutava a calzare le scarpe, tantomeno a svolgere le altre mansioni più impegnative. Passava la maggior parte del tempo sul cellulare e se le si cheideva cosa facesse in negozio rispondeva che era la mangaer delle vendite on line e della pubblicità. Questo sigificava in nei fatti, che curava un profilo Instagram del negozio scattando foto ogni tanto di clienti e di scarpe nuove. Rarissime le spedizioni on line.
Alice fu cercata da Marzia perché serviva qualcuno che lavorasse al posto di lei e sua figlia. siccome amica coetanea di federica e per una paga maggiore del centro estetico dove lavorava da anni (800€ invece di 700) Alice spinta anche dal fatto di lavorare con una sua amica e di un maggior guadagno aveva accettato di buon grado, pensando pure che avrebbe lavorato di meno rispetto al centro estetico.
Ovviamente si era sbagliata di molto. Marzia la trattava come una schiava: "Alice porta quei pacchi qui, Alice assisti la cliente, Alice vai al bar a prendere questo, Alice che cazzo fai lì impalata? ..." ecc. Alice non si ribellava mai, ed eseguiva sempre i compiti, anche quelli personali. spesso diventava un tuttofare di marzia ed anche di federica, pensino le veniva chiesto di fare loro la spesa, portare il cane a spasso e pure un paio di volte ha dovuto fare pedicure e manicure a Marzia, per non parlare dei massaggi ai piedi come era tenuta a fare alle clienti. Ma tornando al presente, Marzia aveva ordinato ad Alice di fare un massaggio ai piedi di Giulia, mentre Federica si era prontamente prodigata a fare una storia Instagram con scritto:"qui da noi questo servizio è incluso, venite, le mani di Alice sono miracolose!". Non era la prima volta per alice di fare un massaggio ad una cliente su richiesta di marzia, ma era la prima volta che massaggiava la dottoressa Rivera. Inginocchiatasi e rimossi i tacchi, non degnata dallo sguardo di Giulia che con una mano reggeva un bicchiere di vino e con l'Altra guarda il telefono, sembava tutto dovuto e normalissimo. I piedi di Giulia erano snelli, arcuati, con dita lunghe e ben curate smaltate porpora; in poche parole, perfetti. Anche Alice si accorse dell' armoniosità rara di quelle estremità. Nel suo lavoro al centro estetico aveva visto molti piedi, ma questi, oggettivamente ,erano più belli della norma, per quanto fosse eterosessuale, la bellezza dei piedi di Giulia era oggettiva.
Nel silenzio imbarazzante, Alice accucciata intenta a massaggiare già da 5 minuti sentiva di dover dire qualcosa, dal momento che anche Giulia aveva finito il vino e stava ritirando il cellulare.
"Dottoressa, ha dei piedi davvero belli e ben curati, le faccio i complimenti, noi del negozio le diamo il meglio per valorizzarli, ma lei parte avvantaggiata!" Disse Alice sorridendo, cercando di strappare un po' di simpatia dall' aria altezzosa e riguda di Giulia. A quanto pare ci riuscì, perché Giulia per la prima volta la guardò in faccia sorridendo compiaciuta, amava sempre i complimenti, anche se molto frequenti, le piaceva quando qualcuno faceva i complimenti ai suoi piedi ai quali teneva molto la cura. "Ti ringrazio Alessia. devi sapere che io quando avevo circa la tua età (non avevano troppi anni di differenza, ma la situazione ed i differenti lavori aumetavano il distacco) facevo la modella part time, ho fatto spesso anche la modella di scarpe, Marzia lo sa bene, è da lì che è iniziata la mia passione" quella ragazza nuova, di cui non sapeva nemmeno il nome, che aveva già visto nei due mesi precedenti, ora era stata notata da Giulia, perché la aveva fatto un apprezzamento ben centrato, da lì in poi Alice diventò sempre più simpatica e fedele a Giulia, la quale anche per gli ottimi massaggi, cheideva sempre a lei di servirla e Alice lo faceva volentieri. l'argomento preferito erano ovviamente le scarpe, ma anche la cura dei piedi, le cavigliere, e tutto quello che riguarda scarpe e piedi. Ma anche altro, in comune avevano gusti simili per musica e serie televisive. Con il passare delle settimane e dei mesi, tra Giulia ed Alice si instaurò una strana ma sincera amicizia, sebbene il lavoro ed il carattere di Giulia non l'avevano portata a circondarsi di molte amiche, trovò in Alice un caposaldo immancabile, non vedeva l'ora di andare il venerdì in negozio, per le scarpe, per il massaggio (ormai diventato routine) ma soprattutto per parlare con Alice. Arriavrono al punto da scambiarsi i numeri di telefono e di messaggiare sempre a proposito di scarpe e curda el piede, ma anche di molto altro. Scoprirono anche di andare nella stessa palestra ma di non essersi mai incontrate per gli orari diversi.
I giorni passarono ed arrivò il lockdown. I negozi di scarpe erano chiusi, giorno dopo giorno, Marzia era costretta a pagare Alice per non fare nulla a casa. Nel primo mese di chiusura, Alice e Giulia che ormai potevano considerarsi amiche, anche se non si erano mai viste al di fuori del negozio o della palestra, messaggiavano due o tre volte alla settimana, Alice aveva espresso le preoccupazioni per il proprio lavoro in quella situazione, Giulia l'aveva sempre rassicurata, offrendosi persino di pagarle l'affitto dell'appartamento condiviso. Ovviamente Alice aveva sempre rifiutato categoricamente.
Dopo un mese di chiusura, la signora Marzia e Federica avevano escogitato un modo di vendere qualcosa dimezzando lo stipendio di Alice, ossia facendole portatre le scarpe direttamente alle clienti a casa loro. Dunque Alice andava per Milano portandosi una decina di paia di scarpe, tre modelli in tre varianti di taglie, alle clienti più affezionate. Arrivò il giorno in cui Alice dovette andare dalla dottoressa Giulia Rivera.
Il palazzo era molto lussuoso di inizio 900, Alice era contenta di lavorare per una sua orami amica, era la prima volta che entrava a casa sua. All' ultimo piano. Aperta la porta massiccia in legno elegante, la prima cosa che vide fù un cane maltese bianco, "blanche" che festosamente accolse Alice.
Giulia si palesò in tutta la sua folgorante bellezza. i capelli erano sciolti e cadevano mollemente bsulle soalle sittile ed aggraziate, degli occhiali da vista a montatura spessa coprivano gli occhi, Alice non sapeva che portasse gli occhiali. Giulia indossva una canottiera bianca da palestra della nike, dei leggings neri sportivi, ai piedi aveva la solita cavigiera, aveva solo delle calze fantasmini bianchi molto corte, che non sembravano nemmeno troppo nuove. Sebbene fosse già autunno inoltrato dentro la temperatura era estiva, faceva quasi caldo.
"Alice cara, appoggia pure la borsa ed il trolley qui" accolse Alice con un sorriso.
"Grazie dottoressa"
Alice appena entrata notò un profumo d'ambiente di rose, il calore piacevole, gli spazi ampi e moderni, sui toni del grigio e beige, con marmi classici della struttura precedente integrati con arriedi minimal, tutto era di lusso, una appartamento molto ampio per vivere da sola.
"Chiamami Giulia, ormai siamo amiche...non sono mica il tuo capo haha. Comunque ti chiedo di togliere le scarpe per cortesia"
Giulia era diventata molto socievole e cordiale verso quella ragazza che cindivideva così tanto con lei sebbene di estrazione molto inferiore, aveva una simpatia sincera verso Alice.
Alice d'altro canto era sempre imbarazzata e con fare modesto in presenza di Giulia, si sentiva inferiore rispetto alla classe sociale, la bellezza e l'età maggiore della sua nova amica.
"Ti faccio vedere la casa prima, nel frattempo ti do del vino"
La dottoressa Rivera fece vedere il lussuoso e grade appartamento ad Alice, la quale non era mai stata in una abitazione 'da ricchi'.
Di grande interesse per Alice fù la stanza delle scarpe, tutte catalogate ed esposte per colore, i tacchi da un lato, i sandali dall'altro, le sneakers là ecc. Tutte le scarpe erano poco usate. Alice notò anche che c'erano molte scatole da sistemare. Ma lo spazio non mancava, eventualmente si potevano utilizzare altre stanze. L'armadio scarpiera era probabilmente più grade della stanza dell'appartamento condiviso nel quale Alice viveva ormai da anni. Questo fece sentire Alice una nullità e creò un senso di rispetto e gelosia reverenziale nei confronti di Giulia. Anche la stanza armadio dei vestiti era stupefacente.
Il salotto era spaziosissimo e la televisione era tra le più grandi sul mercato.
"Aspetta, vai sul divano che ti faccio vedere una cosa.."
Giulia fece vedere ad Alice delle foto dove sfilava da modella, ricevendo complimenti dall'amica. Anche delle foto di lei davanti ad un cartellone di prada con delle gambe e dei tacchi (erano le gambe di Giulia).
"Wow incredibile, complimenti, dovresti fare ancora la modella!"
"Guarda con il tempo che mi rimane non ne vale la pena, anche se mi divertirebbe fare un blog, o una pagina Instagram dedicata alle mie scarpe, ma qualcuno dovrebbe fotografiare bene e postare costantemente..."
"Io modestamente...me la caverei con le foto e sarebbe un onore fare qualcosa che mi piace..."
"Ahh topp, potrebbe essere un progettino per il futuro... Dobbiamo pensarci e pianificare bene il tutto. Ma torniamo alla realtà. Che mi hai portato? Prima però, già che sei qui, vogio uno dei tuoi prodigiosi massaggi.."
Alice si mise in ginocchio e tolte le calze, provò qualcosa di diverso, di mai provato prima, forse l'odore non fortissimo ma caratteristico delle calze che sembravano usate parecchie volte, qualcosa la colpì. non seppe dire sul momento cosa, ma quella volta provò persino gusto nell'avere per le mani quei famosi piedi che da settimane non toccava. Era qualcosa di strano, ma rimandò questi pensieri nuovi a più tardi. Nel frattempo Giulia che aveva notato un espressione strana che interpretò come disgustata, si affettò a dire:"scusa se ho su quelle calze, sono quelle da casa, o uso quelle o vado scalza e poi mi devo lavare i piedi. spero di non averti traumatizzata.." nel dirlo non sembrava importarle molto, infondo quel servizio era 'dovuto' e lo voleva tanto, se ne fregava.
"Non ti preoccupare Giulia, anche io lo faccio" non era vero. perché Alice era molto pulita ed ordinata, cambiava sempre le calze, infatti quelle che usava in quel momento, simili a quelle di Giulia ma bianche immacolate.
Il massaggio proseguì normalmente, così come la vendita delle scarpe.
La sera stessa Alice tornata nl suo appartamento, messasi a dormire ripensò al 'castello delle favole' che aveva visto quel giorno, anche di quanto le stesse simpatica Giulia, potesse avere lei come coinquilina invece sei soliti rumorosi e fastidiosi studenti universitari. Pensò alle scarpe che aveva visto, alle foto da modella e di quanto fosse fantastica e realizzata la sua amica, infine le tornarono alla mente le strane sensazioni che aveva avuto con l'odore delle calze, ma non ci pensò troppo e si assopì serenamente.

Nelle settimane seguenti capitò altre due volte di andare da Giulia a vendere scarpe per conto del negozio, notò Giulia sempre con le stesse calze, ma quelle due volte prima di fare il messaggio Giulia si era tolta le calze ed aveva dato un gel profumato per il massaggio di Alice, il che non consentì il ripetersi di quella strana sensazione di due settimane prima.

Le avvisaglie c'erano da tempo ed il prolungato lockdown rese il peggio inevitabile. Alice fù licenziata.
Il fatto avvenne quando dopo aver ritardato per colpa del traffico muna visita di scarpe ad una cliente, Alice mentre era a casa di Marzia, dove teneva anche le scarpe da vendere, stava facendo un massaggio ai piedi, non raro ultimamente. In quell'atto già strano e non da contratto, Marzia la stava insultando per altre piccole sciocchezze, quando dopo aver alzato la voce disse:"basta Alice sei proprio inultile, non fai il caso del nostro negozio raffinato, sei una stupida buona a nulla, sei licenziata..." Ovviamente non era per le minuscole dimenticanze di Alice, ma per il fatto che costava troppo al negozio in quella situazione. Era solo una scusa. Alice si mise a piangere e si paralizzò. Poi supplicò Marzia di cambiare idea. "Finisci il massaggio e poi sparisci cretina.." Alice in lacrime si umiliò come non mai e si mise con la resta sui piedi di Marzia e li coprì di baci per disperatamente cercare di farle cambiare ideia. Questo sebbene piacesse molto a Marzia non cambiò la situazione perché fù poi cacciata malamente di casa. L'umiliazione e lo sconforto per Alice erano totali.
Per la depressione infatti non lo disse a Giulia, ne parlò solo ai propri genitori e alle poche amiche del che ormai non sentiva quasi mai. Per giorni si chiuse in se stessa. Rispondendo in ritardo ai messaggi di Giulia, ormai divenuti giornalieri, in maniera laconica, quasi maleducata. Senza mai dare spiegazioni all'ormai sua 'migliore amica' del perché di questo comportamento insolito, malgrado le domande.
La verità apparve chiara a Giulia venerdì, quando Federica si presentò alla sua porta, pronta a vendere le scarpe del negozio. A Giulia bastò collegare i punti. il fatto che dal pomeriggio precedente Alice non aveva risposto ai messaggi realtivi a cosa avrebbe portato, l'inattività dell'amica ecc.. La dottoressa Rivera fece una vera e propria scenata e cacciò malamente Federica la quale non si aspettava niente di simile ignara dell' amicizia tra la ormai ex migiore cliente e anche della sue ex collega nonché ex amica per forza di cose.
Un rapporto profittevole di clientela burato anni interrotto per sempre.
Il giorno stesso molte furono le chiamate di Giulia, ma Alice sembrava non considerare il telefono. Quella notte la dottoressa non dormí serenamente, quella ragazza era ormai preziosa per lei.
La mattina seguente, decise di andare a trovare l'amica che immaginava essere a casa propria. Con uno sforzo di memoria si ricordò dell' indirizzo dell'appartamento codiviso, e arrivò alla porta, orami aveva rinunciato a chiamarla al telefono. Arrivata lì, la dottoressa venne accolta da due ragazzini sbarabati che seppero dire poco su Alice se non che era indietro con l'affitto e che aveva lasciato Milano per tornare nel suo paese natio nei pressi di Varese.
Giulia chiese ai due ragazzini quanto Alice fosse indietro con i pagamenti dell' affitto. Disse loro che siccome aveva un debito con lei avrebbe saldato lei la cifra dovuta. Il debito era di 600€, due mensilità. La dottoressa Rivera tirò fuori dal portafoglio 800€ in banconote da 100 e 200. Diede 100€ a testa ai ragazzi per le informazioni ricevute, i quali erano increduli ma contenti, mentre il resto sempre a loro per saldare il debito.
Fatto ciò Giulia non poteva fare altro e sempre inquieta tornò a casa sua. Dopo un paio d'ore arrivò una chiamata di Alice, dove piangendo ininterrottamente spiegò tutta la sua tragica situazione, si scusò fin troppo per il comportamento dei giorni precedenti e ringrazio sempre in lacrime per il nobile gesto della danarosa amica e chiese più volte in che modo poteva sdebitarsi, propondendole di lavorare per la sua azienda e di fare pulizie in casa.
"Allora, innanzitutto calmati e smettila di piangere" questo era il tono della dottoressa, non dell' amica, era perentorio, iniziava a stufarsi di questi piagnistei. Poco dopo, dal momento che Alice obbedì all'istante, si riaddolcì e parlò da amica quale si riteneva giustamente. "Ti ricordi quel progetto del blog Instagram che avevo in mente? Magari mi potresti aiutare, ho io un'ottima macchina fotografica."
"Certo certo grazie dottoressa" disse Alice in maniera troppo adulante. Il che fece arrabbiare Giulia che disse seriamente:"non chiamarmi mai più così. chiamiami Giulia o meglio Giuli."
"Ssisi... Scusi...scusa Giuli.. g.grazie"
A quel punto Giulia rise sinceramente
E proseguì con tono dolce:"non è finita qui, io ora che ho creato il mio ufficio in smart working a casa, ho bisogno di pulizia più frequente, in cucina non me la cavo benissimo e potrai preparare tu i pasti, inoltre c'è il cane da portare fuori, non voglio rinunciare al mio paio di scarpe settimanali ma non ho tempo per andarle a cercare, quindi sarai personal shopper e farai la spesa e le commissioni quando sarà necessario. Questo per una settimana gratis, dal momento che ti ho prestato dei soldi, poi avrai 1500€ mensili."
"Va bene grazie Giulia... Giuli lo farò cin piacere, farò del mio meglio.." Alice era in lacrime per ls felicità ed incredula della magnanimità dell'amica.
"Ah, per fare tutto ciò sarà opportuno che tu sia vicina, quindi ti preparo una stanza e vivrai qui... inoltre non intendo nemmeno rinunciare ai tuoi massaggi hahha. Poi voglio anche provare la pedicure.."
"Giuli sei troppo generosa, non mi sedebiterò mai, farò tutto con grandissimo piacere..."
E dopo pianti e risate finali, le due amiche erano finalmente contente di aver risolto e trovato vantaggio reciproco da questa situazione inattesa. Alice trovò un affitto gratuito ed un lavoro dignitosamente pagato, mentre Giulia si era comprata una schiava talentuosa a sua completa disposizione.





Questo racconto di è stato letto 3 7 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.