Cornuto: -- l'antipatico Arturo

Scritto da , il 2021-01-23, genere tradimenti

Capitolo dieci
E finalmente per la gioia di mia moglie il sabato arrivò.
Dalla mattina era in piena frenesia. Andò subito da parrucchiere, poi in un negozio ad acquistare un vestitino da mettere per l'occasione. Il pomeriggio delegò me alla preparazione della cena, lei passò oltre un'ora chiusa in camera con l'estetista che chiamò a casa. "Ma cosa fanno chiuse la dentro...??" Mi domandai?? Mia moglie è carina da se, non ha bisogno di grandi ritocchi per apparire più bella. Tuta la sua agitazione mi dava un certo fastidio. Per una semplice cena con una persona che si conosce appena non credo ci fossero tanti preparativi da fare! Incuriosito mi avvicinai alla porta della camera, era socchiusa. Senza fare il minimo rumore guardai dentro per quel po' che potevo vedere. La visione mi lasciò stupito. Lei distesa sul letto, nuda. L'estetista delicatamente le rasava i peli del pube, lasciandole solo un ciuffetto sopra il monte di venere. Lo spettacolo mi eccitò, poi mi colse un crampo allo stomaco. "Perché...", mi domandai, "sta facendo quel lavoro...??" Quel pensiero mi strozzò la gola.
La sera prima a letto avevamo fatto l'amore fantasticando su Arturo che l'inculava, due sere fa lo stesso. Mi sentivo eccitato ma, soprattutto molto preoccupato.
L'estetista andò via, io avevo finito di cucinare. Seduto sul divano aspettavo che lei venisse fuori dalla camera, invece di uscire chiamò dentro me. "Caro vieni che ti faccio vedere." La raggiunsi e vedendola ancora una volta rimasi di stucco. Indossava un intimo rosso che mai avevo visto prima, (comprato per l'occasione). Mi disse qualche giorno dopo). Un perizoma ridottissimo che esaltava il sedere e copriva a malapena la vagina, un reggiseno super ridotto che a malapena conteneva le tette straripanti, calze autoreggenti. "Oh Dio che spettacolo...!" Sorridendo del mio stupore indossò una camicetta azzurra molto stretta e una gonna blu dieci centimetri sopra le ginocchia. "Ma cos'è quella faccia...??" Domandò, "Dai, agganciami la cerniera." -- "Non mi sembra...", le dissi, "Un abbigliamento adatto alla serata. E' troppo osé, potrebbe creare degli equivoci." -- "Ma di cosa hai paura...??" Rispose col suo sorriso maligno e aggiungendo. "Facciamo il nostro solito gioco. Un po' di innocente esibizionismo. Arturo si ecciterà e quando andrà via chiuderemo la serata a modo nostro...!" Così dicendo mi allungò una mano sulla patta dei pantaloni trovando il mio pene quasi duro. "ma sei eccitato..." Si! Ero eccitato, anche molto preoccupato però.
Mia moglie a sempre giocato ad esibirsi, l'ha sempre fatto fuori però, poi scappavamo a casa e...! Quella volta il gioco lo voleva fare dentro casa nostra. Se Arturo avesse equivocato non avremmo potuto scappare. Potrebbe esserci qualche conseguenza.
Quel pensiero mi eccitava tanto, mi creava però anche i crampi allo stomaco.
Intanto mi trovavo dentro i pantaloni un cazzo duro come non mai.
Continua.

Questo racconto di è stato letto 2 2 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.