"Samael" Lilith

Scritto da , il 2021-01-12, genere prime esperienze

Sdraiata a pancia in giù guardava i pesci nuotare in quel laghetto.
Loro sembravano non annoiarsi,apparivano così indaffarati a volteggiare in quell’acqua trasparente.
Ogni cosa in quel luogo era bellissima ed al tempo stesso così noiosa e sempre uguale.
“Non dovresti far compagnia a tuo marito?”
Lilith sobbalzò per lo spavento. Si credeva sola. Girò lo sguardo e vide un angelo in piedi dietro di lei . Tornò ad ammirare il suo riflesso nell’acqua.
Capelli neri lunghi ed ondulati le ricadevano sul viso, le punte s’appoggiavano a quello specchio increspato, facendola sembrare un’unica cosa con la sua immagine speculare ed increspata.
Dietro di lei quell’angelo che ogni tanto appariva , osservandoli e studiandoli come se il suo compito fosse di capirli.
Capire quei nuovi esseri umani creati da suo padre.

Quel giorno però era la prima volta che le parlava .

“Perchè non potrebbe essere lui a fare compagnia a me?”rispose Lilith
“Tu sei stata creata per lui, non il contrario” rispose Samael contemplando dall’alto la nudità di quel corpo completamente umano eppure perfetto ed armonico .
“Questo è ciò che mi hanno detto”
“Sei molto diversa da come ti avrebbe voluto Dio”
sentenziò andandole di lato ed inginocchiandosi.
“Come mi avrebbe voluto Dio?”chiese Lilith girandosi a guardarlo.
I suoi capelli sotto quel sole brillavano di riflessi rossicci, la sua barba appena accennata sporcava il suo viso perfetto rendendolo meno puro di come s’aspettava dovesse essere un Angelo.
I suoi occhi turchesi la fissavano come se potesse leggerle l’anima.
“Servile,Devota,Fedele…”
“Adamo è tremendamente noioso . I pesci in questo lago sono molto più interessanti dell’uomo che dovrei servire”
“Ne convengo”sorrise Samael alzando lo sguardo nella direzione in cui , molti metri più in là Adamo dormiva all’ombra di un grande albero .
Li aveva osservati nei loro giorni sempre uguali. Aveva visto Lilith curiosa d’esplorare e conoscere quel mondo ed aveva visto Adamo che pigro e spocchioso si comportava come il padrone d’ogni cosa certo che gli fosse dovuta per il solo fatto d’esistere.
Quella donna non era come suo padre l’aveva pensata era molto meglio. Era il solo motivo per cui aveva continuato ad osservarli. Era la sola fonte di vero interesse che trovava in quel nuovo disegno divino.

Lilith si mise in ginocchio davanti all’angelo. Quel sorriso aveva dissolto ogni timore nei suoi confronti.
“Tutti gli angeli hanno i tuoi colori?”gli chiese toccandogli timidamente la punta di quei capelli così diversi.
Lei ed Adamo avevano entrambi i capelli scuri e gli occhi marroni. Era la prima volta che Lilith si ritrovava davanti qualcuno dall’aspetto così diverso dal loro.

“No”
“Sei il primo Angelo a venire qui” sussurrò lei accarezzandogli la barba “avete un corpo come il nostro, posso toccarti. Non credevo di poterlo fare”
Credeva che gli Angeli fossero come si era manifestato Dio , una luce intensa che non acceca. Una voce che scalda l’anima, una sagoma indefinita troppo potente ed antica per poter essere vista da occhio umano.
“Puoi farlo se te lo concedo. Puoi vedermi se voglio che tu mi veda”
“Quindi ora vuoi che ti veda”
“Lilith. La prima donna. Non potevo non presentarmi”. Capire gli umani, camminare fra di loro era il compito che suo padre gli aveva dato.

“Io non conosco il tuo nome”
“Samael”
“Sei più bello di ogni cosa che ci circonda”
“E’ solo la mia natura a rendermi così bello ai tuoi occhi umani”
“Allora è la tua natura a farmi sentire bene quanto sfioro la tua pelle?”disse lei facendo scendere la sua mano dal volto fino alle spalle.

Era la prima volta che Samael sentiva il calore di una carezza. Piacevole.
“Non saprei risponderti, sei la prima a farlo”
“Gli angeli conosco il piacere ?”chiese Lilith
Lei l’aveva già conosciuto , con Adamo. Forse i soli momenti in cui la noia la lasciava libera.
“Dipende da che piacere intendi”
“Ti piace se t’accarezzo ?”disse scendendo sui suoi pettorali.
“Si”
“Puoi toccarmi anche tu se vuoi”
Con il dorso della mano lui le accarezzò la guancia scendendo verso i suoi seni.
“Sei molto bella umana”disse Samael. Guardando la sua pelle. Liscia e morbida . Calda ed invitante .
Quale strana magia possedeva ? Come poteva Adamo dormire lasciando sola ed annoiata quella stupefacente e perfetta donna?

“Se fossi tu mio marito sarei come Dio mi vorrebbe..”sussurrò lei sentendo le mani di Samael coprirle i seni accarezzandoli. La toccava piano, si sentiva come la più meravigliosa delle scoperte.
“vorrei poterlo essere” rapito dai suoi seni e dai mutamenti che gli apparivano davanti agli occhi, i suoi capezzoli inturigidi sembravano richiamare le sue attenzioni. Toccare la sua pelle era come toccare la sua anima.
Lilith lo guardò portando la mano sull’erezione di Samael. Mai prima di quell’istante aveva mai desiderato essere posseduta così intensamente.
Le bastava sentire le mani di lui per vibrare come le foglie scosse dalla brezza.
Samael seppur ignaro di tutto ciò che riguardasse il sesso , sentì l’istinto del suo corpo fatto di carne farsi largo oscurando la purezza divina conosciuta fino a quel momento.
E guidato da esso condusse la mano sul sesso di Lilith.
Le loro labbra si baciarono mentre le loro mani si scambiavano carezze sui loro sessi eccitati.
La sentì ansimare in quel bacio.
Sentì il suo cazzo pulsare ed ogni volontà perdersi in quell’eccitazione che la mano di Lilith riusciva a dargli.
“Mostrami le tue magie”le sussurrò portando le sue labbra sul seno di lei ed affondnado le sue dita dentro di lei .
Lilith si sdraiò su quell’erba aprendo le gambe davanti a lui.
Samael portò il suo viso fra le sue cosce desideroso d’assaggiare quel nettare che gli bagnava le dita.
Sentendo la lingua di lui percorrere le sue grandi labbra fino ad affondare dentro di lei Lilith gemette di piacere.
La prima volta che il suo corpo riceveva quelle attenzioni.
“ti voglio dentro di me”gli sussurrò ansimando.
Samael si sdraiò su du lei .
Lilith condusse il suo cazzo lì dove lo voleva.

Ora Samael capiva perfettamente quei lamenti soffocati che aveva sentito emettere da Adamo.
Possedere una donna era terribilmente piacevole.
Quel corpo giudicato inutile e debole che si portava in giro quando vagava sulla terra era fonte di un piacere immenso, sembrava riempirlo e squoterlo più di qualsiasi altra cosa esistente nell’universo.
Affondare completamente dentro di lei , sentirla gemere e stringerlo. Sentire il corpo di Lilith muoversi e pulsare al ritmo perfetto del suo. Il suo respiro sulla pelle, la bramosia di quella ricerca comune di provarne ancora di più, di scoprire fino a che punto quel piacere potesse arrivare. Il volo disperato verso quel picco e poi…il respiro venire meno , i muscoli irrigidirsi ed infine quell’orgasmo liberatorio , l’esplosione in pochi istanti di un godimento che avrebbe lui voluto potesse essere eterno.

Adamo dormiva ignaro mentre loro abbracciati su quell’erba condivisero altre carezze, altre parole.

Lilith la prima donna.
Lilith la prima amante di Samael.
Lilith il primo amore dell’angelo nato per castigare.

Dio aveva lasciato ai due la libertà di interrompere quel loro rapporto, aveva dato modo a Lilith di capire che avrebbe dovuto dedicarsi solo ad Adamo.
Che per lui era stata creata ed a lui doveva essere fedele e devota moglie.

Ma quei due non potevano più non cercarsi e non desiderarsi quand’erano separti.
Il solo pensiero che Adamo potesse sfiorarla e violare il suo corpo la ripugnava. Samael era il solo a poterla possedere. L’unico a cui avrebbe voluto essere devota.

Lilith non avrebbe assolto al suo obbligo. Ciò che Dio le chiedeva era una schiavitù che non poteva accettare.
Il suo amore era per Samael e nessuna regola era stata infranta nel dichiararlo a gran voce ogni volta che Adamo voleva obbligarla ad essere sua.
“Questo mondo è vostro, potete fare ciò che volete ed girarlo come desiderate, solo una cosa vi chiedo non mangiate le mele di quell’albero” quella era la sola regola che le era stata detta espressamente.




“Figlio, non li ho creati per essere il tuo gioco”
“Il solo a giocare con loro sei tu Padre”
“Lilith è nata per essere la moglie di Adamo. Loro saranno i figli che concepirà . E mai ciò sarà possibile fra un umano ed un celeste!!”
“Lasci loro il libero arbitrio. Ma non consenti a Lilith di scegliere al di fuori della tua volontà!”
“Non sta a te giudicare il mio operato”
“E chi giudica il giudice quindi?”
“E’ la tua natura di accusatore che parla. Io così ti ho creato e spero in futuro userai la tua dote con maggior saggezza”
“Saggezza? Davvero mi chiedi solo questo? Che sia saggio?”
Dio lo guardò. La sua onniscenza gli faceva conoscere bene cosa intendesse Samael in quella domanda. Sapeva che avrebbe preso la strada della sua personale saggezza. Avrebbe potuto frenarlo o cambiare il suo percorso. Ma non era sua intenzione cambiarlo. Al mondo sarebbe servito un angelo come lui.
“Ora va!” sentenziò liquidandolo.



Samael scese nell’Eden alla ricerca di Lilith.
Al suo posto però , al fianco di Adamo , trovò una nuova donna. Bionda con occhi verdi e pelle candida. Perfetta e bellissima ma che non era Lilith.
Di lei quel posto sembrava aver perso ogni ricordo, come se non ci fosse mai stata.
La sua scia dispersa nel vento.
Dio non poteva averla fatta sparire. Non poteva aver ragione suo fratello Lucifero nel credere che loro padre fosse così spregevole da cancellare ciò che non appagasse il suo volere.
Da qualche parte era sicuro che l’avesse nascosta. Dare lezioni era nel suo stile e quella era per lui come per Lilith.

“Fratello caro..cercavi qualcuno?”Lucifero si manifestò.
Non lo vedeva da quando era stato ripudiato dal paradiso.
I suoi capelli erano ancora del colore della luce. Lunghi fino alle spalle ma ora così spettinati e gretti.
I suoi occhi una volta marroni e dolci ora sembravano due neri abissi aperti sul nulla.
Le sue ali bianche candide , sporche di fuliggine.
Samael poteva ancora vedere la bellezza del “portatore di Luce” che era stato un tempo, ma la vedeva come un ricordo sbiadito e lontano.
Una luce che Lucifero stesso non aveva più intenzione di irradiare.
“Lei dov’è?”chiese furioso. Conosceva suo fratello , sapeva che era li per il solo motivo di godersi una vittoria sul regno dei cieli.
“Nostro padre me ne ha fatto dono. Lo sai come siano pessimi i nostri rapporti , non me la sentivo di rifiutarla”
“Ti giuro fratello! Falle male e sarai il primo che castigherò!!”
“Farle male? Ad una creatura così bella e perfetta? Dovevi sentirla come urlava contro nostro padre. Amo profondamente chi lo odia! Non le ho fatto nulla di male, anzi…mi serviva una regina per popolare l’inferno “
“Lei non si darà mai a te”
“Diciamo che ho modi molto convicenti ..”sorrise Lucifero porgendogli una catenina . Il ciondolo era una pietra che brillava al sole più di un diamante.
“Cos’è?”chiese Samael senza prenderla
“La sola cosa che a me di lei non serve e che la lega a te. La sua anima. I miei demoni non possono avere un anima, li rende così…deboli. Non desidero abbia nulla che li lega a nostro padre!!”
“Avrebbe dovuto farti sparire!!”ringhiò Samael.
“Se solo noi angeli potessimo morire vero? Scommetto che avresti in serbo molti modi per uccidermi , mi faresti soffrire? “
“Quello potrei farlo anche ora senza ucciderti!!”disse Samael andando a pochi mm dal viso di Lucifero. Spalancando le sue ali nere. Bellissime ed allo stesso tempo massicce, forti e più grandi di quelle di buona parte degli altri angeli. Lucifero sapeva che Samael, come Azrael erano stati creati per incutere timore e rispetto , che la loro forza non aveva paragone contro la sua .
“Ci riusciresti di certo. Sei forse il solo che ci riuscirebbe. Ma non cambierebbe che Lilith ora è mia!” rispose per nulla intimidido , fissandolo negli occhi.
Samael stava per sfogare la sua ira contro di lui quando arrivò Michele.
“Torna nel buco dove nostro padre ti ha mandato! Non sei il benvenuto qui!” ordinò a Lucifero.

Luciferò lanciò a terra la collanina e ridendo se ne andò.
“Torna nel buco dove nostro padre ti ha mandato? Tutto qui?!! Non avevi giurato a Dio che avresti vendicato la ribellione? Che saresti stato il suo eterno nemico?!!” sfogò quella rabbia contro Michele.
“Ho anche giurato a nostro padre che avrei sempre servito il suo volere. Lui la vuole con Lucifero.”
“La condanna all’inferno per cosa? Per non essersi piegata al suo volere?! E’ questa la giustizia che dobbiamo servire ??!”
“Non spetta a noi giudicare ciò che nostro padre decide. O non saremmo molto diversi da Lucifero. Ma se vuoi un consiglio Samael, evita di famigliarizzare troppo con gli umani. Servirai meglio nostro padre”
E con un battito d’ali andò via.


“Servire” sussurrò Samael stringendo nella mano la pietra che lo aveva riportato al ricordo di Lilith.
Non avrebbe servito Dio. Non l’avrebbe ripudiato ma nemmeno servito. Lo decise proprio quel giorno quando raccolse quella catenina da terra e ne strappò via la pietra conservandola .

La teneva sempre con se. La stringeva ogni volta in cui doveva ricordarsi il compito che si era prefissato. Punire chi lui ritenesse colpevole. Non Dio. LUI. Ed evitare di perdere ancora quel confronto . Dio gli aveva strappato via Lilith punendo entrambi. Non gli avrebbe più dato armi . Non avrebbe più amato nessuno.

In quel momento osservava 6 donne bruciare in un rogo, a Zagarramundi un quel piccolo paese sperduto sui Pirenei , condannate per Stregoneria.
Colpevoli solo di non volersi piegare agli uomini che le volevano addomesticare come fossero animali da cortile.
Dov’era Dio? Lui distratto guardava dalla parte opposta, sebbene in suo nome fossero compiute quelle che atrocità.
Forse un giorno tutti quegli uomini sarebbero stati giudicati o forse si sarebbe accontentato del loro pentimento per perdonarli.
Samael non avrebbe atteso e non li avrebbe perdonati!
“Sei qui per quelle donne?”chiese ad Azrael che era in piedi al suo fianco , rimettendo in tasca la pietra che conteneva l’anima della donna che Lilith era stata in orgine.
“Se sono meritevoli troveranno pace”
“Così sia!”disse sarcastico Samael muovendo il primo passo per avvicinarsi ai giudici di quel processo.
“Non puoi ucciderli qui..”disse Azrael temendo che il fratello potesse svelarsi come Angelo a tutti quegli umani.
“Non voglio ucciderli , ci sono castighi peggiori della morte fratello..”

Questo racconto di è stato letto 1 6 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.