È la Testa che mi Fotte

Scritto da , il 2020-11-30, genere masturbazione

Non è vero che “certe cose accadono solo nei film”.
Eppure ho sentito dire questa frase tantissime volte, sono stata io stessa a pronunciarla in più di qualche occasione. Solo che io non mi riferivo certo ai film d’amore quando è uscita dalla mia bocca.
Nel senso che non parlavo di quelle pellicole in cui ci si vede per la prima volta ed inevitabilmente ci si innamora.
Perché a quello, allo scegliersi con uno sguardo, al primo incontro, io ci credo. L’ho vissuto.
Mi riferivo piuttosto a quei porno scadenti da quattro soldi, a quelli in cui lei, non solo è sempre bellissima ed avvenente, è pure porca.
Sempre sexy, sempre calda, sempre sul pezzo. Pronta a prendere uno o più cazzi e di chi siano poco importa.
Quei filmetti in cui puntualmente ti si rompe qualcosa e guarda un po’, ti arriva a casa il tecnico audace e super dotato che te lo mette in ogni buco e ti fa godere come mai prima.
Non è vero che accade solo in quei film.
Me ne dà conferma anche Stefania.
Non riesco a smettere di sorridere pensando al suo audio che ho appena ascoltato.
Mi dice tutto lei, mi confida ogni cosa buttandomela addosso senza mai filtrarla.
È arrivata a lavoro e li ha visti. Erano sudati, sporchi. Due giovani aitanti che facevano manutenzione ai condizionatori dell’ufficio. E ci ha pensato subito al sesso, le è salito il sangue alla testa mi ha detto.
Non è stata una buona idea, però, imbattermi nelle sue avventure mattutine mentre passeggio.
Mi sono fermata più volte per risentire i messaggi e tutte le volte l’ho immaginata.
Istintivamente si è sfilata la giacca lasciandosi addosso solo la camicetta leggera e scollata. Lei che ha sempre freddo, lei che è sempre super imbottita.
Al ragazzo moro gli è caduto pure non so cosa dalle mani, l’ha guardata con meraviglia ma forse nemmeno lui ci crede. Avrà pensato che non è possibile, che certe cose accadono solo nei film, ma lui non conosce Stefania.
Stefania si è eccitata, ha pensato di essere presa e sbattuta senza se e senza ma da tutti e due.
E insieme.
Uomo di poca fede.
Il panorama stamattina mozza il fiato, la calma piatta del mare mi regala una sorta di pace interiore che mi fa impressione provare.
In realtà è utopico pensare che sia pace la mia.
È semplicemente la sensazione confortante che mi assale ogni fottuta volta che mi riconosco. Perché nella confusione che ho dentro, nei casini che faccio, nel metodico caos di cui riempio le mie giornate, io, mi ci ritrovo sempre.
Che bello il lungomare. Quasi deserto, inanimato. L’asfalto sembra ancora emanare l’odore della pioggia incessante di ieri. Mi fa strano non vedere gente che entra ed esce dagli alberghi che lo costeggiano. O persone che si fanno scaldare dai raggi deboli del sole mentre fanno aperitivo.
Stefania mi parla ancora nelle orecchie e mi diverte, si, ma ancora mi spinge a fare i conti con me stessa. Mi mette in crisi.
Forse sono io che non perdo mai l’occasione di torturarmi, di impelagarmi in pensieri contorti fino ad ammettere dopo infiniti giri di parole che mi riempiono la testa, che le mutande fradice di voglia, non sono per lei, né per quei cazzi.
Nonostante io continui a perdermi nelle sue parole sconce, non sono per lei.
E nemmeno per i due cazzi che tanto sta bramando.
Io sono ferma alle tue parole. A sabato. E sono uscita oggi, come ieri, senza meta, per darmi tregua.
Avevo bisogno di camminare, respirare, starmene sola e soprattutto buona.
Sniffare l’odore del mare e sminuire il mio ingombrante sentimento di fronte a questa maestosa vastità.
Ma il tempo è poco e l’inquietudine tanta.
Risalgo Santa Lucia per trovare presto la via di casa. La voglia di Stefania resa bene dalla sua calda voce, accentua la mia. Mi rimanda al sesso sterile a cui mai ho aspirato e alla complicità indecente che, invece voglio e che con te ho sempre avuto.
La fica pulsa e sbatte perfettamente in sincrono con tutto ciò che mi passa per la testa. Accarezzarmi, toccarmi, masturbarmi, prolunga un piacere che è sempre vivo sulla pelle e sempre acceso nella carne.
Non li voglio quei cazzi, io non li voglio.
Stefania me lo sta solo ricordando alla sua maniera.
La porta di casa sbatte alle mie spalle, lo specchio all’ingresso riflette lo sguardo malizioso di chi sta per fare.
Le cose che ci siamo raccontati sabato rimbombano nella stanza come se qualcuno le ripetesse ad alta voce. La tua mano sul culo stretto nei leggings neri ritorna prepotente insieme alle parole sporche che mi hai detto e a cui ho risposto con altre ancora più sporche.
Non li voglio quei cazzi, io non li voglio.
Non me ne faccio niente.
La mano nelle mutande scende mentre distesa sul letto mi contorco dal piacere ripensando alle fottute cose che ti escono da bocca quando sei eccitato.
Mi sono rimessa tutto. Il perizoma nuovo, la sottoveste trasparente e ricamata sul seno, le auto reggenti, le scarpe.
Non mi fa godere il pensiero di due sconosciuti, non mi distrae.
Le cosce aperte e la fica schiusa per penetrarmi subito, senza aspettare.
Succhio un dito bagnandolo di saliva abbondante, me lo infilo dentro, poi lo ricaccio.
Lo annuso e lo lecco come fosse il tuo cazzo e sussurro piano nel silenzio della camera che lo voglio in bocca. Come se potessi sentirmi tu, Stefania, i due tizi.
Scopro le tette e stringo i capezzoli pizzicandoli, li sporco di saliva godendo dei rivoli tra le dita, inarco la schiena, riscendo a toccarmi.
Tiro su la stoffa leggera del perizoma perché mi sfreghi le labbra e il buco del culo fino a sentirlo, fino a segarlo.
È la testa che mi fotte, la testa!
È la tua faccia, sono le parole che dici.
Sono queste dita che entrano ed escono furiose per riempirmi tutta come il tuo cazzo quando mi sbatti al muro e me lo metti dentro.
Voglio venire, come sabato.
Al ritmo della tua indecenza quando lasciva ti ho mostrato ogni centimetro di questo corpo.
Voglio godere, come sabato.
Al pensiero delle delle tue mani sul culo e della tua lingua in bocca, sotto la doccia, nel cesso di casa tua.
Muovo il bacino più forte, le dita dentro diventano due, sollevo la testa per guardarmi fra le cosce, per sputarmi sulle tette, per assistere al mio assolo.
Non li voglio quei cazzi, io non li voglio.
Mi sento bollente eppure tremo. Mi sbatto ancora con forza rivivendo il piacere di quelle ore.
La voglia è la stessa, ritorna incessante e sai più di tutto cosa?
Quella di sentirti dire che mi vuoi pisciare in bocca e quella di sentirmi dire che non vedo l’ora.
Le immagini si sovrappongono, alla voglia di venire si mescola quella di pisciare. Un intenso calore mi pervade, aumento il ritmo, affanno. L’orgasmo monta, arriva ed è squassante. Mi travolge come volevo essere travolta, nell’unico modo in cui concepisco il piacere. Forte, violento. Mi vengo in mano, copiosa. La stessa mano imbrattata di saliva e di umori resta fra le cosce aperte e mi accarezza la fica ancora pulsante. La consola.
Certe cose non accadono solo nei film, ho ragione io, ha ragione Stefania.
Ma il sesso vuoto, quello meccanico, fisiologico, non mi appartiene.
Perché è la testa che mi fotte, la testa!
E io voglio godere nel corpo, nella mente, in ogni fibra del mio essere.
Voglio godere così..e così godo.

Questo racconto di è stato letto 3 3 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.