Fotografia

Scritto da , il 2020-11-28, genere sentimentali

Nel mio ufficio ho solo due fotografie che raccontano la mia vita personale al di fuori del lavoro .
Un pò perchè non sono un amante dell’esternazioni del personale ed un pò perchè ritengo che chi entra in quell’ufficio non deve conoscere la persona che umanamente sono ma le mie capacità professionali .
Ma quelle due fotografie sono in assoluto quelle che preferisco perchè raccontano di emozioni a cui mi serve talvolta tornare .
Una di quelle due immagini arriva dal mio matrimonio.
Mi sono sposato a Luglio . Faceva un caldo torrido ed il solo pensare di mettermi giacca e camicia mi faceva sudare come un tricheco ai caribi avvolto del domopak .
Luglio non è di certo il mese dei matrimoni , le persone normali lo fanno in periodi dell’anno con temperature più miti , ma io e mia moglie di “normale” non abbiamo mai fatto niente.
Lei era incinta, quella gravidanza era di certo stato un “incidente” che nessuno di noi due avrebbe voluto.
Eravamo una coppia da poco meno di un anno , c’erano ancora un milione di cose che non conoscevamo l’uno dell’altra ma sapevo di non volerla perdere.
Conoscerla era stata la sorpresa più bella nel mio periodo peggiore.
Dal primo appuntamento avevo capito che era una pazza scatenata, lunatica ,un’affamata di vita , una donna così forte da riuscire a vedere ancora il mondo come un parco divertimenti nonostante le brutture che avesse conosciuto.
Il modo in cui riusciva a sorridere con quegli occhi scuri mi ha dato un’istantanea dipendenza .
Frequentarla mi ha insegnato che anche due mondi così diversi potevano completarsi . Ed ogni discussione, ogni litigata fatta diventava un gradino in più della scala del perchè era così giusto essere quel NOI.
Caratterialmente c’era solo una cosa in cui eravamo simili : la voglia di ridere e di riderci su.
Quel giorno non ero spaventato di sposarla, ero spaventato dall’idea di diventare padre ma non di diventare suo marito.
E ricordo tutta quella giornata come una serie infinita di obblighi. Uno più di tutti mi sembrava assurdo “IL SERVIZIO FOTOGRAFICO”.
Mi sembrava un lungo elenco di pose plastiche fatte per ricordare momenti coreografati.
“Foto con gli sposi davanti alla chiesa…ora con i parenti … ora con gli amici… adesso solo la sposa con le amiche… ora lo sposo …sorridete…prendile la mano.. baciala…fingete di tagliare la torta…un’altra…”
Allora perchè quella foto sulla mia scrivania?
Perchè è una di quelle che il fotografo voleva scartare…
Stavamo facendo il servizio fotografico all’esterno, era quel momento odioso in cui tutti gli invitati aspettano l’arrivo degli sposi al ristornate ed in cui questi ultimi vagano per fare foto “poetiche” da soli nei luoghi più romantici .
Noi ci siamo sposati nella sua città, una bellissima città del sud italia sul mare e le foto in spiaggia sembravano non poter mancare.
Luglio. 40 gradi all’ombra. Io con un completo che per quanto leggero non poteva competere con t-shirt e bermuda .
Lei con un bellissimo vesito bianco senza maniche leggerissimo ed una piccola coroncina di rose bianche che facevano sembrare i suoi capelli neri ,ancora più neri.
“Abbracciala da dietro…guardatemi…sorridete…”
Non era facile mantenere quella posa plastica quando il vento mi faceva mangiare i suoi capelli e quelle fantastiche roselline bianche mi facevano il solletico sulla guancia .
Non ricordo con esattezza quale cavolata devo averle sussurrato in quel momento , ma lei si è messa a ridere finendo in quei 5 minuti di completa follia in cui ci prendiamo per il culo ed in cui si ride senza un vero motivo.
Ed ecco perchè in quella foto vedo quel romanticismo reale che ci descrive…quei due sorrisi spontanei e complici che chiudono fuori il mondo.
Quelli siamo noi e quello è il perchè ci siamo scelti.
La realtà batte l’artificio .
La quotidianità nasconde quella concreta verità del volersi ogni giorno,nonostante le litigate, nonostante le discussioni , nonostante i problemi.
Non m’interessa la perfezione .
Voglio ricordarmi che possiamo sorridere in quel modo lasciando tutto fuori .
Vivo per due ragioni : mia figlia e quei due sorrisi nella foto.
Quell’imperfetta unione di due mondi che si migliorano a vicenda consapevoli di non poter controllare gli eventi ma forti del motivo per cui divisi non potrebbero essere.

“Chi vuol esser lieto sia, del doman non v’è certezza”
Un passo alla volta
Saltando gli ostacoli
godendo nelle discese
faticando sulle salite
Siamo ancora NOI e ne sono orgoglioso.
Con altrettando orgoglio annuncio che questo periodo “Covid” per noi una nota positiva l’ha avuta….sta arrivando un nuovo membro in famiglia .
Del resto tutti si concentravano su sfornare pizze e focacce, noi abbiamo optato per un “homemade” diverso.
Quindi credo che fra qualche mese le foto in ufficio diventeranno tre.

E forse non è questo il luogo , perchè in tutto questo d’erotico c’è poco , ma in un luogo che celebra “l’erotico” , in cui si leggono storie di sesso di ogni tipo , in cui spesso la fantasia sostituisce la realtà , il motivo per cui fare l’amore con mia moglie è ancora la cosa più appagante che abbia mai provato volevo raccontarvelo. Dire semplicemente “perchè la amo” non avrebbe reso l’idea.

Questo racconto di è stato letto 9 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.