Haiku d'autunno

Scritto da , il 2020-11-21, genere poesie

Resto in ginocchio
trafitta dai riflessi
la lama entra.

Cala la notte
nel mio cuore tenebre
cerco la luce.

Kokò è lontano
lo cerca la mia mano
lacrime perse.

Correvi un giorno
legaron le tue gambe
ora sei ferma.

La primavera,
rinascono i germogli,
ma ora è autunno.

Scende l'inverno
la nebbia s'impossessa
vago nell'ombra.

Lacrime amare
discendono sul volto
si stringe il cuore.

Questo racconto di è stato letto 2 7 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.