PussyBoy VII - Pornostar

Scritto da , il 2020-11-21, genere gay



Sono stato a Budapest quattro giorni, ma non chiedetemi com'è. Non ho visto un cazzo di Budapest, solo di spagnoli, tedeschi, cechi, cubani e credo brasiliani.
Gerard, ciccione conosciuto a Sharm non scherzava, aveva un'organizzazione incredibile con clienti in tutto il mondo. Mi aveva contattato lui dieci giorni dopo il rientro, proponendomi di andare a trovarlo per vedere un po' se poteva interessarmi; m'avrebbe pagato viaggio ed alloggio, ma senza nessunissimo impegno da parte mia.
“Già, io credo a babbo natale!” Risposi ironico.
Rise col suo vocione: “Sei un ragazzo a posto, so che vorrai sdebitarti con me.”
Nicchiai una settimana, poi accettai. La verità era che non m'ero più ripreso dalla vacanza a Sharm. Ritornare alla vita di sempre del paesone era stato devastante; m'annoiavo anche con gli amici, in palestra ero uno zombi, davanti ai libri sognavo il mare... e zero sesso dopo due settimane di orge. Ero stufo; volevo dare una svolta e speravo nel guadagno facile che mi proponeva il ciccione, anche se ero molto diffidente. Mal che vada, mi dissi, mi vedo una bella città al costo di qualche scopata e della rottura di passare prima in una clinica di Milano per fare le analisi. “No ragazzo, qui la sicurezza è tutto, non m'interessa che li hai già fatti. Noi lavoriamo solo con quella clinica.”
Mi fregò anche questa volta, come col giochino delle manette. Arrivato all'indirizzo, una villa ottocentesca con parco, chiesi di lui ed al citofono mi risposero che era all'estero, ma che li aveva avvisati del mio arrivo. Il portoncino s'aprì ed attraversai borsone in spalla un vialetto fra alberi secolari; sugli scalini dell'ingresso c'era ad aspettarmi una che poteva essere benissimo la bidella di una scuola: almeno cinquant'anni e venti chili di troppo che le gonfiavano le gambe. “Sei fortunato, è arrivata la socia, non dovrai aspettare molto.” M'indicò con lo sguardo una Porsche nera da cui scese una manager vestita Gucci, bionda ed alta come una svedese. Non aveva più trent'anni. Parve non vedermi nemmeno mentre ci passava davanti. Salutò la bidella: “Ciao Lise, tua figlia è contenta?, bene; fammi sapere se le serve altro. Sai se hanno consegnato le nuove lampade? Aspettavamo anche il green screen... Okay, ma richiamali... lui portalo in camera e fagli fare una doccia, poi da me tra dieci minuti!.” Parlavano in inglese, come se non esistessi. Era così elegante che mi metteva a disagio; avevo vergogna d'essere in maglietta e jeans tagliati al ginocchio.
La bidella m'accompagnò per corridoi e scale fino alla mia camera. La villa, con muri da imbiancare e pavimenti crepati, aveva un aspetto decadente ma a suo modo affascinante. La cameretta era arredata ikea; dalla piscina immersa nello splendido parco salivano voci e risa di gente in costume. Feci una doccia al volo, misi pantaloni e camicia ed uscii in corridoio. La bidella si sorprese nel vedermi già pronto: “Bravo!, a lei piace chi non perde tempo... Sta' tranquillo!, è la persona più corretta al mondo, aiuta tutti.” Era innamorata della preside. Bussò.
Era un ampio ufficio con divani ai lati e scrivania in cristallo sul fondo. Lei non staccò gli occhi dal computer. Non c'era sedia per sedersi. “Sei cresciutello, quanti anni hai?”
“Ventidue.” Risposi guardandomi attorno. Ero nervoso.
“... non si direbbe, ma non sei male, hai delle belle labbra e un fisico ben curato.” Col dito mi fece fare un giro su me stesso. Poi un altro, più lentamente.“Direi che il Mister non s'è sbagliato...” abbassò lo sguardo “... e sembra che non sei solo femmina.”
“No.” Mi si indurì all'istante. “No, sono anche attivo.” Figa, avevo vergogna di lei! “Scusa.”
“Di che? È un bel segno, vuol dire che funzioni davanti alla telecamera... E cosa ti ha convinto a venire qui?”
“...” Me ne ha parlato Gerard, l'ho incontrato a....”
Mi guardò in viso: “Non ti sei mica innamorato del suo cazzone??!” Rise divertita della battuta scema. “Scusa, io sono Ellen, la socia del Mister. Ora lui è in Brasile per casting... però volevo che mi dicessi perché hai deciso di provare.”
Inutile mentire. “Per i soldi.”
“Allora si ragiona!” In due minuti mi spiegò il meccanismo così chiaramente che l'avrebbe capito anche un demente. In pratica riconoscevano agli attori una diaria per i giorni di ripresa ed i diritti sui video per un anno: video che trasmettevano solo canali on demand. Ogni mese avrei ricevuto la mia quota, che poteva essere un piccolo aiuto o un vero stipendio o una grossa cifra: dipendeva ovviamente dal numero di video girati e dal successo che avrei ottenuto. “... chiaramente le percentuali cambiano se sei protagonista o semplice gregario. Domande?”
“No, ho capito... ma Gerard m'ha detto che garantite... insomma che i video girano solo tra privati, non voglio che possano vedermi i miei amici.”
“Il Mister lo promette a tutti.” sconsolata, “No, io non lo prometto... I primi ad essere gelosi dei nostri video siamo noi che li produciamo investendo un sacco di soldi. Li distribuiamo in circuiti particolari ma sai benissimo che quando una cosa finisce in rete è quasi impossibile controllarla... quindi metti in conto che prima o poi qualcuno ti vedrà: un amico o forse tuo padre!... A me è capitata una cosa del genere: ma l'avevo messa in conto e l'ho saputa gestire... Detto tra noi: sei sicuro di non chiedermelo solo per metterti la coscienza a posto? Se sei qui, non sei cert uno che se ne preoccupa.”
Ellen era maledettamente affascinante: non me ne fregava più un cazzo di me e volevo sapere che cosa l'era capitato. Era talmente bella e controllata che pareva impossibile che avesse girato film porno. “... quindi dici che si può gestire, che tu l'hai fatto.”
Sorrise:”Non cercare miei video, non ce ne sono! È una storia diversa, che non... Ma sì!, qui la sanno già tutti!, non è un segreto: sono stata beccata mentre lavoravo in un bordello.” (NdA – trovi la storia di Ellen nel racconto Messalina2020).
“Direi di non perdere altro tempo. Vieni, facciamo una prova.” La seguii nel set dietro la porta, illuminato a giorno da lampade su cavalletti e con un invitante lettone bianco di fronte ad una parete verde. Alle mie spalle comparve Lise, la bidella, che volle che le passassi camicia e pantaloni: senza dir una parola cominciò a mettermi un fondotinta su schiena e torso, mentre Ellen mi spiegava come funzionava il set.
“Puoi fingere d'essere alle Seychelles o nella città che preferisci... Dai, scegline una!””
“Parigi.” Dissi senza convinzione.
Scelse Kopenhagen: “Questa è bellissima, è da casa mia.” Mi fece guardare nel monitor. La parete verde s'era trasformata in una vetrata che dava su un canale di una città nordica con le luci che brillavano sull'acqua. Lise m'abbassò gli slip. Li rialzai spaventato. Ellen mi disse in italiano: “Solo per trucco.” Tirai un sospirone e permisi alla bidella d'impastarmi di crema natiche e gioielli. “Non serve depilarlo.” Se n'andò.
Ellen mi accompagnò verso un trentenne. “A me non piace la confusione sul set. Usiamo telecamere fisse ed un solo cameraman... e lo voglio rilassato.” Il tipo si sbottonò ed Ellen poggiandomi una mano su una spalla m'invito ad inginocchiarmi per spompinarlo. “Tranquillo, fa anche lui le analisi... così poi non ci sarà alcun intoppo nelle riprese... Sai?, pensavo a riprenderti un po' mentre dormi, proveremo un po' di posizioni, ma non nudo, ti metti le calvinklein, è più eccitante...” Intanto mi carezzava i capelli. “... poi vediamo. L'orgia è da escludere la prima volta, non è facile davanti alle telecamere... meglio una sana scopata con qualche twink bello come te, o preferisci un bel toro palestrato?” Non potevo rispondere. “Sì io ti vedo bene con un toro da monta.” Il cameraman sborrò.
Ellen mi rialzò tenendomi per i capelli e mi baciò in bocca. Libidine pura, credetti persino di potermela fare su quel letto! Invece si scollò di scatto: “E se partissimo col botto?!” Aveva gli occhi sbarrati mentre pensava. “Sì, il Mister m'ha detto cosa fai... Facciamo così: alcune belle riprese mentre dormi e poi entrano due ladri che ti legano e violentano! Sì, sì, ho già in mente chi e come... e so cosa devono usare! Ne verranno fuori tre video con una sola ripresa! Una bella scena improvvisata, realistica al massimo. Ma tu devi essere credibile!, ne sei capace? Se no viene una merda!” La vedevo friggere in cerca d'una soluzione. S'illuminò: “Trovato! Ti bendano anche, così ti è più facile recitare, no?”
Sarebbe stata la miglior recitazione di tutti i tempi: non mi aveva detto un cazzo!
“Ma a te va bene Kopenhagen?” Mi carezzò la guancia.
“E' perfetta.”

Questo racconto di è stato letto 1 4 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.