Gli amanti e l'incredibile sorpresa del cornuto.

Scritto da , il 2020-11-17, genere tradimenti

-Scopati pure mia moglie Giorgio!
Mentre ero di la, ho ricevuto una telefonata di lavoro e devo uscire subito.
Credo che ne avrò per un po, dunque, fate pure con tutta calma.-

Aveva detto mio marito uscendo dalla nostra camera da letto già vestito per andare fuori.

A quelle parole, io avevo avuto un sussulto dalla sorpresa mentre Giorgio, rosso in viso,era rimasto senza parole.

-Non state li imbambolati come due cretini e approfittate dell'occasione.
Era da tanto che desideravo che mia moglie provasse l'ebbrezza di essere scopata da un altro maschio sul nostro letto coniugale.-

Aveva aggiunto mio marito prima di uscire di casa non concedendoci alcuna possibilità di replica.

In precedenza, mentre mio marito si era allontanato per andare in bagno io e Giorgio eravamo seduti sul divano l'uno accanto all'altra.

"Scusate, vado un attimo in bagno" così ci aveva detto e noi e noi, approfittando di quei pochi minuti a disposizione, ci eravamo baciati e ci stavamo toccando reciprocamente, lui tra le mie cosce senza mutande ed io con la mano dentro i suoi pantaloni.

Io e Giorgio eravamo già amanti da prima che mi fidanzassi con Luca.

Eravamo colleghi d'ufficio e tutti erano a conoscenza della tresca e di quanto fosse cornuto il mio fidanzato divenuto poi, mio marito.

In occasione del mio matrimonio, avevo invitato oltre ai parenti ed amici, anche i colleghi d'ufficio affinché fosse chiaro a tutti, il rapporto fedigrafo tra me e il mio marito e di quante corna fosse destinato a ricevere il mio fresco sposino.

Già durante il fidanzamento, non facevo nulla per nascondere la mia voglia di libertà e dunque, non avevo difficoltà ad assentarmi con qualche scusa per qualche giorno o per qualche ora o addirittura per qualche minuto durante le feste tra amici o al ristorante, in qualche discoteca o, occasioni di altro genere.

Insomma, scopavo con chi mi pareva in ogni momento anche le volte che uscivo con lui.

Dopo il matrimonio, non mi facevo mancare uscite da sola(con le amiche?!) o ritardi nel tornare a casa dal lavoro dove lui, mi faceva trovare anche la cena già pronta.

Talvolta, mi sentivo talmente troia da vergognarmene quasi.

Comunque, continuavo a tradirlo e spesso lo facevo tornando a casa col rossetto sbavato, il trucco disfatto, il vestito stazzonato o i capelli arruffati.

Lasciavo senza nessuna particolare attenzione nel cesto dei panni sporchi i miei perizomi con le tracce del mio tradimento e talvolta estraevo "distrattamente" dalla mia borsetta il reggiseno e le mutandine fingendo di non accorgermi che lui lui poteva vedermi.

Nonostante questi miei comportamenti disinvolti e provocatori, mai una domanda o una reazione di biasimo da parte sua.

Neanche quando al mio rientro lo salutavo baciandolo con ancora in bocca il sapore dello sperma del mio amante o con sulla pelle le tracce odorose del suo seme, mostrava la benché minima reazione.

C'è da dire che il nostro anche con lui funzionava piuttosto bene e spesso, lo sentivo scivolare dentro di me con la vagina ancora bagnata dai miei umori e la sborra del mio amante che non avevo sciacquato.

E' vero, lo devo confessare, farlo anche con lui dopo qualcun altro, mi dava una incredibile carica di libidine

Francamente, con tutte le tracce che gli lasciavo, i segni che emettevo e le mie evidenti, benché mute, provocazioni, speravo che capisse per poter avere con lui un chiarimento e definire bene il nostro rapporto che mi pareva troppo sbilanciato a mio favore.

Quella sera era stato proprio mio marito ad invitare a cena Giorgio con sua moglie gravida di 3 mesi.

Purtroppo, lei non era stata bene e nonostante le insistenze di Luca perché la cena fosse rinviata al sabato successivo, era stata lei stessa ad insistere affinché almeno venisse suo marito.

Dopo l'invito di mio marito a scopare con un altro uomo, finalmente soli, io e Giorgio dopo un rapidissimo scambio di sguardi interrogativi per la strana e fortunata evoluzione della serata e presi dal raptus della passione per la inaspettata opportunità di scopare a casa del "cornuto", ci siamo spogliati completamente e ci siamo trasferiti nella mia camera sul letto coniugale.

La libidine era esplosa con una lussuria ed una potenza mai provata prima e si che negli anni avevamo chiavato in ogni situazione ed ogni circostanza favorevole anche la più incredibile.

Ci era persino capitato in vacanza di scopare una sera in albergo sul letto nella mia camera con mio marito che avendo bevuto un pò troppo, ronfava beato mentre Giorgio gli scopava la moglie e la riempiva di sborra in ogni buco sino all'alba.

Senza contare le volte che al ristorante o in discoteca, avevamo scopato in giardino o gli avevo fatto un veloce pompino nei cessi delle donne.
Non si contano poi, le seghe che gli avevo fatto sotto al tavolo al ristorante e persino un giorno, ci eravamo toccati e lo avevo fatto sborrare seduti sui sedili posteriori della macchina mentre mio marito guidava.

Scopare però col mio amante di sempre, sul talamo coniugale, era tutt'altra cosa e per questo, tra un orgasmo e l'altro, mentre lui era dentro di me, telefonavo a mio marito per accertarmi che non stesse arrivando e per mostrare a Giorgio e me stessa quanto fossi troia.

Eravamo giustappunto impegnati in un lussurioso 69 in cui lui mi succhiava la fica piena del suo stesso sperma mentre io gli leccavo e gli strizzavo il cazzo per ripulirlo da ogni residuo di sborra quando dalla porta spalancata, era apparsa la figura di mio marito con accanto la moglie del mio amante completamente nuda e sorridente.

-Continuate...continuate pure, noi rimaniamo a guardarvi per goderci lo spettacolo di due fedifraghi che si accoppiano come porci.-

Sorpresi in quella posizione alquanto imbarazzante, io e Giorgio avevamo goffamente cercato di cambiare postura e coprirci alla meglio col lenzuolo.

Poi, incapaci di reagire in qualche modo alla incredibile sorpresa, eravamo rimasti entrambi muti e tremanti.

-Ciao Giorgio, la riconosci questa signora?-

Aveva esordito mio marito con un ghigno stampato sul viso.

-Lei è Sara ed è tua moglie gravida di 3 mesi.

Sai di chi è il bambino che porta in grembo?

Tuo figlio?

No! Il bambino è mio figlio!

Parrà strano a due traditori cornuti come voi che Sara possa essere stata ingravidata da un ingenuo maritino come me eppure....è proprio così!

Prova tu adesso ad ingravidare quella troia di mia moglie se ti riesce!

Dopo quelle sferzanti parole pungenti come lance infuocate, mentre accarezzava il ventre già gonfio di Sara, avevano chiuso la porta lasciandoci nudi,sudati e gocciolanti sul letto come fossimo reduci da un naufragio fisico ed esistenziale.

Io scostando da me, il corpo tremulo eviscido di umori di Giorgio, ero scoppiata in un pianto dirotto.

Questo racconto di è stato letto 5 4 5 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.