Halloween resort 3

Scritto da , il 2020-11-09, genere etero

Resort Halloween
“Ehilà bella gente, felice Halloween!” Alex arriva, bicchiere di spumante alla mano. Mentre cammina produce un suono tipo tac tac che, sulle prime, non riesco a collocare.
Poi, noto che, appesi ai testicoli, ha delle palline che riproducono le zucche di Halloween.
Deck sta festeggiando con le gemelle a modo suo. Karen, con un cappello da strega, piegata a 90, con Deck che la perfora in allegria. Lì vicino, la gemella Layla,si sta baciando con Velda che, per l’occasione, ha vinto un po’ di pudore e si è tolta quella vestaglia semi trasparente del giorno prima.
“Ciao” JAsmina mi si getta al collo e incomincia a baciarmi. Ha le tette e la fichetta dipinte a motivo zucca.
Margot, in disparte, sembra godersi quella ritrovata voglia di fare festa. Se ne sta appoggiata allo spigolo del lavello, senza il suo consueto grembiule, ad osservare l’aria spensierata della serata “Felice Halloween” le porgo un calice di spumante
“Finito di intrattenere le nostre ospiti?” chiede lei con una punta di sarcasmo
“Chi può dirlo.. Gelosona”
Ride “Come ti sembrano?”
“Buoni clienti”
“Vi ho visti questa mattina, su al Baldacchino”
“Ti sei eccitata?”
“Un po’ sì, confesso. Mi sono masturbata a dovere”
“Fai la gelosa”
“Lo sono” sospira “Ci sono momenti in cui, ti vorrei solo per me. Niente Resort, niente Camille, Jasmine, Kinzia. Solo io e te, fuori da qui”
“Sono uno che si innamora facilmente” dico dopo un po’
“Sono un’egoista” dice lei poggiando il bicchiere e spostandosi davanti a me “Ti vorrei solo per me” mi abbassa la cerniera e afferra il sesso, stringendola avida “Per una volta, un week end solo io e te” si inginocchia, ingoia il cazzo e comincia a spampinare in maniera famelica. Chiudo gli occhi e lascio che i miei sensi si mescolino come in un frullatore.
Lascio che bocca e lingua mi facciano perdere i sensi. Lascio che la mia mente si sciolga in una miriade di farfalle colorate. Lascio che lo sperma fluisca nella sua bocca e lei si appaghi del mio succo.
Alla fine si alza in piedi,mi bacia e si allontana. Non prima di avermi detto “Stanotte sarò io a dormire con te” e si allontana sculettando

Compare Evelina, anche lei agghindata Halloween, con le grosse tette dipinte a zucca e la fica ben rasata con una zucca e il capello di strega dipinto. Bella donna, più di una milf, meno di una coguar. Ha il suo fascino, ne bella ne brutta, capelli biondi tagliati corti, qualche ruga ad incrinare la pelle ma, nel complesso, appetibile “Scusa, ho solo bisogno di un bicchiere d’acqua” dice lei
“Fai pure, è anche casa tua”
“Grazie”
“Dov’è Manuel?”
“Da qualche parte insieme ad Alyss”
“Vi state divertendo?”
“Sì, ci voleva questo stacco” apre il rubinetto, si versa da bere, si appoggia anche lei al lavello “Avete tirato su un bel posto, tu e le tue socie” beve “Isolato, selezionato, tranquillo”
“L’oasi perfetta”
Lei mi indica l’uccello esposto “Sei in self service?”
Io mi guardo in basso e vedo Lui ancora lì, penzoloni, dalla patta dei pantaloni “Margot aveva sete” prendo una spugnetta, la bagno, mi do’ una ripulita lì
“Peccato”
“Di cosa?”
“Avevo sete anche io” e beve la sua acqua
“Il rubinetto è sempre aperto” lo afferro, lo scrollo un po’. Sta recuperando un po’. Dieci minuti e risorge
“Allora ci facciamo un giro?”
Lasciamo gli altri a divertirsi. Alex saltella facendo rimbalzare le sue nuove palline. Deck sta facendo il divo con le due gemelle e con Velda.
Porto Eveline nei sotterranei, la zona delle lavanderie, del magazzino. Percorriamo un lungo corridoio in cemento con le tubature che corrono sulle pareti “Dove mi porti?”
Arriviamo in una stanza più ampia e una porta in legno. La apro e mi faccio da parte per farla entrare “Prego, si accomodi”
Lei entra, curiosa e divertita. Dentro, panche di legno addossate alle pareti e un grosso bracere posto al centro della stanza “Una sauna” ride lei.Via i pantaloncini, ora nudo, il cazzo che ha ripreso vigore “Una vetrata” la vetrata da sul fondo della piscina. In Estate è possibile ammirare i nostri ospiti mentre nuotano o fanno altro, come pesci in un acquario.
Le poggio le mani sulle spalle e la bacio al lato del collo. Lei lascia fare. Le ,ami accarezzano le braccia, si spostano sul ventre, sulle tette. Continuo a baciarla, le faccio sentire il sesso duro tra le sue chiappe, comincio a muovermi in una lenta masturbazione. Poi, la mano sinistra scende fino alla fica e comincio a giocarci un po’. Lei si gira, mi bacia, io le afferro i fianchi, la sospingo contro la vetrata “Scopami ora”
Non me lo faccio dire due volte. Entro in lei e comincio a scoparla. Lei mi asseconda, mi stringe, affonda le unghie nella mia pelle. Cerco la sua bocca, il mio sesso affonda sempre più tra le sue calde gambe. Il vetro vibra per le scosse subite
“E’ sicuro?” ansima lei
“Sì” rispondo allo stesso modo “Tranquilla. E’ progettata per resistere alla carica di uno squalo bianco”
“Allora.. spero che tu.. non abbia tutta questa potenza”
“Dovrei sentirmi..offeso ma.. in questo caso.. lo spero anche io”

E’ quasi mezzanotte. La notte di Halloween sta per giungere al termine. Nel giardino e attorno alla piscina, le zucche illuminate spandono il loro baluginio giallastro.
Nel bosco di larici, nei pressi del letto a baldacchino, trovo Manuel abbracciato ad Alyss, nudi.
E Kinzia lì vicino che sta riassestando lenzuola e trapunta “Sempre al lavoro, Kinz?”
“Non fosse per le scopate che mi faccio ogni tanto, mi sarei licenziata già da un pezzo” grugnisce lei
“Evelina” Manuel saluta raggiante “Mauro” meno raggiante “Volete sedervi con noi?”
Su una panchina, io ed Evelina, Alyssa e Manuel. Le zucche illuminate occhieggiano tra gli alberi “Com’è questo posto quando voi non ci siete?” chiede Manuel “Voglio dire, chi lo guarda?”
“Margot abita qui, è la sua residenza”
“Lei tutta sola?”chiede Manuel
“Abbiamo un servizio di sorveglianza” rispondo “Poi, io rimango qui fino a martedì e rientro venerdì mattina”
“Avete bisogno di un manutentore?” chiede Manuel
“Magari nei week end”
“E lasceresti il condominio per venire qui?” chiede Evelina
“Solo per i week end” si stringe nella spalle Manuel “Mamma sa badare al palazzo per un paio di giorni”
“La tua mamma sa di questo tuo vivere fuori dalle righe?”
“Sì”
“E non ti ha diseredato?”
“No. Anche lei si da da fare. Quindi, tale madre, tale figlio, anche se non è così il detto”
“La mamma di Manuel è Rebecca Santiago” dice Alyss
“La pornostar?” faccio sorpreso “Uh, però”
“Già” fa Manuel un po’ imbarazzato “Devo avere preso da lei”
“Qui dentro farebbe faville” ride Evelina
“Già”
“Siete aperti in Inverno?” chiede Alyss
“Siamo sempre aperti” rispondo “Per l’ultimo dell’anno abbiamo in mente di fare il capodanno qui, con tutti i soci. Volete unirvi alla festicciola?”
“Come una grande orgia” ride Manuel
“Probabile”
“Beh, perché no” risponde serio

Margot mi aspetta in camera, nuda, a culo in su “Ci hai messo tanto” dice
Mi sfilo i pantaloncini, mi avvicino a lei, le afferro le braccia e la tiro su delicatamente “Per una volta” la giro, la guardo a lungo negli occhi “Facciamo l’amore come due veri amanti” ci baciamo a lungo, ci sdraiamo. Lei sotto, io sopra. Continuo a baciarla mentre la penetro. Delicato, suadente, continuiamo così, a fare l’amore, fino a che non ci addormentiamo…

L’indomani, Manuel, Alyss ed Evelina, se ne vanno via dopo mezzogiorno “Rientro emergenza” dice Manuel “Mia madre ha avuto un infortunio”
“Oh, mi spiace. Ma, cosa è successo?” chiedo
“Sembrerebbe scivolata dalla scala in cucina ma…” si stringe nelle spalle
Ci salutiamo con la promessa di rivederci, anche prima di San Silvestro.
Rimaniamo noi, i soliti, a facri compagnia, a parlare e scopare. Jasmina che si struscia contro di me, Margot che aspetta di fare l’amore come la sera prima. Deck con le due gemelle, Kinzia che rassetta lenzuola e trapunte e.. Alex, che non si è ancora tolto le palle a forme di zucca, con Velda che ha voluto rimanere “Mi piace la ragazza” dice Alex indicando Velda “Ha un che di sessuale che mi rimescola le cellule e lo sperma”
“Ti stai innamorando?” chiedo malizioso
“Chi?Io?.. Chissà” e si allontana, afferrando Velda per una mano e trascinarla via “Hai mai visto la nostra sauna?E’ una ficata pazzesca”
“Che ne diresti se, stasera, io e Jasmina ti facciamo compagnia?” chiede Margot
“Dico che non mi spiacerebbe” le bacio entrambi

La vita e il sesso continuano qui al resort Oasi di Venere…


=Fine=

Questo racconto di è stato letto 5 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.