Resort Halloween 2

Scritto da , il 2020-11-08, genere etero

Resort Halloween 2

“Dunque, come vi siete conosciuti?” chiede Margot ai nostri ospiti
“Abitiamo in un condominio in centro città” risponde Manuel “Mia madre è la custode del palazzo e io, faccio dei lavoretti al suo interno”
“Manuel è un ragazzo d’oro” dice Alys, soprannominata squaw per via del suo aspetto. Ha lunghi capelli d’argento e un fisico magro e asciutto, ben proporzionato, perfettamente liscio. Chissà che sesso fantastico tra le sue gambe.
Evelina, invece, è più robusta, supera di poco i cinquanta anni. Robusta, piena, poche rughe attorno agli occhi. La signora si mantiene in forma. Assomiglia a Margot. Da come tocca la mano di Manuel e da come lo guarda, si direbbe che lei sia l’amore principale. Sì, con lui non è solo sesso. Mi viene da fare il paragone con Margot, anche lei quasi possessiva nei miei confronti.
E poi c’è Velda, quella che chiamano il rospo. Non bella, nasino a patata, aspetto un po’ retrò, la faccia cosparsa di efelidi. E’ l’unica, nel gruppo, che non si è spogliata completamente. Indossa una vestaglietta a fiori quasi trasparente, dove si indovina un reggiseno scuro. Ha gli occhiali messi in bilico sul naso e, sembra imbarazzata per la situazione. Manuel deve aver lavorato parecchio su di lei per convincerla a venire al Resort
A guardarlo bene Manuel, ha il fascino del ragazzo timido ma non troppo. Margot ha detto che, in un certo modo, mi somiglia “Ci hai fatto un pensierino?” l’ho apostrofata maliziosa
“Sì, ti dirò, la voglia di provare un cazzo diverso dal tuo mi attira” aveva risposto lei
“Provalo”
Lei si era stretta nelle spalle. Accetta il fatto che io scopi altre donne ma, non riesce a concedersi ad altri uomini al di fuori di me. Strana la Margot .
Un piede mi si poggia sulla caviglia e comincia strusciarmela. Guardo la squaw che mi sorride coi gomiti appoggiati al tavolo “Dunque, tu sei il famoso Mauro Davec” il piede risale lentamente lungo la gamba provocandomi un brivido di eccitazione
La guardo con un sorriso di apprezzamento “Sei una mia fan?”
“Ho letto qualcosa di tuo” il piede risale fino alla patta “Bounty Jackal è il mio preferito”
La mano sinistra si muove sul suo piede e comincio a ad accarezzarlo. Lei contrare e massaggia la patta. Sotto, il sesso, si risveglia e vuole le lusinghe della nuova arrivata
“Il nostro Mauro è un maestro del paradosso” eccolo che ricomincia
“In che senso?” chiede Manuel
“Deck ha la fissa dei paradossi temporali da quando, io e lui, la scorsa estate, ci siamo messi a disquisire sull’argomento” rispondo
“Ne sta scrivendo uno in questo periodo” dice Deck
“Deck è ossessionato dai paradossi” ride Alex
“Esattamente, cosa vuol dire un paradosso?” chiede Manuel
“Hai presente la teoria de Paradosso del gatto di Schrödinger?” chiedo “E’ fisica quantistica, elaborata nel 1935, secondo il quale si ipotizzava che, un gatto messo in una scatola, poteva essere contemporaneamente vivo o morto”
“Ouch” fa Manuel “Rimembranze universitarie”
“Voi discutete di queste cose?” chiede Eveline perplessa
“Nei tempi morti” rispondo “L’amico Deck ha specie di ossessione per i paradossi”
“Sì, abbiamo discusso a lungo del paradosso e di come si può formare. Lui ha le sue teorie, io le mie”
“E io che pensavo parlate solo di sesso” commenta Alyss con un sorriso. Non ha smesso un attimo di accarezzarmi il pacco. La signora ha voglia di provare un uccello nuovo
“Guardiamo film, ascoltiamo musica, giochiamo a tennis” interviene JAsmina “Io e Mauro abbiamo guardato ‘La tela di Carlotta’ ieri sera”
“Dai!E’ una smielata” fa Alex divertito
“A noi piace” fa il broncio Jasmina
“E la cosa divertente è che non abbiamo fatto sesso” commento
“No?” fa sgomento Deck
“Alquanto strano da parte tua” commenta Alex
“Non al risveglio” aggiunge JAsmina strusciando la spalla contro il mio braccio
“E tu che dici, Velda?” chiede Alex rivolta alla giovane rimasta silenziosa tutto il tempo “Non hai spiccicato parola”
“Io… Io mi sento un po’.. a disagio”
Risolino da parte di tutti “E’ normale” dice Margot “Le nostre nuove ospiti si sentono sempre un po’ a disagio, i primi tempi”
“Poi è un attimo prendere confidenza”sorride Alex “Se vuoi, ti porto a fare un giro, dopo”
Velda arrossisce profondamente, lusingata e imbarazzata. Alex, spudorato, faccia d’angelo, elargisce il suo sex appeal “Ok”
“Dunque” fa Margot “Spero che la vostra permanenza al Resort sia piacevole e vi aggradi in ogni vostro desiderio”
JAsmina mi fa cenno di avvicinarmi. Mi abbasso e lascio che mi sussurri quello che mi deve dire “Immagino tu avrai da fare nelle prossime ore” sussurra “Da come la squaw ti sta masturbando con il piede, ipotizzo che sarai impegnato”
“Fai la possessiva anche tu?”
“Sì” mi bacia. Poi si alza “Signori. Signore. Vi auguro buona permanenza” e corre via
“Mi spiace che siamo in bassa stagione” dice Margot “Primavera/ Estate è più viva”
“In quanti siete qui dentro?” chiede Evelina
“Una decina di maschi. Una ventina di femmine” rispondo
“Tante passere, pochi uccelli” commenta Alyss
“Pochi ma buoni” rispondo “Che ne diresti di un tour turistico?” chiedo ad Alyss
“Mi fai da guida?”

Evelina rimane in cucina con Margot e l’aiuta a sistemare e pulire. Manuel si dice un po’ stanco e vuole ritirarsi nella sua camera. Evelina gli promette ce lo avrebbe raggiunto al più presto.
Io ed Alyss stiamo passeggiando a bordo piscina, fianco a fianco “Sono lusingato delle tue attenzioni” dico rivolto alla squaw
“Sembri un tipo interessante” dice lei “Assomigli a Manuel. Hai una certa finta timidezza che mi intriga”
“Non sono timido”
Stiamo passeggiando nella pineta. Il clima è piuttosto caldo, nonostante la stagione. Quasi svestiti, non risentiamo minimamente della temperatura “Spero che a letto tu non lo sia troppo”
“Hai voglia di scopare?”
“Voglio fare sesso con te, sì”
“E io con te”
“Lo so, ho visto come mi squadravi” mi tiene braccetto, si fa più vicina “Accontenterai una vecchia signora?”
“Vieni, ti faccio vedere una cosa” la prendo per mano e la trascino su per delle scale in pietra ricoperte da aghi di pino. Più avanti, un gazebo di pietra domina il paesaggio circostante fatto di aceri vestiti di rosso. Al centro del gazebo, un vistoso letto a baldacchino, un trionfo barocco di trapunte color ruggine, in posizione panoramica verso il Resort “Eccoci qui”
“Posto curioso per metterci un letto” commenta lei “Vuoi farlo lì?”
“Circondati dalla natura”
“Ottimo” mi slaccia la giacchetta e poi passa ai pantaloni. Lo sguardo si sofferma sul mio sesso gonfio di passione. Lei si toglie il micro slip e rimane lì, nuda, con una passera curata che farebbe invidia ad una ventenne “Andiamo allora”
Ci buttiamo sul letto, in ginocchio uno di fronte all’altro, a sfiorarci con le dita, ad accarezzarci la pelle. Lascio che sia lei a condurre, non sapendo che tipo di amante fosse. Mi accarezza le spalle, tocchi lievi, delicati, disegna cerchi e linee, scende verso il basso, fino al sesso pulsante. I suoi tocchi sono studiatamente sensuali. Mi invita a fare lo stesso, spero di eguagliare. Non premo, cerco di non fare la figura del maniaco sessuale represso. Lei mi avvolge i testicoli, li accarezza. Chiudo gli occhi, un milione di emozioni mi avvolgono. La sento vicina, le sue labbra sulle mia. Ci baciamo, le nostre lingue si sfiorano. Lascia che il suo sesso prema sul mio. Non so perché ma, ho voglia che rimanga così, perfettamente abbracciati, con il cazzo che minaccia di esplodere e lei che mi avvolge con la sua fragranza.
La sento spostarsi, apro gli occhi. Lei si sta sdraiando e apre le gambe. Mi sorride e mi invita ad entrare. Lo faccio delicatamente, lasciando che il sesso sforzi ma non più di tanto. Le sue gambe mi artigliano da dietro, accettano il mio sesso, i nostri occhi sono uno nell’altro.
Mi muovo dentro di lei, deciso e lento, il suo corpo che segue la corrente del mio corpo. Spasmo, aumento, lei che mi stringe. Non so quanto tempo passa “Sto per venire” ansimo
“Fai quello che ti senti, non avere preoccupazioni” dice lei
E mi lascio andare, dentro di lei, lasciando che il tutto fluisca e ci avvolga.

“E’ stato piacevole” dice lei appoggiata a me “Ho il sospetto che tu sia abituato a ben altro”
“Sono più animalesco”
“Anche con la tua amica Jasmina?”
“Dipende da cosa vuole lei. MA, il più delle volte, con lei sono più tranquillo” rispondo “Con Margot e Camilla no. Furia animale”
“Margot tiene a te, l’ho letto nello sguardo. Ti vorrebbe tutto per lei ma, sa che, non può legarti come un cane obbediente”
“Potrei dire la stessa cosa di te, Evelina e Manuel”
“Manuel è un bravo ragazzo. Lui ed Evelina hanno legato subito. E’ stato come un fulmine a cielo sereno”
“E i fatto che Manuel si conceda ad altre, non scoccia Evelina?”
“Credo ci sia lo stesso tacito accordo come tra te e Margot”
“E con te, che legame c’è?”
“Sono molto affezionato a quel ragazzo” sposta la mano verso il basso, mi afferra il sesso, incomincia a masturbarlo delicatamente “Mi ha ridato una seconda giovinezza”
“Invidio quel ragazzo”
Lei scoppia a ridere “MA dai, con tutte le bellissime donne che ci sono qui dentro”
“S’invidia sempre l’erba del vicino” rido “Hai un tocco delicatissimo”
“E’ un posto strano questo, dove mettere un letto così”
“Margot dice che fa scena” afferro la mano con cui mi sta masturbando “Ogni tanto vengo qui sopra, sposto le foglie dal baldacchino e mi metto qui”
“In attesa che una principessa di passaggio si riposi al tuo giaciglio”
“Sì”
“Quante ce ne sono di queste strutture in giro per il parco?”
“Almeno cinque ma, solo questa ha il letto”
“Il privilegio del re” aumenta l’andatura. Sento che lo stimolo di eiaculazione mi sta raggiungendo. Lei si ferma e si sposta veloce sul sesso. In un sol colpo, ma delicatamente, me lo ingoia e comncia a succhiare, Per la seconda volta in meno di un’ora, vengo dentro di lei.
Spossato, braccia allargate, rido. Lei esce dal letto e si dirige verso una fontanella lì appresso. Si china per bere, si sciacqua la bocca. Torna verso di me e dice “Sappi che, è il primo pompino che faccio a distanza di anni”
“Come? E con Manuel?”
“Con Manuel è un amore delicato e passionale”
“Beh, sono lusingato”
“Mi piace questo posto. Ha un che di magico. Questo connubio con la Natura, mi sento parte di essa”
“Questa non è la prima volta in un campo nudisti, vero?”
“Ho fatto la mia parte negli anni 70. Amore libero, spinelli, Fate l’amore non la guerra. In quel periodo prendevo più uccelli di una voliera. Poi conobbi l’uomo che divenne mio marito per trent’anni”
“E nel condominio hai conosciuto Manuel”
“Bravo ragazzo. E non parlo solo del sesso”
Mi tiro su a sedere, le braccia intrecciate attorno alle ginocchia “Ho capito che eri speciale dalla prima volta che ti ho visto” dico
Lei sorride “Che programmi ci sono per stasera?”
“cena Halloween. Tutto a base di zucca. Spero tu non sia allergica”
“No, assolutamente no” ride “E poi, per il dopo cena?”
“Disquisizioni, chiacchiere, un po’ di effusioni pubbliche. Magari ci scappa il gioco di ruolo. Poi film..”
“Poi?”
“Poi si va a nanna e gli ospiti sono liberi di entrare nelle stanze altrui e dormire con loro”
“Solo dormire?”
“Quello che si vuole”
“Allora, se io volessi passare la notte con te, senza fare sesso?”
“Puoi farlo”
“E se arriva qualcun altro?”
“Dentro anche lui”
“Buono a sapersi” sorride “Credo che non mi spiacerebbe dormire con te, stanotte”
“Credo sarà dura dormire con te stanotte senza fare sesso” commento
“Chissà..” lascia in sospeso

=to be continued?=


Questo racconto di è stato letto 6 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.