Resort Paradosso 2

Scritto da , il 2020-10-31, genere etero

Paradosso Resort

Paradosso 1
“mmfhasfrebajyyrt” Camille ha parlato in maniera soffocata poiché ha la faccia sprofondata nel letto. Ha il culo alzato e io la sto’ bombando in maniera violenta e selvaggia. Ci ho dentro parecchio, tanto da farla affondare nel materasso
Mi fermo “Come hai detto?”
Lei si scosta le lenzuola e riemerge come può “Ho detto che non respiro”
Esco dal suo culo e la volto a pancia all’aria. “Proviamo così” entro dentro di lei, fluido e lubrificata e comincio a muovermi su e giù, dentro e fuori, la sua bocca premuta sulla mia. Raggiungiamo l’apice in perfetto sincrono, beneficiamo uno del calore del corpo e dell’odore del sesso che ci siamo lasciati addosso. Rimaniamo così, abbracciati e felici.
“Quindi..” dice lei
“Quindi?”
“Credi che il paradosso c’è stato?”
“Non lo so ma, spero che l’altro abbia avuto una gratificante scopata come l’ho avuta io” rido
Lei si poggia sul fianco, con le dita prende a sfiorarmi il petto, il ventre e poi più giù, fino al sesso esposto e umido di sperma di entrambi. Lo afferra e comincia a masturbarlo. Lo sa che sono uno che si riprende in fretta. Il cazzo mi si drizza quasi subito spandendo le ultime gocce di sperma sulla sua mano e sulle lenzuola “Kinzhia avrà un bel da fare” ride. La mano prende velocità “Pensa. Come vedi il paradosso?”
Chiudo gli occhi. Ripenso a quello che è accaduto un paio d’ore prima. Trovo il mio giusto equilibrio mentale, la mano di Camille mi aiuta

Paradosso 2
“E allora?” CAmille si viene a sedere accanto a me. Indossa un paio di short e una giacchetta senza maniche aperta sul davanti. Sotto, chiaramente, non ha nulla. Camille, una trentenne originaria di Milano, ex modella, perfetta in ogni sua forma, il 20% della società sull’oasi “Di che parlavate così intensamente?”
“Paradossi”
“Oh cazzo. Pensavo che qui, le conversazioni si limitassero solo a scopate, inculate e pompini”
“A volte capita di fare pensieri profondi”
“Scommetto che avete citato Philip K.Dick”
“Lui”
“E tu hai citato Wells”
“Esatto”
“Vediamo, la digressione temporale del viaggio nel tempo e il ritorno al futuro cambiato che non è il..” l’afferro velocemente, prima che si perda in digressioni grammaticali filosofiche e la bacio. Lei si scosta, mi guarda “Sono in dubbio se scoparti qui o trascinarti di sopra in camera mia”
“A te la scelta”
Camilla si alza e si viene a sedere sul tavolino, spalancando le gambe e facendomi annusare la sua fica. Sento fragranza di arance e un pizzico di cannella “Non è il caso di fare i pudici, non trovi?”
“Pudici?” mi alzo, calo gli short e mi tolgo la giacchetta, il cazzo già duro e desideroso di entrare tra le sue gambe. Lei ride mentre io le afferro i fianchi e la penetro con forza. Lei mugugna, le unghie che affondano nella pelle delle spalle. Io che l’afferro ai fianchi e comincio a pompare di brutto. Vagamente percepisco quello che accade attorno a noi ma, vedo che qualcuno, si è voltato verso di noi. Non siamo nuovi a questo genere di esibizioni e non è scandaloso praticare il libero amore dove capita all’interno del resort
Camille si trattiene più che può, prima di esplodere in un orgasmo e io con lei. Al termine, guardandoci attorno, notiamo diversi ospiti che stanno facendo la medesima cosa. Le gemelle Olsani si stanno masturbando guardandoci. Io e Camille sorridiamo, io la bacio con delicatezza sulle labbra “Pensa se ti seguivo in camera”
“Veniva fuori un paradosso. E nessuno beneficiava della nostra performance” risponde lei

Paradosso 1
“Bella fantasia” dice CAmille riprendendo a leccarmi il sesso
“E’ il mio mestiere” intreccio le mani dietro la nuca “tu come l’avresti vista?”
“Non è il mio mestiere. Sei tu lo scrittore. Io mi applico sul sesso e mi basta”
Ci alziamo, ci facciamo una doccia. Insieme naturalmente. Inevitabilmente, facciamo sesso ancora una volta, più passionale, con l’acqua che lava via i nostri umori.
Usciamo dalla doccia, ci frizioniamo, rientriamo in camera da letto.
Kinzhia sta resettando le lenzuola. Incredibile come quella donna riesca a captare il momento giusto per intervenire e pulire. Kinzhia, la nostra colf(l’unica che abbiamo), gira per il resort vestita come una cameriera,stile hentai, grembiule bianco, in reggicalze e senza mutandine.
Ce la troviamo così, piegata a 90, mentre mette a posto le lenzuola. Un culo che è lì solo per essere usato. Guardo verso Camille…

Kinzhia emette un gemito quando le entro da dietro “Ma..ur..o!”
“Ciao Kinzhia” e comincio a stuprarle il culo. Camille si siede su uno sgabello e ci guarda, da brava pervertita “Non potevo non approfittarne, con quel culo lì così” e via, aggrappato ai suoi fianchi, con lei che geme come una cagna.
Alla fine, le vengo dentro, lascio che senta lo sperma arrivarle in gola. Poi mi ritraggo e torno in bagno per un’altra ripulita. Al mio rientro, trovo Camille e Kinzhia che si stanno baciando sul letto, le rispettive dita che s’infilano nei sessi altrui “Accidenti a voi” ansima Kinzhia

Paradosso 3
Kinzhia si volta di scatto e ci sfida con uno sguardo mettendosi i pugni sui fianchi. La sua fica nera è perfetta, un triangolo che sembra disegnato con riga e squadra. E noi lì, ad osservarla, ognuno coi i propri pensieri nella testa “Ti conosco, mascherina” dice Kinzhia rivolto a me
“Io?” faccio innocente
“Ti sei già fatto il tuo film mentale su di me”
“mmm”
“Volevi scoparmi nel culo”
“Beh, ci ho fatto un pensierino”
“Oggi no”
“Ne hai presi troppi?”
“Oggi non voglio stancarmi dal punto di vista sessuale. Stasera farò sesso con Manuel”
“NManuel..” faccio pensieroso “Il tutto fare?”
“Non è quel ragazzo che lavora in quel condominio giù in centro?” chiede CAmille “Sì, quello che si scopa le supermilf”
“Grande scopatore, quasi lo invidio” commento “Quindi” apro l’accappatoio “Non ti fai un giro?”
“No, non sarò la protagonista di un paradosso”
Apro la bocca per commentare ma..Sposto lo sguardo verso Camille, anche lei stupita “Ha detto, paradosso?” Mi giro verso Kinzhia.
Lei sorride e ammicca verso di noi “Non siete soli” e si allontana dalla stanza ancheggiando

Paradosso 1
“Dunque..” faccio raggiungendo le due amanti “Per dopo che si fa?”
“Per dopo, io incontro Manuel. Avete presente?”
“Sì, il ragazzo tuttofare di quel condominio del centro” dico
“Lo scopatore delle supermilf” annuisce Camille “Non mi spiacerebbe farci un giro”
“Ah non prima che l’abbia usato io”
“Beh, potrei usare una delle sue supermilf” mi stringo nelle spalle “Chissà che esperienza”
“Basta coi paradossi” dice CAmille afferandomi per mano “Usciamo all’aria fresca”

=Fine=

Questo racconto di è stato letto 1 0 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.