L'iniziazione di Francesco Cap.: IX

Scritto da , il 2020-10-30, genere pissing


Cap.: IX
Pissing e orgia


Un uomo può uccidere un fiore, due, tre fiori … ma non può fermare la primavera. Effettivamente la violenza positiva con cui questa stagione irrompe nelle nostre vite è inarrestabile. Tutto intorno a noi comincia a rinascere: gli alberi si colorano di verde, i fiori sbocciano e persino gli animali si svegliano dal letargo. Proprio il concetto di risveglio si lega bene all’arrivo di questa stagione: essa è come un cuore che, lentamente, ricomincia a battere.
Le gemme sugli alberi cominciano a fiorire; i primi fili d’erba spuntano timidi e vigorosi dal terreno inaridito e freddo dopo l’inverno; le pudiche profumate viole sbucano da sotto le foglie secche e marcescenti; le prime rondini iniziano a solcare il cielo azzurro ghiaccio e, con il loro canto, sembrano quasi urlare al mondo che la bella stagione sta tornando. Anche l’aria cambia con l’arrivo di questa: il vento frizzante del mattino comincia a farsi più tiepido e si respira un profumo di rinascita che va di pari passo con lo sbocciare dei fiori di ciliegio e con l’aprirsi, ancora un po’ addormentati, dei petali dei narcisi. Vedere l’arrivo della nuova stagione è emozionante, dentro di noi è come se ci fosse una scossa elettrica che pervade il corpo, dalla testa ai piedi. Una sorta di campanellino che ci risveglia e ci fa venire voglia di uscire, …di … vestirci diversamente, … di svestirci, … di denudarci.
Questo periodo stimola nei più sensibili risonanze, sensazioni che turbano, … emozionano, … eccitano. Si risveglia l’eros. I corpi si aprono a turbamenti e sensazioni che ci predispongono, tramite un assordante sottofondo di immagini, di suoni, di sapori, con un ronzio continuo, … crescente, all’erotismo.
La bella stagione, intesa come risveglio, ci prepara ad un'apertura fisica e mentale. I ragazzi e le ragazze, gli uomini e le donne si lasciano andare, … prendere dal gioco della vita per essere parte inconsapevoli della rinascita e del donarsi.
Correre, sudare, sporcarsi di erba e fango, bere acqua da una fontana, dare e prendere calci e spintoni, e poi sorridersi e fare pace è una grande gioia. Dà euforia il camminare per le strade accarezzati dalla brezza mattutina, tra gli alberi fioriti con colori brillanti ed elargenti fragranti profumi, mentre l’erba nei prati s’infittisce e splende di un verde intenso. L’osservare il rincorrersi di uccellini, l’accoppiarsi di orbettini, il miagolare dei gatti o l’ululare dei cani per bramare una copula spingono al desiderio di toccarsi o di essere sfiorati. Tutto questo è primavera, ma se oltre a questa bella stagione aggiungiamo anche quella dello sboccio dell’adolescenza, allora colui che ne è preso, non avrà limiti, inibizioni, freni; poiché sarà ghermito e catturato dal vento dell’eros e dalla più travolgente, sfrenata lussuria.
Francesco, che all’inizio di quella stagione aveva iniziato a percepire i primi segni della sessualità, con l’incontro con Alessandro e Massimo, … e delle loro mani, era caduto nel vortice di un turbine nel quale si era trovato subito a suo agio.
“Prego Signori, vi accompagno al vostro tavolo. Mi auguro che la nostra cortesia sia gradita anche al ragazzino, che, tramite voi, ha chiesto di far parte di questo cenacolo. Mentre prepareremo la divisa che indosserà, è opportuno che il novizio segua l’amico Luciano che gli farà conoscere tutti i nostri ospiti. Sugli schermi, che avete di fronte, sarà mostrata l’impalatura, presa da varie angolazioni da telecamere incorporate nel congegno, espressamente approntato per lui e visibile anche a lui.”
I tavoli lunghi e bassi, con il lato della seduta, verso la parete, occupato da ampie morbide e pratiche poltrone, sono preparati con stoviglie particolari rievocanti il fallo ed erano disposti nella sala a ferro di cavallo per permettere agli ospiti una buona visione a programmate erotiche presentazioni. Mentre il giovinetto veniva presentato, nel centro sala due robusti e muscolosi individui in tablier de cuisine disponevano il congegno che doveva accoglierlo. Osservato, esaminato e palpato da numerose mani, lodato per la sua semplice luminosa bellezza, era esortato a dare inizio alla sua ammissione al gruppo.
“Signori, … Francesco, che vi è stato presentato or ora, accederà con l’aiuto dei nostri due forti e saldi piscioni scopatori allo strumento coperto che potete vedere al centro sala. Vi invito ad essere generosi con lui con il vostro vin caldo. Il pranzo a cui partecipa è l’accesso al nostro club.
Signor Alessandro, … può avere dei problemi il ragazzino a sottomettersi, … ad accettare di essere il cuore della festa per il baccanale o l’ammucchiata successiva?”
“No, … ma sarà opportuno, per una sua migliore accettazione, che la sua accoglienza inizi da me e dai miei soci”
“Non è possibile. Deve essere accolto dall’assemblea, la quale ha delegato quei due per la sua accoglienza, per il trattamento di benvenuto.”
I due elementi, presolo fra loro, con carezze, palpeggiamenti, impastamenti della sua muscolatura, con necessari lunghi baci diedero inizio alla svestizione. Mentre uno lo baciava, l’altro gli sfilava gli indumenti, di cui alcuni già inzuppati di liquidi organici.
“Gmmmhhhhhhhhh, … ahhhhhhh, … affhhhhhhhh, … ohhh sìììììììììì, le mani!”
Qualche piccolo fremito percorse il suo corpo. Si soffermò a guardare le nudità dei due. Non poteva farne a meno. Due meravigliosi membri, uno scuro e l’altro chiaro, cercavano le sue mani, … le sue piccole mani e le attirarono sulle loro basi, fra i peli da cui si ergevano, facendole scorrere lentamente. Respirava forte dal naso, con occhi sbarrati, accelerando il ritmo del gioco delle lingue. Sussulti, gemiti repressi cominciavano ad uscire sempre più numerosi. Nel suo corpo tutta l’energia si stava concentrando nella valle che conduce alle sorgenti dell’estasi. Lo baciavano in fronte e sulle labbra e mentre lo lambivano accarezzavano, lo spogliavano di vestiti e resistenze, di paure e di timori. Non un centimetro della sua pelle, non un pezzetto della sua carne era trascurato da quelle quattro mani che esploravano, testavano, lisciavano incessantemente. Il suo pisello sembrava esplodere, mentre quelle seguivano un percorso tortuoso e ramificato; e, oltre alle mani, ora aveva anche le lingue. Ogni elemento che lo torturava seguiva una linea, senza mai arrivare al suo membro; sembrava si fossero messe d’accordo in questa specie di deliziosa violenza. Lo tenevano prigioniero. Ohhhhhh, che deliziosa detenzione! Mugolava, … uggiolava sempre più forte. Si leccava, … sì mordeva le labbra per quelle dolcissime emozioni; aveva gli occhi chiusi. Con un’abile, disperata mossa prese il membro di uno con una mano, mentre con le gambe si legò all’altro proponendogli la sua rosata apertura, ma quello preferì afferrarglielo con una mano per muoverla in su e giù. Il suo corpo si agitava ed andava incontro alle dolci, cercate, bramate sevizie. Due, tre colpi vigorosi; ancora qualche spasmo, inarcò la schiena e venne con un urlo deciso, liberatorio. Dal suo sesso il liquido del piacere esondava con spruzzi, spinti più in alto dalla stretta della mano. Durò a lungo l’orgasmo, i fremiti tardarono ad acquietarsi, l’estasi era impressa sul suo volto. Si teneva la pancia come volesse trattenere lo stato di beatitudine che viveva. Poi cominciò a sorridere piano, ricambiando con leggeri baci sulle labbra dei due il piacere procuratogli.
In sala alcuni chierichetti con solamente una exomis bianca, stretta in vita da una piccola cintura formata da una semplice striscia di stoffa, servivano bollicine per fare scendere l’eccitazione, mentre altri procuravano ad ogni tavolo ampolle con oli odorosi di fragranze eccitanti. Sugli schermi appariva e spariva il supplizio della masturbazione a quattro mani sul postulante sino all’esito finale, mentre gli invitati incoraggiavano e incitavano a proseguire la sevizia.
“Signori, i nostri maitres ora aiuteranno il nostro Francesco a vestire quell’indumento che potete notare sulla panca sistemata davanti allo strumento giocatolo, alla sedia toys costruita appositamente per l’avvenimento odierno. Come noterete la veste-crocs è completamente trasparente per permettere una visione completa del fisico, che andrà a contenere. Elastica, attillata, morbida come capo per non provocare irritazioni, ma ermetica per non lasciar fuoriuscire quello che andremo a versarvi, con un plug particolare per l’ano. Osservate come i nostri piscioni lo vestono e come poi introdurranno quella specie di coda molle nel piccolo orifizio, ancora unto del frutto della sodomizzazione da parte di Lorenzo. Ha gambali stretti e la guaina-plug sul cavallo mentre ha una vita larga e molto alta per poter contenere non solo il ragazzino, ma anche altro. Per oggettive difficoltà a infilargliela l’hanno sistemato sul dorso e ora gli stanno inserendo quello che ricorda un codino levigata, deformabile al rovescio, … un pene d’anatra molto vellutato, … un succhiello deformabile. Che spettacolo … quel culetto stretto, palpitante, rugiadoso.”
Il giovinetto, nuovamente stremato per l’intenso orgasmo avuto poco prima, desisteva da qualsiasi reazione fisica. Si lamentava o guaiva per le mani dei due adulti che lo massaggiavano, che lo calcavano e pigiavano per fargliela indossare, anche nella sua intimità anale.
“Guardate attentamente dove lo appoggeranno i nostri due fottitori. Appena l’accolito avrà rimosso il telo, che ricopre la macchina di mia ideazione per stremarlo, spossarlo, illanguidirlo, sfinirlo, lo posizioneranno sul perno che penetrerà nella guaina-plug, come una mano in un guanto. Lui la sta osservando e si starà chiedendo come farà ad entrare nel suo culetto quel fiore che ora vedete aperto. È un congegno a comando elettrico, che si chiude e si apre, che si agita in un verso o in un altro, che entra ed esce parzialmente, che permetterà, attraverso il foro che vedete, l’entrata di altri vari dispositivi, atti a provocare piacere sino allo sfinimento o al dolore. … e voi sapete che spesso il dolore conduce al piacere, … all’estasi e gli spettatori all’orgia.”
Il chierico sta indirizzando quella punta nella fodero, ben lubrificato, della divisa. Quanto amano questi inservienti il loro lavoro, quanto stanno attenti ai particolari, alle minuzie per dare appagamento, estasi sessuale a un loro collega novizio. Finalmente il momento arrivò, l’adolescente percepì l’apice di quell’attrezzo sostare, bloccarsi, urtare, bussare sul buchino. Ansimava, respirava lentamente, attendeva, … avvertì l’entrata.
“Piano, lentamente, … bramo avvertire il suo scorrere. Piano che … piace, …ohhohh, …ohhohhhh, … mi … sì, … ancora, … ohhhohhh, … più a fondo, …ohhhohhh, … mi riempie, … sìììì, … ohhhhhhhhhhhh! … è … sonoo … ohhhlllppppppp, …ohhhhhhhhhh … sìììììììììììì!”
“Ora i nostri piscioni allacceranno ai braccioli e allo schienale dello scranno, su cui è posto, il bordo-vita dell’assisa per facilitare lo svuotamento delle vostre vesciche. Egli in questa vasca-involucro sarà immerso sino all’ombelico. Essa ha dei fori d’entrata ai piedi per permettere di insufflare aria, provocando primo: un fortissimo solletico agli arti inferiori e a tutto il fisico sommerso; secondo: con il gorgogliare si generano bollicine e con esse schiuma odorosa, eccitante, lussuriosa, afrodisiaca. Un'altra apertura l’abbiamo nella guaina-plug, attraverso cui passeranno dei dispositivi per farlo contorcere, contrarre, inarcare e tendersi all’inverosimile. Davanti abbiamo una pompa a pedale per spingere, premere aria ai piedi. Delle microtelecamere incorporate nel toys dilatatore mostreranno le convulsioni, le contrazioni, le vibrazioni che il suo dotto anale vivrà. Egli canterà, cinguetterà, soffierà il carme del piacere, della lussuria, della carnalità. Divertitevi e godetevi questi momenti.”
“Whhhhooooooooohhhhhhhhhhh, …! Grande! … il nostro promotore di feste e nonché progettista di strumenti per attrare ed eccitare persone, accompagnandole ad orge di gruppo, ci sorprende e stupisce sempre! … Che idea magnifica quella di mettere a bagno un ragazzino di straordinario incantevole fascino tra i vapori delle nostre minzioni. Le narici, l’olfatto si impregneranno del profumo delle urine di tutti noi, senza considerare che la pelle, le unghie con l’assorbire i nostri sali si fortificheranno e i muscoli di questo ragazzino diventeranno ancora più attraenti e sensuali. Brindiamo, amici, al nostro maestro e a noi che ci possiamo svuotare le palle sino a renderle flaccide e sfinite per le tensioni e gli esercizi di spremitura a cui oggi saranno sottoposte.”
“Grazie amici della stima che mi riservate, ma non perdiamoci in chiacchere e osserviamolo come cerca di stare, di percepire l’ingombro. Mirate il suo fringuellino come agogna di drizzare il capo: si muove … su e giù, … brilla e danza. … e voi due piscioni non è ora che iniziate … fiancheggiati dai chierichetti che non vedono l’ora di sedersi sulle ginocchia di qualche invitato? Dalle vostre gronde deve sgorgare l’omaggio al piccolo, bloccato su un paiolo che permetterà l’introduzione di vari giocatoli e poi di una cannula per una irrigazione intestinale.”
Cominciò a piovere, una pioggia sottile, paglierino- trasparente, calda di un chierichetto, spinto da un familiare impulso a svuotarsi, … con una mano dirigeva il getto, con l’altra sul sedere per inarcarsi di più per avvicinarsi maggiormente al bersaglio; … e quella scorreva dal petto di Francesco verso i piedi in rigagnoli zigzaganti che ora si dividevano ora si riunivano per poi scomparire una volta raggiunto il fine corsa. Gli spettatori vedevano scie e gocce che illuminavano di luci inconsuete un fisico che aveva accettato di vivere un supplizio singolare, … strano.
“Sì, … sìììììììììì, … annnffffffffff! Mi sento pieno, … mi … ohhhhhhhhhhh, … pie … oooooooooooohhhhhhhhh!”
“Che silenzio, si sente solo la pioggia del primo urinatore, … sovrasta anche i monosillabi del ricevente!” In effetti
il rumore di quello scroscio sovrastava tutti gli altri, … era strano, intermittente, molto forte: il liquido scorreva con la forza di un ruscello di montagna, con il vigore giovanile di una fonte alpestre, che scaturisce dalla roccia e si apre la via serpeggiando tra dossi e prominenze per tagliare con baldanza gioiosa prati e scendere a valle. Che strani, … indefinibili quei momenti che non appartengono a nessuno, ma solo al desiderio, … alle stelle della passione, … alla terra riservata a pochi, … privi di tabù, … di inibizioni. Dal primo all’altro e il livello paglierino si alzava, …schiumoso, … frizzante, … avvincente, … con il chierichetto che prendeva a divertirsi bagnando le labbra a Francesco, appena costui modulava un verso o implorava di sospendere l’esplorazione nella custodia anale che l’accolito aveva iniziato con un fallo a becco d’anatra. Codesto, elettrico, varcato il foro del plug dondolava, ruotava, picchiava, si introduceva più a fondo e si allontanava per rientrare, percuotere, vibrare; si spingeva piano com movimenti dolci, ma di colpo poi dava sferzate da togliere il fiato a qualsiasi e quando succedeva il nostro si piegava e apriva le labbra con lamenti … ansimi o colpiva con le mani le urine che ormai gli coprivano il pube, spruzzandosi di esse. A volte per essere stato colpito in certi punti più forte abbassava la testa sino al livello dei fluidi per raddrizzarsi dopo con schiume sul capo e anche nella bocca. Gli ospiti perseveravano ad incrementare le spume con getti forzati, per cui più violenti, impetuosi, acuti e soprattutto bramavano colpirlo al volto. I ragazzini addetti al servizio di sala, avendo compreso il meccanismo del giocattolo, spesso e volentieri, mentre servivano, oltre a giocare con le loro emissioni, pigiavano la pompa per fare entrare aria da sotto i piedi, provocandogli ulteriori trasalimenti; e … lo facevano molto volentieri, quando il giovinetto, irrorato da uno o più adulti, in preda a indicibili piaceri procuratigli sia dai toys che gli erano introdotti aventi funzioni diverse, sia dalle bollicine, piccole o grandi, che salivano repentine, zigzaganti, come formiche operose e solerti da sotto i piedi su per le gambe per irradiarsi all’area perineale, al pube e all’area lombo sacrale. Intuivano che avrebbe aperto le labbra per respiri lunghi, affannati, boccheggianti e allora … gli indirizzavano le loro emissioni nel profondo della gola per godere dei suoi colpi di tosse, per fargli uscire bave … che ormai si mescolavano alle effervescenze delle loro pipì. Nel suo stomaco, oltre al cibo, arrivava e correva giù spesso il sapore del salato. Sugli schermi gli spettatori in preda ormai alla lascivia, alla licenziosità godevano, esultavano delle sue contrazioni, vibrazioni, sussulti addominali; dei suoi ansimi, dei suoi monosillabi, dei suoi “sììììììììììììììììììì, … nooooooooooo, … ancoraaaaaaaaaaa, …ancoraaa” e manifestavano il gradimento verso lo spettacolo, concedendosi e abbandonandosi al baccanale e all’amore di gruppo in miscuglio per età e per rapporto. C’era chi lo dava e chi lo prendeva, chi si masturbava tranquillo e chi utilizzava le labbra per dare appagamento o per eccitare maggiormente. Era un momento particolare del festino in cui la pioggia dorata, che sovente inumidiva il suo pasto senza dargli nausea, regnava incontrastata: incessante, calda, eccitante, avvincente, libidinosa. Dalle sue profondità, dalle sue ossa, dal suo sangue stava arrivando il piacere. Schizzi potenti, lunghi, seguiti da scie dorate lattee, vermiformi, ondulanti, frantumate di continuo a causa delle oscillazioni dei liquidi, accompagnati da gemiti e abbandoni consigliarono la sostituzione nel plug dilatatore del vibratore per la prostata con una lunga cannula per clisteri con tappo, nel quale ve n’era inserita un’altra per lo scarico di emergenza. Stremato e illanguidito, incurante di quello che beveva, grondante orine, ricoperto di schiume, con bave alle labbra, era entrato in un nirvana dove la vetta dell’appagamento ti priva di ogni sensazione, dove lo stato di beatitudine, di pace, quiete e serenità, di tranquillità e distacco, di appagamento della carne e dell’anima per i piaceri provati ti conducono nel paradiso dei sensi. Gli occhi chiusi in un lieve torpore, le labbra atteggiate a sorriso e i tratti rilassati, era nelle nuvole senza peso e senza carne.
“Signori … una pausa al vostro divertimento! Il nostro giovinetto è sfinito. Dobbiamo farlo riprendere tramite un enema di urine. Vi chiedo di versare quel che vi rimane nella sacca che l’accolito, infermiere di professione, dopo si prodigherà a farglielo.”
Chierichetti e adulti si alternarono, chi per poche gocce e chi per una vera pisciata, e la borsa colma di pipì, a cui fu aggiunto del succo di limone, era preparata.
La sonda con una microcamera incorporata, flessibile e morbida, scivolava dolcemente nell’intestino del piccolo, seguendo le anse, le curve sino a fermarsi sul traverso. Gli astanti eccitati, infoiati, avvinti seguivano sui teleschermi il suo tragitto, che qualche volta si arrestava su una parete provocando un sussulto e un blocco del respiro al giovane. Il liquido dorato, tiepido scorreva dolcemente. La telecamera riprendeva il flusso, che alle volte si increspava su un minuscolo rilievo dell’intestino. Minimi movimenti dell’infermiere ridestarono il ragazzino e lo spinsero a rilevare un piacevole movimento di calore al suo interno. Sui monitor il liquido oscillava, lisciava, livellava e il colon riempiendosi trasmetteva pienezza, saturazione, gonfiore. Il ragazzo, preso da crampi, tendeva a drizzarsi, ma lo strumento lo vincolava al posto. Il tempo passava con lentezza esasperante. L’accolito accortosi delle sue difficoltà sospese il flusso e prese a massaggiargli il ventre spingendo il liquido più in profondità. Si riprese il flusso della purga e con essa ricominciarono gli spasmi. Gli astanti osservavano libidinosi, eccitati, il ragazzo che si agitava convulsamente senza remore a causa di crampi che gli squassavano il ventre, costringendolo a dimenarsi come un serpente trafitto da una lancia; ascoltavano i suoi gemiti disperati; vedevano il suo volto alterato dalla sofferenza e lacrime che gli colavano dalle gotte per mischiarsi ai rigagnoli di urine. Il suo corpo volava verso un paradiso più elevato. Fece appena in tempo per un ultimo forte lamento, quando fu preso da convulsioni, contrazioni, allungamenti svelati da un continuo getto di pipì che andava poi a mischiarsi con le urine che lo circondavano e lo coprivano. Alzò le braccia verso il cielo con pugni chiusi e muscoli tesi dagli spasmi che lo sconvolgevano; poi le braccia ricaddero esangui e Francesco sentì la sua anima abbandonare il corpo, sollevarsi oltre i confini della stanza e sopra le urla dei presenti, verso un cielo stellato, sempre più in alto, oltre i pianeti e le stelle, verso galassie lontane, in un luogo di pace e silenzio. Infine, come un oggetto lanciato in aria, si sentì rallentare fino a bloccarsi per poi cadere all’indietro fino a rivedersi rivestito e bloccato in quel involucro con una biscia acquatica che si muoveva dentro il suo retto. L’infermiere, prima che Francesco sbiancasse e si lasciasse andare, era intervenuto aprendo la via dello scarico per raccogliere il tutto in un pitale, per riversarlo dopo, sul quel fisico privo ormai di reazioni. Conclusive bollicine, ultime spume e di nuovo quei sapori tra le labbra e quelle fragranze e pruriti su per il naso.

Questo racconto di è stato letto 1 3 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.