L'iniziazione di Francesco Cap.: VIII

Scritto da , il 2020-10-27, genere zoofilia

Cap.: VIII
Sodomia e zoofilia



All'esterno non c’erano rumori all’infuori di quello della pioggia e dei rivoli che scorrevano incessanti, monotoni, eppure bellissimi, delle grondaie, per perdersi tra il ghiaino dei viottoli del parco.
“Ehi colombini, … anche Placido ha i suoi diritti, … anche lui brama di conoscerlo e di regalargli il contenuto dei suoi testicoli, come spesso fa con me e questo per risvegliare, … inturgidire nuovamente le vostre mazze. Questa per lui è una giornata particolare, che gli rimarrà sempre impressa sia per le visite avute dal suo anello sia per quello che ha bevuto. Lui riceve, ma deve sapersi concedere anche ad altri falli. Placido è irrequieto … sente profumo di sesso, … di sperma. T’indurrò e ti predisporrò per essere messo allo spiedo tra Placido, analmente, e i nostri Signori, oralmente; e mentre sarai scopato, trombato e ulteriormente rotto in culo, io mungendoti, da sotto di te, ti caverò, … ti spillerò il nettare rimastoti. Ricominciamo, dopo una lavanda interna, da dove ci siamo fermati. Afferriamolo e mettiamo allo spiedo, questo giovane candido germoglio, finché esausto, disfatto, distrutto non implorerà con gli occhi, … con il fisico di essere mollato.”
“Ohhhh Federico …!”
Tutta quell’acqua che ruscellava, scorreva come dai doccioni di una immensa basilica romana, riempiendo il silenzio del parco per creare un effetto strano: come una seconda pioggia che cade di rimando, quando già la prima si attenua e cessa; come un’immagine riflessa, e capovolta, nell’acqua: l’immagine di una pioggia che cade al contrario, che cade dal basso verso l’alto, surreale, meravigliosa.
Francesco si inginocchiò, a gattoni, su Federico per farsi prendere, ghermire tra lingua e palato il pene; … per farselo ingoiare e leccare, … succhiare, suggere, … mungere. Il suo pisello si espandeva e s’induriva in quell’ampolla calda, umida, viva. Spinse in alto il culetto, ma un grifo focoso, accaldato, bagnato glielo impedì. Gli venne in mente un vecchio attrezzo da cucina che usavano i contadini per montare la panna; che lo roteava vigorosamente spostandosi anche dal basso verso l’alto e viceversa per cambiare improvvisamente movimento. Il suo sesso, in quella bocca sotto di lui, iniziava ad agitarsi a causa del movimento ancestrale della mungitura a cui doveva sottostare. Si, Federico lo mungeva e lo frullava, lo frullava e lo mungeva. Allora, preso dalla passione, cominciò a baciare e leccare piano quello che si ergeva sotto la sua vista. Sentiva dei sapori e dei profumi di infinito, annusava l’alito della savana, il bisbigliare dei ricci, leccava una sorgente di nettare e di ambrosia. Il suo fiore grinzoso, che si apriva sotto le spazzolate di una lingua, aveva il colore dell’ambra, quasi traslucido come la resina fossile. Tra le sue labbra si diffondeva il sapore delle ere. Un fallo appuntito, turgido e rosso infuocato, fremente era entrato senza bussare, senza chiedere permesso e quel nerbo di vene gonfie si era fatto strada in un attimo, spanandogli l’entrata e ora lo riempiva e guizzava nel suo retto. Da lui uscivano parole sporche, oscene stimolate direttamente dal cervello, come foglie autunnali che abbandonano una robinia pseudoacacia sotto l’ululare del vento. … e quella coda durissima lo sbatteva e sbattendolo, urtava un punto interno che gli regalava una continua estasi. Prese a baciare altri falli, tenerli in bocca, passandoseli fra le labbra. Leccava e stringeva, stretto fra le zampe anteriori di Placido, che lo percuoteva sodomizzandolo senza sosta. Beveva e beveva … non sapeva più dove era. Venne, … venne, … e venne. Gli avevano aperto la mente e il culo come meglio non avrebbero potuto. Ma che succedeva: da un’estasi veniva spinto verso una più grande, più in alto verso il sole. Dentro di lui era un susseguirsi di caldi, liquidi impatti e poi il suo tulipano che precedentemente si era fatto penetrare, ora era costretto a trattenere: prima la corolla era tesa verso il suo interno, ora era allungata, lucida, quasi trasparente verso l’esterno. L’ incantesimo e l’elevazione lussuriosa gli adombravano il dolore, anzi era un piacere diverso, intensissimo, incontrollabile. Dalla iniziale spremitura alla seconda, placida, pacata di urine sul volto e nella bocca di Federico, non impedita dalla sua muscolatura era stata una conseguenza dei piaceri avuti.
Un plof offrì al volto sottostante liquidi vischiosi, che in parte vennero risospinti al suo interno dalla lingua canina, che voleva chiudere, sigillare l’anfratto e quello si restringeva, si chiudeva balbettando, piangendo, fremendo. Quei sussulti erano le ultime energie che il piccolo si lasciava portar via. Aveva perso i sensi e volava verso l’azzurro, sopra i candidi cirri baciati e scaldati dai raggi solari.
Si ritrovò con la divisa da cameriere dopo varie ore in un atelier di lusso, ancora confuso, assente, … con la testa fra le nuvole. Era in ordine, pulito e con un buon profumo di muschio bianco. I due fratelli con Federico, dopo varie ore di riposo, l’avevano preso e preparato per presentarlo a persone di loro conoscenza e per fornirlo di un guardaroba più adatto a lui.
Dal titolare dello studio, in apertura riservata solo per lui, veniva senza fretta svestito, denudato per fargli indossare capi più idonei … più sensuali, che ne esaltavano la linea, … le forme rotonde del suo glabro sederino. Le mani di quella persona scrutavano, esaminavano, esploravano impudicamente, … oscenamente quel fisico, anche nei suoi anfratti più nascosti, cagionando al giovinetto tensioni, contrazioni, rilassamenti, contorcimenti; facendolo uggiolare, ansimare nel riprovare esperienze già fatte.
Andava incontro a quegli strumenti con desiderio evidenziato da una ripresa della vivacità, dell’esuberanza e dell’ardore sotto lo sguardo dei fratelli e del loro autista. Lui stesso si aggrappava e si lasciava limare, toccare, coccolare dall’uomo manifestando il suo consenso con il contraccambiare le attenzioni. Apriva le sue labbra per baci passionali e ardenti. Frugava e chiedeva con le mani il membro, che aveva appreso a conoscere, ormai duro come un pezzo di legno. Bramava, … fremeva.
“Sì, … ahhhhhhhhhh, … sìììì!” Con l’aiuto di Federico che l’aveva denudato, il commerciante, divaricatogli le natiche, con la lingua prese a limargli, forargli il piccolo rosato, vibrante dianthus. Glielo leccava, lisciava alternando movimenti lenti e profondi a piccole pennellate ravvicinate e poi, quando glielo sentì pulsare, afferratolo per i capelli per costringerlo ad inarcare la schiena, avvicinata la cappella della sua asta al foro trepidante, lentamente, ma inesorabilmente, la introdusse per possederlo. Nel momento in cui quel fallo varcò la stretta soglia, il corpo non si tese, ma si afflosciò ancora di più, in un abbandono totale. Avanzava spingendo. La carne cedeva. L’uomo si arrestò per elargirgli una lieve carezza lungo la schiena e per invitarlo a sollevarsi leggermente e voltarsi per essere baciato. Nel momento in cui gli sfiorò le labbra, spinse a fondo.
Francesco gemette, ma il palo avanzava inarrestabile: il desiderio che l’aveva domato e che tanto anelava, lo occupò per ritrarsi, uscendo quasi completamente per poi riaffondare, come una spada che trafigge il cuore. Rientrava bruscamente per uscire delicatamente. Poi ancora dentro, ma più profondamente per estrarlo di nuovo e quindi ancora ed ogni volta sempre più profondo, sempre più immerso. A Francesco piaceva e lo dimostrava con guaiti e richieste estreme.
Ora, che era stato conquistato, le mani dell’uomo vagavano senza sosta sull’efebico fisico, dovunque: sulla schiena, sulle spalle; sui coglioni nuovamente desiderosi di svuotarsi del loro contenuto; sul suo uccellino teso all’inverosimile e che, imperterrite, lo masturbavano; e giravano sull’addome fino ad arrivare ai capezzoli mentre il palo si muoveva avanti ed indietro nella carne viva, luminosa, domata. La tensione dei corpi cresceva e il bottegaio regolò i suoi movimenti in modo da raggiungere assieme l’orgasmo e quando sentì di aver superato il punto di non ritorno, spinse con forza, strappandogli un lungo gemito. Restarono uniti e abbracciati per un po’ in un bagno di sudore e sperma, mentre i loro battiti riprendevano con regolarità.
“Federico, questo -mostrandolo e mentre lo vestiva- glielo sfilerai appena sarete scesi dall’auto per entrare al ristorante, dove lo aspettano.” … e, gli inserì un plug a coda di gatto. “Ecco ti ho occluso i miei liquidi e appena ti stureranno, essi ti coleranno fuori impregnando questi bianchi pantaloni, dando modo di essere notato da chi frequenta l’ambiente. Essi, se vorranno, mentre pasteggi, ti potranno inzuppare delle loro rugiade. Questo agire sarà per te il segnale della loro e tua accettazione in un club molto, ma molto ristretto, al quale noi apparteniamo.
È bello, … con questa coda che fuoriesce dall’indumento, … che dite, Signor Alessandro e Lei Professore, … non sta bene? … ora gliela copriamo con questa t-shirt nera a manica lunga, annodata per le maniche ai suoi fianchi, che poi gli snoderete, in modo che si notino le regalie ricevute.”
“Francesco, … che hai? … Ti sei trovato bene, ... sei rimasto soddisfatto del trattamento che il nostro amico Lorenzo ti ha riservato e del look che solo lui sa trovare per persone come noi, a volte preposte e delegate a schiudere e a far concludere contratti o ad addolcire decisioni dolorose per un gruppo; come la contessa di Castiglione assunta dal Cavour per i suoi scopi politici. Ecco Massimo ed Alessandro hanno trovato in noi degli amanti da condividere per i loro disegni industriali.”
“Sì. … ohhhhhhhhhhhh, … come mi piacerebbe averne sempre uno dentro, … che mi dia l’ebbrezza della pienezza, del godimento. È così … Non so come esprimere il concetto, ma so che ora non posso starne senza. Quando le mani, … i baci, … le carezze interessate, … il desiderio di altri di prendermi, possedermi, sbattermi, di rompermi il culo, di fottermi di avermi con il linguaggio che ho appreso solo da voi e che ora sta diventando anche mio, … beh, io non so, non capisco più nulla. Nella mia mente entrano membri, … falli diversi per forma, lunghezza, dimensioni che mi tolgono l’aria. Gli vorrei … Ohhh Federico abbracciami, … sono tanto contento di essere tra voi, … di essere stato iniziato da voi e di essere il ragazzo di Alessandro. Ohhhhhhhhhhhhhhhh, … sììììììììììììì! Io vi amoooooooo, … vi amo! … Ho accettato quello che mi è stato introdotto, ma non è come la carne calda, che si muove, … che ti percuote le viscere, … che colpisce il tuo interno sino a farti godere senza necessità di toccarti, … che ti dona estasi subblimi: è altro. … ma presentami, amico carissimo, che tipo di ristorante dovrò conoscere, … se devo fare il cameriere o …”
“I fratelli ti hanno preso un po’ di abbigliamento adatto alla missione per cui sei stato assunto, … e anche diversi particolari oggettini, come quello che ti è stato introdotto o come le mutandine e i pantaloni che indossi. I due indumenti sono aperti dietro per permettere una penetrazione senza doverteli sfilare e le aperture delle tasche, che non sono cucite, per consegnarti a mani curiose che, se ghermito, ti faranno flettere a novanta, … dando così a chi ti desidera la visione del tuo piccolo anellino. Per quanto riguarda il ristorante: è un ambiente riservato solo per persone come noi; dove uno può essere preso o prendere. Sarai presentato da Lorenzo, il titolare della boutique che ti ha fottuto, inculato, sodomizzato prima e che ci precederà per accoglierti e presentarti al cerimoniere dell’associazione. Quest’ultimo disegna, costruisce o procura per avvenimenti particolari strumenti erotici inusuali e la tua entrata in quel gruppo, molto ristretto e riservato, è un evento raro. A te i presenti regaleranno il contenuto dei loro testicoli, spruzzandoti dove meglio pensano, … ma possono fare o chiederti altro. Questa sarà un’esperienza unica, che ricorderai. Mentre mangi, su vari schermi saranno proiettate varie scene erotiche, che hanno lo scopo di eccitare, … di infiammare, di stimolare i presenti. Sei preoccupato, … inquieto, … hai timore, …o …?”
“No Federico, perché sono con voi e poi sono curioso di conoscere, di provare, … di fare esperienze che sino ad ora mi sono state precluse o non ho avuto modo di compire per non essermi trovato in luoghi idonei. Ora…”
“Siamo giunti a destinazione. Il nostro Francesco penso che abbia del languore, come del resto abbiamo fame noi. Il cuoco ci ha preparato un pranzetto con i fiocchi. Vieni nostro piccolo tesoro, … Andiamo a farci conoscere e saggiare; a presentare il nostro ragazzino al circolo e a Riccardo, cerimoniere dell’evento; e tieni presente che in quest gruppo non è consentito negarsi ad una richiesta, per cui, anche se stanco o terribilmente sfinito uno deve sempre accogliere un eventuale invito.”
“Va bene Alessandro.” Il dono di Lorenzo fluiva dall’orifizio stappato giù per cosce inzuppando i pantaloni del novizio.
“Mi piace l’aria e il tepore dei liquidi che colano dal mio culetto. Mi sento lubrificato … con quel profumo particolare, … proprio dello sperma. Aanhhhfffffffffffff … annnnnnfffffffffff, … sìììììììììììì, … sììììììììììììììììì lo voglio.”



Questo racconto di è stato letto 2 8 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.