Una moglie eccezionale

Scritto da , il 2020-10-22, genere incesti

L'ho sposata sapendo chi era e cosa facesse e lei mi ha sposato sapendo chi fossi e cosa facessi, quindi nulla da recriminare su nulla.
Francesca, mia moglie è una donna stupenda, sensuale, un corpo da favola, un seno tondo e duro, coscie tornite, e un cula da favola, e anche una figa capiente e un buco del culo bello largo, tutto grazie a mio suocero e ai vari amici di famiglia e amanti avuto da ragazzina fino ad oggi.
Io non mi lamento, un bell'uomo, da ragazzo molto carino, culo dalla nascita e anche io ben sfondata, anche se devo ringraziare la famiglia di mia moglie se oggi sono Paola.
Ci siamo sposati per convenienza, Francesca aveva diciannove anni, ed era rimasta gravida dal padre, eravamo amici dall'asilo, e così, le famiglie, una e l'altra, per nascondere le nostre nature, decidono di unirci in matrimonio, e noi non diciamo di nò, anzi, e così, la notte di nozze, per la prima volta in vita mia scopo una donna, non mi spiace, anzi, direi che la nostra relazione nasce bene, ma poi tutto cambia.
Mio suocero appena si accorge che trà mè e Federica c'è sesso, piomba in casa nostra, mi affronta, e mi dice che la figa di sua figlia è sua e di chi decide lui, io non rientro nei piani, poi mi afferra per un braccio e mi dice, frocio, tu servi a soddisfare la famiglia e i nostri amici, e mi consegna alle cure di mia suocera, che in breve mi trasforma in una stupenda ragazza.
Nasce il nostro primo figlio, un bel bimbo, e in pochi anni, trà mio suocero e alcuni amici di casa, mia moglie partorisce 5 figli, due maschi e trè femmine. mentre io giorno dopo giorno, divento la donna di vari gruppi, sia famigliari che di amici, e così, in pochi anni mi ritrovo a non lavorare più, e a battere tutto il giorno, cosa che trà l'altro adoro.
I nostri figli crescono, e appena passata la maggiore età, vengono indirazzati al piacere della famiglia, i maschi, a disposizione delle nostre donne, mia madre compresa, che insieme a mio padre negli anni hanno preso i loro usi e costumi, e le femmine e sollazzare i maschi.
E così inizia la nostra avventura di famiglia, per bene, io sin da subito, ho iniziato a giacere con mio suocero, nelle sere che mia moglie per vari motivi era indisposta, e devo dire che era un uomo possente e virile, aveva un cazzo da favola, e appena potevo succhiarlo, mi bevevo tutto il suo nettare, poi col passare dei mesi, fui affidata ai miei cognati, uno sposato, e altri due nubili, e anche lì, mi sono dovuta dare da fare, sia con loro che con i loro amici, a volte, a tarda notte rientravano con degli amici, e dovevo precipitarmi, a soddisfare tutti, e venivo presentata come il marito della sorella, devo peròdire, che è stata un'esperienza stupenda, svegliarsi , truccarsi al volo, indossare velocemente l'occorrente, e pasaare il resto della notte a succhiare e prendere nel culo vari cazzi, essere riempita di sborra, e poi addormentarmi colante di sperma.
Spesso alla mattina era mia suocera che mi svegliava e mi rimproverava perché sporcavo il letto, e mi portava in bagno, dove mi aiutava a lavarmi, mia suocera era una donna piccola, grassoccia, un seno cadente, fianchi larghi, nulla a che vedere con mio suocero, ma era stato costretto a sposarla, e l'ha usata come fattrice, mi faceva pena, e così, una mattina, mentre mi stava lavando il cazzo, duro, le toccai una mammella, poi infilai la mano dentro e inizia a sringere i capezzoli, lei non disse nulla, anzi, così, l'ho spogliata, e l'ho ammirata, tette cadenti cellulite sulle coscione, figa slabbrata, e un buco del culo che poteva sembrare una voragine, non ho resistito, l'ho stesa sul tappetino del bagno, mi sono affondata a leccarle la figa e poi ho infilato il mio cazzo nella sua figa, e ho iniziato a montarla.
Ero a un buon punto, lei ansimava e mi stringeva con le sue coscione, io la incitavo, e ad un tratto si apre la porta e mio suocero ci vede avvinghiati, ma che schifo ti scopi la scofa, ma sei una nullità, e io schizzo il mio sperma in mia suocera, poi lui mi afferra e mi trascina fuori dal bagno, a dice è così, bene, allora d'ora in poi la scoperai come i cani in terra e davanti a tutti, poi entra in bagno, afferra il suo cazzone e inizia a pisciare sul corpo della moglie, bene cagna hai trovato il tuo stallone vedo, e poso dopo ci lascia lì, tutte due come stupidi.
Aiuto mia suocera a mettersi in piedi, e poi la bacio, lei contraccambia, è pazzesco la giro e la inculo, tra il piscio del marito e il mio sperma, e vengo dentro un'altra volta, poi ci baciamo a lungo, le succhio le tette cadenti, e poi finisce di lavarmi e lavarsi, per poi portarmi in camera e prepararmi per la giornata.

Questo racconto di è stato letto 7 0 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.