L'amica di mia zia 3.

Scritto da , il 2020-10-18, genere prime esperienze

Al mattino dopo alle nove ero pronto per andare dalla zia e mia madre quasi si meravigliò della mia prontezza a prepararmi per uscire. Presi il motorino e sfrecciai nel caotico traffico ed in pochi minuti ero da zia Anna. Dopo l'indolore puntura lei mi chiese se volevo ancora imparare sul sesso e le risposi subito con un "sì!" deciso ed ansioso così lei si spogliò ed io la seguii liberandomi di quanto avevo addosso e ci sdraiammo sul suo lettone ed allora io presi l'iniziativa baciandola sui seni, sulle cosce per poi risalire alla figa che subito si sciolse sbrodolando copiosamente e gliela leccai tutta sempre mordicchiandole il grilletto che subito si era eretto come proprio un cazzettino e così provai a fare come fà zia quando mi sbocchina e lei iniziò a gemere dicendomi che ero uno stronzetto che la stava facendo godere. Dopo che mi irempì la bocca dei suoi umori, allora mi disse che ora toccava al suo culo e si girò mettendosi a pancia sotto chiedendomi di appoggiare il cazzo al suo ano ed io lo feci spingendo un poco dentro ma lei mi fermò e mi disse che prima dovevo leccarle bene l'ano insalivandolo tanto da renderlo scivoloso e dopo la avrei potuto inculare bene. Feci quanto mi chiedeva e quando sentii il buchino ben lubrificato dalla saliva allora le dissi se potevo incularla e lei mi rispose di sbrigarmi prima che si asciugasse la saliva sull'ano. Le appoggiai il cazzo all'ano e spinsi dentro con decisione e lei si lamentò perchè dovevo farlo più lentamente. Dopo un lungo su e giù le dissi che stavo per sborrare e lei mi disse di lasciarmi andare riempendole il culo. La innondai di sborra e quando lo tirai fuori lei si precipitò a ripulirmelo con la lingua e poi si girò chiedendomi di scoparla e la feci venire per due volte l'una appresso all'altra. Facemmo una pausa chiacchierando un poco delle mie avventure con le ragazze ma la delusi perchè solo con lei avevo baciato una donna e toccato dappertutto e lei mi sorrise felice di avermi fatto da maestra del sesso. Dopo che mi fece uno stupendo bocchino mi chiese di andarmene via perchè attendeva una signora per fare anche a lei delle iniezioni, così mi rivestii e la salutai con un bacio in bocca e via, in sella sul motorino correndo a casa. Il giorno dopo ero di nuovo da zia Anna ma ebbi una brutta sorpresa: lei aveva un polso ingessato...alla notte era scivolata in bagno cadendo rompendosi il polso e dovette essere portata in Ospedale, così si interrompevano le iniezioni che ormai non mi preoccupavano più ma lei, guardandomi negli occhi ebbe un'idea: rivolgersi ad una sua amica che era bravissima a fare punture e subito le telefonò e dopo mezz'ora era lì ed io ebbi quasi una sincope nel vedere la sua amica: giovanissima, almeno vent'anni, morettina, alta con gambe lunghe come un airone, un culetto da favola ed un viso d'angelo che con quegli occhioni incantava anche una pietra! Che strafiga anche lei! Zia Anna se ne accorse subito che ero rimasto incantato, o meglio, come ipnotizzato dalla bellezza della morettina e neanche sentii quando zia mi disse di prepararmi a farmi fare la puntura da Chiara la sua amica. Quando mi ripresi dallo stupore vidi che tutt'e due attendevano che mi scoprissi il sedere e Chiara stava preparando la siringa così zia mi slacciò i pantaloni facendoli cadere in terra e mi fece poi sdraiare sul divano ma io non ero molto sicuro di farmi bucare il culetto da altra mano non di mia zia, così mi lamentai ma zia m'assicurò che non avrei ugualmente sentito nulla di nulla, così cedetti alla promessa e mi stesi pronto ad essere fiocinato. L'iniezione mi fu fatta senza che percepissi alcun dolore ed alla fine mi complimentai con Chiara e lei invece si era accorta che stavo girato di fianco e così poteva osservare il mio cazzo ben turgido nel sentirmi attratto da lei e sorrise dicendomi che era meglio mi rivestissi così mi accorsi della situazione incresciosa che si era verificata ed anche zia Anna si mise a ridere. Chiara prima di andarsene via mi chiese se ero disponibile ad andare a casa sua impedendole di venire da Anna per tutti i giorni che dovevo continuare la cura. Senza esitare le dissi che ero disponibilissimo e così, quando lei uscì zia Anna mi disse che si era accorta che me la stavo mangiando con gli occhi ed in effetti avevo un impetuoso desiderio di scopare anche la morettina e zia mi spogliò a fatica con una mano sola ma riuscì a sfilarmi anche gli slip e prese in bocca il cazzo che subito si addrizzò e lei se lo infilò in figa gioiosamente. Dopo che lo ciucciò un poco lo prese e se lo infilò in figa facendosi scopare fino a che le sborrai tanto da allagare il divano. Dopo la scopata mi chiese se volevo farle anche il culo e subito accettai l'invito ma quella volta presi il tubetto della crema per le mani che lei si stava spargendo fino ai polsi e lo strizzai facendo uscire il necessario per lubrificare l'ano ed il glande. La potei infilare senza dolore per lei e sforzo per me e anche lì, quando sentii che stavo per godere lei mi disse di lasciarmi andare e sborrare fino all'altima goccia. Dopo che ci facemmo insieme una doccia, bacia zia Anna e partii per andare a casa mia ma col pensiero stavo cercando in mente la via dove mi avrebbe ricevuto Chiara al mattino dopo, poi decisi di cambiare direzione e non andai più verso casa mia ma verso quella di Chiara e quando vidi dove stava il suo portone, allora girai andando dritto a casa mia.

Questo racconto di è stato letto 3 6 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.