Sánchez Yomikiri Romance

Scritto da , il 2020-10-11, genere bondage

Le ruote allineate della Shadow Slasher scivolano leggere sul tappeto d’asfalto della Interstate 480, come fossero in equilibrio su un invisibile binario infuocato.
Un ferro da strada che ha già sulle spalle troppi anni e troppe miglia ma fa ancora paura quando taglia il vento col borbottio del suo vecchio bicilindrico a quattro tempi.
Gli harleysti del cazzo lo snobbano un modello del genere ma ogni volta che vedono la Bambina parcheggiata fuori dal Touch Supper Club rimangono per ore, incantati, a guardarla.
Non tanto per la linea elegante, il serbatoio lucido dipinto di nero o gli inserti in acciaio cromato, ciò che calamita lo sguardo e i sensi di tutti, di solito, è la sella.
C’è chi dice che sia la parte più bella e preziosa perché ha la fortuna di starsene tutti i giorni appiccicata al culo scultoreo della sua proprietaria: l’Ispettore Sofía Sánchez.

Gli immancabili stivali da rider, i jeans aderenti a disegnarle le cosce, larghe, in posa da cavallerizza. Sotto la giacca di pelle una calibro nove, chiusa nella fondina ascellare, fa da guardia a un paio di grosse tette che a guardarle viene sempre una gran voglia di ululare. Il casco scuro a proteggere la testa, le lenti a specchio per proteggere gli occhi dal sole e una bandana, rossa, a coprire la bocca per proteggere gli altri automobilisti, così che nessuno, distraendosi con quelle labbra, possa causare un qualche tamponamento a catena.
Sofía divora la strada a cavallo della bambina ma la sua mente, come sempre, è altrove, ipnotizzata dal labirinto di una nuova serie di misteriosi delitti da risolvere: il caso Silkweb.
Chissà se c’è una scuola per i coglioni che ogni volta inventano i nomi da dare alle indagini della polizia, stronzate da giornalisti, roba per scrivere titoli altisonanti e vendere qualche copia in più.
Silkweb, pare il nome di un sito porno ma bisogna riconoscere che suona molto meglio della sigla con cui viene identificato sul fascicolo dell’archivio: CLE.5-34MRD/20.
La sostanza comunque rimane la stessa: quattro omicidi, apparentemente scollegati fra di loro se non fosse per il fatto che, provando a ricostruirli, si arriva sempre nello stesso vicolo cieco, quello della malavita giapponese. Forse un regolamento di conti o una guerra fra famiglie, quando si tratta di queste cose è sempre difficile capirci qualche cosa, gli orientali sono abituati a risolversi le loro faccende fra di loro, impossibile trovare qualcuno disposto a parlare ma in questo caso sembra esserci una traccia, apparentemente valida, che mette in relazione due delle vittime.
Ashlyn Davidson, una modella di 24 anni e Samantha Harris, 43 anni, proprietaria di una lussuosa catena di negozi di biancheria intima. Oltre al fatto di essere due donne decisamente attraenti e benestanti risulta che abbiano frequentato entrambe la casa del signor Masayuki Ōtake, un giapponese con una fedina penale piuttosto curiosa, i collegamenti tra lui e le famiglie della mala sono innumerevoli.
Troppo poco, secondo il giudice, per incriminare il signor Ōtake di qualche cosa ma quanto basta, evidentemente, per ricevere la visita del capo della Squadra Omicidi, l’Ispettore Sofía Sánchez, una donna tanto bella quanto letale, femmina di giaguaro colombiano abilissima a stanare le sue prede, anche quando queste hanno le sembianze di un’elegante tigre giapponese.

Dopo aver percorso quasi cinquanta miglia Sofía svolta a sinistra, piegandosi sull’asfalto, e imbocca la statale 44 in direzione di Auburn Corners, è proprio lì che si trova la modesta dimora del signor Ōtake.
Modesta è ovviamente un eufemismo perché la sua villa di circa cinquecento metri quadri con vista mozzafiato sul lago è una vera e propria prigione d’oro, il proprietario è infatti costretto a permanere al suo interno a causa di una vecchia condanna per abusi sessuali.
Un soggetto davvero interessante questo gentiluomo asiatico.

La predazione è un’interazione naturale che si gioca sulla scacchiera dell’istinto; può essere sintetizzata in quattro fasi, la prima è la ricerca della preda. Studiarne l’habitat e le abitudini, scoprire le sue debolezze e preparare l’assalto.

Parcheggiata la bambina Sofía si piazza davanti al cancello della villa, accende una delle sue Lucky Strike e aspetta, guardandosi attorno. Un bravo investigatore sa che ogni casa, a saperla osservare bene, è in grado di comunicare una quantità infinita di preziosi dettagli su chi ci vive dentro; in questo caso ad esempio lo stile raffinato dell’abitazione e il giardino curato in tipico stile orientale dicono che il signor Ōtake, oltre ad aver accumulato una fortuna, è decisamente diverso dagli altri mafiosi con cui ha a che fare di solito la polizia. Poco cambia per l’Ispettore Sánchez che ha imparato a non farsi distrarre da cose come quelle, anzi, più è lo sfarzo maggiore è il pericolo del soggetto in questione.
Sa che Masayuki Ōtake è un uomo affascinante, ha quasi sessant’anni ma ne dimostra molti di meno, colleziona arte orientale ed evidentemente maneggia con cura lo stile adatto a intrattenere le belle donne che frequentano la sua casa.
Ma Sofía Sánchez non è una donna qualunque e se solo riesce a trovare qualcosa per inchiodare quel vecchio giapponese lo sbatte in carcere senza troppe moine.
Il suono di un cicalino elettrico cattura d’improvviso la sua attenzione, seguito da una voce metallica che arriva da un grosso citofono.
«Ispettore Sánchez, che piacere vederla qui!».
Sofía ha già notato le telecamere dell’immancabile impianto di video sorveglianza, ciò che non si aspettava è che quell’uomo conoscesse il suo nome.
«Prego, entri pure» dice la stessa voce, seguita dal clac del cancello automatico.
La giaguara entra in quella villa da sogno continuando a guardarsi attorno, memorizza qualsiasi dettaglio possa esserle utile, anche a scappare se sarà necessario.
Un uomo di mezza età le si fa incontro, lei gli fa una rapida radiografia: i comodi abiti nascondono un corpo piuttosto prestante, è poco più alto di lei, è scalzo, non indossa anelli, ha i capelli corti e brizzolati, i lineamenti legnosi, quasi inespressivi, increspati da una smorfia che sembra uno strano sorriso.
«Lei è davvero incantevole, le descrizioni che ho sentito non le rendono assolutamente onore!».
«Come fa a sapere chi sono?».
«Chiunque apprezzi la bellezza in questo stato sa chi è l’Ispettore Sofía Sánchez – dice lui che ormai le è di fronte – soprattutto quelli che come me amano anche la giustizia, la nostra comunità le deve molto, lei è un’eroina».
Sofía sbuffa fumo piegando appena le labbra, ha imparato che quelli che ti leccano il culo lo fanno sempre per lo stesso motivo; il carcere in cui vorrebbe rinchiudere quel tizio lo immagina se possibile ancora più sudicio, così magari si toglie quel ghigno dalla faccia.
«Venga, si accomodi, può togliersi le scarpe e lasciarle qui se vuole».
L’ispettore a rallentare i suoi movimenti non ci pensa affatto, fa quindi il suo ingresso in casa lasciando tracce fangose coi suoi stivali, l’uomo non ne appare infastidito anzi, tanto per cambiare, sorride.

L’interno della villa sembra sia stato ritagliato via da una di quelle riviste di arredamento per ricchi, c’è sicuramente qualcosa di moderno, studiato per stupire con semplicità, i colori chiari, illuminati dalle grandi finestre, mettono in risalto i veri protagonisti della casa: delle stampe antiche in stile Ukiyo-e il cui valore è praticamente inestimabile. Le immense vetrate permettono un’ampia visuale del giardino che, per quanto è preciso e ordinato, sembra finto, oppure realizzato da un serial killer.
«Gran bella topaia!» dice Sofía franando su un divano bianco che da solo occupa più spazio del suo intero ufficio, Masayuki è girato di spalle, sta armeggiando con delle bottiglie e una specie di piccolo fornello. Lei non perde di vista le sue mani neanche per un istante.
«È solo il frutto di una vita di abnegazione e sacrifici».

«Come quelli fatti per la Yakuza?».

La seconda fase della predazione è quella dell’attacco, zampate affilate di parole, stimolare i nervi dell’avversario per portarlo, magari, a scoprirsi.

«Non sempre puoi sceglierti le persone con cui fare affari».

«Già, ma i suoi rimangono comunque affari sporchi».

«Credo l’abbiano informata male sul tipo di servizio che offro, Ispettore».

«Non faccia il furbo con me, l’ho letto il suo fascicolo, c’è scritto che si occupa di “intrattenimento” ma io non me la bevo, con me il suo bel sorriso non funziona».

«”Non sorridiamo perché qualcosa di buono è successo, ma qualcosa di buono succederà perché sorridiamo”» risponde lui citando un qualche vecchio proverbio.

«Le vittime dei suoi abusi sessuali avevano ben poco da ridere».

«Ispettore, non mi deluda, non mi dica che è venuta qui per quella vecchia storia, quante volte devo ripeterlo? È stato tutto un equivoco».

«Un equivoco che ora la tiene rinchiuso in questo “castello”, non si annoia a starsene qui, da solo, tutto il giorno?».

È un duello serrato, fra animali che prendono misura della reciproca intelligenza, Sofía sa che non sta parlando con uno stupido.
Masayuki afferra un grosso vassoio e lo poggia su un tavolino di cristallo, proprio di fronte alla sua ospite.
«Per fortuna – dice sedendosi – ricevo molte visite gradite, come la sua».

«Alcune delle persone che vengono a trovarla però ci rimettono la pelle».

Ecco, per la prima volta l’uomo sembra smarrire il suo sorriso, un qualche dispiacere gli adombra lo sguardo.
«La signorina Davidson e la signora Harris erano mie amiche, sono io il primo a essere addolorato per la loro scomparsa».
Poi si fa avanti e inizia a versare con estrema grazia una bevanda fumante in due piccole tazze di porcellana finissima «La prego, beva con me, senza più parlare di cose così tristi».

«Non mi piace il tè» risponde lei senza smettere di guardare gli occhi del suo interlocutore, chissà che cazzo avrà da ridere adesso.

«Oh no, Ispettore, questo non è tè, si chiama Tokutei Meishoshu, è il Sakè che i giapponesi riservano per le occasioni speciali».

«Voi orientali, voi e i vostri teatrini del cazzo».

«Lei disdegna le tradizioni del mio popolo, ma non si dimentichi che anche la sua bella motocicletta è figlia della mia cultura. Ora, non mi offenda, non mi privi del piacere di bere insieme a lei».

L’ispettore Sánchez resta immobile, non si fida di quell’uomo e sa che dentro quella bottiglia potrebbe esserci di tutto.

«Lei è una donna molto scaltra oltre che infinitamente bella, ma io non voglio farle alcun male, glielo dimostro».
Masayuki Ōtake prende una delle piccole tazze e se la porta alle labbra, iniziando a sorseggiare «È ottimo, mi creda, spero solo non sia troppo forte, per lei».

Sofía afferra l’altro piccolo recipiente, guarda ancora una volta quell’uomo enigmatico e quasi in un gesto di sfida prova a berne il contenuto, poi pare strozzarsi, sbrodolandosi tutta, quella roba non solo ha un grado alcolico davvero esagerato ma è anche bollente e le ha appena ustionato le belle labbra. Lui si alza prontamente in piedi, le porge un tovagliolo, lei se lo porta alla bocca e lì, riconosce un odore forte, acidulo, dannatamente familiare, come fosse una dose particolarmente intensa di qualcosa che conosce già. Cloroformio, mischiato a qualche altra merda che ne amplifica l’effetto.

Il terzo movimento nella danza della predazione è la cattura, scegliere il momento più adatto per colpire la preda, sorprenderla, lasciandola senza scampo.

Sofía si alza barcollando e prova a prendere la sua pistola, le forze però le mancano di colpo, gli occhi le si chiudono e l’ultima cosa che vede è il sorriso del vecchio giapponese.
«Bastardo..».























«Ā,
watashi ga kaze ni kikoeru koe».



Il buio che gira e continua girare, girare, girare, perché cazzo nessuno lo ferma?



«to sono iki ga zen sekai ni inochi o ataeru idaina seishin».



L’odore, forte, di umido e di chiuso, è un altro posto, è sicuramente un altro posto.



«wa watashi ni mimi o katamukemasu, watashi wa anata».



Una sorta di, fastidiosa tensione ai muscoli del corpo, Sofía è in piedi, eppure.



«no ōku no kodomo no hitori to shite anata ni chikadzukimasu».



È come fosse, in piedi sì, ma su una gamba sola.
Leggera, sospesa, costretta da qualcuno. O da qualcosa.
Le braccia? No, non riesce a muoverle.



«watashi wa chīsakute yowaidesu, anata no chikara to anata no chie ga hitsuyōdesu».



E quella nenia insopportabile nelle orecchie, quella sì, è la cosa più fastidiosa.

L’ispettore Sánchez apre di colpo gli occhi, respira a fatica e non riesce ancora a mettere a fuoco le cose intorno a lei, l’effetto di quella roba. Il giapponese, certo, era a casa sua poi quel bastardo le ha dato il fazzoletto. Quel, fazzoletto, del cazzo.
Le sue palpebre sembrano improvvisamente troppo pesanti, continuano a caderle sugli occhi, le ci vuole un grande sforzo per spalancarle e accorgersi finalmente della prima sorpresa: è completamente nuda, qualcuno evidentemente le ha sfilato via tutti i vestiti mentre era drogata.

Il suo istinto la porta a ruggire di rabbia, prova a divincolarsi ma ecco che arriva la seconda sorpresa: un numero imprecisato di corde le corre lungo il corpo, bloccandole quasi ogni movimento. Fa un altro inutile tentativo ed eccola, la solita voce vellutata che risuona da dietro le sue spalle per toglierle ogni dubbio:
«I nodi con cui l’ho legata hanno tradizioni secolari, impari ad ascoltarli e a rispettarli, se fa quello che loro le chiedono l’esperienza sarà meno fastidiosa, glielo assicuro».

Il bastardo ha ragione, Sofìa è in posizione eretta, legata a una trave del soffitto tramite un gioco di corde che la tiene sospesa a pochi centimetri dal pavimento, così che, distendendo la gamba sinistra, l’unica libera, riesce a sostenere il proprio peso sulla punta del piede. Quando le forze le mancano e le piccole dita cedono alla fatica, il suo corpo grava sulle corde che iniziano a tendersi stringendo la sua carne.
Non uno sforzo eccessivo, soprattutto per una persona allenata come lei ma la sensazione è quella di un fastidio costante, che le impedisce di rilassarsi e stimola tutti i suoi nervi.
La corda principale tiene le braccia legate dietro la schiena, le funi girano intorno al busto lasciando strategicamente due fori, da cui fuoriescono i grossi seni che in questo modo sembrano, se possibile, ancora più gonfi.
La seconda fune tiene la gamba destra piegata su sé stessa, legata in modo tale che il piede sia a contatto con il gluteo, non solo non può muoverla ma lo schema delle corde mantiene le cosce larghe, facendo sì che il suo sesso sia totalmente aperto ed esibito.
L’immagine complessiva è quella di una strana opera d’arte erotica, in cui la natura selvaggia del corpo nudo di Sofía Sánchez risulta in qualche modo amplificata dalla cura raffinata con cui è stata imprigionata.
Ora l’Ispettore ha recuperato abbastanza lucidità per guardarsi attorno, si accorge di essere in una specie di scantinato, forse è semplicemente il piano interrato della villa del signor Ōtake. La stanza appare sgombra, le pareti praticamente spoglie, quella alla sua destra è occupata da un grande armadio di legno scuro, alla sua sinistra invece riconosce la carrucola a cui sono fissate le sue corde. L’unica cosa che non può vedere dietro di lei è quel figlio di puttana che l’ha appesa al soffitto come una bestia da macello.

«Cosa vuol fare, Ōtake? Vuole uccidere un poliziotto? I miei superiori sanno che sono qui, se stasera non faccio rapporto verrano subito a cercarmi».

Il suono di piedi nudi risuona improvvisamente nella stanza, Masayuki sta girando intorno al corpo di Sofía, godendo di quella ridistribuzione dei poteri, la bella poliziotta è imprigionata e lui può evidentemente farne ciò che vuole.
Si è cambiato d’abito, ora indossa una sorta di Kimono scuro, con raffinati ricami bianchi e oro.

«Le ho già detto che non voglio farle del male, Sofía, e io mantengo sempre la mia parola» dice ora che è di fronte a lei e la guarda negli occhi con un’espressione estremamente seria.

«E allora mi faccia scendere subito da qui e io le prometto che le farò passare la voglia di fare questi giochetti del cazzo» risponde lei che non la smette di sfidarlo, anche ora che è in palese difficoltà.

«Lei conosce lo Zen?» chiede lui mentre si avvicina al grosso armadio.
Sofía stringe i denti, il polpaccio teso inizia a farle male, ogni tanto è costretta ad abbandonarsi per recuperare forze.
«Ci ho provato Ispettore, mi sono sforzato di spiegarle le mie ragioni, ma a lei evidentemente non bastano, lei vuole la verità. Lo Zen, è un’antica filosofia e ha un modo molto semplice per comprendere il concetto di Verità, quello dell’esperienza diretta. Ogni mio tentativo di spiegazione sarebbe relativo e non assoluto».
Masayuki Ōtake si sfila di colpo la giacca del Kimono, rimanendo coi soli pantaloni, la sua schiena nuda è percorsa da muscoli nervosi, decisamente minacciosi. Sofía lo osserva aprire poi le ante del grande armadio e quello che riesce a scorgerci dentro le dà un fremito.
Sembrano, strumenti di tortura.

La quarta e ultima fase della caccia è anche quella più forte, poco adatta ai deboli di cuore: la consumazione della preda, in uno schema che, da sempre, rimette in equilibrio la natura, distribuendone ruoli e potere.

L’uomo si infila due guanti in lattice nero, disegnando con precisione i gesti di una certa ritualità. Deciso. Sicuro. Si volta lentamente, e in tre passi le è di nuovo di fronte.
«Le darò una dimostrazione del tipo di intrattenimento che offro alle mie ricche clienti – dice iniziando a sfiorare delicatamente i seni di Sofía – pensi, la scorsa settimana ho avuto il piacere di ospitare la moglie del Senatore, mi ha pagato una fortuna per passare un weekend qui con me – le dita iniziano a stringersi sui capezzoli, lei ringhia, come un felino in gabbia – per lei, Ispettore, lo farò gratis».

La mano scende, sfiora le corde strette intorno al ventre dell’Ispettore Sánchez e va a infilarsi fra le cosce, iniziando a scivolare fra le sue labbra più intime.
Violata e inferocita, la giaguara gli risponde con un nuovo ruggito e poi gli sputa in faccia.

«Lei è una donna piena di rabbia – dice lui pulendosi il viso – domarla sarà particolarmente piacevole e secondo me, lo sarà per entrambi».
Sofía torna ad agitarsi, prende una sorta di slancio e prova goffamente a colpirlo con l’unica gamba libera, ansimando di dolore quando le corde le segano la pelle, il suo aguzzino si è già allontanato, dall’armadio ha appena tirato fuori un lungo frustino da equitazione alla cui estremità è attaccata una piccola lingua di cuoio scuro.
Il corpo stanco della donna si lascia andare e inizia a ondeggiare appeso alle funi, forse sta rifiatando per sferrare un nuovo colpo o forse sta semplicemente cercando di capire se esiste un fottuto modo per sfuggire da quel maniaco.
Lui le è ora alle spalle, la circonda con un braccio, sostenendola, e inizia a stringerle delicatamente un seno, lo accarezza, lo soppesa, passa il palmo aperto della mano sul capezzolo finendo inevitabilmente col farlo raggrinzire, chissà se sa quanti uomini vorrebbero essere al suo posto, ora.
Sofía si dimena, combattuta da stimoli contrastanti, una parte della sua rabbia è ora rivolta a sé stessa, al proprio corpo, perché fra i suoi lamenti è impossibile non riconoscere alcuni gemiti di piacere.
È proprio ora che il suo aguzzino inizia a usare la punta del frustino per accarezzarle il capezzolo, poi inizia a colpirlo, con raffiche leggere e velocissime, non uno schiaffo e neanche una carezza, una strana via di mezzo che porta il piacere in un posto diverso, completamente nuovo.
Lei stringe i denti e tende la schiena, vuole che lui la smetta e non lo vuole, vuole che lui la lasci in pace, bastardo, pensa, se solo riesce a liberarsi gli graffia quel muso giallo che si ritrova.
Le raffiche diventano sempre più veloci e sempre più intense, poi, dopo un attimo di pausa, un sibilo fende l’aria, portando la lingua di cuoio a colpire con forza il capezzolo eccitato.
Sofía urla, perde l’equilibrio sulla punta del piede e rimane appesa alle corde, il seno le brucia, il figlio di puttana però, non ha ancora finito. Di nuovo la abbraccia da dietro, la sostiene col proprio corpo in posizione verticale e riprende a fare la stessa cosa, sull’altro seno. Prima lo impasta e lo accarezza con la mano, poi usa il frustino per quei maledetti colpetti veloci e leggeri finché, la pausa, merda, il colpo secco e l’Ispettore Sánchez urla di nuovo, così forte che quasi si graffia la gola.
Ha bisogno di raccogliere tutte le sue forze per issarsi di nuovo sulla punta del piede e provare a sfidare così il suo aguzzino, come a dire puoi farmi quello che vuoi, io mi rialzerò sempre.
Ma quell’uomo ha una calma e una serenità addosso, che basterebbe quella a spaventare chiunque, è serio e concentrato, sta semplicemente facendo ciò che gli riesce meglio. Lei si rialza? Ed ecco che lui si accovaccia per iniziare a usare il frustino sulla pianta nuda del piede di Sofía Sánchez. «Bastardo..» riesce a dire lei, prima di avvertire il colpo più forte che la fa crollare di nuovo.
Masayuki riprende a girarle intorno, senza mai staccarle gli occhi di dosso, sembra la stia studiando, forse sta semplicemente cercando la prossima meraviglia su cui infierire.
Quando la trova, il taglio dei suoi occhi sembra illuminarsi dei riflessi dorati del bellissimo culo della sua ospite.
Inizia col darle dei piccoli buffetti, a mano piena, gliene molla uno e torna a camminarle, quando è sicuro di sorprenderla le dà un altro schiaffetto, non vuole assolutamente che lei si rilassi, deve tenerla sulle spine, vuole sfinirla. Ora posa la mano sulla natica soda dell’Ispettore Sánchez e inizia a palparla vistosamente, ne saggia la soda consistenza, non le sta solo toccando il culo, la sta preparando a un altro assalto.
Ecco il frustino maledetto, proprio sui glutei, i colpi ravvicinati, non sono carezze e non sono schiaffi, sono una tortura crescente che di nuovo rimane sospesa per un solo secondo prima di esplodere in un colpo secco, che le segna le chiappe.
Quel suono però lo sorprende, Ōtake chiude gli occhi assaporando le invisibili vibrazioni del colpo appena inferto su quel meraviglioso fondoschiena. Sono davvero poche le donne che sanno “suonare” così, pensa sorridendo. Poi si accoscia, dietro di lei, a pochi centimetri dal solco che divide in due quel culo di bronzo.

«Il suo corpo è leggenda mia cara – dice senza staccarle gli occhi di dosso – molto più delle sue imprese – allunga la mano e inizia a ricalcare il segno rosso lasciato dal frustino – colpire una leggenda è un modo per celebrarla e renderla ancora più viva, lo so che non mi crede ma lei non è mai stata così bella!».

«Avvicinati.. – dice ora lei con un filo di voce – avvicinati, ti prego..».
Masayuki alza lo sguardo su di lei, poi scende a riempirsi gli occhi con quel culo fantastico e lentamente si avvicina, quasi ipnotizzato.
«Avvicinati dai.. – ripete ancora quella donna felina – avvicinati.. così posso separartene una dritta in faccia, depravato del cazzo!».
E poi scoppia a ridere.

Lui si rialza in piedi, il volto oscurato dalla rabbia, stringe forte il frustino e la zittisce iniziando a suonarle forte il culo, due, tre, quattro volte, per ogni colpo una riga rosso sangue su quei globi di carne che tutta Cleveland venera, lui invece gode nello sfregiarli e ogni volta lei, urla più forte.

Sofía ha i capelli davanti agli occhi, il petto le si gonfia al ritmo del suo respiro affannato, le scie rosse delle frustate le segnano la pelle ma, ancora una volta, riesce a issarsi sulla gamba sinistra, sputa accanto ai piedi di Masayuki e lo sorprende, trovando forza per provocarlo:
«È tutto qui quello che sai fare?».

Silenzio.
Solo il rumore cigolante delle corde riempie lo scantinato, per qualche istante.
Improvvisamente il padrone di casa scoppia a ridere, quasi a farle il verso.
«È vero, quasi dimenticavo che lei, non è una donna qualunque, con lei ci vogliono le maniere forti» poi si avvicina all’armadio, ripone il frustino e prende uno strano oggetto scuro che sembra un soffione da doccia.
Torna a posizionarsi dietro la schiena di Sofía, la abbraccia, si avvicina al suo orecchio e sussurra «Lei non potrà più fare a meno di me Ispettore, glielo assicuro».
Masayuki porta lo strano oggetto fra le cosce della sua ospite, lo accende e il soffione inizia a vibrare, massaggiando il sesso di Sofía Sánchez.
Lei fa un verso che sembra un gemito lontano, apre le labbra e chiude gli occhi, bella e selvaggia, come ogni donna che gode veramente. Il padrone di casa preme un pulsante e la vibrazione aumenta, Sofía si agita, singhiozzando di piacere, un altro scatto ancora e lei inizia a tremare, sull’orlo di un potente orgasmo. È proprio lì che lui l’abbandona, spegne il soffione e inizia ad accarezzarla con la mano, ricoperta dal guanto scuro.
La penetra con un dito, poi con un altro, inizia a fotterla amplificando il suo piacere finché si stacca da lei e torna a prendere il frustino.
Glielo lascia scivolare fra le labbra della fica, la stuzzica, la tiene sospesa a una folle eccitazione che è forse la tortura peggiore. Poi porta la linguetta di cuoio sul clitoride e torna a darle quei piccoli, leggerissimi, maledetti, stronzi colpetti in un crescendo che esplode, di nuovo, in una frustata che la percuote proprio al centro della sua intimità.

Il suo grido si perde nello scantinato, ora le ha fatto male, soprattutto perché l’ha colpita lì dove l’eccitazione l’aveva resa più sensibile, abile bastardo, abituato a stravolgere i sensi di qualsiasi donna.
Di nuovo si avvicina, senza darle tregua, riprende a farle vibrare quel coso fra le cosce, ne aumenta l’intensità per farla godere e subito torna al frustino per il solito teatrino di colpi sempre più forti.
Per quanto ancora vuole andare avanti?

Lei stringe i denti e di nuovo si lascia dondolare, visibilmente stremata.
Il suo aguzzino inizia a trafficare con le corde dietro la sua schiena, ne prende una e la usa per legare anche il piede sinistro dietro al gluteo, ridisegnando la simmetria del suo corpo, poi raggiunge la carrucola e tira le funi facendo roteare di novanta gradi quella strana opera d’arte vivente.
Sofía si ritrova così totalmente sospesa, a fissare il pavimento, le gambe raccolte, le cosce divaricate, pronta per un nuovo gioco diabolico.
Sente i passi di Ōtake ma non può vederlo tirare fuori dall’armadio un nuovo strano oggetto, sembra un bastone da passeggio, alla cui estremità è attaccato un grosso fallo scuro di gomma.

«Dolore e piacere, sono due movimenti di un unico respiro, l’uno non esiste senza l’altro, si rincorrono a vicenda, lo fanno da sempre e sempre lo faranno. La via per l’illuminazione è cosparsa di lacrime e di sangue, i grandi maestri sanno che non c’è altro modo di raggiungerla».

La mano coperta dal guanto nero raggiunge di nuovo la fica di Sofía Sánchez e inizia a scivolarci dentro, per stimolarla ancora, per prepararla al prossimo movimento.
Lei prova a divincolarsi, non vuole che lui la tocchi proprio lì, non vuole assolutamente cedere al piacere perché sa che quella sarebbe l’umiliazione più grande.
Quando sente qualcosa di grosso sfiorarle il sesso spalanca la bocca, in una smorfia che è sorpresa, è rabbia ed è anche tanto altro che non vuole accettare.
Masayuki spinge, infilandole dentro la punta arrotondata del cazzo di gomma, solo pochi centimetri, poi lo ritira fuori. Di nuovo preme, un po’ più a fondo e di nuovo lo estrae, ad ogni passaggio la gomma nera sembra più lucida.

«Allora, Ispettore – dice ora con voce bassa e composta – cosa ne pensa del mio modo di intrattenere una donna?».
Ancora dentro, e poi subito fuori.

Lei scuote la testa, come volesse scacciare dei fantasmi, poi ringhia «Fottiti, pezzo di m..» lui la penetra di colpo, mozzandole il respiro.

È un urlo, ma ha il graffio di un gemito quello che esce dalla bocca di quella donna imprigionata, umiliata e violata come mai le era successo prima.
Il bastardo usa ora il bastone per farla oscillare, avanti e indietro, ogni volta la gomma le scivola più dentro, lubrificata dai suoi umori disobbedienti.
È una scopata lenta, esasperata, ritmata dal cigolio delle corde e dai versi sempre più acuti e sincopati, la giaguara si trasforma in una gatta che mai nessuno è riuscito ad ammaestrare. Con un filo di voce, forse l’ultimo, prova ancora a sfidarlo.

«Cosa vuoi Ōtake, vuoi la mia fica per caso? È questo che vuoi? Lo sai quanta gente la vuole? Quanti pagherebbero anche solo per leccarmela?».

«La sua, “fica”, Ispettore... la sua fica adesso è mia!» risponde lui, sfilandole di colpo il fallo da dentro il corpo, le labbra spalancate sembrano quelle di una bocca urlante.
Poi si inginocchia, dietro di lei, rapito da quel groviglio di carni fradice, il desiderio proibito, inaccessibile agli uomini di tutto lo stato, chissà quanto darebbero per essere al suo posto, ora.
Lentamente si avvicina, la tigre si riscopre uomo, forse vuole assaggiarla, annusarla, compiacersi del proprio potere, prendersi tutto ciò che vuole, ora che può farlo.
Ancora più vicino, la vede pulsare, desiderosa di esplodere in un orgasmo feroce, quella sì sarebbe la resa più grande, disporre e decidere del piacere di una donna così potente.
Vorrebbe darle un bacio, labbra contro labbra, vorrebbe morderla e farle ancora male, il profumo lo stordisce e forse, fatalmente, lo distrae.
Perché facendo forza sugli addominali Sofía Sánchez riesce a chiudere le cosce, bloccandogli la testa, e inizia a stringere per soffocarlo.
Lui è colto alla sprovvista, prova a divincolarsi ma il respiro gli manca, l’odore di fica dentro il naso è improvvisamente diventato il suo veleno, gli afferra le cosce con le mani, prova ad aprirle in una lotta assurda e serrata fra le sue forze prive di ossigeno e la rabbia cieca del giaguaro femmina, proprio in quel momento però, una strana musica risuona nell’aria, come arrivasse da lontano a sciogliere tutti i colori di quell’immagine assurda, una donna che sta soffocando un uomo con la propria fica...
la musica sempre più forte, fastidiosa e insistente, a fondersi su quegli strani gemiti di dolore e godimento...
sembra...
sì, sembra proprio un telefono che squilla...






Ore 7:30 Cleveland/The Shoreline – Appartamento 7B

Sofía Sánchez apre di colpo gli occhi, ora lo fa davvero, si solleva seduta sul suo letto, scossa da un sogno impossibile e terribilmente reale, istintivamente si tocca le braccia per verificare che non ci siano segni delle corde.
Il suo telefono continua a squillare, le lenzuola sono piene di fogli, gli atti del fascicolo CLE.5-34MRD/20, sulla copertina del faldone qualcuno ha aggiunto una scritta a pennarello “Caso Silkweb”.
Fra le sue gambe la scheda del sospettato principale, il signor Masayuki Ōtake, che sembra guardarla dalla foto segnaletica, i lineamenti legnosi, quasi inespressivi, increspati da una smorfia che sembra uno strano sorriso. Tra le sue note caratteristiche ce n’è una sottolineata a matita: “esperto di Bondage”.
Sullo schermo del pc portatile campeggia la foto di una donna legata e appesa al soffitto, un uomo dietro di lei sta per colpirla con un lungo frustino da equitazione.
C’è anche un piccolo libro aperto accanto alla tastiera del computer, un testo sui “principi dello Zen”.
Sofía ha il fiato corto e la testa ovattata, afferra il telefonino e sullo schermo lampeggiante legge il nome del suo capo: Eric Finch.

«Pronto..».

«Sofía?».

«Che cazzo vuoi?».

«Stavi dormendo?».

«No.. sto lavorando al caso».

«Oggi hai l’incontro con quel giapponese».

«Quel giapponese del cazzo!».

«Vacci piano, per favore.. qui sta succedendo un casino.. stamattina all’alba mi ha telefonato addirittura la moglie del Senatore, ha detto che Ōtake è un suo caro amico ed è sicura che non c’entra niente con questa storia!».

«Se è così brava a trovare gli assassini perché non si arruola in polizia.. quella bagascia».

«Senti.. mando Fabretti e Coleman a prenderti, così andate insieme».

«No».

«Che vuol dire no?».

«Vuol dire che preferisco andare da sola, ora smetti di fare lo scassapalle, vado a prepararmi».

«Stai atten[clic]

L’Ispettore Sánchez lancia il telefono sul letto, poi guarda la faccia di Masayuki Ōtake, si mette a fissarlo, come volesse rispondere al suo sguardo di sfida.
Muovendosi avverte una sensazione umida fra le cosce, una piccola pozza di umori sembra essere colata via dal suo sogno per andare a imbrattarle le lenzuola.
Proprio in quel momento il piccolo Callaghan, il suo gatto, l’unico maschio che dorme con lei ogni notte, salta sul letto e stiracchiandosi inizia a farsi le unghie proprio sulla fotografia.
Sofía ride e inizia ad accarezzargli la testa.
«Hai ragione pequeño, è ora di andare a graffiare la faccia di quel bastardo!».




https://youtu.be/OqU73RBC58o

Questo racconto di è stato letto 1 4 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.