Vite parallele 5 - Mio figlio mi ha montata come una cagna dopo avermi fatto l'amore.

Scritto da , il 2020-10-06, genere incesti

Dolorante,sudata,gli orifizi più intimi saturi di sperma e di caldi e umidi umori che sentivo colare ancora fuori dal mio corpo.

La pelle ed i capelli appiccicosi,la mente altrove.

Ero distesa supina con le braccia larghe e le gambe oscenamente aperte al cospetto di mio figlio in ginocchio davanti a me.

Ansimante come fossi stata raduce da una faticosa maratona,il cuore ancora pulsante,le membra indolenzite e tremanti,le gote vergate dalle lacrime mentre i miei occhi tradivano gioia e sgomento per quanto mi aveva fatto provare Luca.

Ero stata stuprata o ero consenziente?

Erano le domande che mi frullavano nella testa ed alle quali non riuscivo a dare una risposta

Osservavo mio figlio con un'espressione di rimprovero e gratitudine mentre la mia mente vagava in cerca di qualcosa che mi turbava in quel momento ma che,tuttavia,non vi era mai stata nel mio passato di moglie,di amante e di madre.

Chissà,forse in quel momento in un angolo buio e vuoto della mia memoria ero alla ricerca del nulla o del tutto mai vissuto!

Ferita ed appagata nel corpo e chetata nello spirito,benché ancora frastornata,mi rendevo conto che in quegli incredibili momenti,la mia vita stava cambiando per sempre e non solo per l'eversivo rapporto incestuoso con mio figlio ma per ben altro,molto di più se mai fosse stato possibile.

Le perversioni di mio figlio mi avevano fatto scoprire un mondo diverso e parallelo cambiandomi davvero la vita.

Tutto era cominciato al mio risveglio quel mattina,dopo la prima,lunga notte d'amore col mio Luca.

Era stato un risveglio meraviglioso così come meravigliosa era stata l'evoluzione di quei magici istanti sino al momento in cui,mentre mi accingevo a succhiargli il cazzo eretto,lui si era disteso sul letto per offrirmi non solo il suo turgido scettro già pronto a soddisfare i miei desideri ma mi stava offrendo tutto se stesso.

Disteso supino,aveva allargato liemente le cosce ed aveva sollevato le ginocchia offrendomi la vista dei suoi genitali in una inedita prospettiva che lo faceva somigliare ad un portale di pietra in fondo al quale si ergeva un totem vivo,pulsante e già pronto a soddisfare le mie brame pagane.

Naturalmente il tutto era frutto della mia fantasia di fronte all'incanto di quel corpo così giovane eppure così virile.

Le gambe parevano davvero scolpite nella loro perfezione plasmata dalle sue attività sportive preferite;Il nuoto ed il basket.

Due sport che lui praticava da sempre in modo assolutamente dilettantistico la qual cosa lo aiutava a scolpirne le lineee senza alterarne l'armonia delle forme.

Risalendo verso l'alto poi,mi ero resa conto che tutto il resto del corpo e delle braccia rispettavano le stesse proporzioni.

Era la prima volta che potevo ammirare mio figlio da adulto in tutta la sua magnifica fisicità.

Nudo!

Le forme peraltro,venivano accentuate dalle ombre che si formavano grazie ai raggi del sole che filtravano dalle imposte.

Oltre le "colonne d'Ercole" il suo cazzo si ergeva magnifico su palle che parevano create apposta per giocarci e deliziarti con la loro invitante rotondità.

Un pelo corto e pulito denunciava una meticolosa cura nell'igiene e nell'estetica.

Completava quella armoniosa figura da scultura classica,il profumo di fresco(Aveva fatto da poco la doccia)che unitamente all'afrore di maschio,me lo facevano immaginare coricato su un giaciglio odoroso e fiorito.

Inebriata da tanta inattesa visione,gli avevo allargato le gambe e mi ci ero intrufolata sino a raggiungere con le labbra la verga di marmo coi suoi morbidi appendici velati da quel pelo lucido,rado e sottile.

Guidata dalle sue parole che mi giungevano filtrate dalla mia ansia di non deluderlo,avevo cominciato a leccargli l'interno delle cosce e poi,mentre con una mano tenevo la verga come fosse uno scettro,avevo cominciato a leccargli le palle...a mordicchiarle...a succhiarle come fossero caramelle.

Poi con la lingua umida di saliva ero risalita lungo l'asta sino al suo: Alt!

-Leccami li mamma,leccami il frenulo se vuoi gratificarti col mio piacere.-

Quanta ragione aveva mio figlio in quel momento.

Dopo un po che gli leccavo il nervetto teso sotto la cappella(punto a me sconosciuto sino a quel momento)il nerbo che stringevo tra le dita aveva cominciato a contrarsi e rilasciarsi in una specie di tic nervoso mentre dal forellino sul glande livido e gonfio come una prugna,avevano cominciato a spuntare goccioline di piacere.

-Vai su mamma,leccami sul buchino ed aspira il miele che mi hai fatto uscire e poi,imbocca la capocchia e succhiamela come hai fatto l'altro giorno quando eri arrabbiata con me!-

Il ricordo di quel momento,mi aveva un po indispettita ed in un gesto di stizza,mentre mi infilavo tutto il cazzo tra le labbra sino in gola,con la mano gli avevo stretto i testicoli sino a farlo gridare.

-Ahi!...Ahi...ancora mamma...ancora stringi forte mentre mi succhi il cazzo!-

Quella sua reazione mi aveva sorpresa e mentre eseguivo quanto mi aveva chiesto,i suoi gemiti ed i suoi lamenti mi avevano fatta sciogliere e colare tra le labbra della fica.

-Girati mamma che voglio leccarti anch'io.-

Dopo un lungo 69 in cui avevo avuto diversi orgasmi e dopo un estenuante pompino interrotto spesso dagli allarmi di mio figlio,mi ero girata e ponendomi su di lui,mi ci ero impalata e l'avevo cavalcato sino a che,con un grugnito animale,non mi aveva riempita coi suoi bollenti schizzi di sborra.

Credo di essere rimasta abbracciata a lui con la verga dentro di me per quasi mezz'ora prima che lui mi riportasse alla realtà:

Quando ci siamo staccati,si era fatto ripulire il cazzo ormai molle con la lingua e poi insieme siamo andati sotto la doccia prima di andare in cucina a fare,finalmente, colazione.

La mia felicità era incontenibile e mio figlio,non faceva niente per farmela passare anzi,mi stimolava in continuazione con carezze,gentilezze e parole dolci.

Quella giornata era tutta per noi ed era destinata a farmi scoprire cose "Che voi umani....."

Per tutto il giorno,sino a notte fonda,il nostro sesso era stato un crescendo di trasgressioni sempre più spinte per me.

Mi aveva depilata completamente.

Mi aveva leccata in ogni angolo del mio corpo partendo dai piedi sino agli orecchi.

Mi aveva fatto fare un clistere e poi,mi aveva aperto il buco del culo sino a montarmi e scaricarci dentro la sua sborra......me l'aveva poi anche leccata mentre fuorusciva dallo sfintere aperto e dolorante.

Mi aveva sverginata li!

Dopo avermi leccato il buco del culo mi aveva insegnato a ricambiarlo e,mentre con una mano lo masturbavo,con l'altra gli infilavo un dito dentro al culo.

Tutto era finito che il sole già fitrava dalle tapparelle.

Questa però è una storia che penso di approfondire nei prossimi capitoli.



Questo racconto di è stato letto 1 0 6 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.