Potente.Forte.Bellissima.Libera

Scritto da , il 2020-09-30, genere interviste

A Paola avevano insegnato che i maschi hanno sempre più potere delle donne.
Era stata sua madre ad insegnarglielo mostrandosi completamente in potere di suo marito.
Era stato suo padre ad insegnarglielo ogni volta che mostrava più rispetto e affetto per suo fratello maggiore.
Era stata sua nonna a confermarle che il mondo girava a quel modo quando da piccola la vedeva prendersi cura di suo nonno come se fosse l’imperatore assoluto della casa.
Erano stati i discorsi che sentiva in casa a darle conferma che chiunque uscisse da questa tacita ma palese regola non era altro che una poco di buono.

Quando Paola iniziò a diventare donna ed il suo corpo iniziò a fiorire in quella bellezza acerba che annunciava il suo futuro fascino le era stato detto di nasconderlo.
Di non girare per il paese cercando di attirare gli sguardi dei suoi coetanei.
Rimanere da sola con un ragazzo “Non era cosa” .

Poi un giorno quella regola sembrò avere una deroga. Antonio s’interessò a lei .
Ai suoi genitori lui piaceva. Era educato. Rispettoso .
Era di una buona famiglia. Era un buon partito .

Paola iniziò ad avere il permesso d’uscire sola con lui, ed iniziò a fare quello che le sue coetanee già facevano da tempo.
Antonio era gentile con lei . Ma non voleva che quelle stesse cose lei le facesse senza di lui.
Era geloso perché la amava. Le diceva sua madre dandogli ragione.

Paola lo amava e un torrido pomeriggio estivo si concesse a lui.
Aveva immaginato la sua prima volta così tante volte.
Doveva essere romantica.
Doveva essere dolce.
Doveva essere passionale.
Doveva essere perfetta.
Come in quei film che vedeva alla televisione.
Ma non fu nessuna di queste cose. Non provò nessun piacere nel sentirlo su di lei.
“Resisti poi il male passa” le diceva Antonio spingendo dentro di lei .
“Sei bellissima” “Quanto ti amo” ansimava lui .
Ma lei non sentiva che dolore e quando anche questo diminuì non provò le stesse sensazioni che aveva sentito da sola chiusa nella sua camera.
Solo un senso di invasione .
Ma non aveva scordato la regola sul potere degli uomini. Non aveva dimenticato che una donna innamorata ha il compito di renderli felici.
Ed Antonio sembrava felice nel fare l’amore con lei.
Probabilmente era così . Forse tutti i film si sbagliavano . Fare l’amore era quello.
Avrebbe voluto chiederlo a sua madre, ma non era discorsi che si potevano fare con lei.

Si plasmò per essere la donna che Antonio potesse amare.
Forse era il suo corpo a non poter godere . Imparò a fingere. Per lui.

Antonio le disse che certe cose un uomo le vuole fare solo con le puttane. Che un uomo innamorato non chiede alla propria donna di comportarsi come una mignotta.
Paola non aveva motivo per dubitare che non fosse la verità.

Dopo 3 anni lui le regalò un anello .
Quel piccolo cerchio d’oro che lei mise al dito voleva dire che un giorno lui sarebbe diventato suo marito. Un pegno del suo amore.
Non ora, ora lui doveva completare gli studi e trovare un buon lavoro ,ma in futuro era lei che voleva come moglie.
Paola iniziava a capire che la sua vita era così diversa da quella di altre ragazze.
Paola voleva poter uscire da sola con le amiche senza che lui s’arrabbiasse.
Ma Paola lo amava , era così sicura di amarlo, non riusciva a pensare di rimanere senza di lui.

Il giorno in cui Paola scoprì che Antonio la tradiva non riuscì a ricordare tutte le regole in cui aveva vissuto fino a quel momento.
S’arrabbio. Non aveva mai fatto esplodere la sua rabbia prima.
Come un fiume questa si riversò su di lui.
Fu lui però ad arrabbiarsi ancora di più.
Com’era possibile?
Negava offeso l’innegabile.
Paola non era stupida. Perché lui la considerava tale?

I suoi genitori, suo fratello sembravano schierati con Antonio.
Sembrava suo l’errore.
Dov’era l’errore da lei commesso?
Quanto tempo passò ponendosi quella domanda, fino a che non trovò la risposta.
Seguire le loro regole. Ecco il solo suo errore.

Ogni giorno aveva raccolto un po’ di coraggio in un barattolo e quella mattina se lo svutò nelle tasche e scappò.
C’era una zia al nord. Una sorella di suo padre . Una “poco di buono” che come lei era scappata da loro .
Mentre il treno andava verso il futuro che l’attendeva Paola realizzò che ora, anche lei sarebbe stata “una poco di buono”.
Aveva lasciato l’anello sul comodino della sua stanza.
Aveva litigato con i suoi genitori prendendosi anche una sberla che ancora bruciava sulla guancia.
Aveva ascoltato le loro minacce “se te ne vai non tornare più!”
Aveva guardato sua madre piangere .
Ma il coraggio che aveva nelle tasche le diceva “vai!”

Paola ebbe il suo primo vero orgasmo a 22 anni .
Potente, Bellissima , Forte e Libera.
Così la fece sentire.
Fare l’amore era bellissimo . Goderne non era un privilegio maschile.
Pianse di felicità abbracciando quel ragazzo che le aveva dato quell’insegnamento nuovo.
Lui non capì quella reazione. Ma non le importava . La vera storia di Paola naque in quel momento.

( Questa è una storia vera , sembra ambientata in tempi passati da molto ma così non è. I nomi sono stati cambiati . La sola considerazione personale che posso aggiungere è che alle volte , ascoltando certi racconti , mi viene voglia di chiedere scusa per alcune sottospecie di uomini che ancora vagano su questa terra)

Questo racconto di è stato letto 8 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.